domenica, gennaio 17, 2016

Novità...

Vorrei conoscere chi ha detto che le novità sono sempre positive... le novità sono 'solo' novità e la loro natura può essere di qualsiasi tipo, come in questo caso. Verso la metà di dicembre sono arrivati 4 ragazzi nuovi nel mio gruppo di lavoro, avete capito bene... 4!!! In un periodo dove non si riesce a trovare nemmeno uno spillo di lavoro, la mia azienda investe 'yuppie', siamo tutti molto contenti ed orgogliosi, è un ottimo segnale! Se avete sentito un pizzico di sarcasmo, vi state sbagliando, diciamo solo che non sapendo cosa ci sta dietro a questa mossa, noi della vecchia guardia ci facciamo un sacco di domande, e non possiamo non pensare che ci sia la volontà di 'svecchiare' un gruppo che si occupa da troppo tempo di un argomento. Comunque facciamo buon viso a cattivo gioco e questi giovani, con l'anno nuovo stanno davvero cominciando ad entrare nei nostri files, nei nostri concetti e guarda caso, chi si occupa di fare un'accurata spiegazione è la sottoscritta. I miei quattro lettori sanno che amo spiegare le cose, non solo non faccio parte di quelli che vogliono mantenere segrete le proprie conoscenze, ma ho la sindrome della 'maestrina', quindi ce la metto tutta quando devo spiegare le cose, ma... c'è un ma... essere insegnante implica avere studenti, ma gli studenti della nuova generazione non so se mi piacciono poi così tanto. Sono quasi 14 anni che lavoro in quel posto, ho fatto tantissime cose, ho messo il cuore e la mente in tante sfide, io sono il mio codice, anche se questa argomentazione non è condivisa dal mio capo progetto. Ora avere a che fare con persone la cui unica preoccupazione sembra essere quella di giudicare in modo negativo quello che è stato fatto, pensare solo a come rifare tutto, le mie spiegazioni diventano solo un'occasione per criticare come sono state fatte le cose. Dopo una settimana di questa tortura sono già a posto, ho già voglia di abbandonarli, che si arrangino con la loro sapienza e la loro saccenza, se sono così bravi, saranno in grado di rifare tutto anche senza il nostro aiuto, io nel frattempo continuo ad occuparmi di quello che fornisce lo stipendio a più di 60 persone, compresi loro!!! Logicamente non posso farlo, chiaramente essendo l'ultima ruota del carro devo solo sottostare a quanto mi viene detto di fare, ma ciò mi sta snervando e tutto l'impegno che ci sto mettendo mi fa sentire solo... stupida!
In più lavoro in una azienda che è talmente prospera che ha concluso in questi giorni un'importante operazione di acquisizione di una ditta tedesca nostra concorrente. Siamo tutti tanto felici e orgogliosi ma è davvero un'operazione di grandi dimensioni, e solo il tempo potrà dire se non ci saranno ripercussioni. Per il momento facciamo finta che sia solo una cosa positiva, che porterà solo benefici, poi, quando si cominceranno eventualmente a sentire voci strane, come ad esempio quanto poco si spende a spostare la produzione in Bosnia, poi ne riparleremo...
Insomma come state intuendo l'anno nuovo è partito con tante novità, ed io non sono per niente felice, ma questa non è una novità, anche se non lo posso dire, la verità è che mi sono dimenticata come ci si sente nei momenti di 'totale' felicità...

2 commenti:

Erica ha detto...

Se ti può consolare nel mio gruppo è arrivato uno stagista... un ragazzino appena ventenne che nemmeno ascolta gli altri e per lui è tutto facilissimo e che vuoi che ci voglia, io lo faccio in mezz'ora, oppure ma io l'ho già fatto.... Sta facendo venire i nervi a tutti tranne che al capo che ha osato affermare: ma più di metà del codice l'ha fatto lui.... Al che un mio collega ha risposto, si vero mezzo l'ha fatto lui poi noi abbiamo dovuto rifarlo!!!! AZZZZZZ! Tutto mondo è paese... Se noi dobbiamo affrontarne solo 1 non so come fai a gestirne 4, Non t'invidio proprio! :'-(

ARES ha detto...

Ciao
Finalmente sei tornata a scrivere..mi mancavi. Anche per me il nuovo anno è cominciato con molte novità. LA mia società è stata praticamente assorbita da un'altra che rispetto alla mia è gigantesca. Sono entrambe società della regione, ma noi eravamo in 2, ora siamo in 650!!!!
E in più per sei mesi devo a lavorare a Trieste, per cui non ho nemmeno fatto a tempo ad entrare nella casa nuova che ho dovuto abbandonarla e quindi tutta la settimana sono a Trieste e rientro nel weekend.
Il lavoro è tutto nuovo anche per loro che si occupavano di cose totalmente diverse, ma ho incontrato gente che oltre che gentile e molto accogliente, è anche molto preparata e disponibile ad affrontare nuove sfide...
Quindi non male se non fosse per la distanza da casa...
Un abbraccio grande grande a te e MAx