giovedì, febbraio 03, 2011

Telefonate notturne...

Lo ammetto qualche brutto pensiero a volte mi viene, la voglia di alzare le mani su qualcuno fa parte un po' del mio DNA, anche se poi, il mio essere donna mi ha sempre fermato, ma… se riuscissi a beccare la persona che questa settimana, già per la seconda volta mi telefona in piena notte per poi mettere giù quando scatta la segreteria, potrei davvero appioppargli un paio di sberloni… La prima volta è successa lunedì notte… verso le due e potete immaginare che spavento mi sono presa… fossi in una situazione tranquilla magari me ne importerebbe meno, ma la prima cosa che ho pensato è che stesse male mio padre e quando non sono riuscita a rispondere mi sono arrovellata per un bel po' pensando se dovevo chiamare casa oppure no. Stanotte invece mi ha semplicemente svegliato, ed innervosito ma non vorrei proprio che diventasse un'abitudine, altrimenti mi sa che l'unica alternativa che mi rimane è quella di staccare il telefono.

Beh, diciamo che è solo un tassello che aumenta la mia stanchezza cronica e le occhiaie sempre più profonde che hanno fatto capolino ultimemente sul mio viso. Ma giorno dopo giorno sto andando avanti, ho solo due momenti molto critici: alzarmi alla mattina e subito dopo pranzo quando faccio ritorno in ufficio. Il secondo non è certo dovuto ad una digestione lenta e difficile, perché mai come questa settimana sto facendo super a modo, vedremo lunedì prossimo se anche la mia bilancia penserà che sono stata molto brava…

Nessun commento: