venerdì, febbraio 08, 2008

A volte basta poco...

Questa non è proprio una giornata di quelle che non vedo l'ora di affrontare… ho davvero pensato, intensamente e con tutta me stessa di starmene a casa, sotto il mio piumone e mugugnare per i miei numerosi dolori muscolari tutte le volte che volto 'gallone'. Ma il deterrente maggiore è sicuramente ciò che mi aspettava qui al lavoro… è difficile da spiegare ma ci proverò lo stesso… Si sta svolgendo una fiera a Milano che inizialmente sembrava essere una cosa da poco, che coinvolgesse poco il nostro gruppo di lavoro e poi, chissà perché, chissà per come, improvvisamente di una decina di persone che si occupano dell'assistenza, ne è rimasta una sola. Scatta l'automatismo che prevede che in questi casi di crisi, siano i programmatori a dare una mano per l'assistenza, ma questa cosa mi mette in crisi, diciamo che mi mette in crisi il non aver sotto controllo 'totalmente' la situazione. E' una situazione abbastanza normale, il progetto di cui ci si occupa è abbastanza vasto, adesso non voglio che pensiate che si tratta di un progetto stile Nasa, ma comunque essendo abbastanza datato, è cresciuto come un bimbo, espandendosi in lungo e largo ed è difficile avere una visione d'insieme… l'unica persona che la possiede è Do Nascimento e di questo bisogna davvero dargliene merito perché riesce ad assorbire per osmosi info anche delle cose di cui non si occupa in prima persona. Magari non ne conosce i particolari, ma una infarinatura, ed una predisposizione innata a raccontarsi lo rende adattissimo a fare assistenza a tutto tondo. Io invece, purtroppo, devo sentirmi padrona dell'argomento per dare un servizio soddisfacente, in caso contrario mi si nasa lontano un miglio che non ne so mezza. In Corob avevo avuto la possibilità di studiare anche i programmi degli altri e questo mi rendeva sicura di me stessa e capace di dare supporto ai clienti un po' su tutto, mentre qui ho dei lati totalmente oscuri e nemmeno se mi impegno riesco ad inventare qualcosa. Ecco spiegato il mio senso di disagio, il mio non volermi alzare stamattina, il mio starmene qui sulle spine, sperando che venga sera in fretta, incapace persino di ripetere dentro di me che non succede nulla, che se non riesco a rispondere a tutte le domande dei clienti mica muore nessuno, che da lunedì i fieraioli ritornano al loro posto e poi la vita ricomincerà normalmente. Beh, tanto perché comunque io non tergiverso mai quando scrivo i miei post… questo intervento era iniziato dicendo che 'a volte basta poco' per dare un tocco decente ad una giornata che di decente non sembra avere nulla… ed in questo caso è stato il premio che mi ha dato Erica, come avete già visto dal precedente post… Il mio misero diario premiato, dai non fate così che mi monto la testa, che poi penso che vi piace persino leggere le mie cavolate e che aspettate con ansia che vi racconti le mie bellissime banali avventure. Oggi voglio proprio pensare che sia così, che sebbene il mio blog non parli di politica, non tratti quasi mai argomenti seri, possa incuriosire lo stesso, magari anche solo per leggere qualche notizia di un'amica che non si vede tanto spesso… perché il mio diario di bordo vi aggiorna praticamente in tempo reale su tutto quello che combino. Poi, come se non bastasse, non mi limito a parlare di me, coinvolgo anche tutti quelli che mi stanno intorno e parla in special modo dei mio tatone, che nonostante sia un tipo iper-riservato, ogni tanto viene sbattutto sotto i riflettori del mio blog logorroico e poi, quando ci ritroviamo a casa, alla sera, davanti alla nostra solita bistecchina ai ferri, mi dice 'Oggi sono stato nominato un bel po'…' Eh, caro… com'è che si dice? … hai voluto la bicicletta??? Te la sei pure scelta bella ingombrante ed adesso te la devi tenere… nel senso amoroso del termine, s'intende… Anche perché dopo 14 anni di sopportazione vorrei proprio vedere cosa fai senza una borsa come me, ti sentiresti perso, senza una che ti brontola dietro di continuo, che ti riempie la vita… nel senso che ha sempre qualcosa da farti fare!!! ;-D
Chissà se tutte le donne sono rompiballe come me… forse inizialmente non siamo così, da fidanzate siamo accomodanti, carine, disponibili, poi con l'età tendiamo a diventare un po' più acidelle… ma nel mio caso credo che questo cambiamento non ci sia stato, io sono SEMPRE stata acidella… di gran cuore ma acidella una cifra!!! Ecco perché gli amici di Max, di solito lo battezzano… 'Max, Santo subito!!!' Ok, va bene, la smetto di fare la deficiente… sto scherzando… eccchecavolo… sono di un triste oggi in questo ufficio che metà basterebbe, bisogna pure che cerchi di tirarmi un po' su di morale, altrimenti qui scatta la lametta tagliavene…
Quindi che dire ancora… oggi stiamo qui… guardiamo l'orologio ogni 5 minuti e lui se ne sta ben piantato facendomi pensare che non passerà più… stasera pulizie e domani mi regalerò anche una breve seduta dal parrucchiere per una messa in piega da sfoggiare per una seratina romantica che abbiamo programmato per domani sera con tanto di cenetta romantica e dopo cena ancora da decidere… L'evento da festeggiare scade lunedì prossimo, data in cui festeggiamo i 14 anni di fidanzamento, ma lo festeggiamo domani sera, come tutti i vecchietti che si rispettano che durante la settimana non hanno la 'forza' di fare nulla di più di quello che prevede la vita normale. All'inizio avevamo pensato di fare qualcosa di un po' più di speciale, stile un weekend da qualche parte, ma non è il periodo ideale, è meglio aspettare e magari fare qualcosa più in là… adesso non mi resta che augurarvi un buon weekend… se sopravvivio ci risentiamo la prossima semaine… besos...

2 commenti:

Erica ha detto...

Be' visto che festeggiate domani sera: buon anniversario!!!!
ciao, buon week end...
Riposati e non ti affaticare troppo...
Erica

razza75 ha detto...

buon fine settimana e buon anniversario!