mercoledì, luglio 25, 2012

Ma che è oggi???

Allora, dato che non posso fare il rewind di questa giornata e ricominciare da capo per vedere se va un po' meglio, ve la racconto, o meglio, ve ne racconto un pezzo, quello vissuto fino ad ora... che non è ancora finita e non so bene cosa aspettarmi. Niente di drammatico, state buoni, che lo so che vi aspettate sempre delle tragedie da questo blog... però qualcosa di strano sta succedendo..
Ore 7:00, suona la 'maledetta'(=sveglia). Max accende la luce come al solito, ed io come al solito mi copro la faccia con il lenzuolino... lotto con tutte le mie forze per posticipare il più possibile il momento in cui sarà necessario alzarsi. Dal bagno, in linea d'aria 5 metri scarsi, si alza una esclamazione 'Noooooooo'. A questo punto sono quasi sveglia, e lui arriva sconsolato con i suoi occhiali tra le mani: 'Si è rotto il telaio degli occhiali!!!' Vabbè, mi siedo sul letto, lui mi allunga tutto il pacchetto, una delle lenti non è più nella sua sede e vedo che il danno è molto grave. Non ci sta niente da fare, bisogna andare dall'ottico, e sperare di trovare un modello decente che ospiti le lenti... Mi viene in mente che, saranno tre mesi fa, quando ha rifatto le lenti, l'ottico gli aveva consigliato di cambiare il telaio, perchè ormai erano diversi anni che lo aveva, ma all'epoca non ne aveva trovato nemmeno uno di suo gradimento... che ce l'abbia tirata??? Comunque appurato il fatto che non si poteva far niente e quindi sarebbe stato necessario andare al lavoro con gli occhiali vecchi... e vecchie lenti... ho preso il mio iphone sul comodino, lo accendo e in alto a sinistra c'è la scritta 'Nessun servizio'. Bene, la mia sim 'Tim' è morta definitivamente e devo sostituirla con quella '3'. Chissà perchè nella mia testa ero convinta che il passaggio fosse indolore, non capisco come mai a volte sono così ingenua, mi viene da ridere da sola quando ci penso... Max mi installa la nuova sim, dopo diverse peripezie del tipo... 'Dove hai messo quella cavolo di graffetta?' vado, apro la scatolina e voilà... è nel suo posto... 'Vuole il codice PIN, dove lo trovo?' vado a prendere la schedina dove era attaccata la sim e voilà... guarda un po' cosa ci sta scritto sopra??? il codice pin... 'Ah,ma io non lo vedo...' ok te lo leggo io, vai tra!!! e nel frattempo mi vesto e mi metto un po' in ordine... Il segnale c'è... ma Max prova a chiamarmi con il suo cell e la linea è staccata. Ahia... provo a chiamare io e lui vede il numero provvisorio, quello della sim 3 appena installata. Bene, io mi aspettavo che il tutto fosse super automatico ed invece scopre che ci può volee fino a 24 ore per completare il passaggio. :-( A chi pensa la Gianchy immediatamente? alla mamma che non ha il numero provvisorio... Morale della favola ora, dopo una mezza giornata, riesco a telefonare e dovrebbero anche riuscire gli altri a telefonarmi, ma non ho anccora la rete dati, in parole povere non ho internet, qundi niente posta, What's up, Skype e compagnia bella...Spacco le balle al mio vicino di banco che è un iphone-dipendente ed ha fatto pure lui il passaggio a '3' e lui mi dice che devo portare un po' pazienza che piano piano arriva tutto... uhmmm... pazienza??? what's pazienza???
Vabbè arriva pausa pranzo, vado da mamma, mentre mangio il buonissimo pranzetto che mi ha preparato sento un improvviso 'Crack...' ma che è??? Cosa ho combinato??? ah, io niente, i miei jeans scoloriti preferiti da iperfiga si son rotti... una rottura irreparabile ma per fortuna in un posticino un po' nascosto. Dovrò convivere con questa situazione tutta la giornata, con tanto di giro in centro col tato per il suo fantomatici occhiali e non se ne parla di tornare a casa a cambiarsi, troppo scomodo... beh, tanto non lo sa mica nessuno... ;-)

Il resto della gionata ve lo racconto domani, che se va avanti così, il Fantozzi qui presente deve ancora dare... sperando che le cose rimangano di questo tipo...

martedì, luglio 24, 2012

Un lavoro per i weekend!!!

Eh sì, devo cercare un lavoro che mi tenga impegnata nel weekend, soprattutto di sabato, che se ne faccio un altro come quello appena passato, vado in bancarotta!!! Altro che Monti e le sue 'manovrine', ci penso io a far girare l'economia... :-S
Deve essere un segnale forte di frustrazione, ho un solo desiderio in questi ultimi giorni: spendere!!! Avrei ben altri obiettivi da raggiungere, una infinità, eppure riesco solo a gironzolare per internet a caccia di cose carine da comprare, che spaziano in tutti gli ambiti, una cosa vergognosa. Insomma sabato mattina ci siamo alzati non prestissimo perchè il tatone mi ha tenuta impegnata in una mega partitona a Le Havre (che ho pure vinto... non so come!!!) fino alle due di notte. Colazione al nostro solito bar e poi la prima tappa è stata quella per il suo regalo di compleanno. Vi ricordate cosa gli ho regalato l'anno scorso???? Nooooo??? insomma, non state proprio attenti oppure anche voi avete una memoria come la mia, stile pesciolino rosso morto da sei mesi... ihihihih... Beh, l'anno scorso gli ho regalato un 'freezer' da mettere in garage e quest'anno... il materasso nuovo. Andiamo in un negozio rivenditore Permaflex, ci sdraiamo su tutti i letti in esposizione ed alla fine la sottoscritta è riuscita a spendere una pazzia scegliendo il modello Elegance. Non so ancora quando arriverà, se faremo in tempo ad averlo prima delle ferie, ma è davvero molto bello...
Usciti da questo negozio, facciamo meno di 100 metri e ci fermiamo in negozio '3' e... tadaaaaa... mi sono finalmente 'iphonnata'!!! Ora sì che mi sento davvero figa, sì sì, anche se sono in sovrappeso ci ho pure io l'iphone, cacchio se sono ganza!!! Vi svelo un segreto... mi piace tanto tanto... ma non ci capisco una mazza... però, sono convinta, che applicandomi, riuscirò ad instaurare con l'oggetto in questione un bellissimo rapporto. Esco e scopro che non riesco nemmeno a fare una prova per vedere se funziona bene, perchè quel cioccapiatti di Max ha lasciato il suo macinino a casa; da quando si è 'bluetootthato' con la Meriva, la batteria di quel telefono dura pochissimo, sarebbe davvero ora che si modernizzasse pure lui... 
Vabbè... procediamo con un paio di commissioni per la mamma, le portiamo la spesa e poi ci dirigiamo a Modena, al Decathlon dove dobbiamo comprare solo gli asciugamani per andare al mare... Porca miseria... non credevo che fossero così ingombranti, come è possibile che per comprare due asciugamani siamo usciti con una sporta di roba? Anche questo è un negozio che io devo assolutamente EVITARE, come la peste bubbonica. Mi aggiro come una posseduta nel reparto trekking manco fossi Heidi e faccio danni, tanti danni!!! 'Questi sì che sono impermeabili leggeri leggeri seri, non quelli che abbiamo usato quest'anno che ci hanno fatto fare la sauna...' 'Beh, le pinne non me le compro???' 'Uh, guarda ci sono quei pinocchietti che a forza di usarli ho frustato...' 'Belli questi calzettini da mettere nei scarponcini!' ed alla fine ok, ci siamo presi pure gli asciugamani... 

Ecco ditemi voi se questa cosa vi sembra normale... è stato proprio un weekend da paura, che poi, ve la dirò tutta, è stato anche altamente mangereccio e ci ho messo pure due kili, insomma, una disfatta totale!!! Ieri sera non sono riuscita nemmeno a fare un po' di ciclette... e avanti così, come al solito sto mantenendo fede al mio proposito di fare a modo... sì sì... ma anche no...

Ah... dimenticavo, a pranzo sabato a mezzogiorno siamo andati al Mac, era una vita che non ci andavo, talmente tanto che nel frattempo me lo hanno rifatto completamente... e nello stesso centro commerciale indovinate cosa c'è??? Un negozio della Kiko!! Noooooooo... 'vade retro Satana!!!'... mi sono contenuta mi sono presa solo un'altro smaltino della linea magnetici (quello violetto...) e uno smalto base/top coat... lo so lo so... devo essere più morigerata, ce la farò, prima o poi... anzi no, ce la devo fare, con tutte le cattive notizie che sento qui al lavoro giornalmente.

giovedì, luglio 19, 2012

E' tutto passato?

Domani è il secondo mesiversario da quel benedetto 20 Maggio e ci si domanda se sia tutto finito. Noi emiliani sappiamo benissimo che non è finito niente, cerchiamo di parlarne meno, facciamo finta di non sussultare se sentiamo vibrazioni un po' più forti del previsto e ogni tanto... ci lasciamo andare!!! parlo al plurale perchè non lo faccio solo io, ho visto diverse persone farlo, come se si avesse il bisogno fisico di ricordare, di dire ad alta voce che la situazione è ancora critica, che la paura non è ancora passata e soprattutto ci sentiamo molto fragili ed indifesi. Passando una settimana lontano da casa, in un luogo che per me è una 'seconda' casa, mi sono interfacciata con conoscenti di vecchia data che sanno più o meno da dove veniamo e che ci hanno chiesto se ci troviamo vicino ai luoghi dove è avvenuto il terremoto. Perchè? Perchè Sorbara è un paesucolo di campagna, famoso solo per il lambrusco che prende il suo nome e gli altri paesi interessati dal sisma come Mirandola, San Felice, Finale Emilia, Rovereto, Novi di Modena... dicono ben poco alle persone che non vivono nella bassa. Quando poi queste persone si rendono conto che pochi km ci separano dagli epicentri, ecco che ci sono diversi tipi di reazioni; c'è chi non si capacita della paura che abbiamo potuto provare, chi pensa che tutto sommato siamo un po' esagerati, chi dice che se ne è parlato troppo poco e chi troppo... insomma tutti hanno un loro punto di vista e tutti vogliono sapere come è stato, cosa abbiamo provato e quali sono state le conseguenze. Per me è quasi una liberazione parlare di questo argomento, forse non sto bene, non sono normale, forse mi fa solo male rivangare quello che è stato, ma come dicevo qualche tempo fa a Max, è una specie di 'esorcizzazione' dell'evento, ed anche un voler a tutti i costi che le persone capiscano la vera natura di questa cosa.
Ecco che oggi a pranzo, così, quasi per caso io e mia madre ci siamo messe a parlare di questo argomento. In questo periodo si parla soprattutto della situazione in cui si trovano parenti e conoscenti che hanno dovuto abbandonare casa perchè è stata giudicata inagibile. Quella che viene comunemente chiamata 'macchina della ricostruzione' non si vede molto in azione, non so nemmeno se sia giusto o sbagliato, ma so che se fossi io fuori di casa e sapessi che con qualche riparazione sarebbe possibile rientrare, vorrei che le cose si muovessero alla velocità della luce e non capirei perchè ci si sta mettendo tanto tempo. Comunque ho parenti che vivono in campagna e la lavorano, sono fuori casa, in una tenda installata nell'aia, per non abbandonare le loro cose e per continuare a lavorare i campi. Sono disperati perchè non possono rientrare nelle loro case a prendere quello che gli serve senza la presenza di vigili del fuoco o protezioe civile ed alcuni di essi, sono così stanchi di dormire su una brandina che sono rientrati in casa, a piano terra, nonostante gli sia stato sconsigliato. Non giudico, capisco bene quello che provano, penso solo che io avrei troppa paura, già non sono tranquilla solo per il fatto che abito al secondo piano di una palazzina che non ha subito danni importanti... Poi ci sono famiglie intere che stanno nelle tendopoli, che vi vanno solo a dormire ed il resto del giorno lo passano da parenti che purtroppo non hanno posto a sufficienza per accoglierli in casa. Si sono persino interessati per affittare un appartamento ammobiliato ma gli hanno chiesto un prezzo smisurato che non possono permettersi. Di situazioni di questo tipo ce ne sono tantissime, chi è solo è più sfortunato, chi è anziano e non ha persone giovani che li aiutino a gestire una situazione così complicata si sente abbandonato. Ho pensato spesso a questo negli ultimi tempi, forse perchè non sono più una ragazzina e non ho figli, forse perchè vedo che mia madre tutto sommato se la cava abbastanza bene con me e mio fratello, ma non oso pensare cosa farebbe se fosse completamente sola. E' vero che siamo tutti soli di fronte a queste cose, che la nostra fragilità intrinseca di esseri umani viene esasperata quando accadono questi eventi, ma una volta passati gli attimi di panico puro in cui ti chiedi se sopravviverai, dopo hai bisogno di qualcuno, hai bisogno che ti tengano la mano, un appoggio, una spalla su cui piangere per sfogare tutta quella paura.
Vabbè, tutto questo per dire, che dopo due mesi, mi sembra sia passato un giorno, continuo imperterrita a guardare 'il sito delle scosse' e quando vedo che non ci sono stati eventi di rilievo mi chiedo se sia un bene o un male. Chi lo sa... forse nessuno... ma le domande solite da bar ce li poniamo tutti, no??? 'Si sta caricando?' 'Siamo in attesa di un altro ciocco bello forte?' La conclusione è sempre la stessa 'Speriamo di no...'. Nel frattempo, anche se siamo a 400 km di distanza, in una vallata sperduta nei pressi di un rifugio e ti trovi seduto su una panchina proprio di fornte ad esso... se senti una vibrazione sussulti, e guardi in faccia tuo marito con aria sperduta chiedendogli 'Cosa è stato?' e lui ti guarda e dice 'Non può essere il terremoto... qui!!!'

mercoledì, luglio 18, 2012

Cosa faccio di solito in vacanza???

Io non lo so se vi interessa... ma oggi volevo raccontarvi così, tanto per sorridere un po', le 'cattive' abitudini delle Gianchy a Livigno. Molti di voi, che mi conoscono personalmente già sanno molte delle cose che vado a raccontare, per altri che mi seguono solo nel mondo virtuale del mio diario, vorrei che fosse chiaro che mi rendo conto che esagero... ma non ne posso fare a meno.
Allora tutto parte dal fatto che a Livigno, per colpa del fatto che si trova in 'zona franca' ci sono un 'bordello' di negozi. E se anni fa c'erano soprattutto profumerie e negozi hi-tech, ora c'è veramente di tutto e di più. Quindi, oltre alle montagne meravigliose, all'aria pura, alle passeggiate fantastiche, si possono godere anche 'vasche' di shopping sfrenato.
Conoscendo il posto, per quasi tutto l'anno, un po' per pigrizia ed un po' per mancanza di tempo, ammucchio piccole e grandi spesucce che vorrei fare nella settimana che passo a Livigno. Ve lo dico chiaro e tondo, non lo faccio perchè si risparmia, ormai solo alcune cose conviene comprarle a Livigno, la maggior parte hanno costi uguali a quelli che troviamo nei negozi delle nostre città ed anzi, se qualcuno fa acquisti in internet, forse riesce a trovare anche prezzi migliori.
Ma diciamoci la verità... a chi non piace gironzolare per negozi ed ogni tanto uscirsene con qualche pacchetto??? Comunque fatto sta che quest'anno ci sono anche delle novità a livello di negozi aperti... cominciando da un negozio Kiko, passando per uno Carpisa facendo una sosta per gli altri mille nuovi negozietti di abbigliamento che sono spuntati come funghi. Erika 1, 2, 3, ..., n... rimangono le mie profumerie preferite, ma una sosta 'moooolto luuunga' da 'Al Muff', la mia erboristeria preferita con tutti i prodotti dell'Erbolario, è diventato un rito irrinunciabile.
In più, essere in giro nel bel mezzo dei saldi... non fa bene alla salute, non credete????
Vediamo allora che danni sono riuscita a fare...
1. Era un po' che desideravo una macchina fotografica di qualità ma piccola, maneggevole, da portarmi in passeggiata ed eventualmente infilare in borsa senza dovermi portare dietro la bridge che fa foto fantastiche ma che quando sei in salita e sbuffi stile cammello la lanceresti nel primo dirupo senza nemmeno pensarci... ecco che abbiamo scelto una macchinina della Canon, niente di eccezionale, ma con il mirino, che mi ci trovo mille volte meglio e che non è proprio di quelle stile 'saponetta', che come da definizione non riesco manco a tenere in mano. Proprio per questo motivo non uso il cell... sono anziana, le foto col cell mi vengono tutte mosse!!! la vecchiaia è una brutta bestia... I negozi 'Foto Gino' sono stati deludenti, hanno smesso di tenere questo modello economico, con il mirino si parla solo di macchine fotografiche di un certo livello... quindi, 'the winner is'... 'Annibale' verso San Rocco... tra l'altro mi ci sono trovata molto bene anche per gli occhiali da sole l'anno scorso...
2. Tuta leggera per me, in acetato possibilmente... che quella che possiedo non so bene quanti anni ha, ma è venuta con me pure in Messico... ho le prove fotografice e ci sono stata nel 2007... a forza di lavarla ormai non ne può più ma è stata davvero una compagna fidata... Ora verrà rimpiazzata da una Adidas violetta, molto carina, che non mi sta nemmeno malaccio... e se lo dico io che sono iper critica... vi potete fidare... questa volta l'acquisto è avvenuto in un negozio di roba sportiva di fianco al nostro negozio di scarpe preferito.
3. e parlando del negozio di scarpe, sono entrata per prendere un paio di Salomon per il tato che ormai quelle che usa di continuo le ha consumate... e ce ne siamo uscite sì con le suddette scarpe, ma anche con un paio di 'shape ups', che scrivo con fierezza, che manco sapevo come si pronunciava, per me erano semplicemente le scarpe a 'barca'. Era un bel po' che le guardavo... un po' tra l'incuriosito ed il 'braghero' cronico... 'Chissà come ci si sta... chissà se è vero che non fanno venire mal di schiena...' e cose così... poi le ho viste, così carine, leggere, morbidose... ed economiche!!! 'Me le fai provare???' Mai fare domande imbarazzanti di questo tipo... poi ci si pente... No, purtroppo io non sono una di quelle che spende i soldi e poi 'rogna'... no, non è nelle mie corde... io me le sono tenute in piedi e mi ci sono dondolata dentro per la prima mezz'ora, tutta felice, come una bimba di 5 anni...
4. Scendendo da San Rocco ecco che si incontra appunto 'Al Muff' in una casetta piccolina, potrebbe anche sfuggirvi, ma a me no, io ne sento il profumo 20 metri prima... e la vetrina sembrava fatta apposta per me, piena zeppa di solari dell'Erbolario ed indovinate cosa stavo cercando io??? Vuoi non prendere il solare con protezione altissima per il tatone che si scotta e quella media per la tata che è già un po' abbronzata? ed il doposole lo avete mai provato, una vera goduria... e il docciaschiuma che non lava via l'abbronzatura.?? Vabbè, dai prendiamo anche una cremina per le mamme... io quest'anno passo... le ho già tutte!!!
5. Poi c'è un negozietto, vicino ad una cartolibreria/edicola e ad un negozio 'nuovissimo' di articoli per animali domestici... che non gli dareste nemmeno un centesimo... ma dentro ci sono sempre delle offerte... l'anno scorso ci comprai un pile della Salomon, che averlo saputo che era così buono, ne compravo due... e quest'anno ci ho trovato una borsetta della Sansonite, da usare per il lavoro, ad un prezzo scaldaloso... quella mi traghetta alla pensione, tanto sono buone le borse di quella marca...
6. Ed ecco che arrivo in centro, proprio sull'incrocio della Coop, a destra ci sta il Bivio e a sinistra il negozio che sa ancora di nuovo della Kiko. Meno male che a casa mi è scomodo il negozio più vicino, altrimenti sarebbe la fine... Sono riuscita a comprarmi un'altra matitona con i due ombretti in gradazione... un blush (che quando ero giovane io lo chiamavo fard... magari c'è pure una differenza tra le due cose ma io sono ignorante), due smalti della collezione magnetici che però io uso senza calamita che mi piace l'effetto metallizzato che lasciano (uno sul verde e l'altro sul blu), due matite per occhi (una blu ed una color oro...) ed un rossetto rosa che abbino ad un gloss più sul rosso... Ho preso anche un pensierino per le mie due colleghe di lavoro... e mi sono 'violentata' verso l'uscita... Io qui lo dico e non lo nego... in quel posto comprerei TUTTO!!!

Poi ci sono le spese classiche del tato...
7. Da sempre, da tempo immemorabile, io frequento un negozio di casalinghi... prima gestito dai genitori ed ora dalla figlia che ormai ci aspetta a cadenza annuale. Max ha sempre qualcosa da comprare in quel negozio, quest'anno andava a coltelli: uno di ceramica bello grande per tagliare gli affettati ed una serie da tavola di quelli buoni, quelli che tagliano... come dice lui. Poi, però, qualcosa di interessante lo troviano sempre ed anche quest'anno mentre guardavamo la vetrina ecco che siamo stati attratti da 'Zoku'. Serve a fare ghiacchioli, ma ci puoi mettere di tutto dentro, yogurt con pezzi di frutta e robe così e lam cosa più bella è che tu tieni il macchinino in freezer e quando vuoi fare qualcosa, lo tiri fuori, ci metti la roba e in una decina di minuti ottieni i ghiaccioli... Favoloso!!! Ieri sera abbiamo mangiato il primo con yougurt alla banana e pezzetti di pesca... ci si può sbizzarrire.
8. Per chi come noi è sempre in sovrappeso ed ha il colesterolo un poco altino, è ovvio essere amanti di insaccati e formaggi, quindi ovviamente si viene a casa con quella che io chiamo 'mucchina svizzera', che consiste in bresaole e slinzeghe che se apri il freezer si sente 'MUUUUUUUUU'... Per non parlare del formaggio che fanno proprio in latteria a Livigno, il 'grottino' come lo chiama Max è centellinato in casa nostra come se fosse parmiggiano... e vabbè, i formaggi ci piacciono tutti, non parliamo del pecorino che ne mangeremmo dei quintali (ho letto da qualche parte che il pecorino non alza il colesterolo, chissà se è vero...)

Vabbè io non so se ho reso l'idea... probabilmente vi starete chiedendo quando abbiamo trovato il tempo per fare le passeggiate... 'vai tra...' lo si trova... lo shopping è solo per le mezze giornate uggiose/piovose... del resto si cammina, si respira... si gode la bellezza della montagna.

martedì, luglio 17, 2012

Sono tornata!!!

Io e la MIA LIVIGNO
Livigno dalla passeggiate per il rifugio Alpisella
Anche quest'anno, alla fine, mi hanno riportato a casa!!! D'altronde non potevano fare diversamente dato che come al solito mia madre, ha fatto ancora una volta la solita raccomadandazione a Max "Portmla a ca'" (= "Portamela a casa"). Come al solito ho sofferto moltissimo domenica, quando è stato il momento di partire, ma ormai è diventata un'abitudine, tutti gli anni è sempre la solita storia...
Nano al Rifugio Alpisella






Il tempo è letteralmente volato, abbiamo fatto tante cose, abbiamo soprattutto camminato, fatto anche qualche passeggiata, anche se non siamo riusciti a fare nulla di veramente impegnativo, perchè la nostra forma fisica non ce lo ha permesso... Però, abbiamo respirato tanta tanta aria fresca, abbiamo goduto della pace di alcune vallate dove gli unici rumori sono i fischi delle marmottine, lo scrosciare di un ruscello ed i campanacci della mucchine... un bell'andare... sembra di essere davvero in un altro mondo!!! Mi sono resa conto che la settimana a Livigno mi sta diventando davvero molto stretta, ci sono troppe cose che vorremmo fare e non ci riusciamo più in così pochi giorni. Tutti gli anni penso sempre di più che vorrei davvero avere un qualcosa di mio... un piccolo appartamento in affitto... un luogo che mi 'costrigesse' ad andare su più spesso. Mi rendo conto che è troppo lontano, scomodo e tutto il resto, che c'è la crisi, ch il lavoro traballa e tutte le altre cose sensate che state pensando, però... cosa volete che vi dica... come mi piacerebbe... a volte dicono che 'i sogni son desideri' ed in questo caso è proprio vero. Quest'anno la stagione non è stata delle più favorevoli, è piovuto abbastanza spesso, ma non ci siamo mai fermati per questo motivo, e le mezze giornate di sole sono state sfruttate al meglio. Peccato solo per Sabato che proprio non ci ha dato tregua e quando siamo andati a fare due passi lungo la passeggiata che io chiamo 'delle croci' che parte dal passo del Foscagno, abbiamo preso anche un po' di 'grandine'... Volevo regalare a E. che ci è venuta a trovare per il weekend, una bella passeggiata in Svizzera, sarà per la prossima volta, si sa che in montagna la stagione è molto ballerina... 
In cima alla passeggiate 'delle Croci'... ciao papà...

Chiesa della Val Federia
Bormio con arcobaleno
Lago di Livigno
Vabbè... vi racconterò qualcosa di più nei prossimi giorni, oggi il rientro al lavoro è un po' problematico... tante email e cose da guardare... per il momento vi lascio solo qualche foto...
Vallaccia a Trepalle

giovedì, luglio 05, 2012

Uno sfogo...

In questo mio ultimo giorno di lavoro prima delle tanto agonate vacanze, vi tedio con questo post da incavolata nera... NON NE POSSO PIU'!!!!
Oggi è il 5 Luglio, è passato più di un mese dalle ultime grandi scosse che mi hanno segnato per sempre. Ho passato momenti brutti, mi sono detta mille volte che è andata bene, ho vissuto momenti di paura sconsiderata, mi sono fatta coraggio in più di un occasione, ho combattuto tanto... Ma ora davvero non ne posso più di sentire delle 'MINCHIATE'!!! Oggi a pranzo sono andata dall'estetista... che una persona normale pensa... 'Dai che bello, ti metti in ordine prima di partire...' sì, l'intenzione era quella, ed ho persino portato a termine l'operazione ma appena entrata, sono stata investita da un'atmosfera di inquietudine e preoccupazione che mi hanno devastata. 'Circolano voci che dal il 13 ed 16 luglio si verificherà un altro terremoto parogonabile a quelli forti del 20 e del 29' e poi 'Si dice che a San Prospero stanno allestendo dei campi proprio in previsione di questo...'
Allora... stiamo calmi per la miseria, non è che qui si può giocare con queste cose... no, non si può... Approfittarsi della PAURA delle persone è facile, e sarà pure divertente per qualcuno, ma dovrebbe essere punito dalla legge. La domanda da porsi è solo una: 'Possono essere previsti i terremoti?' Se sì, allora viviamo davvero in un mondo di  m... dove si preferisce che le persone rimangano sotto le macerie piuttosto che tentare una evacuazione intelligente delle zone interessate. Se no, come io penso, facciamo in modo di prendere per il colletto le persone che mettono in giro queste voci, le portiamo nelle tendopoli dove vivono le persone che hanno perso casa e aspettiamo qualche oretta prima di recuperare quello che rimane... Sono cattiva??? Noooooo, non credo proprio, ci vuole chiarezza in queste cose, le informazioni devono circolare forti e chiare, quello che si sa sull'argomento va detto, quello che non si conosce, va taciuto. Non mi interessano le ipotesi, non stiamo giocando una partita di calcio, non  mi interessano nemmeno i condizionali. Mi puoi dire che gli studi fatti sul sottosuolo evidenziano la presenza di una falda che, in caso di ripresa sismica, è destinata a rompersi, questo lo accetto... come accetto anche il fatto che non si sappia nè quando nè dove questo accadrà... In fondo, tutti i giorni sono incerti per noi esseri viventi, non sta scritto in nessun 'libro dei morti' quando sarà il nostro momento e dato che non siamo immortali, sappiamo benissimo che la nostra vita è destinata a finire. Ma siamo dotati di intelligenza e soprattutto di cuore, amiamo la vita che ci è stata donata come se fosse il bene più prezioso, e facciamo del nostro meglio per rendere ogni giorno che ci è concesso, un giorno 'speciale'. Questo non significa che dobbiamo fare cose grandiose, ma semplicemente che viviamo, con tutte le cosine grandi e piccole che riempiono la nostra vita e nonostante tutto quello che sta succedendo stiamo andando avanti, giorno dopo giorno, ora dopo ora, facciamo i nostri progetti, pensiamo persino di andare in ferie, ci occupiamo dei nostri cari... ed è giusto così!!! cosa dovremmo fare, aspettare a braccia conserte che ci cada il tetto in testa??? Se deve succedere, succederà, non sarà certo un branco di cretini che si sono alzati alla mattina ed hanno deciso che era divertente mettere in giro una certa voce che farà sì che le cose succedano oppure no. Ho cercato in rete qualche riferimento a questa ennesima 'predizione' ed ho trovato questo articolo . Io quello che volevo dire al riguardo l'ho scritto... la mia rabbia credo che sia condivisa da molti, o meglio, da tutti quelli che ascoltano tutti i rumori che provengono dall'esterno, i cui muscoli si tendono ad ogni piccola vibrazione, tutti quelli che hanno ancora una gran PAURA e che non si vergognano di dirlo, perchè non c'è niente di cui vergognarsi...

mercoledì, luglio 04, 2012

-2 ????

Lo so mi odiate... vabbè dai, i conti alla rovescia mi son sempre piaciuti, ma ve lo prometto non vi tedio con i preparativi, che non sto facendo, per la partenza... Devo trovare un modo per riuscire a fare le cose 'solo col pensiero'. Poi, se trovo il modo, lo brevetto e divento ricchissima, iper-miliardaria. No, perchè col pensiero sto anche facendo le valige... della serie, mentre sono in macchina penso alle cose che devo prendere con me e se queste, magicamente, uscissero dall'armadio e si posizionassero nella valigia (dopo che questa è arrivata magicamente nello studio dallo scaffale in garage...) il gioco sarebbe fatto. Lo volete questo potere??? Beh, ieri sera ho scoperto che per Max, in effetti, in casa nostra aleggia un po' di magia; sembra che le cose si facciano da sole. tipo le pulizie, innaffiare i fiori, lavatrici, stirare ed anche le valige probabilmente si fanno da sole. uhmmm... sono un po' scettica, mi sa che quel famoso 'farsi da sole' significa che la Gianchy le fa... ma staremo a vedere.
Ma parliamo d'altro che mi viene ansia da prestazione...
Ieri in pausa pranzo sono andata dalla nuova parrucchiera... da vera str... quale sto diventando, non ho ancora disdetto l'appuntamento con l'altra per venerdì sera, domani... domani lo farò!!! Allora... in meno di un'ora mi ha fatto taglio e messa in piega, con tanto di shampo curativo... non ho nemmeno sforato come orario di timbratura... una cosa miracolosa!!! Il taglio è piaciuto a tutti, io sono quella che lo guardo con maggiore sospetto... ma non mi piaccio mai subito... è una regola standard. Sono corti, molto corti, ma c'è una bella frangetta... insomma... boh... non è colpa del taglio è quello che c'è dentro che non mi soddisfa per niente!!! E stasera si fa un altro esperimento... la parrucchiera che ho trovato per mamma viene a casa e le fa anche la permanente... la paura sale, speriamo le faccia un bel lavoro!!! Comunque vi racconto il flash di quando sono entrata da questa nuova parrucchiera che si trova in centro a Carpi. Entro e dico 'Salve... buongiorno'... una tipa che credo sia la titolare, mi saluta e mi dice 'Mi ricordo di te!' io sfodero la mia nuvoletta => (????) e lei 'Tu andavi dalla Marianna e io ci ho lavorato per un certo periodo' doppia nuvoletta => (????????????) con tanto di elletroencefalogramma piatto... sborbocchio qualcosa del tipo... 'Mi dispiace non ricordo...' e non solo non mi ricordo di lei, non mi ricordavo nemmeno della Marianna, e solo alcune ore dopo è riemerso un vaghissimo ricordo, ma talmente vago che se la incontro per strada sono sicura di non riconoscerla. Vabbè sono poi passati più di 15 anni, quindi dai, un po' di ragione posso pure averla. Ma quella mi ha tirato fuori dei particolari che mi hanno fatto capire che ci sono persone davvero con una memoria fotografica impressionante, sono davvero allibita. Mi dice 'Non sei cambiata per niente, avevi solo i capelli molto più lunghi e mi ricordo bene di te perchè eri una delle poche ragazze che facevano la permanente' Ok, sì, ero io... fissata da sempre con la permanente, con questo faccione tondo che mi ritrovo i capelli come li sto portando ora tutti spiaccicati non mi sono mai piaciuti e la permanente me li ha sempre rovinati, che adesso a confronto sembrano bellissimi... Comunque dopo la prima figura un po' così, mi sono diretta verso la ragazza, che conoscevo, e che mi era stata consigliata e mi sono affidata alle sue giovani mani. Dovreste vedere che tipa... è giovane e questo vabbè, chissenefrega, ha i capelli da matta ed anche questo è abbastanza normale per una persona che fa il suo mestiere ma quello che veramente spiazza è la sua risata... non riesco a descriverla è un 'AHAHHHHHAH' molto profondo e gutturale che ti fa ridere solo a sentirla... è talmente particolare che tutti quelli che la conoscono cercano di imitarla, ed in ufficio, essendo un'amica di una mia collega, è il personaggio più imitato degli ultimi mesi... :-)

Giornate molto piene queste... lavorativamente e non solo... continuo ad agognare il fresco della montagna e non solo... mi stanno arrivando le prime richieste 'livignasche'... che profumo di vacanze!!! Basta... torniamo con i piedini su questa terra terremotata. 

lunedì, luglio 02, 2012

-4

Non mi importa se porta male... è lunedì, e come tutti i lunedì se non mi faccio forza in qualche modo, rischio il suicidio!!! mi mancano 4 giorni di lavoro e poi dal 6 al 16 di Luglio non mi si vede più... Ho attaccato il venerdì ed il lunedì alla settimanina di vacanza... chissà che riesca ad arrivare all'eventuale partenza un po' meno sfasciata... Il weekend è andato bene, venerdì la nostra giornatina di mare in quei di Cervia è andata da Dio... al mattino c'era caldo persino lì, ma nel pomeriggio si è alzata un po' d'arietta e le cose sono andate molto, ma molto meglio. Un sacco di gente, tra nonni con i nipoti e neo-mamme con pupetti piccolissimi. Pochi ragazzi giovani il venerdì, penso che la situazione sia diventata insostenibile nel weekend, data poi la calura che ha caratterizzato le nostre zone. Sabato mattina in giro per commissioni varie, credevo di morire...
L'idea iniziale era quella di valutare la possibilità di avere un iPhone per la tata con l'abbonamento, per dare degna sepoltura al mio Nokia che poverino, non ha colpe, è proprio nato male, mi ha dato sempre un sacco di problemi... ma alla fine non sono del tutto convinta, spendere 50 euro tutti i mesi mi sembra eccessivo e dopo aver fatto tutto un bel discorso sulla crisi a Max e sul mio futuro da cassa integrata... ce ne siamo andati a fare un girretto allo spaccio della Lormar dove mi sono comprata due costumi da bagno nuovi... A me non stanno bene come alle modelle qui sotto, ma i costumi in se sono molto belli, quello rosa/corallo io l'ho preso di un bel blu brillante... quel colore non mi stava benissimo... mentre l'altro semi-leopardato l'ho proprio preso sulla tonalità che si vede in foto (ed è quello che ho sfoggiato ieri in giardino a prendere un po' di calura...) Che te ne fai di due costumi nuovi, tu che vai al mare due volte l'anno se va bene??? Beh, me li metto in giardino, ok??? e poi si vedrà, mai dire mai nella vita, potrebbero esserci delle sorprese...
Poi, nel pomeriggio di sabato mi sono rinchiusa in casa con il condizionatore a balla a fare le pulizie e sono arrivata a sera cotta come un cammello... E ieri? beh in mattinata siamo andati dalla mamma, dove ho lavato il pavimento della cucina e poi abbiamo pranzato insieme, nel pome mi sono sbattuta sul lettino tre orette con U. a prendere il sole e poi mi sono preparata per la cenetta veloce che abbiamo organizzato a casa con A. ed U. Dopo cena abbiamo lascito i maschietti a guardare la partita e noi ragazze (???!!!) ci siamo sbattute una lunghissima e caldissima passeggiata per il centro di Carpi.
Fatto... archiviato anche questo weekend, mio fratello non è riuscito ad andare a fare un giretto al mare... come desidera già da alcune settimane ed insomma, tutto nella norma...
-4 forza e coraggio... ci arriverò in fondo!!!