lunedì, agosto 02, 2010

Agosto

Wow… che considerazione profonda!!! Ebbene sì, ci siamo, agosto è iniziato, periodo di ferie per la maggior parte degli italiani, con le strade più vivibili alla mattina, con gli uffici mezzi vuoti che ti fanno sentire un po' più in pace col mondo. Il telefono squilla un po' meno, ma nel mio ufficio c'è ancora troppo affollamento, stranamente manca solo una persona, ma stamattina si sente solo il tichettare delle dita sulla tastiera, i vlick del mouse, qualche sedia che si muove, un colpo di tosse, ma sembra che sia faticoso persino respirare e sembra proprio che le persone ce la stiano mettendo tutta per non fracassarsi i coglioni a vicenda. Non vale per tutti, è logico, soprattutto se poi ti senti come un pulcino in gabbia, non sai cosa daresti per essere seduto a quella postazione e ti domandi quasi di continuo cosa stai combinando…
Il weekend appena trascorso, che doveva essere di completo riposo si è sviluppato in maniera abbastanza inattesa ma piacevole e ci ha portati ancora una volta ad essere in baracca, cosa che capita spesso in questo ultimo periodo. Sabato sera, a sorpresa siamo stati invitati ad un'uscita da una collega di Max, per una cena brasiliana a Fiorano, a Villa Mimosa. Si è mangiato bene, ma la musica alta non fa più per me, mi piace di più starmente intorno ad un tavolo dove si possa comunicare senza bisogno di urlarsi le cose in faccia.Questo è un sintomo sicuramente della vecchiaia che incombe, anche se, per quanto mi riguarda, sono sempre stata così… persino quando andavo in discoteca pensavo che era una stupidata starsene in quell'ambiente per cercare di parlare con qualcuno… Vabbè, poi che dire, domenica a pranzo dalla mamma che ci ha rimpinzato di tortelloni di zucca e stracotto di somarino (piatto moooolto estivo!!!) e nel pomeriggio ho cercato di digerire spapparazzata al sole in giardino… Dopo una mezza fetta di coccomero, ce ne siamo andati al cinema all'aperto a Carpi, ed ecco che il weekend è finito… Ciò di cui mi sono dimenticata di parlare è la levataccia di sabato mattina, quando ho accompagnato alle ore 8:00 in ospedale il papà per una visita. Avrei preso dei calci nel sedere sabato piuttosto che alzarmi, e l'andamento lento che mi ha contraddistinto ha fatto sì che non sono riuscita nemmeno a fare colazione… :-S Comunque tra una cosa e l'altra sono stata in giro per tutta la mattinata, ma non vi preoccupate, ero in giro con i miei per altre cose, non per ospedali…

Ed oggi sono devastata, ho sofferto mal di testa quasi tutta notte, ora sembra, e dico sembra, che si sia un po' allontanata per dare il posto ad un intontimento globale, forse dovevo cercare di tirarmi su con qualche caffè, ed invece mi sono intestardita e voler prendere il mio solito caffè d'orzo… buono ma non molto funzionale per la mia stanchezza cronica. Oggi, dai miei devo parlare con loro delle proposte che abbiamo trovato per la montagna, ho deciso di parlarne con loro prima di prenotare in modo definitivo perché è così ocntrario il papà che se poi mi mette un broncio lungo un km per tutto il tempo mi sa che non vale nemmeno la pena. Non che gli chieda se vuole venire via, io gli chiedo cosa preferisce tra due soluzioni, poi sentirò cosa ha da dirmi…

Nel frattempo cerco di farmi una ragione, del perché sono qui,di tutto quello che devo fare e che non ho voglia di fare… insomma me ne sto qui a caccia di una ispirazione.