venerdì, ottobre 31, 2008

La serata delle streghe...

Un piccolo aggiornamento… i miei silenzi, ormai lo sapete, generalmente non nascondono cose piacevoli… ed anche questa volta vi scrivo giusto giusto due righe per aggiornarvi sugli ultimi sviluppi. Domenica scorsa ho accompagnato mio padre al pronto soccorso, qualche crisi respiratoria mi ha fatto preoccupare troppo e quindi alla fine ho deciso di vedere se era possibile fare qualcosa… Come previsto è stato ricoverato di nuovo, ma lo hanno semplicemente tenuto sotto osservazione fino ad oggi… Non è stato dimesso, gli è stato consigliato un soggiorno di una quindicina di giorni in una clinica specializzata che si trova sulle nostre colline, in cui fare riabilitazione respiratoria, per recuperare il più possibile la capacità polmonare. Stamattina la croce rossa lo ha accompagnato direttamente in questa clinica dove ora risiede in una stanzetta che condivide con la mamma. Sì, avete capito bene, la famiglia si è tutta trasferita là, e noi (io e mio fratello) andremo a vedere come va solo ogni tanto, perché il posto è abbastanza scomodo per poterci andare spesso. Stamattina il trasloco è stato curato da mio fratello, io andrò a vedere il tutto domenica, ma credo che sia una bella sistemazione e spero vivamente che le terapie siano efficaci. Nel frattempo ho anche quasi trovato un inquilino per l'appartamento di mio padre… non è ancora definitivo, ma i miei sensi di ragno mi dicono che potrebbe essere la famiglia giusta, poi… lo sapete, sono cose che si scopriranno solo vivendo. Lo sapete che sono molto istintiva, che con le persone ho un approccio più che altro a pelle… ci sono quelli che mi stanno simpatici da subito, solo guardandoli negli occhi e quelli che proprio non riesco a decifrare e con cui non riesco ad interagire. Ho parlato al telefono con la madre di famiglia prima di incontrarli e poi ieri sera ho mostrato loro l'appartamento, illustrando le cose che mi sono sempre piaciute di quei locali, le 'bellezze' del quartiere, insomma tutte le cose che conosco da una vita e che fanno di quella zona di Carpi quella che preferisco. Lo so che è normale amare il posto in cui si cresce, i luoghi che hai bazzicato per 27 anni, ma parlandone ieri ho anche riscoperto che mi mancano terribilmente, che ho talmente tanti ricordi legati a quelle strade che la metà basterebbe. Poi, oggi, nella pausa pranzo mi ha telefonato il marito e mi ha detto che si sono innamorati dell'appartamento, che adorano la zona, che stamattina visitando altri appartamenti non facevano che pensare al nostro e che alla fine hanno girovagato per il quartiere in macchina alla scoperta di quelle cose che ho illustrato ieri sera. Mi piace avere a che fare con persone che ti dicono a chiare lettere le cose, che non usano giri di parole e questa famiglia mi ha dato questa impressione. Spero di non sbagliare, spero di non creare danni, spero che il papà rimanga contento di questa trattativa, insomma come al solito spero sempre TROPPE cose…

Beh, rimaniano un po' all'erta, aspettiamo che passino questi primi giorni, vediamo se le cose si stabilizzano e poi, con un po' di fortuna, piano piano anche il mio tasso di adrenalina calerà… lo so che l'ho già detto meno di 15 giorni fa, ma ci riproviamo, viviamo un po' giorno per giorno, anzi mezza giornata alla volta ormai, perché le cose cambiano davvero molto in fretta. Si passano periodi in cui le giornate sono tutte le une uguali alle altre, mentre in altre occasioni, il tempo comincia a correre, correre ed hai veramente l'impressione di non riuscire a starci dietro. Sto contanto le ore che mi separano dalla mia serata col tatone, magari con la mia zucca di Halloween accesa… Sì perché, seppure non sia una festa che senta particolarmente, adoro le zucche di Halloween e quest'anno invece di farmene una 'fresca', me ne sono comprata una di plastica!!! E' un po' più triste, ma fa atmosfera lo stesso… e poi è intermittente… insomma sono pronta a passare una seratina molto rilassante sul divano, nonostante la montagna di panni che mi aspettano per essere stirati (a proposito di questo, giovedì c'è stata una breve riunione condominicale e nella sala riunione che normalmente è adibita a stenditoio c'era solo la mia roba… me la sono veramente dimenticata, che figura!!!! Ihihih :-D )

Non mi rimane che augurarvi buone festa delle streghe ed dei stregoni…

venerdì, ottobre 24, 2008

Lo sapete...

… che mi lamento spesso… sono un po' una gnola, lo so!!! :-(

Però… però… a volte ci ho poi anche un po' ragione… stamattina non so se ridere o piangere… ma ho deciso che è meglio ridere, anche perché andare a sera mi verrà uno di quei mal di testa stratosferici che se mi metto a piangere non può che peggiorare ulteriormente. Adesso vi racconto cosa sta succedendo a pochi metri dalla mia scrivania…

Dunque dunque… qualche mese fa ci hanno comunicato che avevano deciso di fare un bellissimo buco nel pavimento per accedere al piano inferiore tramite una scala (credo a chiocciola). Al piano inferiore verrà spostato un reparto e le salette per le demo ai clienti. I nostri uffici si trovano in una palazzina e fino a questo momento noi prendiamo l'intero secondo (e ultimo piano). Al primo piano ci sono diversi uffici, ogn'uno dei quali ha la sua bella porta di ingresso ed uno di questi è stato acquistato dal 'grande capo'. Ribadisco che tale ufficio possiede la sua bellissima porta d'ingresso ma la motivazione che ha portato alla decisione della costruzione della scala interna è che comunque siamo un'unica azienda e non è bello che ci siano due entrate. Così, quando il lavoro sarà completato, i ragazzi che andranno a lavorare al piano di sotto dovranno entrare sempre quassù, timbrare (perché se ho capito bene il timbratore rimane sempre dietro la solita colonna in un posto sfigatissimo) e poi scendere al piano di sotto… la comodità fatta persona. Beh, insomma, oggi sono iniziati i veri lavori. Il programma della giornata prevede l'installazione di pareti di cartongesso per delimitare la zona in cui verrà fatto il buco in modo da non sommergerci e sommergere i computer di una montagna di polvere… perché bucare un piano non è una cosa da poco, senza contare che abbiamo persino il marmo per terra, tenerino e molto malleabile!!! Peccato che la struttura in cartongesso non sta su con gli sputi, e quindi sono qui che trapanano, sbattono, fanno un casino infernale e noi ce ne stiamo qui a far finta di concentrarci e di lavorare. Non credo che qualcuno si aspetti qualcosa di diverso da noi, nonostante le cuffiette ben inserite nelle orecchie, non c'è molto da fare, il trapano ti entra in testa…

Ed ecco le lamentele… A parte la totale inutilità di questa cosa che porta solo ad una diminuzione dello spazio disponibile che dovrà essere utilizzato per l'inutile scala… c'è qualcuno che riesce a spiegarmi perché tali lavori non sono stati fatti nel mese di agosto????? Forse perché c'era da pagare di più gli operai perché lavorassero in agosto??? Mi sembra un buon motivo… oppure, ho anche un'altra idea (perché io SONO un pozzo di idee…), siamo ormai quasi in novembre, non si poteva aspettare le feste di Natale???? Sono tutte considerazioni che mi vengono spontanee ma che probabilmente vengono spontanee solo a me… Poi, devo essere sincera, non vedo l'ora che facciano il buco vero e proprio, se non lo fanno in un weekend ce ne viene davvero una gamba… ma sono fiduciosa, dai fanno oggi le pareti perché poi nel weekend fanno il buco :-D quasi quasi domani passo a vedere se stanno lavorando…

Ma pensandoci bene… anche no! Non me ne frega niente se effettivamente lavorano nel weekend oppure no, l'unica cosa che desidero con ogni particella di me stessa è che la giornata passi velocemente e me ne possa tornare a casa. Forza e coraggio… un Tozzi/Masini a buco e non se ne parla più!!!

giovedì, ottobre 23, 2008

Sognare fa male?

Fa malissimo, ma cosa fareste se vinceste al superenalotto??? A dire il vero 100 milioni di euro sono un po' troppi, non riesco nemmeno a pensarli, quindi come faccio ad immaginare come spenderli??? Per i miei desideri ne bastano davvero molti ma molti meno, e non perché sia una persona che si accontenta di poco, diciamo semplicemente che ci sono cose che mi potrei regalare che magari costano anche poco ma che in questo momento non posso certo permettermi. Una su tutte una settimana di ferie… veramente non so cosa darei per starmene a letto fino a quando mi stufo, anche se non dormo, starmene lì a poltrire, leggere non fare un cavolo.

Finita la settimana di ferie, quando finalmente riacquisto un po' di 'voglia di vivere', potrei cominciare a pensare a come spendere un po' di dindi… certamente non sarebbe tra le mie priorità lasciarli in banca… Mi toglierei da un appartamento per comprarmi qualcosa di indipendente, anche una villettina a schiera basterebbe non vorrei qualcosa di molto più grande… una signora che mi dia una mano nelle faccende di casa, una macchina nuova normalissima per svecchire il mio golf… un'appartamentino a Livigno per andarci quando mi pare… uno al mare tipo a Noli (sulla riviera ligure) per respirare aria buona… e poco altro… Le cose veramente importanti purtroppo non si possono comprare, purtroppo la salute, quella è un bene che o ce l'hai o non ce l'hai, quindi non ci si può fare molto…

A parte queste piccolezze che sono delle vogline che si possono soddisfare facilmente anche senza scalfire troppo il malloppo, ci sono tante cose che si potrebbe fare con dei soldi veri, soprattutto a livello di ricerca, per quella marea di malattie di cui ancora si sa troppo poco e che rovinano l'esistenza a troppe persone. Finirebbero in fretta, lo so e mi toccherebbe tornare al lavoro in un lampo, ma se questo significasse dare un futuro a qualcuno che ora come ora non ce l'ha, sarebbe un sacrificio che farei volentieri.

E voi cosa fareste, quali sono i vostri sogni più sfrenati??? Sognare costa poco… il risveglio è un po' amaro lo so, ma almeno lasciateci questo, è uno dei pochi lussi che ci possiamo ancora permettere.

mercoledì, ottobre 22, 2008

Siamo in autunno...

… e si vede… grigio grigio, un po' di foschia, un tempo proprio autunnale e ci sta, ci sta alla grande… Diciamo che comincio solo ora a guardarmi intorno, per alcuni giorni non ho fatto altro che andare dove dovevo andare senza soffermarmi molto a guardare cosa accadeva intorno, ed ora invece, piano piano mi sto riappropriando dei miei tempi e dei miei spazi. Desidero solo che finisca anche questa settimana nel migliore dei modi, che tutti quanti se ne stiano buoni buoni nelle loro case al calduccio a recuperare le forze, così anche noi lo faremo, anche noi ricaricheremo un po' le batterie. Potrebbe sembrare un discorso un po' egoistico, e forse lo è anche, ma purtroppo mi sono resa conto che è molto importante che le persone intorno stiano bene, altrimenti non si riescono ad affrontare le cose con il giusto piglio.

Così la settimana prossima si ricomincerà la palestra, si inizieranno di nuovo le solite attività, pulirò casa, metterò in ordine quel casino che regna nel nostro nido, insomma si faranno tutte quelle cose che per forza di cose sono passate in secondo piano. Ci sono certe volte che penso che tutto questo sia esagerato che la mia famiglia abbia un modo tutto suo di affrontare le cose che forse non è nemmeno quello giusto, ma non posso farci niente, è l'unico modo di comportarmi che conosco, l'unico modo di comportarmi che mi pare giusto, anche se è esagerato, anche se si potrebbe fare con molto meno. Lo vedo questo, non sono così stupida, lo percepisco persino nello sguardo dei colleghi che ogni tanto mi guardano come se fossi un U.F.O. ma mi importa talmente tanto poco del giudizio di quelli che mi circondano, che vado dritto per la mia strada come un mulo! Mi lamento troppo??? Può darsi, non lo so, se lo faccio non me ne rendo conto… cerco di non pesare sugli altri (tranne che su Max che poverino ne paga tutte le conseguenze) ma forse reco fastidio lo stesso… pazienza, vorrà dire che il mondo è bello perché è vario e perché anche in queste occasioni le persone si comportano in modo diverso, perché sentono le cose in modo diverso e se io non riesco ad essere diversa… pazienza… vorrà dire che non sarò compresa…

Oggi, probabilmente festeggio il primo giorno dal 10 ottobre in cui non mi recherò in ospedale… forse stasera a trovare la mamma ci andrà Max da solo, anche se a me non scoccia, se vuole compagnia ci vado, non c'è problema… la cosa importante è che anche questa sia andata bene, la mamma non sta malaccio e tra qualche giorno dovrebbe tornare a casa anche lei. Come vedete sono un po' monotematica, ho ancora la testa bella impegnata e fissa sulla palla come si suol dire, ma presto tornerò a parlarvi delle mie solite cavolate, delle mie giornate abbastanza insulse in cui il lavoro la fa da padrone e tutto il resto sono le normali cose che riempiono le giornate di una 'vecchietta'… presto forse riuscirò persino a non crollare immediatamente dopo cena, per poi essere bella pimpante quando è ora di andare a dormire… ieri sera le due puntate di 'Senza traccia' me le sono dormite alla grande… si stava così bene a schiacciare le costole del tatone… ha detto che ad un certo punto non riusciva nemmeno più a respirare… il sonno era telmente profondo che, senza volere, mi ero appoggiata a peso morto… :-D Poi però in compenso alle 3 di mattina mi sono svegliata e non sono più riuscita a prendere sonno… uffa… questi maledetti disturbi del sonno… ma non mi lamento, ho passato periodi ben peggiori di questo…

Mi sa che per oggi la finisco qui… prometto che mi impegnerò a trovare qualcosa di migliore da scrivere nei prossimi giorni… ecchecavolo, mica posso rimanere fossilizzata così… smuoviti Gianchy dai… la vita va avanti e non ti puoi permettere di mettere radici!!!

lunedì, ottobre 20, 2008

Che fine ho fatto???

Allora da dove cominciare???? Beh, cominciamo dalla fine… oggi ho riportato a casa mio pdare da una degenza ospedaliera di una settimana abbondante. Sono stata talmente presa anche nella settimana che ha preceduto il suo ricovero che non ho nemmeno avuto il tempo di avvertire i miei 4 lettori, che sicuramente si saranno chiesti che fine avevo fatto… Non vi tedierò con tutti i dettagli di questa vicenda, vi dico solo che il papà ha subito un altro intervento allo stesso polmone, sono stati asportati alcuni nodulini ed ora è molto debole e stanco e spero solo che pian pano riprenda le forze. Io sto in piedi per miracolo, sono esausta, ho dormito pochissimo ed ho fatto un numero di ore di ospedale da far paura. Vi basti sapere che ormai il gestore del parcheggio a pagamento del policlinico è diventato mio amico…

Io credo che una delle esperienze peggiori a livello emotivo che si possano fare è starsene ore ed ore seduta su una panca con una persona cara in sala operatoria. I minuti e le ore sembrano non passare mai ed hai un bel daffare a cercare di essere ottimista e di dirti ogni 5 secondi che andrà tutto bene… ma quando all'improvviso un infermiere arriva e dice 'I parenti di L.?' tu vorresti morire, scomparire… vorresti solo che ti dicessero immediatamente che è andato tutto bene, che la persona che ami sta bene… Dicono che sono cose che rafforzano il carattere, a me mi si spezza un pezzetto di cuore ogni volta e quando poi te lo riportano in camera tutto addormentato con le lacrime che gli spuntano senza che lo sappia… vorresti portartelo via, lontanto da lì, in un posto dove vederlo ancora sorridere, parlarti, sgridarti, qualsiasi cosa tranne quel suo restarsene indifeso con mille tubi che partono dal suo corpo… Poi arrivano le gornate difficili, le giornate interminabili in cui aspetti ogni segnale che ti dica che sta migliorando… in cui vorresti aiutarlo a respirare se servisse a qualcosa ed invece ti senti impotente all'ennesima potenza.

Ma ancora una volta… fortunatamente… posso dire che è passata… ma è stata dura, durissima… Nel frattempo, tanto perché le cose non vengono mai da sole, è venuto a mancare un amico di famiglia e mio padre l'ha imparato solo oggi e domani riapriamo una parentesina ospedaliera anche con la mamma di Max (anche se ho fiducia che sia una cosa non molto pesante…).

Passerà pure questo periodo… a forza di stringere i denti e tenere duro, nelle poche ore in cui dormo faccio incubi bruttissimi dai quali mi sveglio singhiozzante ed in lacrime… ma perché non posso fare anch'io ogni tanto qualche bel sogno che mi lasci solo un grande sorriso????

Ma lasciamo perdere… 'tiriamo innanzi'… Venerdì scorso, come alcuni hanno rimarcato… è stato il mio compleanno!!!! Sì Sì, grazie a tutti quelli che mi hanno fatto gli auguri… compleanno anomalo, pazienza, vorrà dire che questo anno lo salto a piedi pari e non li compio proprio ihihihih…

Ci ha pensato Max a ricordarmi che diventavo vecchia… nel bel mezzo del marasma ha avuto un'idea bellissima che vi racconto in anteprima perché non l'ho raccontato a nessuno!!!! Mi ha organizzato una 'Caccia al tesoro'. Sì, sì avete capito bene, ha nascosto cose in casa e tramite indizi lasciati su bigliettini dovevo indovinare dove si trovava l'indizio successivo. Tutto è iniziato con un pacchettino contenente un librino… (che tra l'altro sembra molto interessante…) poi ho trovato le stampe delle nostre foto fatte a Livigno con tanto di ingrandimento per fare il quadro di cui avevamo già preso la cornice… poi sono arrivata ad un braccialetto di pietre dure bellissimo sui colori del marrone (che io adoro), poi un pao di orecchini che spero di non perdere nell'immediato futuro come mi capita ultimamente con gli orecchini ed infine… sorpresa delle sorprese… Tom Tom One!!!! Era un po' che rompevo le scatole con il navigatore satellitare ed ecco che, come al solito, l'uomo che in assoluto mi vizia di più in tutto il mondo, ancora una volta ha colpito nel segno!!! E' stata una serata veramente bella… per un paio di ore, nonho pensato più a quello che stava succedendo, mi aggiravo tra le 4 stanze che possediamo alla ricerca degli indizi… e vi dirò… non è mica poi così semplice trovare qualcosa in mezzo a tutta quella roba che possediamo… Questo è il mio amore, colui con il quale il 12 ottobre ho 'festeggiato' 11 anni di matrimonio, e sono pronta a passarne altri 50… così solo come acconto!!! Buon Anniversario in super ritardo tatone e grazie grazie… grazie per esserci sempre!!!

venerdì, ottobre 03, 2008

Ma hanno allungato le settimane????

No, perché a me sembra proprio di sì… questa settimana quanti cavolo di giorni aveva??? 1000??? Ma non è già ora di andare in ferie??? Il mio livello di stanchezza mi dice di sì, anzi me lo urla, ma in realtà ci sono appena stata in vacanza e quindi zittà lì… stai buona e zittina che non se ne sente nemmeno l'odore di qualche giorno di sano relax! Dunque cosa è successo questa settimana? Mah, ho dormito veramente poco, non sono stata benissimo, mal di testa, mal di pancia, insomma un po' di malessere generico, forse mi ha preso di striscio il virus che gira, oppure semplicemente non ho ancora capito come devo vestirmi… un giorno c'è un freddo biricchino, il giorno dopo c'è caldino… facile prendere un colpo di freddo. Del resto sono andata in palestra solo mercoledì sera, ho partecipato ad una lezione nuova di 'puro' step, molto coreografico che mi ha sfiancato ma che non mi ha entusiasmato. Preferisco le lezioni di total body, dove ci sono esercizi misti, dove a volte si usano anche i pesetti e dunque è più completa. Del resto lo dice anche il termine 'total body': significa appunto che coinvolge tutto il corpo… della serie 'se l'inglese non lo sai… sallo!!!'

Ieri sera invece avevo un appuntamento con una tipa per mostrare l'appartamento… e mi ha fatto il pacco!!!! Come al solito, quando succedono queste cose io mi sento una stupida terrificante e mi viene anche un nervoso che il fegato si auto distrugge. Già, per venire incontro a questa brava donna, ho fissato l'incontro per le 19:00 (perché lei prima non poteva..) e quindi mi sono sparata un'ora di straordinario non pagato per aspettare i suoi comodi e poi quando, alle 19:20 le ho telefonato, dopo che è riuscita a ricollegare il fatto che aveva un appuntamento con una persona che la stava aspettando, mi ha semplicemente detto che ha avuto una emergenza, con una tranquillità ed una sfrontatezza che mi ha definitivamente fatto venire la mosca al naso… Mi dispiace ma se c'è una cosa che proprio non sopporto, che mi fa imbestialire, che mi rode dentro è la superficialità di alcune persone, che sembrano pensare che tutti quelli che li circondano esistono per loro e quindi si sentono in diritto di fare quello che vogliono!!!! Io non sono perfetta, anzi… ho una marea di brutti difetti, ma cavolo, un po' di educazione, un po' di sano e vecchio rispetto nei confronti delle persone che mi circondano penso di averlo… e quando sbaglio, cerco di farmi perdonare ed incasso i rimproveri meritati!!! Ed invece no, in questo mondo sembra che il modo giusto di comportarsi sia quello di avere quella 'faccia di merda' necessaria per non sentirsi mai dalla parte del torto, come se ci fosse veramente qualcosa di sbagliato nell'ammettere che si fanno degli errori… è normale, è umano, l'importante sarebbe dimostrare un pizzico di umiltà!!!!

Ecco dopo un bello sfogo così siamo a posto… oggi la bufera è già lontana, un'altra giornata sta trascorrendo e stasera ho un'altra visita specialistica col papà, visita che dovrebbe essere tranquilli, niente di particolare, ma con lui ormai non so mai cosa aspettarmi… cerco dempre di essere pronta a tutto, anche se Max mi ha promesso che mi porta fuori a cena e quindi spero che vada tutto per il verso giusto… ;-D

Poi domani, se non sbaglio, dovrebbe essere sabato… lo so che non sbaglio è che quasi quasi non ci posso credere… in programma ci sono le pulizie e poi domani sera… tataaaaa… lo dico piano, sottovoce… piano piano… siamo a cena da S e P… piano piano quasi un sussurro… tu mondo esterno che ce l'hai a morte con i nostri incontri, non ascoltare… ihihihih...

E dato che ci ho proprio voglia di raccontarvi un po' di progetti, di sogni, di voglie… vi dico anche che avremmo organizzato qualcosina per domenica pomeriggio… l'idea è di non passare un'altra intera domenica chiusi in casa… non so se lo faremo, ma anche già l'idea, il sogno è bello, mi tira su, mi da un po' di carica, come se veramente si avesse intenzione di vivere un po' più intensamente il weekend e non solo approfittarne per riposare. Non vi dico altro, vi aggiornerò eventualmente lunedì raccontadovi se effettivamente abbiamo fatto qualcosa di bello o se, come al solito, alla fine tutto si è risolto in una bolla di sapone… Per domenica pomeriggio mi andrebbe anche bene… ma per sabato ci terrei… capito TU che gestisci le cose da lassù??? ;-)