venerdì, settembre 23, 2016

THE END

Un'altra settimana sta per finire... sono settimane lunghissime, un po' perchè alla notte dormo sempre molto poco, un po' perchè comunque le giornate sono sempre troppo piene. Oggi è l'ultimo giorno di quella persona che in questi ultimi mesi mi ha fatto stare molto male, e non posso nascondere che provo una certa soddisfazione pensando che lunedì non dovrò più vedere il suo viso... Avrà imparato qualcosa da tutta questa storia? assolutamente no... ne sono sicura, e ne sono la conferma le poche parole che ha detto riguardo al nuovo presunto lavoro che ha trovato. Non che sia stata interrogata al riguardo... diciamo che da quando abbiamo saputo della sua 'dipartita' solo una persona le ha chiesto qualcosa, mentre la seconda e ultima occasione in cui ne ha parlato, è stato approfittando di una affermazione di un altro collega del tipo 'Sarà difficile che tu riesca a trovare un altro gruppo di fuori di testa nel nuovo posto...'. Si è notato benissimo che non vedeva l'ora che qualcuno le rivolgesse la parola per pavoneggiarsi, veramente una cosa di una stupidità abissale. Non ho ancora deciso come la saluterò, la bile che ancora mi circola in corpo è tale che sarei propensa ad una delle mie proverbiali stoccate, ma in fondo forse non si merita nemmeno questo, forse è meglio salutarla come se niente fosse e chiudere definitivamente questa parentesi triste della mia vita lavorativa... Chissà quante altre storie brutte mi aspettano prima della pensione, l'unica speranza è di riuscire a sopravvivere a queste, magari un po' acciaccati come in questo caso, ma comunque essere ancora qui per raccontarlo. La cosa strana è che di queste storie se ne sentono davvero tante ed ho sempre pensato che la responsabilità non fosse solo da una parte, e nei rapporti umani in generale ci vuole impegno da parte di tutti per far andare bene le cose... Ho analizzato tante volte nella mia testa quello che è successo in questo caso, e non capisco, davvero non capisco... so solo che ad un certo punto, la persona in questione ha preso tutta una serie di decisioni (per me incomprensibili), che mi hanno obbligato a prendere a mia volta alcune decisioni ed essendo molto più grande, la cosa che non capirò mai, è come poteva persino pensare di spuntarla.
Non sentirò mai più parlare di lei, di una cosa però sono sicura, che difficilmente, se non cambierà almeno un po' atteggiamento, riuscirà a trovarsi bene in qualche posto di lavoro... e saranno tutti affari dei suoi nuovi colleghi.
Con questo scrivo la parola END a questa storia, non vedrete più una riga su questo argomento... andiamo avanti, sempre avanti... verso il futuro!!!

Nessun commento: