giovedì, febbraio 08, 2018

Nuove... vecchie regole aziendali...

C'era una volta un'azienda, dove regnava un po' il caos, ma nemmeno troppo, dove le scrivanie passavano momenti difficili per poi tornare ad un ordine 'quasi' maniacale. Purtroppo i dipendenti 'indisciplinati' tendono a considerare la propria scrivania e di conseguenza il pc come una specie di propria stanza, e non c'è cosa peggiore/sbagliata. Un giorno in questa azienda, verso le 8:05 del mattino, si sentono persone che vociferano più o meno concitatamente... cosa alquanto strana dato che fino alle 10:00 si parla solo se costretti. Qualche ignaro dipendente chiede 'Ma cosa succede???' e si scopre che il CED ha cambiato d'ufficio lo sfondo dei computer a tutti i dipendenti, e quelli che  ancora vedono il loro amato gattino o un rilassante panorama montano, sono quelli che non hanno riavviato il pc... Il nuovo sfondo è deprimente, tutto grigio antracite con il logo centrale, ma questi sono i colori aziendali e non c'è giovedì grasso che tenga, bisogna compatirseli. Cosa diversa è la scritta che si trova in fondo, che si leggerà su tutti i pc, anche su quelli usati per fare le demo ai clienti e che riporto fedelmente: 
Si ricorda che le postazioni informatiche e tutti gli apparati hardware ad esse connessi, include le caselle di posta elettronica e la navigazione Internet, sono beni di esclusivo utilizzo aziendale/lavorativo e mai personale. A tale proposito, si invitano quindi gli utenti a visionare attentamente e rispettare l'apposito "Regolamento aziendale per il corretto utilizzo di Internet e Posta Elettronica", reso disponibile prima d'ora dalla Società
Ora o parte la sorpresa del cambiamento repentino che NON è seguito a nessuna comunicazione scritta o messaggio tramite piccione viaggiatore, avere davanti agli occhi questo messaggio minaccioso ed intimidatorio tutto il giorno, rende molto piacevole lavorare, per non parlare del fatto che manca quel momento della giornata in cui prendere ispirazione dalla foto che hai davanti agli occhi, che magari per un secondo ti fa sentire in un altro posto... insomma che rende la vita un pelo meno grigia!!! Mi immagino anche un cliente 'italiano' che viene a fare il corso e che butta l'occhio su questa frase, vorrei sapere cosa pensa di noi, massa di nullafacenti che passano ore in internet a cazzeggiare... 
Dopo l'iniziale incavolamento dato soprattutto dai modi e dalla forma in cui è stata fatta questa operazione, i dipendenti soliti 'caproni' si sono rassegnati. pensando con tristezza che l'azienda non è casa loro e nemmeno un prolungamento, ma un posto dove sei costretto a stare, a lavorare, essere gentile e disponibile e sperare di non prendere mazzate tutti i giorni... almeno saltarne qualcuno.

1 commento:

Erica ha detto...

Accidenti voglia di lavorare saltami addosso così :-(
Ma se metti una bella foto stampata dell'ultima vacanza che hai fatto di fianco al pc te la portano via?