giovedì, maggio 08, 2008

Una nuova terapia...

Siete stanchi, un po' tesi, magari per il lavoro, magari per qualcos'altro e arrivate a casa che non sapete nemmeno che faccia fare??? Ecco, ultimamente io mi sento spesso così a causa del lavoro che mi stressa un bel po', ma come dice il mio capo progetto sarà una 'fase' e quindi, in generale, prima o poi le fasi passano… nel frattempo, giornalmente mi scontro con i piccoli grandi problemi, risolvendone uno e trovandone cento… solita routine di tutti noi lavoratori. Beh, ultimamente mi sento veramente poco 'sana di mente': alcune sere (e sottolineo 'alcune') sono così tesa e preoccupata che utilizzo lo stiro come terapia per lo sfinimento psico-fisico. Lo so che non occorre molto impegno mentale in questa attività, ma dopo due orette passate in piedi, di fronte ad un asse da stiro con la stirella che sputa vapore incandescente e che vi costringe ad una attenzione minima, almeno per evitare una brutta scottatura, vi posso assicurare che ci si sente 'davvero' stanchi, ancora più stanchi di quando si è varcata la soglia di casa!!!! Non l'avrei mai detto che prima o poi sarei finita per valutare questa odiata attività anche in modo positivo, mi sa che sto diventando davvero un caso serio, ma questo è quello che sta realmente succedendo nella mia vita.
Questa cosa è avvenuta anche ieri sera… Alle ore 17:30 in preda alla demoralizzazione più nera causata dalle mie odiate/amate facciate, spengo il pc… guardo i miei due monitor spenti, negli schermi neri vedo riflessa la mia immagine infelice… e me ne sto lì a rimirarla, mentre frullo frullo e frullo. Scarabocchio disegni di facciate arcate sui fogli che mi stanno davanti, montanti e traversi si incrociano ed io sono sempre più triste, mi creano degli spazi schifosissimi, che io dovrei gestire in un qualche modo… scarabocchio, disegno e poi… inaspettatamente riaccendo il pc, rientro in rete, i due monitor riprendono vita e non vedo più la mia immagine riflessa… Ho trascorso l'ora e mezza seguente a fare prove, a farmi venire mille idee, a provarle e scartarle… e poi alle 19:15, triste come alle 17:30 ho lasciato l'ufficio, raggiungendo Max a casa proprio mentre stava mettendo la macchina in garage. Non ci sono state tante parole, lui non mi dice molto quando vede che sono in crisi, e cosa potrebbe dirmi, in fondo lo sa benissimo cosa si prova quando hai l'impressione di non saltarci fuori, quando non riesci a trovare quel compromesso che comunque possa essere 'accettabile'…
Ceniamo, e faccio anche la crema pasticcera (al posto della scorza di limone metto un cucchiaio di rum…), annaffio i miei amati fiori e poi mi metto a stirare… sì, proprio così, non ci ho pensato un attimo… dalle 20:30 fino alle 22:00 me ne sto lì, mentre con la coda dell'occhio seguo prima 'Un posto al sole' e poi 'CSI'. Poi, dopo la stirella mi metto al portatile e mi meto a realizzare il progettino che mi è venuto in mente per la festa della mamma… Dato che lo so che volete sapere di cosa si tratta, adesso ve lo rivelo. Come sapete mio padre ha un nuovo videoregistratore, ma si tratta di un combi, quindi è munito anche di lettore DVD che piano piano mio padre sta iniziando ad imparare ad utilizzare… Bene, dato l'amore che mia madre nutre da sempre per le fotografie, ho deciso di realizzare una presentazione con le foto che ho utilizzato per la famosa composizione del loro anniversario di matrimonio, una presentazione in cui inserire anche le foto che sono state scartate dalla composizione. Sono abbastanza sicura che un'idea di questo tipo dovrebbe piacerle… ho fatto una prima prova portando una presentazione delle foto che abbiamo fatto a Venezia e lei mi ha chiesto di lasciargliela per potersela guardare con calma… Come sottofondo musicale ho messo Bocelli che lei adora… non vedo l'ora di vedere che faccia farà… :-D
Ritornando a poma… mi sono fermata alle 23:30, ho fatto le borse della palestra e poi sono approdata finalmente nel lettone… Almeno fino alle 2:45 ho dormito molto bene, poi sì, poi mi sono svegliata e questa è tutta un'altra storia… ma l'iper attività della serata è riuscita a mettere calmi i miei nervi… perché c'è poco da fare, quando si è sfiniti, non ci sono preoccupazioni che tengano…
Lo stiro come terapia???? Mah, chissà… la chiameranno la 'stiroterapia'!!!

Nessun commento: