martedì, febbraio 26, 2008

La giornata della lentezza...

Sì, ieri sera, verso le 19:15, mentre me ne tornavo a casa dal lavoro praticamente stravolta, di nuovo avvolta nella nebbia che non mi sono nemmeno accorta che fosse salita, alla radio il dj mi dice che era la giornata della lentezza!!! Ah sì???? Ma meno male!!!! Se poi fosse stata quella della frenesia cosa potevo combinare, mi poteva paracadutare da un aereo??? Beh, come al solito esagero, non è stata così tremenda ieri la mia giornata, ma è stata lunga lunga… perché dopo aver accompagnato al controllo mio padre nel primo pomeriggio, sono tornata al lavoro, ho recuperato le ore perse, me ne sono tornata a casa e poi dopo cena mi sono messa a STIRARE!!! Sì, sì lo scrivo in maiuscolo, perché devo ancora capire dove ho trovato il coraggio per intraprendere tale impresa, forse è stato lo stimolo della prima serata Sanremese, perché buttarsi sul divano a sentire quelle canzoni o a sorbirsi la tristezza di alcuni siparietti di Baudo/Chiambretti poteva portare al rigetto della cena oppure ad una sana ronfata. Invece così, mi sono goduta la serata, tra una camicia e l'altra e tra una esclamazione del tipo 'Che tristezza!!!' e la successiva. Effettivamente, ad un certo punto Max si è messo a ridere, aveva perso il conto delle mie esclamazioni di questo tipo, ma cosa volete che vi dica, non potevo proprio farne a meno… Pensa te che la cosa che mi è rimasta più impressa sono quel gruppo di 'non so bene nemmeno come definirli' dei Frank Head… ah, sì… 'desperados' nel senso di disperati, inguardabile da quanto sono brutti, ma di una simpatia travolgente… 2 maialini e mezzo sul palco che saltellano (o rimbalzano?) in qua e in là e che cantano una canzoncina che almeno dice qualcosa, è un po' irriverente, insomma si fa notare… Tra le tristezze assolute spicca la canzone di Toto: ma non sarà mica una canzone per lui??? Dai… dai… La delusione di un Fabrizio Moro che ha una canzoncina che non sarebbe nemmeno tanto male se non ci urlasse dentro come un maiale che sta per essere sgozzato… e la mitica super favorita Anna Tatangelo, che ha fatto qualcosa al suo viso una volta stupendo, facendo scomparire gli occhi, una volta belli ed espressivi, in una fessura… Gran fisico la ragazza, il reggiseno push up è l'unica cosa che i miei colleghi si ricordano della sua esibizione, ma c'era qualcos'altro da ricordare… Ah, sì, che stupida, la canzone di GIGI, che mentre la cantava lei, a me sembrava di sentire LUI…
E poi??? Boh, in questo momento non mi viene in mente nulla, se non il viso di una bellezza imbarazzante della prima valletta di Baudo… ma quanto è bella questa ragazza!!! Dopo l'esibizione di Lenny, ho ceduto e me ne sono andata a letto, anzi quando Pippo si è messo al piano per strimpellare Donna Rosa, io ero già in bagno a lavarmi i denti…
Però tornando alla giornata della lentezza… qualcuno me lo poteva anche dire ieri che dovevo prenderla un po' più con calma… sono cose importanti queste, ecchecavolo!!! Ed invece no, l'ammontare delle maledizioni silenziose che hanno raggiunto telepaticamente il software è stato costante, come negli utlimi 15 giorni… e ieri sera, quando sono arrivata a casa, ho trovato Max messo quasi peggio di me… con un collega sfasciato che ieri ne ha combinate di tutti i colori!!! Nemmeno un pivello, impegnandosi, avrebbe potuto fare più casini tutti in una volta… Pazienza… sì sì ce ne vuole davvero tanta, troppa, in quantità industriale…

1 commento:

Erica ha detto...

Io ieri sera per fortuna mi son pure scordata che c'era san remo :-D
Me ne sono ricordata stamattina vedendo le notizie sui giornali...
ciao
Erica