lunedì, aprile 21, 2008

Ti sei stancata del tuo blog????

la risposta è NO! Non mi sono stancata del blog, semplicemente ho meno tempo per scrivere, ed alla mattina appena arrivo in ufficio ho il fisico talmente tanto stanco che non me la sento di mettermi a scrivere, manca un po' l'ispirazione. Ma oggi è lunedì, il lunedì di una settimana 'corta' (per chi se lo fosse scordato, venerdì è festa!!!!) ed alle spalle ho uno dei weekend più spendaccioni di tutto l'anno (almeno spero… altrimenti rischio la bancarotta!!!). Io e lo shopping, rapporto di amore e odio che ogni tanto si sviluppa anche in una maniera normale, ma il più delle volte mi rende brutta, cicciona e con una gran voglia di rinchiudermi in casa per il resto dei miei giorni. Beh sabato mattina siamo andati allo spaccio della Guess, c'era la giornata per i parenti dei dipendenti e siamo entrati insieme alla compagna del fratello di Max che vi lavora. Prima ci siamo dedicati alla parte sportiva e lì non ci sono stati grandi problemi… un pantalone delle tuta ha di bello che va e viene, che i coscioni bene o male ci stanno e quindi abbiamo fatto i primi danni senza grandi patemi d'animo… Poi invece siamo passati all'abbigliamento e lì, quando ho visto la calca delle persone mi è venuto male… Ora faccio una riflessione del tutto personale sull'organizzazione di questo evento e che non vuole essere una critica ma solo un'idea che mi è venuta… In questo spaccio le cose funzionano così: ci sono degli stendini dove sono appesi tutti i capi che si trovano nello spaccio, tu quando vedi qualcosa che ti piace, lo prendi e ti avvicini al bancone apposito dove una signorina guarda il capo che hai in mano e ti va a prendere taglia/colore richiesti. Questo fa sì, che se ci sono tante persone, gli stendini sono quasi vuoti e tu, che giri come una trottola, nel caos non vedi nulla. Quindi a me è venuto in mente, che se ogni capo fosse contrassegnato da un numero e se le persone semplicemente prendessero nota di tale numero su un foglietto di carta e lasciassero i capi lì dove si trovano, tutti potrebbero vedere tutto quello che c'è e si creerebbe anche meno confusione… Non ho delle idee fantastiche????
Comunque siamo stati fortunati, perché le persona che ci ha accompagnati ci ha supportato ed anche sopportato ed alla fine siamo riusciti a fare dei gran bei danni… Dato che lo so che siete curiosi, che morite dalla voglia di sapere cosa abbiamo comprato adesso ve lo dico… per quelli che non fossero interessati… potete saltare direttamente a FINE_DELLA_MANFRINA.
Per me: un pantalone lungo Russel nero con fascione da ginnastica, felpina Russel da ginnastico con scollo a V con riga blu e azzurre, borsa di tela nera Fairly, pantalone stile jeans vita bassa grigio particolare, maglioncino nero di cotone manica lunga tutto elasticizzato e grinzoso (nascondi-rotoli), vestitino nero di raso a manichine corte lunghezza al ginocchio, trench nero con scollo particolare.
Per il tato: tuta completa Russel composta da pantalone e giacca senza cappuccio blu con riga bianche, pantaloni lunghezza bermuda da ginnastica colore blu, bermuda di cotone blu aviatore, jeans di un colore blu particolare, maglioncino sfumato bordeaux acceso con rombi in diversi colori di cotone a maniche lunghe, due camiciole di cotone una bordeaux e l'altra nera.
FINE_DELLA_MANFRINA
Comunque non contenti di queste spese folli del sabato mattina, domenica mattina siamo andati a fare un giro in serra ed abbiamo acquistato un bellissimo Rododendro che si chiama Jack… Sta per fiorire, ha un sacco di boccioli gonfi gonfi che stanno per esplodere e che allieteranno il nostro corridoio… La considerazione che mi viene da fare è che è meglio che andaimo al lavoro, almeno spendiamo meno… altrimenti ci vengono solo delle idee malsane…

2 commenti:

Erica ha detto...

Rieccoti finalmente!!!!
Complimenti... avete svaligiato il negozio :-D
ciao
Erica

Stefano ha detto...

... il rododendro non si chiamerà Jack come ... JACK BAUER ??