mercoledì, agosto 12, 2015

Settimana pre-ferragosto

Eccomi qua... in ufficio, pausa pranzo di sola mezz'ora per poter uscire un po' prima e coprire la mezza giornata di riposo della badante. Come di solito troviamo scritto in FB, 'Cosa stai pensando...', direi che sto pensando che me la immaginavo diversa questa settimana in cui la maggiorparte degli italiani sono in ferie. Meglio, peggio? Boh, non lo so neppure io, sto lavorando come al solito, le rotture di scatole sono minori anche se non del tutto inesistenti e il traffico alla mattina è affrontabile, riducendo drasticamente il tempo che impiego per venire al lavoro. Questi sono gli aspetti positivi, quelli negativi sono che lasciarsi 'scivolare' addosso queste giornate rendendosi conto che siamo già a metà mese è snervante, nonostante il clima amazzonico, mi sembra che sia già finita l'estate e non averla vissuta, cosa assolutamente non vera. Tra qualche giorno iniziano anche le mie ferie, dovrei essere stra-felice, me le merito alla grande e ne ho un bisogno assoluto, ma... boh, che ne so... cosa me ne faccio di vacanze in cui ancora non ho deciso se me ne vado un po' al fresco oppure no??? Posso continuare a guardare la webcam di Livigno e provare una nostalgia da lacrimoni (http://mottolino.panomax.at/)??? No, ditemi voi se è possibile torturarsi così, io dico, ma quando tra qualche anno mi diranno che per motivi di salute non potrò più andarci cosa faccio, mi suicido??? Non lo so, cosa certa è che adesso non ci sono dei motivi validi per cui io non possa fuggire, che sia Livigno o un altro posto, l'importante è andare lontano, lontano da tutto quello che mi circonda, almeno per qualche giorno... Condire le giornate di telefonate va bene, ma non essere sempre alle prese con mille impegni e pensieri, tanto non ci posso fare niente se non sono a casa e qualcuno forse ci penserà o, cosa più probabile, mi aspetterà!!! Come mi piacerebbe cambiare rotta... ci penso di continuo, è diventato un chiodo fisso, soprattutto di notte, quando non riesco a dormire non faccio altro che pensare, rimuginare per cercare di capire se c'è modo di toglersi da questo fango in cui mi sono ficcata. Di solito mi riesce abbastanza bene trovare cosa fare per risolvere i problemi, non sempre prendo le decisioni migliori, ma le prendo senza grosse difficoltà, anche nei momenti di grande stress riesco a metterci una parte di lucidità, ma questo sembra essere un problema troppo difficile, non riesco a risolverlo da sola, ma non c'è nessun'altro che può farlo, quindi è un circolo vizioso. Posso pensare e ripensare alle cose che potrei fare, alle decisioni giuste da prendere, ma poi quando il mattino arriva, vengo fagocitata dalla 'vita', da tutti gli impegni che mi sono addossata e l'unica cosa che riesco a pensare è come sopravvivere fino a sera. Poi in un lampo mi ritrovo già a letto, con gli occhi fissi sull'orario proiettato sul soffitto e penso che dovrei dormire, dovrei ricaricarmi, ho bisogno di riposo e la mente se ne va via, verso tutte le cose che devo fare, come se pensarci aiutasse a farle... no, le fa sembrare solo maledettamente impegnative, più di quello che in effetti sono.

Se dovessi fare una lista delle cose che dovrei fare per me stessa cosa ci metterei? proviamo a farla questa fantomatica lista, così 'pour parler'...
1. riprendere fuori la dieta e ricominciare a seguirla con impegno
2. iscriversi in palestra e andarci almeno due volte alla settimana
3. andare da mamma dopo il lavoro al massimo due volte alla settimana, non tutte le sere
4. fare un checkup completo, che fisicamente non sono proprio messa benissimo ed i segnali che mi arrivano non sono dei migliori...
5. occuparsi dei propri hobby, o almeno di alcuni di essi... che siano la lettura, lo studio, il ricamo, la maglia, o imparare una lingua nuova...
...
poi mi fermo qui, mi sembra che già per queste cose, non ci sia tempo a sufficienza se si pensa a tutto il resto che sto già facendo, sarebbe necessario 'potare' qualche incombenza che dovrebbe essere gestita in altro modo. Comunque vedete bene che le mie nottate sono belle piene, non di sonno ma di pensieri ne ho in abbondanza, qualcuno ne vuole? faccio un buon prezzo... :-)

1 commento:

Erica ha detto...

Se ti può consolare sono al lavoro pure io e non vado più in ferie, le giornate non passano mai aspettando il week end. Ho tanti libri che vorrei leggere ma non ho tempo per farlo.. devo assolutamente riodinare armadio e cucina ma non ho voglia di partire Ho appena appena iniziato il libro "Il magico potere del riordino" vedremo se mi aiuta. Ovviamnete i libri non si toccano!!! Però vedi preferisco iniziare un libro sul riordino che riordinare veramente... significativo no? Comunque a fine giornata mi chiedo semrpe dove se ne sono fuggite tutte le ore non lavorative. Boh!