martedì, luglio 07, 2015

Caldo...

Tendo a dimenticarmi che ogni anno, per una quindicina di giorni c'è da sopportare questa ondata di caldo infernale... poi non sai mai quando viene, e ormai sono anni che non capita più in Agosto, ma noi Italiani non ci curiamo dei cambiamenti climatici, noi imperterriti abbiamo le ferie solo in Agosto, con la possibilità di passare intere giornate in albergo ad osservare sconsolati le spiagge deserte a causa del maltempo. Mi sembra chiaro che già da parecchi anni, se vuoi avere una 'buona' possibilità di incontrare bel tempo, il mese giusto è quello di Luglio, ed il mio capo lo sa bene, lui da sempre si prende 15 giorni in questo periodo 'sfanculizzando' le regole aziendali... perchè lui, giustamente... è il capo!!!
Ora, non voglio mettere, il dito nella piaga, lo voglio proprio rigirare a 360°, io a quest'ora dovevo essere a Livigno, con la mia bella tenuta a cipolla, tipica del miglior escursionista dilettante. Invece dalle mie parti fa un leggero caldino, quel teporino che giusto giusto ti viene da buttarti sotto la doccia e starci per un paio d'ore. Mi si appiccicano gli avambracci alla scrivania, stamattina per ben due volte è saltata la luce e l'impianto di condizionamento chiede pietà!!!
Mi sembra un po' una forzatura dover lavorare con questo caldo, che poi diciamoci la verità, ma come si fa a concentrarsi con 'sta calura... tutti gli organi principali sono concentrati sul sopravvivere, si cerca di respirare lentamente, di muoversi il meno possibile ed anche i colleghi che si agitano danno fastidio.
In questo inferno quotidiano cadono poi le attività più 'simpatiche' da fare, è una regola che ormai è diventata un'usanza da una decina d'anni a questa parte. E' un bel mese per frequentare ospedali, mi ricordo di un anno che mio padre era all'ospedale di Carpi, dove l'aria condizionata era un optional e temevo sempre che mi venisse un coccolone quando andavo a trovarlo... a me, non a lui... ed è anche un bel mese per girare in macchina, soprattutto se devi fare piccoli spostamenti che non consentono l'utilizzo dell'aria condizionata.
Ecco che stasera, all'uscita dal lavoro, mi aspetta la spesa per la mamma e già l'idea di attraversare Carpi per arrivarci, prendere il carrello, fare la spesa, caricarla sulla macchina, passare da mamma, scaricare tutto, mettere via la spesa e poi... forse... andarmene a casa... mi fa venire voglia di trasferirmi definitivamente in ISLANDA e mangiare sushi per il resto della mia vita (cosa che farebbe molto bene anche alla mia linea dato che non amo il pesce, tantomeno quello crudo!!!).
Vabbè... spero solo di riuscire ad arrivare a casa in condizioni un po' più decenti rispetto a ieri sera, manco il giretto sono riuscita a fare...

Nessun commento: