venerdì, dicembre 24, 2010

BUON NATALE A TUTTI !!!

Finalmente è la vigilia... niente lavoro, stamattina mi sono dedicata alle pulizie ed ora mi sono collegata solo per augurare a tutti i miei lettori un sereno Natale da passare con le vostre famiglie, con i vostri affetti. In questi ultimi tempi mi sono chiesta spesso se questo sarà l'ultimo Natale che passerò con tutta la mia famiglia, ho temuto in alcuni momenti di questo anno così difficile che sta per terminare di perdere mio padre, ma per fortuna oggi è ancora qua, non proprio in formissima ma nemmeno messo malissimo ed io ne sono enormemente grata, anche se non lo dimostro mai, anche se faccio sempre più fatica a vedere il bicchiere mezzo pieno.

Ragazzi... passate davvero un bel Natale, stasera mentre mia madre reciterà la sua solita preghiera di ringraziamento davanti al tavolo imbandito io penserò a tutti quelli che non potranno per forza maggiore stare con i propri cari e a tutti quelli che conosco che in questo momento non stanno proprio passando un bel momento... Forza ragazzi, è NATALE!!!

A U G U R I

domenica, dicembre 19, 2010

Due righe di domenica...

Fuori un freddo barbino, io seduta sul divano, col pc in braccio, stasera dovremmo uscire di casa, ma proprio non mi va... mi sa che ce ne rimmarremo al calduccio, ogni tanto guarderò fuori dalla finestra per vedere se la promessa di neve viene mantenuta. Come al solito io spero di no, domani si deve andare al lavoro, io sono sempre la solita schiappa con il mio terrore del ghiaccio. E' l'ultima settimana prima di Natale, vorrei tanto avere un po' di tempo per me, non dovermi alzare prestissimo tutte le mattine, non dover andare a lavorare fino a giovedì sera, insomma vorrei tanto godermi un pochino questa ultima settimana... Beh, sapete cosa vi dico... lo farò, magari non proprio nei modi standard, non proprio standomene nella mia casina con il tatone, ma cercherò di riempire questa ultima settimana almeno di pensieri belli, senza nemmeno confessarli, il chè non vuol dire che riuscirò a dimenticare tutto il resto, ma se vogliamo vedere qualche aspetto positivo, potremmo dire prima di tutto che questa sarà una settimana corta, perchè venerdì, il giorno della Vigilia, non vado al lavoro. Poi, se non ci saranno condizioni meteo avverse, domani sera terrò la mia prima cena con colleghe a base di tigelle e chiacchiere... In ufficio, anche se l'ambiente non è dei migliori, potrebbe darsi che con l'avvicinarsi delle feste, tutti diventino un po' più buoni!!! Martedì sera ci sarà un appuntamento classico natalizio con il gospel a teatro... insomma ho già trovato diverse cose di cui rallegrarmi, piccole cose che fanno tanto Natale...

venerdì, dicembre 17, 2010

Aspettando la neve???

Insomma, sarà il periodo, io aspetto sempre qualcosa… :-D Oggi pomeriggio, con il cielo completamente grigio ed un freddo cane, guardo fuori dalla finestra e mi auto-suggestiono così tanto che vedo cadere qualcosa di gelato, anche se in realtà si tratta solo della brina presente sui tetti che viene spostata da una sporadica raffica di vento. In silenzio sto ripetendo tra me e me la frase 'Deve tenere botta, deve tenere botta…' nella speranza che questa staticità perduri almeno fino a quando non rientriamo entrambi a casa. Nel frattempo io dovrei aver concluso le spese pazze di questa settimana, ho la capacità di ammucchiare tutto, sono veramente pessima, sto pensando anche solo al fatto che ieri sera sono stata dalla parrucchiera ed oggi dalla estetista… c'era proprio bisogno di prendere questi appuntamenti così vicini l'uno all'altro???? No, non ce n'era bisogno ma non è che io ci abbia pensato, si sono piazzati lì per conto loro e solo per caso si sono trovati vicini di casa… Così ammucchi spese pazze ed è meglio che non ci pensi nemmeno a quello che ho speso in questi giorni, forse con una gamba di neve me ne starei più buonina anche se penso che non basterebbe per tenermi del tutto buona… Ho mille cose da fare in questo weekend, non so nemmeno se riuscirà a farne una metà perché comunque il tempo è quello che è, non ho ancora la capacità di arrestare le lancette dell'orologio, quelle si arrestano solo quando pare a loro e di solito solo quando si stanno vivendo brutte situazioni. I giorni di vacanza invece, solo per fare un esempio, passano in frettissima, le ore in copagnia di amici a fare chiacchiere non sembrano mai essere abbastanza, insomma una vera sofferenza… Adesso sto pensando al weekend scorso passato a Milano da E&A… sapete quando entri in una casa e ti senti come a casa tua??? Ecco, andare dai ragazzi mi fa sentire così, con il surplus che mi sento coccolata come una regina, cosa che di solito non accade a casa propria. Domenica sera, quando ci siamo rimessi in macchina per tornare a casa, mi facevano malissimo le piante dei piedi a forza di camminare, ma mi sentivo felice, appagata, dalla loro compagnia, dall'aver condiviso un po' di tempo con persone che purtroppo stanno troppo lontano. Comunque nel weekend dopo la befana mi hanno promesso che verranno a trovarci ed io ci conto, anzi ci stra-conto!!! Ed in previsione di questo ho tante cosucce da fare, tante cose a cui pensare, e potrei incominciare a farle già da questo weekend, chissà… vi terrò informati sugli sviluppi.

giovedì, dicembre 16, 2010

Dicembre...

Il mese di dicembre è da sempre tra i miei preferiti, c'è poco da fare, se potessi io terrei le luminarie accese tutto l'anno, le vetrine dei negozi tutte addobbate di rosso, oro e argendo almeno fino a Pasqua, insomma l'atmosfera natalizia mi entra dentro e non posso farci nulla… Poi mi rendo conto benissimo che tutto questo festeggiare non sempre risulta gradito, che ci sono situazioni in cui tutto questo deprime più che rallegrare l'anima ed a 15 giorni scarsi dalla fine di questo anno non posso sicuramente dire di viverlo serenamente come al solito. Però… però gli sforzi che faccio quotidianamente per concentrarmi su cavolate e distogliere l'attenzione dai pensieri fissi che frullano fi continuo nella mia mente, un po' stanno dando i loro frutti. Vivo talmente tanto alla giornata che alla mattina consulto l'agenda quando arrivo al lavoro e mi rendo conto solo in quel momento di cosa dovrei fare e lo scopo diventa quello di arrivare a sera e di riuscire a fare il maggior numero possibile delle cose che erano fissate. Poi il giorno successivo, riguardo l'agenda e traccio frecce sulle cose che non sono riuscita a fare spostandole al giorno corrente ed in questo modo, giorno dopo giorno vado avanti. Se lunedì sera sono capottata nel letto appena rientrata a casa per uno dei miei mal di testa feroci, poi martedì ho fatto mille commissioni in giro per il mio paesello e mercoledì, dopo aver fatto un po' di spesa con Max, sono tornata a casa a fare una torta per sabato sera. Stasera vado dalla parrucchiera, domani a pranzo dall'estetista (neve permettendo…) e via così, sono quasi catapultata verso il prossimo weekend, weekend che devo assolutamente dedicare alle pulizie ed al riordino di quel casino che chiamo casa!!! Sembra un accampamento di zingari, un po' per gli addobbi natalizi che mi costringono ogni anno a spostare le cose che di solito si trovano in un certo posto, in un altro ed un po' perché arrivo a casa ed appoggio… appoggio… creando mucchi di roba avunque, lo studio è ridotto ad una vera e propria 'camera degli orrori' come la chiamerebbe la mia amica milanese… Beh, questo è il weekend giusto per mettere la parola fine a questo caos, voglio assolutamente rendere il tutto presentabile, anche perché lunedì sera ho le colleghe a cena, vogliamo fare vedere una casa decente, oppure vogliamo che fuggano prima di cena????? E parlando di weekend ieri sera ho comprato due mensole da mettere sempre nello studio… ve lo ricordate il mio progetto 'mensole per coprire le canaline dell'impianto di climatizzazione'. Beh, l'altra sera ci abbiamo finalmente guardato… ed abbiamo deciso di fare una cosa molto più soft rispetto al progetto originale… applicare mensole solo nell'angolo dove la canalina non è a filo soffitto ma praticamente si abbassa di almeno 40 cm da questo. Così ieri sera all'Obi abbiamo comprato un paio di mensole, gli attacchi, la punta del trapano per fare i buchi belli grossi ed il martello di gomma per fare entrare le mensole nei supporti… La cosa veramente difficile sarà fare i buchi correttamente in modo che poi i supporti si riescano ad infilare bene nelle mensole…
Mentre ero all'Obi mi sono anche comprata la serra per riporre i gerani e non me lo dite che ormai è tardi… lo so da me che con temperature sotto zero era ora di comprarla prima… ma se è arrivata adesso che ci posso fare, meglio tardi che mai… nel frattempo tanto i miei gerani sul tavolino in terrazzio continuano a fiorire, non stanno ancora capendo che è ora di smettere…
E' un periodo un po' così… un periodo in cui ho sempre il poprtafoglio in mano, sono stranamente spendacciona e fatico a riconoscermi, perché tempo fa non ero così, ero molto più parsimoniosa. Una volta ci pensavo prima di comprare qualsiasi cosa, ora invece vado molto più ad istinto… quando mai è successo che mi aggirassi in un negozio di scarpe e così, di punto in bianco decidessi di comprarmi un paio di stivaletti senza nemmeno averlo messo in preventivo??? Ecco, ieri sera è successo pure questo, forse sto impazzendo del tutto, forse è un altro modo che ho inconsciamente trovato per estraniarmi dai soliti pensieri, forse sto cercando un modo per riuscire di nuovo a sognare o spendo qualche soldo di troppo come autogratificazione. Deve comunque passare questa frenesia, devo metterci un 'ditino sopra', come si dice dalle mie parti, così non si può andare avanti, ma ieri un po' me lo meritavo… ci sono persone che sono 'iper-contente' di me… che cavolo, bisognerà pure festeggiare queste cose che capitano così raramente!!!

venerdì, dicembre 10, 2010

Aspettando una telefonata...

Sì, devo dire che questa gestione del malato è davvero molto bella per chi 'assiste' i malati, nel senso di accompagnarli alle varie visite ed esami. Bella grazia che sai più o meno il periodo poi, se anche il giorno preciso lo vieni ad imparare con un preavviso al massimo di un paio di giorni che problema c'è? Nessuno, a parte che le persone, nella maggior parte dei casi hanno i loro impegni di lavoro e non, magari una famiglia, insomma qualcosa di diverso dall'essere eternamente a disposizione di tutto e di tutti. Rimpiango davvero tanto quando le prenotazioni delle varie visite le gestivo direttamente io, quelli sì che erano bei tempi, ora che ho la comodità di un intero reparto vivo le giornate intere con il cellulare incollato addosso, aspettando una telefonata che prima o poi arriverà, statene certi, ma solo all'ultimo. Mi domando spesso come farei se avessi un lavoro di responsabilità che mi costringe ad essere presente, invece di essere una tra i tanti, le cui presenza non è per niente fondamentale. Probabilmente le cose sarebbero diverse per forza di cose e non mi accorgerei nemmeno della differenza…
Che poi, per dirla tutta non è che questa benedetta telefonata mi spaventi poi tanto, non è quella che mi preoccupa, sono i risultati che mi terrorizzano, anche se c'è poco da fare ormai… ma che ci volete fare, sono brutte cose lo stesso anche se assodate!!! Ma ormai direi che anche per oggi non sentirò nulla, quindi si va alla prossima settimana e il Natale si avvicina e sarà davvero bello bazzicare per quegli ambulatori proprio nei giorni di festa, sarà una goduria… Di questo anno che si sta per concludere, vorrei dire solo una cosa: è stato tutto uno SCHIFO!!! In questo momento non me la sento nemmeno di cercare, come faccio di solito, di pensare che potrebbe andare peggio… in questo momento non mi importa niente di niente, non ho voglia di guardare quelli che stanno peggio, voglio solo poter dire che è stato uno SCHIFO!!! Me la sono barcamenata, ho cercato di fare finta di niente, ho tentato di contiuare con la mia vita suddividendo le cose in reparti stagni, ma non ci sono riuscita ed è stato tutto uno SCHIFO!!! Per sfizio mi sono riletta la lista che ho scritto all'inizio del 2010 e come mi aspettavo non ho fatto nemmeno la metà di quello che ci sta scritto. Anzi, a dire il vero, rispetto all'inizio dell'anno, ora mi sento molto ma molto più 'povera' dentro, mi sto accorgendo che vivere senza 'speranze' non è vivere, è solo una continua lotta per far finta di niente e il più delle volte manco ci si riesce. Fare progetti che poi sai già che probabilmente non riuscirai a portare a termine non mi interessa più come una volta, vado avanti per inerzia, vado avanti perché giustamente indietro non si può andare. Il 2011 già mi sta antipatico poveretto, non mi ha ancora fatto niente ma mi sta sulle scatole, non lo voglio, non mi interessa, mi tengo questo 2010 di cacchetta e sono a posto così, si può???? State forse dicendo che sono prevenuta nei confronti del nuovo anno e che potrebbe anche rivelarsi migliore di quello che mi aspetto??? State scherzando vero??? Mi prendete in giro… non fatelo, è pura cattiveria, è passato il tempo in cui credevo che le cose fossero possibili, è passato il tempo in cui ci credevo con tutta me stessa, che ero convinta che quello che stavo facendo era la cosa giusta… Adesso lo so che di giusto non ci sta niente, che tu puoi combattere quanto ti pare, non sei tu a decidere un bel niente e non ti è dato sapere niente, perché altrimenti ti rovineresti la sorpresa!!! Bene, io di quella sorpresa non so cosa farmene, tanto sono sempre brutte sorprese!!!

Sta di fatto comunque che oggi è pure venerdì, che mercoledì scorso era festa, l'8 dicembre, che io ho riempito come al solito di lavoretti vari, e che domani dovremmo andare a trascorrere un weekend con i nostri amici di Milano… Non sono dell'umore giusto, ma non lo sono mai… cercherò di non far pesare niente a nessuno, come cerco di fare quotidianamente, cercherò persino di far finta di divertirmi, e so solo io quanto sono diventata brava in questa arte… Non fraintendetemi, io ho una gran voglia di andarmene un po' da casa, di distrarmi, ma la storia è che non mi distraggo, faccio solo finta di staccare la spina… la mia testa è sempre lì, con i pensieri che si sono inevitabilmente aggiunti in questi mesi che non mi lasciano MAI e dico MAI completamente tranquilla. Sarà anche il carattere, anzi sono sicura di questo… ma vivere sempre con la paura che possa succedere qualcosa di brutto da un momento all'altro, fa diventare le giornate troppo lunghe e grige, tutte uguali e tristissime!!!

lunedì, dicembre 06, 2010

Verso il Natale?

Ehhhh sì, carissimi miei quattro lettori, è iniziato dicembre, in tutto il suo splendore e non… Continuando nel mio intento di far finta che tutto vada benone, mi sto facendo travolgere come al solito dai preparativi del Natale, aspettando a testa china che arrivino le mazzate, ma andando sempre avanti. Così, tanto per non perdere l'abitudine lo stato dell'arte a oggi è il seguente: albero e presepe a casa mia… fatto, albero e presepe a casa dei miei… fatto, luci sul balcone a casa mia… fatto, addobbi in giro per casa mia… fatto. Mi mancano le luci condominiali e gli addobbi alla porta di ingresso. L'albero fuori dai miei ci pensa mio nipote insieme a mio fratello il prossimo 8 Dicembre, prima della cena che si terrà per il compleanno appunto di mio fratello.
La scorsa settimana abbiamo passato un pochetto di crisi con la mamma di Max che ha subito un intervento, ma è già stata dimessa dall'ospedale e l'ho vista in grande forma ieri sera… quindi per il momento mi occupo solo delle mille cose quotidiane, tutto sotto controllo. Mica per vantarmi ma ci è venuto un presepe bellissimo pure quest'anno, sulla falsariga di quello dell'anno scorso ma con quel tocco in più che lo rende ancora più bello. L'albero poi quest'anno è tutto rosso, con fiocchettoni scozzesi qua e là, ho lasciato le solite file colorate nella loro sporta ed il risultato mi piace molto, non credevo di riuscire ad abituarmi così velocemente a questo cambiamento, invece lo trovo molto coccoloso ed elegante. Insomma la mia casa si è già trasformata nel villaggio di Babbo Natale, con il casino che deriva dal momentaneo spostamento delle cose in eccesso della sala per far posto ad albero e presepe, ma a noi piace tutto questo casino e quindi ce lo teniamo…
Con i regali siamo messi un po' così, non malissimo ma nemmeno bene, come al solito avrei bisogno di qualche idea per le coppie foramate dai fratelli con consorti…
Ed intanto, anche se con un po' di fatica, sono riuscita sabato scorso a sfruttare il regalo meraviglioso che mi hanno fatto le mie colleghe per il compleanno. Per la prima volta nella mia vita ho fatto un massaggio ed in particolare si è trattato di un 'aromamassaggio'. Una mega-coccola di un'ora e mezza, in cui sono stata massaggiata con un olio che l'estetista mi ha fatto scegliere a caso da un cestino pieno zeppo di olii essenziali. Mi spiegava che l'olio deve essere scelto dalla cliente perché pare che questi olii abbiano delle proprietà particolari per cui la cliente stessa viene attratta dall'olio che le necessita. Io ho scelto il curcuma e leggendo in internet ho visto cose interessanti… chissà forse è vero che mi serviva proprio quello!!! ;-) Comunque è stato bellissimo, tutta unta come un porcellino pronto per la graticola, con le mani dell'estetista che non si sono risparmiate, nei punti dolenti del mio corpo…L'unico punto debole è che comunque non sono riuscita a rilassarmi completamente, lei mi sentiva tutta tesa come una corda di violino e più mi ripetevo di rilassarmi e più mi venivano mille pensieri per la testa… cosa deleteria quando sei nelle mani dell'estetista!!! Pazienza, fare delle cose per se stesse è una cosa che forse si impara col tempo e con l'allenamento ed io sono proprio fuori allenamento!!! Comunque grazie ragazze… che meraviglia… persino la ciccionissima Gianchy è riuscita a provare una cosa che di suo forse non avrebbe mai fatto per la vergogna…

Quest'anno non scriverò la lettera a Babbo Natale, alla mia veneranda età non ho mai smesso di scriverla, mentalmente o fisicamente, ma quest'anno vorrei che si avverasse un miracolo, ma i miracoli non sono desideri così semplici da realizzare… Avrei bisogno di un enorme velo che ricoprisse tutte le persone che soffrono e che le facesse stare meglio, come si fa a chiedere una cosa del genere??? E' infantile ed anche un pizzico stupido alla mia età… ma è l'unica cosa a cui riesco a pensare, l'unico grande desiderio che vorrei si potesse realizzare. Come sarebbe bello se TUTTI gli ospedali del mondo, almeno per il giorno di Natale, si svuotassero e tutti fossero nelle loro case, attorniati da qualcuno che vuole loro bene veramente, a respirare Amore con la A maiuscola… C'è medicina migliore di questa??? A dispetto di tutto io non credo… puoi essere combattivo quanto vuoi, puoi avere un carattere fantastico ed una forza interiore infinita, ma se ti senti solo e abbandonato, se non ti senti amato sono convinta che la sensazione di non esistere veramente sia quella dominante. Magari mi sbaglio, anzi io mi sbaglio quasi sempre… io parlo di quello che provo io, di come le percepisco io le cose, e se sono sbagliate, portate pazienza, questa sono io… nel bene e nel male!!!