martedì, febbraio 25, 2014

Quelli che...

Foto presa da internet per farvi capire il gioco dell'elastico
Quando ti metti a chiacchierare con qualcuno che non ha 'mai' sentito parlare dei giochi che tu facevi da bimba con le amichette in cortile, ti rendi conto di quanto effettivamente sei vecchia!!! Posso anche concedermi ore intere sul divano a navigare su internet passando da un fashion-blog all'altro come una vera e propria adolescente, o incantarmi davanti ad una manicure molto sofisticata, ma l'età anagrafica c'è, e magari non mi fa nemmeno onore innamorarmi di un capo visto su una rivista sfogliata distrattamente mentre mamma fa fisio a tal punto dal ricercarla la volta dopo e strappare la pagina sperando che nessuno mi veda...
Forse effettivamente sarebbe ora di crescere, sicuramente il non aver figli non mi ha fatto diventare 'per forza' grande e non parlo di responsabilità e tutto il 'cucuzzaro' che da anni ormai mi appartiene, parlo solo di quelle passioni che, nonostante l'età, mi fanno brillare ancora gli occhi. Sul blog non ve ne parlo tantissimo, perchè sotto sotto me ne vergogno un po', ma riflettendoci a mente fredda non ci sta niente di male... In fondo gli uomini si portano dietro i loro 'amori' per tutta la vita, come ad esempio la passione per qualche o tutti gli sport e mica gli viene detto nulla... Sentono eventualmente il brontolio della moglie che vorrebbe fare qualcosa la domenica pomeriggio, ma del resto non vengono mai additati come infantili, quindi ho deciso che nemmeno io lo sono, con il mio essere fan di Clio, il mio sentirmi in paradiso quando entro in un qualsiasi negozio Kiko, ed il mio generico 'sbavare' di fronte ad una bella borsa!!!
Però ci sono rimasta male, si chiacchierava con una persona notevolmente più giovane di me anagraficamente, si parlava di come siano cambiate le abitudini dei ragazzini di oggi, soprattutto nel periodo estivo. I genitori non hanno più tanto tempo di tenere dietro ai figli, quindi si avvalgono dei centri estivi che sono dei posti meravigliosi per i ragazzi, dove si divertono e fanno tantissime cose, ma il nostro scorrazzare liberi per i cortili dei condomini, giocando a tennis in strada, mi da più l'idea di qualcosa che probabilmente è meno creativo, ma anche meno guidato. Non fraintendetemi, se avessi un figlio ce lo porterei pure io in un cengtro estivo, non c'è più da fidarsi a lasciare i bimbi a giocare da soli in cortile... purgtroppo!!! I miei che lavoravano a casa, nel laboratorio ricavato dal garage, per ore ed ore non mi cercavano nemmeno, magari ogni tanto mi vedevano passare a tutta birra con le amichette appresso, prese in uno dei tanti giochi che ci inventavamo, ma il peggio che poteva succedere è che ci sbucciassimo un ginocchio, o che prendessimo una pallonata in faccia, cose di cui non è mai morto nessuno... Ora, le paure dei genitori sono altre, e le capisco benissimo, si sentono tante di quelle brutte storie...
Comunque, tornando nel seminario... ecco che durante queste chiacchiere, me ne vengo fuori con le interminabili ore passate a giocare 'all'elastico' e questo giovincello mi guarda con gli occhi sbarrati e mi chiede: 'A cosa???' All'elastico, noooooo... chi non lo conosce!!! :-( Adesso non venite fuori anche voi che non sapete cos'è, per favore no, ma tanto per non sbagliare ve lo spiego, così ... 'pour parler' (anzi no... 'pour ecrire')...
Si prende un pezzo di elastico molto lungo, resistente ma non per forza altissimo, tanto per intenderci quello 'da mutande di una volta' (e se non l'avete mai visto... vuol dire che avete una mamma troppo moderna). I due estremi si annodano in modo che non si possano mai più disunire e poi si inizia. Due persone infilano i piedi nell'elastico che posizionano a livello delle caviglie (tanto per cominciare) e si allontanano tra loro di un paio di metri o poco più in modo che l'elastico sia in tensione ma non troppo. Il terzo giocatore inizia a saltare i due elastici tesi, facendo una serie di figure particolari, che implicano anche il pestare prima un elestico e poi l'altro, poi ricordo diverse figure tra cui quella della 'caramella', insomma c'erano tutta una serie di cose che si dovevano fare e che andavano rifatte posizionando l'elastico sempre più in alto (polpaccio, ginocchio, etc...) fino a quando il giocatore sbagliava e si passava a quello successivo. Vinceva chi riusciva a fare gli esercizi senza sbagliare con gli elastici posizionati pià in alto...
Negli anni '70 e inizio '80 le bimbette della mia zona giocavano a questi gioci, insieme a quelli classici del 'salto della corda', la 'settimana'(chiamata anche 'campana'), il fantastico nascondino', 'palla avvelenata', 'un due tre per le vie di Roma' (chiamato anche 'un due tre stella'), 'strega comanda color'... intervallati dalle lunghe sessioni di gioco nel parco vicino, dove il 'castello', diventava la nostra casa, con le bimbette bravissime a fare le capriole (non io!!!), oppure la scimmia (lì me la cavavo nonostante il peso non proprio piuma... già allora!).
E voi che mi leggete... fate parte di quelli che... quando parlate con le persone più giovani della vostra infanzia vi guardano come degli extra-terrestri???

lunedì, febbraio 24, 2014

Di case e condomini...

Qualche settimana fa ho passato una picevolissima serata a casa di un'amica che ha comprato casa, non un appartamento striminzito come quelli che vanno di moda ora, una mega casona di quelle di una volta, con tante stanze, tanto spazio, camere belle grandi, posti dove mettere armadi, insomma uno di quei sogni ad occhi aperti che sfido chiunque a non aver desiderato almeno una volta nella vita... Mi sono divertita un tot, la casa è ancora un cantiere, non è arredata e la mia fantasia, di solito così scarsa, quando mi trovo in una casa vuota va in tilt!!! Che meraviglia, comincio a vedere cose dappertutto, qui ci metterei questo, là quello, insomma mi sembra quasi di essere un bimbo in un negozio di giocattoli, godendo anche solo immaginando cosa ci farei con quella montagna di spazio... Pensate un po' voi, che io sogno di continuo persino nel mio piccolo appartamento, nonostante non ci sia proprio più nulla da aggiungere... Senza parlare poi che chiacchierando con questa mia amica, ho imparato un sacco di cose, tante belle idee che si adatterebbero a meraviglia alla casa della mamma... chissà se un giorno potrò mai dar sfogo alla mia fantasia in quel posto... sono anni che faccio progetti mentali.
Nonostante abbia il tempo contato, mi sa che se mi dovesse coinvolgere in qualche giretto per negozi, alla caccia di idee di arredamento, potrei davvero organizzare i miei mille impegni per andarci, è tanto che non sogno più nulla, che vivo sempre e solo di presente, mi concedo solo qualche volo pindarico sfogliando in silenzio una rivista, ma non sarebbe un peccato mortale farlo direttamente in un negozio...
Poi il giorno dopo sono bruscamente ritornata alla mia triste realtà da condomina, io 'odio' la vita da condominio, non mi è mai piaciuta, non ci sono cresciuta e mi è sempre andata un po' stretta, anche se passo pochissimo tempo a casa. Quel sabato mattina è successo di tutto, il culmine toccato quando sono andata a ritirare le lenzuola dalla sala condominiale che abbiamo adibito a 'stenditoio' con tanto di fili... Beh, il mio lenzuolo di sotto non c'era più, e dopo ricerche approfondite, sono sicura di sapere chi ce l'ha ma 'lei' sostiene di non averlo, quindi l'ho perso per sempre. Non è per il valore, è lo sgarbo, se qualcuno si sbaglia non ci sarebbe problema, basta che lo restituisse... mi da un fastidio immenso proprio la persona che reputo responsabile di questa azione, che sia volontaria o meno, è una maleducata, ignorante, che non sa stare al mondo e di conseguenza incapace di vivere in un condominio. Ospita cani dei suoi ex a casa sua ed invece di portarli giù, al parco a fare i bisogni, gli apre semplicemente la porta, lasciando che facciano i loro bisogni ovunque, per le scale, intorno al palazzo, in giardino, come se tutto fosse un 'cesso per cani'!!! Altre persone hanno animali, U. ad esempio ha la mia amata Sole, la boxerina di cui penso di avervi parlato più volte, che non ha mai fatto un bisognino che sia uno in giardino, nemmeno quando era una cucciola di pochi mesi. Sapete il perchè? perchè la sua padrona, essendo una persona dotata di senno, la porta fuori più volte al giorno, a fare una passeggiata nel parco grande che abbiamo vicino a casa e se fa i suoi bisogni li raccoglie, come dovrebbe essere...
Dicono tutti che ci vuole pazienza, sì sì ci vorrà anche pazienza, ma certe persone andrebbero davvero prese per il 'gabbanino', perchè a volte è difficile farsi capire da gente che non ascolta...
Se io mi sono inalberata come una iena per quanto successo, voi non potete immaginare Max, quel sant'uomo, dotato di pazienza infinita, non sopporta che gli si tocchino le cose (come è giusto che sia...) ed anche se ha cercato di non fomentare il mio nervosismo già alle stelle, si vedeva che covava qualcosa...
L'ho scoperto nel weekend appena trascorso cosa covava... aveva intenzione di farmi un impianto in garage per stendere le lenzuola. Detto... fatto... il giretto in ferramenta ha fruttato tre staffe, qualche fischer da muro e del filo da stendere e nel pomeriggio di sabagto abbiamo fatto subito l'impianto sfoggiato immediatamente traslocando le lenzuola che avevo appoggiato, non senza patemi, nella sala condominiale.
E' proprio in questi casi che sogno ad occhi aperti una casa tutta mia, anche una casetta di legno andrebbe bene, non mi servirebbe una reggia, solo un posticino dove decido io cosa fare, quando farlo e dove nessuno mi possa rubare le lenzuola... ihihihih...

domenica, febbraio 23, 2014

Un weekend come gli altri...

Sono ancora qua... e dove dovrei essere??? E' domenica sera, e come tutti sanno di solito è il momento in cui le persone si godono un pizzico di riposo in attesa di iniziare una nuova settimana, con tutti i suoi impegni. Io cosa faccio??? Beh mi pare ovvio che ora sto scrivendo due righe sul blog, ma ciò che faccio di solito è guardare l'agenda, chiedermi se arriverò alla fine della prossima settimana, con una media alquanto alta di serate da passare fuori e stasera ci aggiungo anche la consapevolezza di possedere uno stomaco stranamente vuoto per essere domenica sera. Ebbene sì come preannunciato ieri sera e stasera ci siamo sparati una cena molto dietetica, con una bustina di Gunamino a testa. Primo impatto per niente positivo, ma non tanto per la fame, che quella me la aspettavo ed ero pronta, speravo che almeno fosse di un gusto piacevole, invece sa di medicina e provata sia con l'acqua che con il latte scremato (sia freddo che caldo) è una vera schifezza. Ho intenzione di provare con un succo di frutta, devo trovare qualcosa che copra il suo gusto tipicamente di arancia misto medicina e forse con un buon succo di frutta potrebbe andare meglio... La prossima bustina è prevista per giovedì prossimo, anche se non ne sono tanto sicura, staremo a vedere... Nel frattempo abbiamo avuto un weekend molto produttivo, anche in modo insospettato a livello culinario, come testimonia la foto che ho postato. La giornata di sabato è iniziata all'insegna di numerose commission, portandoci a spasso per la nostra zona seguendo una lista accuratamente preparata mentre facevamo colazione. Ci servivano ingredienti per i nostri pranzetti, volevamo acquistare contenitori adatti per accogliere la nostra personale riserva di 'granaglie', ultimi acquisti dopo il corso di cucina sui cereali di cui vi ho già parlato. Poi abbiamo aggiunto una capatina in ferramenta per un progettino che il tatone aveva in mente di fare e di cui vi parlerò prossimamente, e un salto in un azienda agricola che ci è stata consigliata dalla nostra insegnante di cucina, che si trova a Casumaro e ci troneremo senz'altro (per le persone in zona vi consiglio di provare lo yogurt, poi potete trovare le mozzarelle, di bufala e di mucca, e vi trovate anche farine molto buone...).
Una volta tornati a casa ci siamo messi a spadellare ed il nostro primo esperimento è stato 'orzo con piselli e prosciutto al profumo di limone'... buonissimo!!! Abbiamo poi proseguito con i 'biscotti Grancereale al cioccolato' con la farina ai cereali, avena e misto di cereali... Lo so che vi state domandando cosa abbiamo mangiato oggi a pranzo, o meglio non credo che ve lo stiate chiedendo, lo vedete nella foto, ci siamo fatti in cous cous con vedrdure e code di gamberi.
Domenica pomeriggio in pennichella per poi concluderlo con un cinemino, che credevo di trovare deserto ed invece era quasi pieno, con un mix di persone di tutte le età... mi ha fatto molto piacere, trovo da sempre molto bello andare al cinema o a teatro. E se volete sapere cosa siamo andati a vedere vi accontento subito: 'Sotto una buona stella', l'ultimo film di Verdone con appunto Verdone e la Cortellesi. Mi è piaciuto molto ma io sono di parte, mi sono sempre piaciuti i film di Verdone e soprattutto quelli non ad episodi.
Ora vi saluto... augurandovi un buon inizio settimana.

venerdì, febbraio 21, 2014

Notizie dal fronte!!!

Ve lo avevo detto, giusto??? Non è che ci volesse chissà quale capacità magica per prevedere che dalla nutrizionista non sarebbe andata bene, ed ecco che vi racconto come è andata, perchè me lo merito di auto-ridicolizzarmi a 40 anni suonati sul web, ed in particolare su di un blog (che secondo me si contano sulle dita di una mano le donne che alla mia età tengono un diario virtuale... ma di questo ne parleremo un'altra volta... forse)
Dicevamo, aumento di peso, aumento di cm, 'debacle' su tutti i fronti, con lei (la dotorressa...) che mi guarda con quel suo sguardo che mi scava sempre un po' dentro, perchè sembra sempre che non gliene freghi niente, ma in realtà è un'acuta osservatrice e purtroppo ha ben presente quanto conti la testa quando si intraprende una dieta. Lei, come tutte le nutrizioniste si impegna al massimo per insegnarti come alimentarti, quali errori non commettere, ed orami potrei tenervi dei corsi molto accurati sull'argomento, ma è anche la prima che ti dice che bisogna essere prima di tutto convinti 'mentalmente' di volerla fare una cosa. Comunque, senza tergiversare, come al solito, è andata dritta al sodo chiedendemi esplicitamente cosa stava succedendo e quando commettevo gli sgarri, cosa che ho ammesso subito, ancora prima di sedermi sulla sedia di fronte alla sua scrivania. Io le ho spiegato che alla sera, quando torno a casa, quasi sempre tardissimo ho sempre una fame assurda e non mi fermo fino a quando non mi sento completamente sazia, ingurgitando di tutto... Lei mi guarda, guarda i pesi che ho diligentemente registrato in questo ultimo mese e mi dice che più che altro si nota un 'mollare la presa' durante il weekend, cosa che mi potrei permettere se fossi in regime di mantenimento ma ora che ancora sono molto lontano dalla meta, non dovrei proprio fare. Ecco che il mese scorso ci aveva parlato di sostituire alcune cene con degli integratori, una bustina diluita in acqua o altre bevande invece del pasto. Si tratta di un prodotto denominato Gunamino formula, indicato non solo per regimi dietetici ipocalorici, ma anche consigliato ad alcuni pazienti con patologie particolari, che non possono permettersi integratori altamente proteici che affaticherebero fegato e reni. Inutile dire che proveremo, è ovvio, entreranno in questa casa domani e forse la prima prova la faremo addirittura domani sera, perchè la più 'brutta' indicazione che mi potesse dare la dottoressa è stata appunto quella di utilizzare questi pasti sostitutivi nel weekend per cercare di raddrizzare il trend che mi porta sempre ad aumentare nel fine settimana più di quello che riesco a perdere nei restanti giorni della settimana. Però ditemi voi, ma come si fa a cenare di sabato con un beverone??? No, perchè io sarò pure in sovrappeso, triste sia di forma che di personalità, ma quanto è bello passare un sabato sera con il proprio tatone, a tavola, dopo aver cucinato insieme qualcosa di veramente sfizioso??? Vabbè, proveremo e poi vi racconterò a che livello arriverà la nostra tristezza. Perchè non ve lo dico nemmeno, ma mi trascino dietro anche il tatone in questa brutta esperienza, anche lui un po' in difficoltà con la dieta, anche se non ai miei livelli... Ultima cosa, non precipitatevi in farmacia a comprare sta cosa, aspettate il mio parere, perchè costa un tot, quindi portate pazienza, lo so che vi ho fatto venire l'acquolina in bocca!!!
Ed ora la nota divertente, si fa per dire... vedendomi così affranta per questo bellissimo piano d'attacco mi ha prescritto anche la Grifonia (della Erbamea) che dovrebbe diminuire il senso di fame nervosa (quella che di solito io chiamo 'alien') e dovrebbe aumentare la produzione di serotonina (quella che ti fa sentire felice quando mangi cioccolata... certo che io preferivo mangiare questa cosa innominabile!!!). Ahhhh, proverò anche questa, mi ha detto che la devo prendere per 3 mesi, insomma, prossimamente spenderò più in integratori che a fare la spesa, una bella tristezza!!!

mercoledì, febbraio 19, 2014

Cereali e dintorni...

Ebbene sì, torno a parlarvi dei miei famigerati corsi di cucina, ormai tutti quelli che mi conoscono sanno di questa nostra nuova attività extra-lavorativa, cosa che mal si combina con il nostro essere perennemente in dieta, per non parlare poi del fatto che non sono mai stata una cima in cucina, anche se ci sono cose che amo fare e che, a volte, mi vengono pure bene...
Beh, questa volta è toccato ai cereali, questi sconosciuti, che lo so che adesso state pensando che è un problema solo mio, che voi li mangiate di continuo e ne conoscete vita, morte e miracoli. Per me è stato molto interessante, ho scoperto come cuocerli al meglio e come abbinarli per 'sruffianarli', perchè come dice sempre Max, in fondo si tratta di granaglie, quelle tipiche che vengono date agli uccelli... Ho scoperto che il gusto dell'avena di per sè non mi entusiasma, mentre l'orzo 'decorticato', come pure il farro sono molto adatti per preparare dei piatti unici che possono essere consumati anche freddi, e chissà, con l'avvento della bella stagione potrebbe essere una bella alternativa al riso freddo. La sorpresa della serata sono stati i 'biscotti Grancereale' al cioccolato, che il prossimo weekend faranno da apripista al nostro primo esperimento. Un'altra cosa di cui devo assolutamente appropriarmi è una nuova spezia che la nostra insegnante ha inserito in una buonissima zuppa di legumi e cereali; si chiama Tandori e non è una spezia, è un mix di spezie, ma sembra abbastanza introvabile, quindi dovrò fare una attenta ricerca di mercato e magari trovare qualche negozio specializzato il più vicino possibile a casa nostra. Ha dato un gusto tutto particolare alla zuppa, una cosa che non riesco a descrivere, vi dovete fidare, era buonissima. 
Comunque se ne vale la pena, e soprattutto se riesco a fare qualche foto decente vi faccio vedere cosa combinerò, per il momento mi sto preparando alla 'grande sconfitta' di domani... sempre in tema di cibo, ma questa volta si tratta di quello ingurgitato, non di quello semplicemente cucinato. Come avrete immaginato domani abbiamo il controlla dalla nutrizionista e per me si prospetta una sconfitta pesantissima, con un ulteriore aumento di peso. Potrei dirvi che il periodo non è stato dei migliori, ma sarebberocome al solito, solo delle scuse... il fatto è che passo dei periodi in cui fatico a trattenermi, in cui mangio tutto quello che mi capita a tiro, ed il risultato è ovvio. Dato che col passaggio al nuovo pc al lavoro ho perso il foglio di Excel con le misure di tutti i pesi dall'inizio della dieta, ecco che oggi l'ho rifatto ed ho avuto la brillantissima idea di fare un grafico e quando l'ho visto mi sarei messa a piangere... da ottobre dell'anno scorso, ho cominciato lentamente ma inesorabilmente a metterci del peso, trend tuttora in atto. Mah, vedremo cosa mi dirà domani ma più che altro devo pensare a cosa voglio fare, o posso fare, nel senso che non devo per forza continuare con la dieta solo per il gusto di buttare dei soldi, cosa che domani farò...
Diciamo che in questo momento avrei bisogno di tante cose, ma più di tutto vorrei sentirmi un po' felice o almeno serena, cosa che non provo più da così tanto tempo che fatico a ricordarmi cosa si prova...

domenica, febbraio 16, 2014

Fosse la volta buona...

Dopo il tentativo fallimentare di continuare la scrittura sul blog da tablet, ecco che oggi ho riesumato un reperto storico, un bellissimo portatite della Acer con il mitico windows xp. Dopo anni di inattività questo reperto ha fatto le bizze per tutta la giornata, perchè la qui presente dopo aver configurato la ADSL senza grossi problemi voleva installare l'antivirus, dato che possediamo un abbonamento regolare... magari questa idea malsana non mi fosse mai passata per la testa... prima ha voluto Internet Explorer 7, poi non ne voleva sapere di installarsi come Dio comanda, e quando alla fine era tutto protetto alla perfezione... mi ha piantato 'definitivamente' il pc!!! E poi ve lo raccomando... disinstallare un antivirus sembra un peccato capitale, tu non sei sicuro vero di voler fare un'azione così sconsiderata, vero??? Sì, lo voglio e tu fatti un bel pacchetto di c... tuoi!!! Così adesso sto scrivendo due righe completamente vulnerabile, quindi chissà, potrebbe essere anche il primo e l'ultimo post che scrivo dal reperto.
Cambiando argomento... a parte che è un tot che non scrivo nulla, vi devo pure una spiegazione, o meglio, ve la voglio dare... Dopo gli ultimi 'mille' documenti che la mia azienda mi ha fatto firmare con intimidazioni più o meno fisiche sull'utilizzo di internet in azienda ho deciso che ci vado il meno possibile, e che quando mi fuma il cervello, invece di svagarmi un attimo facendo un giretto per i miei blog preferiti, me ne starò con lo sguardo ebete a fissare lo schermo del mio computer, perchè questo sì che sembra essere un'attività produttiva... beati loro che ci credono, come forse credono che nel nostro mestiere sia possibile lavorare 10 ore consecutive senza mai distrarsi... Mah, vorrei che ci provassero loro, ho i miei dubbi che arriverebbero a due... di quelle benedette ore. Comunque, senza internet al lavoro e con il portatile di casa completamente nelle mani del 'tizio' che vive con me (il quale ha praticamente smesso di leggere il mio blog perchè tropo impegnato con i suoi numerosi blog dei giochi da tavolo...) e con un tablet che è affidabile quanto un paio di scarpe rotte quando fuori piove, ecco che le giornate sono passate in fretta, lunghe e laboriose come al solito e con tanti magoni ingoiati. Pazienza... mi dico, devo ritenermi fortunata che un lavoro io lo possiedo, tanti non ce l'hanno neppure, quindi cos'è... è diventato giusto essere trattati come delle cacchine solo perchè ci sono un sacco di disoccupati???? Uhmmm... ci devo riflettere ho i miei dubbi che sia giusto...
A parte le mie solite lamentele, siamo al termine del weekend più romantico dell'anno, venerdì scorso era San Valentino, chissà se i miei quattro lettori (forse due???) hanno combinato qualcosa... Io ed il tatone non lo abbiamo mai festeggiato, per il semplice motivo che l'11 febbraio festeggiamo il nostro 'fidanzanniversario' e quest'anno sono stati ben 20 anni!!! Ma tra tutti gli impegni che abbiamo siamo giunti al fine settimana molto alla svelta e ci siamo ritrovati a festeggiare San Valentino in uno dei nostri ristoranti preferiti, dove si mangia il pesce divinamente. Non sono contraria a questa festa per partito preso, diciamo che non aspetto con ansia questa giornata per festeggiare un rapporto, lo posso festeggiare anche mangiando una pizza in una serata qualsiasi, ma con l'età sto diventando più sentimentale e non mi danno più tanto fastidio tutte le coppiette che approfittano di questo evento per godersi una cenetta a tu per tu. Lo so... lo so... la sclerosi che avanza è una brutta storia.
Adesso mi fiondo sulla ciclette, mentre mi guardo un filmino su Sky... Buon inizio settimana a tutti... speriamo...

mercoledì, febbraio 05, 2014

Non pioverà per sempre...

... forse!!! Arrivati a questo punto comincio ad avere dei dubbi, come anche sul fatto che non posso andare avanti per sempre a 'Oki'!!! Lo so... lo so... esistono i dottori, e se soffro di cervicale, magari una visita specialistica potrebbe direzionarmi verso qualcosa che potrebbe servire a non soffrirne in modo continuativo, ma la realtà è che non riesco a mettermi nell'ottica di perdere così tanto tempo per me stessa. Già il mio rapporto con la dottoressa che ci segue non è il massimo, le poche volte che la contatto mi tratta come se le facessi perdere del tempo, come se non fosse possibile che abbia qualche problema, questo mio aspetto da 'wonder woman' mi avrebbe pure un po' rotto... ma quello che mi scoccia è che non ho ancora ben capito cosa dovrei fare per poterle parlare e comunque ho la 'sensazione' che non servirebbe a molto, non penso proprio che mi prescriverebbe qualche esame, l'ultima volta non mi ha voluto nemmeno far fare gli esami del sangue... quindi potete capire la mia perplessità. Poi, alla fine della fiera, io credo di sapere cosa dovrei fare per stare meglio: andare in palestra, con regolarità, e... 'gna posso fare'!!! Sono già a 'ciocco' con la mia mezz'ora di ciclette al giorno, che faccio praticamente tutti i giorni, anche quando torno a casa molto tardi, nel dopocena, sacrificando una importantissima mezz'ora del meritato divano. Il pensare di catapultarmi in una palestra almeno due volte alla settimana, per tornare a casa non prima delle 21:00, mi fa spuntare un herpes fulminante. Ma so anche che non è colpa della palestra in sè, il problema sta tutto nel fatto che bisognerebbe fare qualcosa che piace, da un certo punto di vista, la ciclette a casa è entrata a far parte di una routine quotidiana, e le poche volte che riesco a farla prima di cena, mi consente di leggere qualcosa, quindi riesco a dedicarmi a qualcosa che mi piace, unendo l'utile al dilettevole. Ma di queste cose non so quante volte ve ne ho parlato, sono discorsi 'ciclici' che ogni tanto escono dal cilindro della mia testolina, fanno un giretto sul blog, e poi rientrano nella loro scatolina. Con l'anno nuovo, non solo non ho fatto buoni propositi, sto facendo fatica, molta fatica anche a mantenere quelli vecchi, come la dieta, che sta attraversando un momento molto difficile, in cui non solo ho sempre fame, non riesco proprio a resistere alle tentazioni, non riesco ad alzarmi dalla tavola senza toccare carboidrati e le cosa è peggiorata ulteriormente con le ultime emozioni provate a causa dell'alluvione...
Una di queste volte reagirò allo spavento con la chiusura dello stomaco... aspetto con ansia questo evento... per ora, quando la tensione comincia a calare, sale proporzionalmente il senso di fame, facendomi ingurgitare qualsiasi cosa e non va bene... per niente!!!
Ci stavo riflettendo qualche giorno fa... il mio papà si sta perdendo tante emozioni... gli ultimi due anni e mezzo mi sembrano una vita, tra le operazioni della mamma, il terremoto e ora l'alluvione. Chissà cosa mi avrebbe detto se ci fosse ancora, certamente mi sentirei molto più protetta, ed è una stupidata, perchè ho un sacco di persone pronte a darmi una mano nel caso ne abbia veramente bisogno. L'ho visto in questa occasione, ho capito con chiarezza a chi importa di me (=di noi...) e sono davvero tanti ed anche se non è stata una vera e propria sorpresa, tutto sommato, avere una conferma di questo tipo mi ha fatto piacere. Forse chi mi ha stupito maggiormente è stato mio fratello, con quel suo caratterino tutto particolare, io non ho mai smesso di volergli bene, anche nei periodi in cui avrei desiderato condividesse con me alcune situazioni, ma sentirlo al telefono non meno di tre volte al giorno, non è una cosa normale...
Ma come scrivevo all'inizio... non pioverà per sempre... oppure sì??? Noooo, alla fine il sole si rifarà vivo, arriverà un'altra primavera e poi un'altra estate e, se ci saremo, dovremo affrontare altre situazioni, magari anche belle, perchè no...