martedì, dicembre 15, 2009

E' già il 15...

AIUTO!!! Ma perché il mese di dicembre deve sempre passare così in fretta??? Non lo si può congelare per quei due o tre mesetti??? Quelli che non amano questo periodo dell'anno mi stanno sicuramente odiando, ma il tempo scorre veramente troppo velocemente e più si avvicina il Natale e più si ha l'impressione di non riuscire a fare tutto quello che ci si è prefissati. Quest'anno questa pressione la sento maggiormente, ed è tutta e solo colpa mia… mi sono svegliata troppo tardi, ho messo in cantiere troppe cose e non a tempo debito ed il risultato è che adesso, ogni sera, quando mi corico, ho l'impressione che non riuscirò a fare tutto, ed ormai non si tratta solo di una impressione, mi sa che sarà proprio così. Con i regali non siamo messi malissimo, se non fosse che abbiamo fatto acquisti in internet ed ora sono già un poco preoccupata per il fatto che potrebbero non arrivare in tempo… ma il progetto che sto realizzando ora è ancora in alto mare e i giorni passano veloci… Ieri sera mi sono catapultata a casa, ho stirato come una pazza, a testa bassa per fare il più presto possibile e per le 21:00 avevo già finito (con cena inclusa…). E poi, mi sono buttata sul divano e mentre ascoltavo la tv mi sono concentrata nel lavoro a maglia senza proferir parola… Il progetto che sto realizzando in sé non è molto difficile, ma non ammette tante distrazioni perché bisogna cambiare lavorazione a tempo debito e quindi bisogna rimanere concentrati… e poi ho l'impressione che si faccia poca 'manovra', come dice la mia mamma, che vuol dire che si lavora molto senza che si veda molto il risultato… anche se in realtà, ieri sera, quando mi sono alzata dal divano, ho misurato il lavoro e sono a quota 60 cm… devo arrivare a circa un metro, e quindi, direte voi, non sono messa così male… ma che ci volete fare, è insito nel mio carattere non essere tranquilla. Stasera, invece di andare in palestra, sarei veramente tentata dal precipitarmi a casa a lavorare, ma devo fare a modo, devo riuscire ad incastrare il tutto, senza perdere di vista le cose importanti per la mia salute che includono la palestra…

Devo iniziare a scrivermi le cose che devo fare, anche quelle insignificanti ma che vanno pur fatte, in modo da incastrarle e fare in modo che non diventi troppo tardi per farle… dai proviamo a fare questa benedetta lista:
- Scrivere i biglietti di auguri (se me li portassi al lavoro potrei almeno scrivere gli indirizzi… ma prima di tutto devo capire se ne ho comprati a sufficienza…)
- Fare pacchettini per i pensierini che ho comprato alle colleghe (volete sapere cosa ho scovato quest'anno??? Ho trovato al Country Life dei barattolini in lamiera, delle dimensioni di una vecchia lattina di coca-cola, con dentro dei bulbi di piantine… ho preso perfino la stella alpina.). Devo comprare dei sacchettini per mettere la lattina…
- Chiedere alla mamma la cesta che sicuramente ha conservato per riempirla con piccoli doni da portare da loro il giorno di Natale.
- Portare dalla mamma il vino da mettere nelle ceste che solitamente loro fanno a me ed a mio fratello.
- Fare i pacchetti per la mamma…
- Ho un pensierino in testa per il tato, che non dico qui per ovvi motivi… :-D
- Sabato voglio fare i biscottini e lì sì che ci va una marea di tempo (controllare se ho tutti gli ingredienti… mi piacerebbe decorarne alcuni con la granella di zucchero e altri con le cocce di cacao… ed entrambi non ci sono nella mia dispensa, ne sono sicura!)

Ok, mo' adesso questa lista me la stampo e proviamo a tenerla aggiornata, così magari mi passa un po' l'ansia…

Al di là di tutto questo, devo dire che l'atmosfera Natalizia è arrivata quasi al culmine, anche domenica mattina, metre facevamo un giretto per il mercato a Carpi, si respirava davvero un'aria di festa e mi sono sorpresa a pensare a quanto sono belli i centri storici vestiti a festa, tutti addobbati e luminosi, ci si sente un pochetto meno soli, come avvolti, quasi coccolati!!! Credo che sia anche per questo motivo che adoro il Natale, mi piace fermarmi un attimo a percepire il calore, entrare nelle chiese silenziose che magari ti accolgono con un sottofondo di musica natalizia… insomma, quella cosa che ti scalda piano piano, molto lentamente il cuore… Le campagne, di solito tristi e buie sono punteggiate da lucine di svariati colori, alcune lampeggianti, altre fisse e brillanti, che anche in mezzo alla nebbia tentano di farsi strada…

Nessun commento: