mercoledì, novembre 20, 2013

Isolata

Se al lavoro non mi fido più ad andare in nessun sito che non sia strettamente connesso alla mia professione perché mi sento spiata da tutti e se a casa non ho tempo di fare nulla, il risultato è che devo rinunciare ad una delle cose che mi rilassano di piu : scribacchiare sul mio blog!!! Ma non mi arrenderò cosi facilmente, provo a vedere se riesco ad usare il tablet, seduta sul divano mentre guardo una puntata di 'Person of interest'.
Sono successe un sacco di cose nelle ultime settimane, sono stata fagocitata da queste perché mi hanno rubato un altro pizzico del mio tempo libero. Prima di tutto l'operazione della mamma che, nonostante sia andata bene, l'ha resa meno indipendente sia nei movimenti che nelle gesta, d'altronde la mano destra è essenziale per una persona che non è mancina, se poi ci mettete che è anche la mano della stampella, il gioco è fatto.
Poi al lavoro stanno succedendo tante cose strane, in effetti il titolo di questo post dovrebbe chiamarsi 'stranezze', cose di cui non posso parlare in questo luogo ma che mi rendono inquieta, perché non capisco come mai stanno succedendo proprio ora, come se fosse solo l'inizio di qualcosa di più grande, di un progetto che noi poveri dipendenti non sapremo fino all'ultimo. Forse mi sbaglio, anzi a questo punto spero di sbagliarmi, ma la sensazione che rimane è quella di vivere in un ambiente in cui tutti cercano di pestare i calli agli altri anche se non capisco cosa ne ricavino. È per questo che mi sento spiata, mantengo un profilo bassissimo, faccio il mio dovere come sempre, ma non capisco cosa dovrebbe servire tutto questo... sicuramente non ad alimentare la passione con cui si dovrebbe fare questo mestiere!!! Lo so che state ridendo, che pensate che un programma di progettazione finestre non è niente di eccitante, ma è pur sempre un lavoro creativo, ed a me piace pensare che le cose si possono sempre fare in due modi: per il senso del dovere o col cuore. Di solito è più che sufficiente fare le cose con diligenza, perché le devi fare, ma quando ci metti un pizzico di passione le giornate hanno un altro sapore. Purtroppo so che lavorare col cuore in un azienda che non è tua è molto pericoloso, ci si rimane male quando ti dicono che sei solo un numero sostituibile in qualsiasi momento, ma forse chissà ne vale la pena lo stesso, in fondo le giornate vanno vissute, sta a noi decidere come...

Nessun commento: