lunedì, novembre 10, 2008

Internet permettendo...

Qui di seguito riporto una cosa che avevo scritto alcuni giorni fa ma che poi non sono riuscita a postare perché abiamo avuto alcuni giorni di difficoltà 'internettiane'. Così ho anche scoperto che senza l'ADSL siamo delle 'merdine', non riusciamo nemmeno a scaricare la posta...

Scritto il 04 Novembre 2008

Sì, sì, anche se non ve ne ho parlato ultimamente, i lavori in ufficio continuano e oggi proprio non ci si sta, non ci sentiamo quindi evitiamo di parlarci, di comunicare e speriamo solo che venga sera il più in fretta possibile. Quando, dopo pranzo, è tornato un nostro collega e ci ha detto che per le scale ha incontrato un operatio con un grosso martello pneumatico in spalla, noi eravamo già pronti per andarcene a casa… Invece siamo ancora qui, ma molto… molto provati.

Non vi ho ancora raccontato nulla della struttura in cui si trovano i miei, non mi ricordo nemmeno se vi ho detto come si chiamava e quindi, se ve l'ho già detto portate pazienza… Si tratta di 'Villa Pineta' a Gaiato, una frazioncina vicino a Pavullo a 500 mt. s.l.m. Domenica io e Max abbiamo passato l'intera giornata da quelle parti e devo dire che il posticino è veramente molto bello e quando ci sono delle giornate di sole come quella di domenica è una vera gioia per gli occhi vedere la pineta che circonda la clinica con i colori autunnali. La clinica in sé è ben attrezzata, hanno mantenuto la struttura originaria ma è tutta ristrutturata e tenuta molto bene. Al suo interno non solo non si respira aria di ospedale, ma nemmeno di ospizio (anche se non so se comprendete quello che voglio dire…). E' molto evidente che le persone sono lì in transito per il loro benessere, per respirare aria buona ed essere monitorati continuamente da dottori. Oltre al reparto di pneumologia, c'è anche un reparto di cardiologia molto rinomato e curano anche i problemi di alimentazione. Tra l'altro i miei mi stanno dicendo che si mangia molto bene, cosa che non guasta quando ti trovi lontano da casa per così tanto tempo. Comunque, domenica ho trovato il papà molto meglio, anche se non aveva nemmeno iniziato a fare le terapie, nei due giorni di festa di sabato e domenica gli hanno fatto fare solo aerosol e cose del genere… Forse l'aria di montagna ha avuto comunque un effetto positivo e quindi sono molto fiduciosa, fiduciosa del fatto che tale situazione possa solo regalargli dei benefici. Oggi a pranzo mi ha detto che forse lo tengono là 21 giorni… e mi sembrava preoccupato… non c'è nulla di cui preoccuparsi, ci siamo io e mio fratello a tenere il fortino, lui non deve pensare a nulla, solo a fare le cose che gli dicono di fare e soprattutto fare a modo. Tutto il resto, in un modo o nell'altro, lo gestiremo noi, magari non in modo perfetto come farebbe lui, ma ce la mettiamo tutta ed è questo che è importante.

Oggi…
Non ci sono grosse novità, è passata quasi una settimana… ieri abbiamo trascorso un'altra giornatina a Gaiato e siamo stati graziati da un'altra bella giornata. Alla casa di cura avevano organizzato una festicciola di San Martino, a cui noi praticamente non abbiamo partecipato… A me fanno tristezza queste cose e vedo che anche i miei non amano partecipare a certe cose, quindi mentre il duetto si esibiva in 'Romagna Mia' noi quattro siamo sgattaiolati fuori e ci siano fatti un giretto avventurandoci anche un po' nella pineta. Ho visto il papà fare qualche passo in salita, senza nemmeno affaticarsi troppo, ed ho visto con i miei occhi che sta migliorando tantissimo. Ho parlato anche con la dottoressa che lo segue, che mi ha detto che la terapia sta andando bene. Che se si sente stanco è normale ed è dovuto all'operazione che ha sostenuto, ma il polmone, finalmente, comincia a muoversi ed ad appropriarsi dei suoi spazi. Il papà come reagisce a tutto questo??? Ci sono giornate buone e cattive, quando si sente particolarmente stanco è un po' giù ma in generale si è integrato bene, ha fatto amicizia con le ragazze che gli fanno fare le terapie e si sente molto coccolato e seguito. La dottoressa passa a vederlo due o tre volte al giorno… va in paletsra, fa le sue terapie… ed ha avuto qualcosa da dire solo con la psicologa… Voleva convincerlo del fatto che se un giorno avrà bisogno dell'ossigeno dovrà vedere la cosa come un fatto positivo alchè mio padre, con quella faccia da poco buono che si ritrova, le ha detto che, se dovrà usarlo lo userà, ma che poi ne debba essere contento, questa è una cosa ridicola!!!! Una carriera stroncata, non c'è niente da fare non ha simpatia per questo tipo di figura professionale ed è una cosa che io non condivido molto, perché credo che in determinate situazioni, se hai che fare con persone competenti, possono essere veramente molto ma molto importanti...

Ed io??? Beh io comincio a sentire la mancanza dei due brontoloni, li sento al telefono due volte al giorno, ma ieri sera me li volevo portare a casa… Sono in un bel posto, stanno bene, lo stanno facendo per il loro bene, sono tranquilli, ma cosa volete che vi dica, forse ne ho bisogno più io di lui della psicologa… :-D

Nel frattempo, la settimana scorsa abbiamo ricominciato la palestra, sono super impegnata tra il lavoro e la gestione dell'affitto dell'appartamento… insomma non dovrei proprio annoiarmi… e sto cominciando a delegare qualcosina anche a Max (come al solito del resto…) . Volutamente ho mandato in missione Max nell'appartamento per aprire al fratello della futura inquilina per dargli la possibilità di prendere alcune misure… Oltre al fatto che io ne ho approfittato per andare a casa a fare le pulizie… volevo sinceramente che quella famiglia vedesse anche una presenza maschile, che non avessero l'impressione di avere solo a che fare con una donna e nello stesso tempo volevo anche un giudizio di Max, anche se si tratta solo del fratello… Beh, il suo giudizio è stato positivo, ed in questo periodo vado un sacco alla ricerca di conferme, quindi mi sono 'intascata' questa cosa e me la tengo ben stretta… Adesso è meglio che mi metta al lavoro… vi terrò informati, volenti o nolenti…

Nessun commento: