mercoledì, giugno 06, 2007

Camilla e il grande fratello

All'improvviso, la quieta Modena diventa teatro di una serie di sequestri di persona. Prima scompare un'attrice quarantenne, poi una giovane commessa Coop con ambizioni televisive, un imprenditore, un giovane floricoltore, un'ex modella... Le cose si complicano quando alle redazioni dei giornali viene recapitata una strana videocassetta: in una casa stile Grande Fratello è iniziato un gioco terribile sulla falsariga del famoso spettacolo televisivo. La differenza sta nel fatto che i "nominati" non saranno semplicemente esclusi dal gioco, ma realmente uccisi dagli altri concorrenti. Vista la difficoltà del caso, da Roma vorrebbero che non fosse Camilla Cagliostri a indagare...

In poco più di una settimana, ho divorato questo romanzo, che vi consiglio per una lettura rilassante sotto l'ombrellone o seduti in mezzo ad un verdissimo prato di montagna… Ritrovare i luoghi nei quali vivo in un romanzo è stata un'emozione nuova, che mi ha fatto sorridere, perché riconoscevo le strade descritte, i monumenti, per non parlare dei modi di dire dialettali propri di queste parti… Del resto anche la storia è abbastanza originale, sembra quasi che l'autore non abbia voluto 'strafare' e, a parer mio, questo è apprezzabile…

2 commenti:

PecorellaSmarrita ha detto...

Già messo in wish list! Grazie per la recensione, sembra un romanzo fatto apposta per me!
Un abbraccio,
Pecorella :O)

andrea ha detto...

Ho letto i primi due (Camilla nella nebbia, Camilla e i vizi apparenti).
Mi sono piaciuti, questo lo aspetto in edizione economica (solo perchè ho già 20 libri sul comodino... quindi non ho fretta ;-)
Pederiali l'ho ascoltato giusto venerdì scorso in una conferenza al Castello di Mirandola, insieme ad altri due scrittori (Andrea Vitali e Roberto Perrone), ospiti di un ciclo di conferenze organizzato dal comune e dalla Garzanti.