lunedì, agosto 13, 2012

Ci siamo quasi...

Voi non ci crederete, ma stasera me ne sto sul divano a scrivere due righe sul mio diario, mentre in tv stiamo guardando uno dei tanti telefilm che registriamo. Non so a quando risale questa puntata, sicuramente si parla di mesi, ma ultimamente, come ben sapete, l'aggeggio in questione è sempre stato sintonizzato su un qualche tipo di sport. Ieri sera si sono concluse le olimpiadi e stasera il mio tatone, come se soffrisse di una specie di 'crisi di astienza' si sta leggendo ogni riga della Gazzetta (che lui non legge mai perchè ama Stadio...) ma a detta sua la Gazzetta in questa occasione è molto più dettagliata...
Come mio primo giorno di vacanze oggi è stata una vera e propria ciofeca, mi sono alzata prestissimo, mi sono messa a stirare, poi ho iniziato a pulire casa come una ossessa e questo mi ha catapultata alla pausa pranzo che ho passato dalla mamma, dove ho assolto i miei compiti come ogni mezzogiorno che si rispetti. Una volta tornata a casa volevo fare un pisolino, ma non ci sono riuscita e mi sono messa a fare le valige... più vado avanti con gli anni, più mi rendo conto di odiare questa pratica che molti considerano persino piacevole. Me ne sto minuti interi davanti all'armadio aperto, cercando di pensare cosa è adatto e cosa no, per usare una porola veramente tosta, cerco gli 'outfit' che si confanno alla situazione ed il risultato è che alla fine vorrei portarmi dietro l'intero armadio. Alla fine, in un qualche modo, ho fatto una valigia con il vestiario e mi sono rimaste fuori le calzature ed il beauty case che ho preparato con grande cura... 
Domani non si prospetta una giornata migliore, mi manca la pulizia del bagno, voglio fare una torta e finire le valige... e mercoledì mattina, se tutto va bene si parte. 
Mi dispiace solo di una cosa, vorrei tanto che mia madre fosse contenta della mia partenza, invece sta facendo di tutto per farmi sentire in colpa, parlandomi di mio fratello che 'poverino' ha passato tutte le sue vacanze a casa, come se fosse colpa mia... Sono stanca, stanca di non aver mai diritto a nulla,  vorrei davvero trasformarmi in una di quelle persone insensibili che vanno avanti per la loro strada senza guardare in faccia a nessuno. Ho passato troppo tempo a pensare di meritarmi qualcosa, e per altrettanto tempo mi sono sempre sentita dire che sono fortunata o che non faccio che lamentarmi. Beh, sapete cosa vi dico??? Sì, sono fortunata, e sì non faccio che lamentarmi. E dato che mi viene bene, dato che mi sento sfinita da tutto questo essere sempre a disposizione di tutto e di tutti, provo ad andare una settimana in un altro continente e se va male pazienza, se va bene... meglio!!! 
Anche perchè il 27 sono di nuovo al lavoro, Max a casa per un'altra settimana di ferie ed io invece già in prima linea e cosa volete che cambi??? Pensate veramente che io mi riesca a rilassare veramente sapendo che a casa lascio una persona che nel tempo è diventata quasi completamente dipendente da  me e che non capisce nessuna esigenza che non sia sua??? Lo sapete che non mi ricordo l'ultima volta che qualcuno mi ha chiesto, con interesse puro, come stavo??? Cose brutte...
Oh... poverina... hai 40 anni, che problemi vuoi avere? Hai la salute, non hai figli, per due cose in croce che fai per tua madre ti senti Madre Teresa di Calcutta??? Lungi da me un pensiero del genere, ma forse sono un pizzico egocentrica e vorrei che qualcuno si interessasse un po' di me... invece... sono tutti troppo presi dai loro problemi ed i miei non interessano a nessuno... è per questo che scrivo un diario, e lo pubblico perchè chissà quante persone vivono nella mia stessa situazione, non credo proprio di essere l'unica...
Spero che le prossime righe che scrivo non siano più di queste parti... ci aggiorniamo, passo e chiudo!!!

2 commenti:

Erica ha detto...

Se ti può consolare preferisco pulire il bagno 10 volte piuttosto che preparare la valigia... Per me è un dramma... poi tanto lo so che lascio sempre a casa qualcosa!
Buone vacanze!

Gianchy ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.