martedì, aprile 10, 2007

Weekend Pasquale

Archiviata anche questa festività, passata troppo in fretta, mangiato troppo e fatto poco di tutto quello che mi ero ripromessa… e stamattina mi sento molto più stanca di venerdì sera… una bellezza!!!
Comunque, cominciamo con ordine. Venerdì sera ho fatto la doppia tra pulizie e stirella, così sabato mattina dopo colazione ci siamo fiondati a fare la spesa. Avevo in mente di prendermi alcune cosine che mi mancavano tra le quali un top da mettere sotto il mio completino nuovo che, caso strano, sono persino riuscita a trovare… Poi volevo auto-regolarmi un paio di orecchini non impegnativi in argento o in acciaio da abbinare alla mia collanina Breil, ed alla fine Max mi ha fattoun regalino che supera un po' quello che ero intenzionata a spendere… insomma ho fatto i miei bei danni… Finita la spesa abbiamo mangiatoqualcosa al volo e poi siamo tornati a casa… Per la serata avevamo pensato di regalarci un'uscita da fidanzatini con tanto di pizza+cinema e così abbiamo fatto. Siamo stati a mangiare la pizza in una pizzeria a Novellara, la 'Conchiglia' dove a detta di Max fanno una pizza con tanto pesciolino buono… io l'ho presa alle verdure ed era buonissima… poi siamo ritornati a Carpi, dove abbiamo fatto una passeggiata in centro mentre attendevamo il cinema…
Anche se so che Max avrebbe preferito andare a vedere 'Trecento', alla fine abbiamo optato per 'The Illusionist'. Edward Norton è bravissimo come sempre ed il film non è stato male anche se avevo indovinato tutto a mezz'ora dalla fine del film…


Siamo all’inizio del XIX secolo, in Austria. Eisenheim è un adolescente innamorato (e ricambiato) della bella Sophie: la ragazza però, è promessa sposa del Principe Leopoldo, erede al trono. I due sono costretti a separarsi ed Eisenheim scompare dalla circolazione. Quindici anni dopo, il ragazzo è cresciuto e strega Vienna con spettacoli nei quali mette in mostra le sue incredibili doti di illusionista: una sera incontra Sophie, e l’amore si riaccende, ma il Principe Leopoldo, aiutato dall’Ispettore Generale Uhl, capo della Polizia, fa di tutto per stroncare una volta per tutte la relazione…The Illusionist è la storia di un triangolo sentimentale: alla magia dell’amore, si aggiungono gli stupefacenti incantesimi di Eisenheim, padrone del palcoscenico e dell’arte dell’illusione. Neil Burger, il regista, è bravo a raccontare la storia con stile asciutto e a rappresentare una Vienna credibile e vivace, grazie all'eccellente fotografia di Dick Pope. Le uniche perplessità riguardano un plot forse troppo convenzionale, vista la materia trattata, e a cui manca, pur essendo di fatto presente ma troppo prevedibile, un valido colpo di scena finale. La sceneggiatura si concentra sulla storia d’amore e sull’evoluzione dei personaggi, mentre restano appena accennati temi che forse avrebbero meritato un maggiore approfondimento come il contrasto fra scienza e magia e tra raziocinio e immaginazione. Nel cast brillano l’ambiguo Paul Giamatti e la bella Jessica Biel, mentre a sembrare un po’ spaesato e fuori parte è proprio Edward Norton, la cui performance è valida, ma lontana dai suoi (altissimi) standard, quasi che l’attore fosse soverchiato dalla magia del personaggio che interpreta. Menzione speciale invece, per l’eccezionale score di Philip Glass, musicista ricercato e minimalista, che colpisce orecchie e cuore dello spettatore, con melodie capaci di avvolgere il film in un’aura magica. Grazie anche a questo fondamentale contributo, The Illusionist, offre numerosi momenti emozionanti, appassionanti, e una sequenza, quella dello spettacolo con “l’albero di arance “, da iscriversi direttamente nella storia del cinema.


Poi domenica mattina ci siamo alzati ed ho iniziato a prepararmi per il pranzo dalla suocera… Devo dire che l'intento di 'tirarmi a spigolo vivo' è riuscito… con il mio completino munito di top nuovo, orecchini nuovi e soprattutto qualche kilo in meno rispetto all'ultima volta che ci siamo visti, ho ottenuto il risultato ottenuto… l'aver zittito la super donna che nel corso del pranzo si è sempre di più abbacchiata… Non è colpa mia se per Pasqua non ha voluto vestirsi un po' elegantina, sono scelte personali. La mazzata peggiore l'ha ricevuta quando la mamma di Max ha aperto il pensierino che gli ha fatto suo marito, un paio di orecchini e, pensando di essere molto in gamba ha detto 'Voi fratelli G. dovreste imparare da vostro padre…' ed io non ho resistito e le ho detto 'Beh, per Max questo discorso non vale, ho ricevuto anch'io un bel regalo ieri!!!' E' passata da tutte le tonalità del rosso per giungere ad un grigino cenere… :-D
Lasciando perdere queste tristezze, nel pomeriggio abbiamo resistitio alla tentazione di tornarcene a casa e sprofondarci nel divano, ed abbiamo fatto un giretto per Vignola, dove c'era anche una piccola fiera… Poi alla fine la stanchezza si è fatta sentire, ed abbiamo concluso la serata sul divano guardandoci la tv...
Ieri invece è stata la volta dei miei, ma io non ero in splendida forma (un po' come oggi…), dopo pranzo siamo tornati subito a casa dove io mi sono fiondata a nanna per un'oretta prima di guardarci un filmino in dvd. Era tanto che lo rincorrevamo e finalmente siamo riusciti a vedere 'Notte prima degli esami'.

In una colorata estate degli anni ’80 Luca e i suoi amici si preparano ad affrontare i temuti esami di maturità. Ma invece di studiare riescono a collezionare un’incredibile serie di buffe disavventure. A cominciare è proprio Luca che, travolto da insolito coraggio, rovescia su Martinelli, il professore di lettere più bastardo della storia dell’umanità, una micidiale collezione di insulti e accuse. 10 secondi dopo scopre che Martinelli sarà il nuovo membro interno agli esami! E come se non bastasse, poche ore dopo, Luca si innamora di una esuberante coetanea conosciuta ad una festa, Claudia. 10 secondi dopo scopre che è fidanzata con un ragazzo con 20 Kg di muscoli più di lui! Luca però non si perde d’animo e comincia una spasmodica ricerca dell’amata. Di lei conosce solo il nome ma ignora la cosa più importante... che è la figlia dell’odiato professor Martinelli! Nei giorni seguenti... Tutto culmina con la notte prima degli esami... e il mattino dopo nessuno dei nostri protagonisti sarà più lo stesso.
Cosa dire… la colonna sonora è fantastica… dovete perdonare questo mio entusiasmo, ma io ho fatto la maturità nell'88 ed il film è abientato nell'estate dell'87. Troppi ricordi sono affiorati, la musica dei Duran Duran e degli Europe che scuotevano le pareti della mia camera da letto… per non parlare dei pomeriggi estivi passati in discoteca dove, quando programmavano 'The final countdown' ci precipitavamo tutti i pista come degli invasati… Ho divorato con lo sguardo questo film, notando tutti i particolari che mi hanno riportato indietro ad un periodo della mia vita che, seppur non rimpianga, ha fatto parte della mia vita e non va rinnegato.

Ed anche il lunedì se n'è andato velocemente, ci siamo persino spinti ad un giretto a piedi per la metropoli sorbarese, per niente esaltante, ma nonostante questo stancante… Forse stiamo già cominciando ad accusare i primi sintomi dell'allergia, forse la stanchezza che mi ha pervaso deriva da questo, sperimao che passi alla svelta…

1 commento:

andrea ha detto...

ciao, bentornata al lavoro...
anche se sono con un giorno di ritardo!
Notte prima degli esami è piaciuto un sacco anche a me (io ho fatto la maturità nel 94, ma molte delle cose e delle canzoni del film le ricordo comunque...). Sono curioso di vedere il II, e anche the illusionist (anche se mi dice cristina che perde un po' nel confronto con The prestige).
Ciao