giovedì, maggio 15, 2008

Dai pure...

La solitudine cresce… cresce… e mi devo assolutamente abituare, smettere di pensarci e cercare di essere più serena. Oggi un'altra collega ha dato le dimissioni, questo ricambio mi snerva, sono troppo poco abituata e soprattutto tendo ad affezionarmi troppo alle persone che vedo ogni giorno. Non a tutte intendiamoci, ma ad alcune sì ed ora se ne andrà un'altra persona con cui scambiavo due chiacchiere alla mattina mentre prendo il primo caffè. Ieri sera mi sono persino immagonata al pensiero e soprattutto è successa una cosa stupidissima che mi ha fatto davvero sentire tanto… tanto sola! Ieri pomeriggio stavo tribolando come al solito, brontolavo col programma, continuavo a guardare il codice e non riuscivo a capire perché non facesse quello che gli dicevo… poi provo a fare le stesse cose manualmente ed ecco che funziona ed ecco che mi arrabbio, perché se è fattibile a mano, ce la devo fare anche via codice. Poi mi si accende una lampadina, faccio una prova veloce e funziona!!!! Senza pensarci, ho esclamato ad alta voce rivolgendomi verso il mio compagnuccio di banco 'Ma lo vuoi sapere che cos'era?' Lui ha alzato gli occhi ed in quel preciso istante mi sono resa conto che per un attimo mi ero dimenticata dove mi trovavo e che a lui non importa assolutamente niente di quello che sto facendo. Notando il suo sguardo vuoto e annoiato ho desistito immediatamente ma ho provato una fitta al cuore, come quando ti risvegli da un bel sogno e ti rendi conto che nulla di quello che hai sognato è reale. Il magone è salito, perché mi mancava S. a cui raccontare quello che era successo, per farsi due risate, per non so… per rompere un po' le scatole a qualcuno!!! Non devo rompere le scatole a nessuno??? Che palle ragazzi… allora fatemi lavorare a casa mia, almeno non faccio tutta questa fatica ad alzarmi alla mattina, a decidere come vestirmi per non parlare poi del fatto che eviterei volentieri di dovermi mettere in macchina tutti i santi giorni.
Ci si abitua alla 'finta solitudine'??? E per finta solitudine intendo quell'essere sempre in mezzo alla gente ma non avere niente da dire, perché gli interessi non sono comuni, perché comunque a loro non interessa niente di me ed esigono che io non mi interessi di loro. Parlandone con Max ieri sera, lui mi ha detto una cosa molto vera… che noi ci comportiamo così perché abbiamo avuto esperienze di un certo tipo, perché il nostro primo lavoro è stato per tanto tempo improntato su una situazione famigliare in cui per forza maggiore abbiamo legato. Anche a lui è capitato un periodo di crisi come quello che sto passando io, anzi il suo è stato sicuramente peggiore, perché da un giorno all'altro ha dovuto lasciare una squadra di colleghi con cui si trovava davvero bene, con cui aveva ricreato quella 'famiglia' che possedevamo in Corob. Ora che ha imparato la lezione sta cercando di non instaurare più dei legami molto forti, cerca di essere più distaccato ed è quello che dovrò imparare a fare anch'io per smettere di soffrire e soprattutto resistere, giorno dopo giorno, a tutte queste ore in cui devo tenermi dentro i miei pensieri.
Stamattina la collega di cui vi parlavo ha consegnato le dimissioni, e nel farlo è crollata mettendosi a piangere proprio davanti ad uno dei capi. Quando la sono andata a recuperare in bagno mi si è gettata tra le braccia e mi ha fatto un bel 'sigatino' ed io ho dovuto usare tutto il mio sangue freddo per non emozionarmi. E' giovane, se ne va non perché si trovi male con i colleghi ma perché deve crescere, è intelligente e molto volenterosa quindi è normale che si guardi in giro alla caccia di qualcosa di meglio, ma io la capisco… io lo so cosa significa essere dispiaciuti, non avere altra scelta ma lasciarsi alle spalle un pezzo di anima. Ma è giusto che sia così, è giusto che la vita vada avanti, che le situazioni si evolvano ed io le auguro tutto il bene possibile ed in questi 10 giorni che le rimangono da passare qui, cercherò di essere per lei la sorella maggiore che sono stata sempre, senza pensare, nemmeno per un istante, che poi, anche quei pochi minuti alla mattina, saranno deserti!!!

Nessun commento: