mercoledì, luglio 31, 2013

E' finito!!!

Anna Ancher (1859 - 1935), I Høstens Tid (Harvest Time), 1901
Sì, lo so che lo sapete e che non c'è bisogno che ve lo dica io, ma Luglio è terminato... se Dio vuole... aggiungerei!!! Con una settimana di ferie in mezzo e nonostante questa, non passava mai questo mese, come di certo non passeranno i giorni che mi separano al 9 di Agosto!!! Le giornate sono troppo lunghe, le cose da fare sono sempre troppe e la stanchezza si posa su quella precedente, senza avere la possibilità di abbassare un po' gli strati...
Come spesso accade in questi ultimi anni, l'estate passa comunque velocemente, nel senso che nelle lunghe giornate invernali sogno le giornate con tanta luce e le mille cose che potrei fare e poi, quando finalmente queste arrivano, mi accorgo di non avere proprio nessuna possibilità di fare quelle cose, per tante ragioni, tra le quali ci metto anche la pigrizia, non ho nessuno problema ad ammetterlo. 
Ma elenchiamole queste cose che l'inverno scorso mi facevano sognare l'estate:
- uscire dal lavoro e fiondarmi in qualche piscina a rilassarmi prima di cena (MAI FATTO!!!)
- passeggiate serali in centro a guardarmi qualche vetrina con un gelato in mano (MAI FATTO)
- giretti in bici per pigliare un po' d'arietta anche nelle serate afose (MAI FATTO)
- grigliate all'aperto sotto il gazebo (1 quasi 2)
- passeggiate a piedi nel dopocena (TANTISSIME...)
- ciclette kindle-munita (SI CONTANO SULLE DITA DI UNA MANO)
- sabati al mare per prendere una bella abbronzatura (1)
- arrostirsi in giardino (MAI FATTO)
- cenette a due sul balcone di casa (UN PAIO DI PRANZI, MA NESSUNA CENA)

Non mi viene in mente altro al momento... a mia discolpa posso dire che passo diverse settimane in cui non riesco ad approdare a casa ad un orario decente più di una volta e in quella occasione indovinate cosa faccio???? Le pulizie... Tipo questa settimana lunedì e giovedì porto mamma a fare fisioterapia e prima delle 20:30 non riesco ad essere a casa... martedì incontro col geometra per questioni inerenti il rifacimento del tetto della mamma... mercoledì (cioè stasera...) mi aspetta la spesa con il tatone e poi mi vedo con un'amica che non riesco mai ad incontrare perchè anche lei è messa 'come tre su una sedia'... venerdì devo assolutamente pulire casa perchè ne ha un bisogno estremo e sabato mattina la sveglia suonerà molto presto perchè dovremmo pitturare le ringhiere dei balconi (attività rimandata già l'anno scorso). Ah dimenticavo sabato sera grigliata con i cognati... domenica credo sarò pronta da buttare via...
Facciamo che il 4 di settembre ricominciamo l'estate un'altra volta??? Magari così qualcosina la riesco a fare, che dite???

lunedì, luglio 29, 2013

Al sabato tutti leoni...

... al lunedì tutti... xxx!!!
Ehmmm, ho reso l'idea vero? Anche dalle vostre parti c'è questo detto? che poi, avanzando con l'età la cosa si fa sempre più seria... Sì perchè il fine settimana è stato abbastanza impegnativo, bello ma intenso. Sabato insieme alle colleghe dell'ufficio abbiamo festeggiato l'addio al nubilato della collega, nonchè amica, che tra poco più di un mesetto si sposerà in quei di Napoli. Eravamo in 5 donzelle, male assortite anche come età, ma che ci volete fare, ogn'uno ha le colleghe che si merita!!!
Siete curiosi??? Beh, quelli che mi seguono in FB hanno visto qualcosa, ma ora vi metto una fotina, così per dare un'idea di come ci siamo poste al mondo...



Io sono stata il pilota della giornata, con la mia cicciola nera che fa fresco come nessun'altra macchina al mondo. Dopo essere andate a raccattare le donzelle, prima delle 9:00 eravano già in autostrada, direzione Brennero. Come dite??? Si va al mare a festeggiare un addio al nubilato??? Beh, mica siamo così scontate e dato che la sposina ha in programma altri due addii, ci penseranno le altre amiche a farla vergognare come una cane sulla riviera... Siamo partite un po' prestino perchè temevamo il traffico, ma alle 9:30 eravamo già nei pressi di questo Centro Benessere. La prima parte della giornata prevedeva un percorso benessere da condividere con la sposina ed un massaggio supplementare solo per lei. Il centro benessere è meraviglioso, anche se non sembra, mi piacciono da matti queste cose, mi sono goduta docce aromatiche, saune, bagni turchi, idromassaggio e lampada abranzante come un bimbo in un negozio di giocattoli. Il tutto si è concluso con una tisana, che ci ha definitivamente affamato, e ci ha costretto alle due passate ad abbandonare questo paradiso...
Ma prima di andarcene abbiamo 'addobbato' la sposina con tanto di maglietta combinata alle nostre, striscia da Miss Regina del Sesso e velo con antennine non proprio da Ape Maia, ihihih...
Così conciate siamo andate in giro tutto il giorno, collezionando gli sguardi più strani che abbia mai visto, alcuni molto severi, altri perplessi (soprattutto di stranieri che forse non hanno capito la situazione..) ed altri divertiti. Per non mostrare proprio a nessuno la sposina, l'abbiamo portata in un grande centro commerciale, dove abbiamo pensato di mangiare qualcosina al fresco... chi vuoi che ci sia alla Grande Mela di sabato pomeriggio con 40° all'ombra??? C'era il mondo!!! 
Manco a dirlo siamo entrate nella maggior parte dei negozi, tutte e 5 con le nostre belle magliette e in avanscoperta la sposina poco appariscente!!!
Alla fine, abbiamo preso il coraggio a 20 mani e ci siamo immerse nella calura, destinazione Garda: beh, vuoi non fare un giretto sul lungo lago con annessi negozietti??? Sì, perchè diciamola tutta, è stata una giornata in cui ci siamo regalate un pacchetto di 'cavoli' nostri... così a gironzolare, senza dover strafare... e, cosa strana, per una circostanza del genere, c'era troppo caldo per darci all'alcol, un aperitivo a base di granita alla menta è stato il massimo che siamo riuscite a ingurgitare :-)

Verso le 20:00 ho riconsegnato le donzelle alle relative dimore, ma voi credete che sia finita qui??? Lo dovreste sapere, la sottoscritta, larva mummificata per la maggior parte della sua vita, ogni tanto ha degli 'sprizzi' di vitalità degni di una adolescente... Sono tornata a casa, appoggiato la borsa del centro benessere, cambiata la maglietta da 'Amica della Sposa' e via, verso nuovi orizzonti col tatone. Prima un pizzino al volo e poi concerto degli Stadio a Casoni di Luzzara (nei pressi di Reggiolo dove si svolgeva la festa della birra...) Per tutto il concerto non ho fatto che ballare e saltare come una pulce impazzita e quando ho appoggiato le stanche membra nel letto quasi alle due... ero distrutta!!!

Che dire... In bocca al lupo Carma!!! Ti auguro una vita coniugale ricca solo di cose belle, con il tuo Frank sempre a fianco!!!


mercoledì, luglio 24, 2013

Chiamatemi... fuscello!!!

Muuuuuuuu...
Eh sì, lasciatemi perdere per questa volta... ho proprio deciso di 'menarmela' con questa storia, ma quando ce vo'... ce vo'!!! A parte il fatto che del suddetto 'fuscello' non ho proprio nulla, ma come la chiamereste una che è calata 11 cm sia in vita che sui fianchi dall'inizio della dieta??? Io la chiamerei appunto 'fuscello'!!! Poi lascia perdere che dovrei calare ancora 10 kili per avvicinarmi al peso forma ed un risultato simile lo vedo possibile solo previa amputazione di un arto... le storie stanno in pochi posti e 11 cm sono veramente una bella, grande, fantastica cosa...
Ieri avevamo il controllo 'pesa-maialini' (come lo chiamo io...) dalla nutrizionista e non sono calata un granchè in questo ultimo mesetto scarso, quindi mi aspettavo, non una 'cagnata', ma qualcosa di molto tranquillo. Quando invece la dottoressa ha preso in mano il suo metro da sarta ed ha cominciato a dire 'Molto bene... benissimo...' non capivo a cosa si riferisse e quando mi ha parlato di tre cm in meno rispetto al mese scorso, il mio mino del cervello ha coinciato a fare le capriole. Che insomma, diciamola tutta... del peso mi interessa, anche molto, soprattutto per le articolazioni delle anche, ginocchia, caviglie e compagnia bella (che se assomiglio un po' alla mamma tra qualche anno sono davvero c... amari!!!), ma i cm in meno significano pantaloni di una misura da elefantino e non più elefantessa, guardare gli abitini sul mercato nei banchetti cinesi e potersi dire 'se hanno una xxl forse adesso ci entro...', insomma sono belle soddisfazioni. 
Come dite??? Sono discorsi da ragazzina adolescente??? e quindi??? perchè nel corpo e nella testa di una quarantenne non ci sta anche la sedicenne??? se la matematica non è un'opinione il 16 ci sta abbondantemente nel 40, e più di una volta pure... Ok, basta che mi faccio del male a pensare alla mia età, non roviniamo questa riflessione gioiosa di un momento felice raggiunto con impegno e dedizione. 
So bene che adesso viene il bello... si sta avvicinando a grandi passi la mia soglia critica, era inevitabile, prima o poi doveva accadere, ora c'è veramente da stringere i denti, zittire l'Alien a male parole e tenere sempre presente lo scopo finale. Ma poi qual'è lo scopo finale??? Va bene dimagrire, ma a cosa miro in realtà??? Boh, che ne so, ho iniziato la dieta in un momento in cui nessuno avrebbe scommesso un centesimo sulla sua buona riuscita, l'aiuto del tatone è stato e continua ad essere molto importante, ed anche lui si sente gratificato da tutti i sacrifici, perchè il suo pancino si è sgonfiato dello stesso numero di cm che ho perso io, e non è poco, si vede a vista d'occhio che è calato. 
Su di me si vede molto meno, è normale, io me ne accorgo appunto dai vestiti però, dato il calo armonioso (anche di questo non mi capacito, un 'c...' impressionante essere calata così bene), è più difficile notarlo, soprattutto per le persone che mi vedono tutti i giorni.
Una cosa però devo dirla: so per certo che ci sono diverse persone (e non faccio nomi, state tranquilli...) che hanno pensato fin dall'inizio che fosse un tentativo fallimentare, ecco per queste persone, per dimostrare loro che si sbagliavano, vorrei proprio diventarlo un fuscello e poi presentarmi con il jeans più stretto che possiedo ed una maglietta di quelle che i rotolini te li fa venire se non ce li hai, da gran che è aderente... solo per il gusto di vedere la loro faccia!!! Un po' come ho fatto per le unghie: quella s... della mia compagna di classe che un giorno in terza liceo mi disse che avevo delle mani schifose perchè non solo mi mangiavo le unghie, anche le dita erano spesso e volentieri in pericolo... ecco a lei ho dimostrato che riuscivo a tenere le unghie molto più lunghe delle sue, 'pippa' di m... che non era altro. I suoi erano pieni di soldi da far schifo, lei sfoderava sempre quei bellissimi capelli biondi lunghi fino alla cintola, faceva danza classica, vestiva Fiorucci anche per andare in bagno e se ne dava che mi faceva venire il voltastomaco tutte le volte che la vedevo...
A pensarci bene mi è poi servita questa cosa, senza la sua insensibilità da ricca s... magari a quest'ora mi starei ancora mangiando le unghie, ma a quei tempi mi fece molto male, soprattutto perchè non era mia amica, non avevamo niente da spartire noi due, quindi fatti un pacchettino di cavoli tuoi e non sputare sentenze addosso a gente che normalmente noti solo se ti intralciano l'uscita dalla porta della classe...
Mi sa che ho divagato un pochino... uhmmm... strano non capita mai... :)
Comunque questa volta non c'è nessuno che mi abbia detto esplicitamente frasi del tipo 'Ma che ci vai a fare dalla nutrizionista, tanto non ce la fai a calare...', no io questa cosa non l'ho sentita con le mie orecchie ma sono sicura che qualcuno l'ha pensato e poi diciamocela tutta, lo sto facendo per me stessa, una cosa stupida se volete ma per me, che mi metto sempre in fondo a tutti e tutto, questo è un buon compromesso per fare qualcosa di utile per il mio benessere, sia fisico che psichico, perchè se ci si sente meno ciccioni, si sa che anche gli altri ti vedono così, poi non te lo dicono, ma questa è un'altra storia...

lunedì, luglio 22, 2013

Vacanze ormai lontane...

Dopo una settimana dal mio rientro le cose vanno meglio, sono rientrata nella solita routine, faticosamente ma ci sono riuscita e le cose sembrano un po' meno brutte... Ho lavorato molto la scorsa settimana, ho fatto tante cose che stamattina ho sottoposto ad un capo che, sebbene rientrato dai suoi 15 giorni in Sardegna, è in ufficio giusto per qualche ora per poi passare il resto della settimana in quei di Benevento, presso i nostri colleghi. Dopo i primi giorni di sofferenza pura con una mamma che non fa che piagnucolare per qualsiasi cosa, ora non la sento quasi più... tanto c'è sempre un buon motivo per piangere, questo è ormai assodato!!! Se non fossi sempre là, se non le stessi sempre addosso si potrebbe dire che si sente trascurata e che è un modo per attirare l'attenzione, invece, dato che io so la verità, si tratta sempre della solita vecchia storia, lei sta bene solo quando ti dice che capitano tutte a lei, che è la donna più sfortunata del mondo, che non ce la fa più ad andare avanti così, bla bla bla... Ora si lamenta di continuo del caldo... e vabbè, bella scoperta... vogliamo dirlo che siamo in piena estate ed il clima padano è sempre stato così o vogliamo dire ogni 2 minuti che non è possibile tirare avanti e che cè un caldo che si crepa??? A parte che ha il condizionatore, che tiene un freddo in casa che sembra di essere in una cella frigorifera... poi quando mette il naso fuori di casa te le dico che le sembra di morire... è normale...
Ma basta parlare di lei, sembra che la mia vita sia fatta solo di 'attività da badante'... come dite??? mi state chiedendo se faccio altro?? uhmmm... fatemi pensare, sì faccio anche altre cose, ma nessuna di queste è particolarmente divertente, come passare quasi tutto il sabato a pulire casa e sistemarla... e poi che per fortuna ho trovato chi mi stira ed il tatone non ha ancora deciso di eliminare questo costo dal nostro budget mensile!!!
Sabato sera poi abbiamo organizzato la prima grigliata con amici dopo il terremoto dell'anno scorso, domenica ci siamo sciroppati un fresco giro per l'outlet di Mantova che dal caldo che faceva mi sembrava di essere in un film western, mancavano solo i rovi che rotolavano per la strada, anche se a pensarci bene non avrebbero potuto rotolare, perchè non c'era un filo d'aria... ed il resto della domenica è passato al fresco del condizionatore con una capatina serale a fare due passi per la landa desolata che è il nostro paesucolo.
Il Bernina
Domani abbiamo l'ultimo controllo dalla dietologa prima della pausa 'ferie', penso che poi la rivedremo a metà settembre, come minimo... ed i risultati di questo ultimo mese scarso non sono stati esaltanti. Se becco ancora qualcuno che mi dice che in estate si mangia meno perchè fa caldo e non si ha tanta fame, lo faccio divorare dal mio 'Alien' personale che è sempre molto presente e attivo. Dato che sia venerdì che sabato sera abbiamo compiuto qualche sgarro, ieri abbiamo letteralmente sofferto la fame, ma la bilancia è stato ugualmente inclemente stamattina, il nostro mezzo kilo in più rispetto a venerdì mattina non ce lo toglie nessuno... quindi io ho pensato bene, che il peso definitivo che segnerò sulla tabella sarà il migliore tra quello di stamattina e quello di domani mattina... Dite che non vale??? no no vale, vale, fidatevi che in guerra, in amore e in 'dieta' tutto è concesso!!!

N.B. Vi lascio un'altra fotina Livignasca... per regalarvi un po' di fresco... sigh...

lunedì, luglio 15, 2013

Sono tornata...

... con la tristezza nel cuore!!!
Diventa sempre più difficile staccarsi da Livigno, o forse diventa sempre più difficile tornare alla quotidianità, anche se la si è lasciata per una misera settimana! Sì, perchè fai giusto in tempo a prendere una boccata d'aria, a renderti conto che la vita di tutti i giorni ti sta davvero stretta ed eccoti di nuovo in prima linea. Chi mi segue su FB ha potuto vedere, tramite le numerose foto che ho postato che me la sono proprio goduta questa settimana alla 'Heidi': abbiamo fatto tutto come da programma, una vera settimana di salute fisica e mentale. 
Il problema non sono le ferie, quelle vanno bene, è il resto della vita che fa schifo, quell'essere continuamente sull'orlo del baratro, a disposizione di tutti e di tutto, quel sentirsi davvero l'ultima ruota del carro in qualsiasi situazione. Non è che ho l'esigenza di sentirmi aprezzata in ogni dove, ma così è davvero troppo, a forza di pensare... 'lascia perdere, non importa!'... va a finire che un po' m'importa, anzi più di un po'. Che se le persone che mi stanno intorno, mi considerano solo per potermi sfruttare, se questo mio tentare sempre di fare la cosa giusta, viene solo considerata come una noiosa e cattiva abitudine di voler essere una 'brava donna'... comincio a non sentirmi più tanto a posto in questo 'status', anzi, mi viene proprio da vomitare.
Così è e così sarà, non vedo margini di miglioramento, solo un graduale e costante peggioramento, fino a quando riuscirò a sostenere la situazione, cosa che potrebbe accadere fino alla fine. Ho fatto tanti errori, ne sto commettendo tanti anche ora, sono sempre in ansia e certe volte mi domando pure chi me lo faccia fare di preoccuparmi così tanto per gli altri, ci vorrebbe un dare e un avere nelle cose, non dovrebbe essere una cosa a senso unico.
Oggi la cosa che mi ha fatto letteralmente sbroccare e che ha scaturito questo sfogo è stato l'apprendere da mia madre, che durante la mia assenza ha fatto la bella pensata di andarsene in granaio attraverso una scala di ferro che già di suo, normalmente, è sempre stata pericolosa. E non è che l'ha fatto quando c'era anche mio fratello... nooooooooo... sarebbe stato troppo normale, troppo 'intelligente' farlo insieme a qualcuno che poteva darle una mano.... no, l'ha fatto quando era da sola!!! Voleva andare a vedere come era messa la situazione... mi ha detto questo, ed a me mi veniva da piangere, sembra che io le vieti di fare le cose così perchè mi gira e lei debba farle di nascosto perchè sennò non gliele lascio fare. A parte che non aveva nessuna esigenza di percorrere quella maledetta scala, a parte questo, farlo poi senza nessuno in casa mi sembra veramente un volersi trovare in difficoltà o il volere a tutti i costi che i figli si trovino in difficoltà. 
...presso rifugio Alpisella
Lo so che non dovrei farla così tragica, che in fondo non è successo niente, ma si tratta solo di fortuna ed è il concetto che non va bene, il disinteressarsi completamente di tutto quello che le persone fanno per te. Sono stanca soprattutto di questo, a nessuno importa se sto bene o sto male, se una determinata cosa mi può creare anzia oppure no... io sono quella sempre a posto, quella che se c'è da fare una cosa la deve fare punto e basta, ma questa cosa deve finire, presto, prestissimo... perchè essere perennemente preoccupata per persone che non ti danno niente in cambio, se non farti sentire una sfigata, mi ha veramente cotto!!!
Vabbè... è solo lunedì, un lungo e schifosissimo lunedì di una settimana di cacca che già mi pare interminabile e non chiedetemi come mai, sabato pomeriggio, mentre mi avvicinavo a casa mi scendevano dei lacrimoni come se stessi andando al patibolo!!!

N.B. Vi lascio una fotina delle tante che ho scattato a Livigno, un nanetto da giardino bello grandicello che avrei volentieri addottato.

mercoledì, luglio 03, 2013

Ci siamo quasi...

Livigno 2012
Ultimamente avevo smesso di parlarvi delle vacanze in avvicinamento, per scaramanzia, ma ora sinceramente non me ne frega più nulla, nè della scaramanzia, nè di tante altre cose che ultimamente sto lasciando perdere... ma questa è un'altra storia e se ne parlerà un'altra volta. Finalmente sabato si sta avvicinando, non vedo l'ora di partire, le valige sono quasi fatte, la casa quest'anno mi sa che non la pulisco molto, fa parte di quelle fissazioni che ho sempre avuto e che piano piano sto cercando di perdere. La mia vicina di casa, quando verrà ad innaffiare i fiori porterà pazienza se c'è un po' di polvere in giro, oppure, se le aggrada può mettersi a spolverare... ma conoscendola, non credo proprio!!! Al lavoro è un'altra storia, volevo finire di fare una cosa prima di andare in ferie e ci sono quasi riuscita, un lavoretto che tra l'altro non mi sembra nemmeno venuto malaccio anche se nessuno lo considererà... come al solito. Ma il periodo frenetico, tutte le cose che vanno comunque fatte, la gestione della mamma che non sente ragioni di ferie o valige e quindi necessita la mia costante presenza, fanno sì che non mi rimanga tanto tempo. Nonostante questo, mi sto ritagliando qualche piccolo spazio, minimale se volete, come ad esempio la parrucchiera in pausa pranzo, una cenetta 'quasi' dietetica con il tatone, mezz'ora di ciclette non prevista, il tutto all'insaputa (o quasi...) della mia cara famiglia 'spremi-risorse'. Eh sì... perchè bisogna poi diventare anche un pelino furbini se si vuole sopravvivere, tentare di far fare qualcosa anche agli altri, anche se questi puntano i piedi e scalciano manco fossero somari. Che sia giusto o sbagliato poco importa... è un anno che manco da Livigno, ho una voglia di tornarci che me lo sogno ad occhi aperti, mi drogo di foto che trovo su questa pagina di FB Tutto Livigno, insomma è veramente giunto il momento di tornare a casa... e lasciare il fortino per una benedetta settimana a chi rimane.Anche quest'anno parto con idee belle bellicose, voglio camminare come una posseduta dal demonio, sfruttare il più possibile le orette di sole che il tempo ballerino di alta montagna mi riuscirà a regalare e nel tempo restante fregarmene altamente delle condizioni meteo e respirare a pieni polmoni aria un poco più pulita della nostra.
Alcuni di voi, quelli che mi conoscono personalmente o mi seguono da più tempo non sopportano più questa mia benedetta sindrome da Livigno, hanno visto decine e decine di foto, che potrebbero sembrare tutte uguali... ma no cari i miei tesorucci, non sono uguali, ve lo posso assicurare, ogni anno c'è qualcosa di diverso e l'emozione che mi viene regalata quando spunto dal tunnel e vedo il lago è sempre più forte, con quella sensazione di vittoria tipica delle persone che ce l'hanno fatta... a fare cosa??? ma a tornare a casa, è chiaro!!!