domenica, settembre 21, 2014

Magnalonga di Rubbiara

Quasi tutti sanno cos'è una Magnalonga, per me è la prima, e spero non sia l'ultima. Complice un collega che è nell'organizzazione di questa e che è capace di bombordare le persone in maniera devastante... ne ho parlato con Max e lui, inaspettatamente ha acconsentito. Le nostre campagne non sono particolarmente affascinanti, o meglio, per noi che ci viviamo non hanno grandi attrattive, ma oggi, mentre camminavo tra i 'carradoni' a fianco dei vigneti che si stanno velocemente svuotando, pensavo che tutto sommato non è così brutto... forse solo un pelo monotono. 
A parte questo abbiamo pure beccato una giornata di sole e con temperature gradevoli; solo ieri sembrava di essere in pieno autunno, cielo grigio ed umidità alle stelle. 
Ma parliamo di questa Magnalonga: siamo nella patria del Lambrusco e se c'è una regione d'Italia in cui si 'adora' il maiale in tutte le sue parti, questa è l'Emilia Romagna. Quindi in 8 km ci siamo mangiati le seguenti pietanze: gnocco fritto con mortadella, grana con balsamico/pere, pasta e fagioli, gramigna con sasiccia, sorbetto al limone, piadina con salsiccia, tigelle col pesto, belsone con uva bianca, caffè e liquori vari. Tutte le tappe ben inaffiate con acua, succhi di frutta e immancabile vino.
Ora che sto scrivendo il rsoconto, appollaiata sul divano nel tentativo di digerire il tutto, posso dire che siamo speciali anche in un'altra cosa (questo fa proprio parte del nostro DNA...): abbiamo sempre paura che le persone a cui diamo da mangiare se ne vadano con la fame e finiamo con l'esagerare, è inevitabile! Ed è stato così anche in questo caso: si potevano fare gli stessi km eliminando almeno un paio di tappe mangerecce, ma è proprio voler trovare un difetto dove non ce n'è nessuno.
Dato che so che cose di questo genere vengono organizzate in diverse parti d'Italia, mi piacerebbe farne altre, ad esempio in montagna, forse risultano più impegnative, ma credo siano altrettanto piacevoli. Un bel modo per passare una domenica diversa dalle altre.

Nessun commento: