venerdì, aprile 27, 2007

Aspettando...

… il ponte… Eh, sì, questa è una giornata di transizione, una giornata in cui l'unico desiderio che ho è che scorra velocemente, che non ci siano 'troppi' intoppi e che da domani, invece, il tempo rallenti, rallenti fino quasi a fermarsi, in modo che i prossimi 4 giorni sembrino infiniti!!! Un desiderio da poco, no??? Secondo me nemmeno il genio della lampada me lo passerebbe… però un tentativo lo posso fare, cercare di staccare talmente tanto la spina da non sapere nemmeno come mi chiamo potrebbe essere una buona terapia per la mia sclerosi galoppante. Nel frattempo che fare??? Riempire i miei 4 lettori con un po' di chiacchiere mattutine, farmi odiare un pochetto da quelli che purtroppo non possono andare da nessuna parte, ma comunque augurare loro che possano realizzare il più presto possibile delle splendide Vacanze!!!
Quindi iniziamo… iniziamo con il breve resoconto della 'insolita' serata di ieri: la pizzata è andata benissimo, mille chiacchiere poco impegnative con persone praticamente sconosciute… la definirei… rilassante. Come potete immaginare l'argomento cult sono state le vacanze… progetti e sogni!!! Purtroppo e questa volta non per colpa mia, mi sono fatta un po' odiare… sarà mica colpa mia se parlavano di futuri viaggi in posti che io e Max abbiamo già visitato. I miei silenzi dopo un po' sono forse risultati sospetti ed ad un certo punto mi hanno chiesto dove andavo di solito in vacanza. Forse dovevo mentire, forse non dovevo snocciolare i posti visitati in questi ultimi 12 anni, ma una volta iniziato, le domande hanno iniziato a fioccare e da lì in poi è finita :-D
Beh, sarà mica colpa mia se il sogno ricorrente è la crociera nei Caraibi, oppure quella sul Nilo, oppure quella nei fiordi norvegesi, oppure un bel giro nelle isole Greche, una capatina a Parigi o a Londra… Sono tutte mete abbastanza classiche e se hai un rapporto stabile con un uomo che ama viaggiare, non hai figli e soprattutto ti va di sputtanare buona parte dei risparmi in viaggi, allora il gioco è fatto… Alla fine una delle ragazze, sempre scherzando, mi ha detto 'Ma sai che fai un po' schifo ad aver visto già tutti questi posti???' ed io semplicemente le ho detto che ho solo fatto esperienze di tipo diverso, non per questo più appaganti…
Ed oggi??? Oggi, come ho già detto, 'ha da passare', tante piccole cose da fare, soprattutto stasera al mio ritorno a casa. Una lavatrice, un ultimo colpetto al bagno, un'utilizzo veloce del ferro da stiro per le ultime cosucce, finire di preparare le valige, la manicure, caricamento vari dispositivi, tipo Ipod e batterie per la macchina fotografica…
Se vincessi alla lotteria saprei già come spenderli, non avrei nessun dubbio: prima di tutto mi comprerei una piccola villetta a schiera, piccola piccola, magari con un bel giardino e poi senza ombra di dubbio, cercherei un piccolo appartamentino a Livigno!!! Il top sarebbe qualcosa da poter poi lasciare in gestione a qualcuno del posto, in modo che me lo custodiscano nei lunghi periodi in cui io non riesco ad occuparmene, magari potrei anche affittarlo, ma poi sì, sarebbe bellissimo avere un proprio nido in un posto che da sempre sento come la mia seconda casa. C'è stato un periodo, quando io ero ancora una bimba, in cui alcuni Milanesi erano riusciti a comprare un pezzetto di terra edificabile e vi avevano costruito una serie di villette per passare le vacanze… ricordo che con mio padre, siamo andati spesso a vedere i cantieri ed a sbavare su questa cosa, perché anche se non lo ammetterà mai, questo è sempre stato anche un suo sogno. Dato che i sogni sono gratis, che mi piace pensare che anche a 60 anni (se ci arriverò) riuscirò comunque, in un modo o nell'altro ad andare ancora tra i mei amati monti… non ho ancora perso la speranza, anche se sono convinta che non vincerò mai alla lotteria, potrebbe essere più probabile che mi arrivi una eredità da un parente lontano di cui non conoscevo nemmeno l'esistenza!!! ;-D


Va bene ragazzuoli, mi dispiace molto, ma la mia mente stamattina non riesce a distogliersi da lì, non ci posso fare molto e quindi forse è meglio che la chiuda qui…


Ci si risente il 2 maggio, nel frattempo auguro a tutti un buon weekend lungo e soprattutto, mi raccomando, guai a voi se vi azzardate a lavorare per il 1 maggio!!!!

giovedì, aprile 26, 2007

Il dopo 25 Aprile

Meno male che non era il 1 Maggio, perché ieri è stata una giornata di intenso lavoro… Chissà perché quando si parte, anche solo per pochissimi giorni, si accumulano tante cosine che si vogliono fare a tutti i costi… In realtà il perché lo so benissimo, perché quando torno non voglio dovermi preoccupare di faccende di casa e quant'altro e quindi faccio di tutto per partire a 'bocce ferme'. Quindi ieri mattina ci siamo alzati ad un orario dignitosamente da festa (verso le 9:00) e ci siamo messi a fare le pulizie prima ed il borsone poi, intervallati da vari attacchini e momenti di sconforto in cui mi sarei volentieri tagliata il naso… poi nel pomeriggio ho tentato di riposarmi un po' anche se non ci sono riuscita un granchè perché i miei cari inquilini del piano di sopra, prima si sono messi a dare l'aspirapolvere e poi a discutere animatamente, costringendomi a mettere i tanti odiati tappi. Ed alla sera, mentre guardavamo un 'bellissimo' film scelto da Max, ho fatto un bel turno di stirella!!! Parlo brevissimamente del film di ieri sera anche perché sono certa che è piaciuto a molti, ed io sono sicuramente contro corrente… si tratta del 'Caimano' di Moretti. Tanto ho amato 'La stanza del figlio', tanto sono rimasta delusa da questo suo ultimo lavoro. Sicuramente un po' è colpa mia, mi aspettavo un film più politico, mentre in definitiva ci sono parecchi riferimenti ad un personaggio politico dei nostri tempi, ma la storia principale è un'altra…

Bruno è un produttore cinematografico di B-movies in crisi sia in ambito professionale che con la moglie, l'ormai ex attrice Paola. Dopo circa 10 anni d'inattività sembra stia per far partire un nuovo progetto sulla vita di Cristoforo Colombo, quando il suo regista di fiducia lo abbandona. Indebitato fino al collo e senza alcun progetto in mente, accetta di produrre il copione di una giovane regista senza neanche leggerlo. Si tratta di un film su Silvio Berlusconi....

Quindi la storia gira tutta intorno a questo produttore, al suo rapporto in crisi, ed ho rivisto una di quelle situazioni che ultimamente il cinema italiano ama molto portare in scena… e se devo essere sincera, non ne posso più!!! Sembra a me o in Italia sembrano esserci quasi unicamente problemi legati alla sfera sentimentale che valgano la pena di essere rappresentati???
Vabbè, mi ero ripromessa di non parlare di questo film e l'ho fatto già fin troppo… aggiungo solo che a Max non è dispiaciuto, anche se mi ha detto che si aspettavo qualcosa di più!!! Ho cercato di sviscerare l'argomento e di capire cosa intendesse, ma non mi ha detto niente di più, ho avuto l'impressione che avesse bisogno di elaborarlo meglio per farsi un opinione più completa.
Nota positiva della serata, è stato il gelatino che mi sono GUADAGNATA, al termine del turno di stirella… un buonissimo magnum cacao-capuccino… BUONISSIMO!!! Mi aspettavo che stamattina la bilancia me lo facesse pagare con gli interessi ed invece no, è stata clemente, si farà viva domattina, con la pizza di stasera nel pancino… Sì sì, purtroppo, nonostante tutti i vostri consigli (tra l'altro giustissimi) non riesco a resistere alla tentazione di pesarmi TUTTI I GIORNI!!! Non mi picchiate, abbiate pietà di me!!! Ve lo ricordate dove vado di bello stasera??? Dato che ormai sapete vita, morte e miracoli della mia squallida esistenza ve lo dovreste ricordare ;-) ...
Stasera ho la pizza con le ragazze del corso in palestra, che non è da confondere con la cena della palestra… si tratta di una cosa molto più informale, un incontro tra noi 'foche spiaggiate', organizzato dalla nostra insegnante… E' la mia prima volta, non ho mai partecipato a cose di questo genere, e spero tanto di passare una serata piacevole e rilassante. Così stamattina mi sono portata dietro un borsone della palestra super pieno. Silvia, ma anche tu ti porti dietro il mondo quando vai in palestra??? Adesso vi dico cosa ci ho messo dentro io, ok??? Allora incominciamo dalle cose standard: pantaloni, maglietta, calzine, asciugamano, bottiglietta dell'acqua e marsupietto dove mettere cell e chiavi della macchina, sono le cose che mi servono per la lezione… accappatoio+asciugamano, beautycase stracolmo e ciabattine per la doccia… In più ci sono i trucchi, regiseno + body + camicetta trasparente per la serata ed un librino sottile sottile scelto appositamente per ingannare l'eventuale attesa prima della pizza. La cosa più scandalosa è il beauty: doccia schiuma, cuffietta, shampo, spuma, pettini e spazzola, cremina profumata, cremina idratante con una goccia di autoabbronzante (sono bianca che faccio schifo ai polli…), deodorante, qualche ciappo per i capelli e lacca… ah dimenticavo, ci sono anche le salviettine struccanti… :-D
Ho riletto il tutto ed ho gettato uno sguardo al borsone che mi sono portata in ufficio subito stamattina per evitare che i trucchi si squagliassero e la camicetta diventasse uno straccio con il caldo che già fa adesso… ed effettivamente è bello pienotto… E per fortuna che non usco quello che mi è stato regalato dalla ditta per cui lavoro, perché è ancora più grande e mi avrebbe consentito di portare più cose ;-)
Utilizzo una borsa che ho comprato allo spaccio della Robe di kappa, minimo una quindicina di anni fa, quando feci quel paio di corsi di tennis… anche quelli soldi spesi bene, dato che poi, è uno sport troppo faticoso e non riesco a far divertire Max. Si dà il caso, che uno dei due capi della ditta per cui lavoro abbia la stessa identica borsa e dato che è color violetto, è abbastanza appariscente e tutti, e dico TUTTI, almeno una volta mi hanno chiesto cosa ci facevo con la borsa del capo… E fin qui niente di strano, più strano è quando ti vedono con una borsa da ginnastica e ti chiedono a cosa ti serve :- Va bene che non ho il phisique du role dell'atleta, ma almeno un pizzico di immaginazione ce la potresti anche mettere, no??? Anche stamattina mi è capitato uno che in ascensore mi ha fatto questa somanda… ed io stavo per dirgli 'Sai mio marito mi ha cacciato di casa e mi sono prasa su qualcosa per dormire sotto il primo ponte che trovo…' Ma poi sono stata 'buona' come al solito e mi sono limitata a dire che stasera devo andare in palestra e lui 'Ah davvero??? Non l'avrei mai detto che eri una da palestra!!!' UHMMMMMMM… cosa devo dedurre da questa affermazione… facciamo che non l'ho sentita ed adesso che l'ho scritta me la dimentico immediatamente… però potevo sferrargli un bel pugno con i nuovi muscoli che sto sviluppando nei braccini!!! :-D
Ultima nota divertente della giornata di ieri… Vi ho parlato della casetta per i bimbi che un inquilino ha comprato e posto nel giardino vero??? Beh, ieri sera avevamo pensato di innaffiare il giardino e quindi, senza stare a disturnare nessuno io e Max, siamo andati a spostarla sotto il portichetto perché non si bagnasse (ci siamo guadagnati 10 minuti di paradiso, no???) e verso le 9:5 suona il campanello ed il capo famiglia, nonché padrone della casetta ci dice 'Vi da fastidio la casetta nel prato, perché ho visto che è stata spostata ed io l'ho rimessa al suo posto!!!', io mentre stiravo gli ho semplicmente detto 'Stasera parte l'impianto di irrigazione e volevamo evitare di bagnarla'. Alchè sto giandone con una forza da maciste ci fa 'ah, ok, allora vado a rispostarla'. Io ho due cose da dire:
Uno: Ma secondo te se qualcuno l'ha spostata può essere che ci sia un motivo??? Prima di tornare a posizionarla non valeva la pena chiedere???
Due: Dato che ha detto che è stata quella nulla facente della moglie ad accorgersi che la casetta era stata spostata, mi domando… ma bip di quella bip, non fai un emerito c… dalla mattina alla sera, se viene una folata di vento ed un mucchio di foglie ustruisce la porta di ingresso sei capace di startene lì a guardare l'accaduto senza muovere un muscolo che sia uno, però te ne sei accorta subito che la casetta era stata spostata ed hai sguinzagliato il tuo cane da tartufi!!! Delle donne FURBE al mondo ce ne sono un bel po'!!!!
Cavolo… la casetta non è pesantissima, ma secondo me da soli è un po' pesante, ma lui ci riesce senza problemi, dovete vederlo sbadilare la neve… una forza della natura… ma quanto a cervello…

martedì, aprile 24, 2007

No respiro...

Dunque, sono le 8:15, ed ormai da mezz'ora mi soffio il naso senza sosta!!! Respiro a fatica ed oltre al solito prurito al naso, gli occhi mi pizzicano e sono a rischio di farmi colare quel filo di mascara che ho avuto il coraggio di mettere stamattina prima di uscire. In ufficio c'è un caldo atroce, ma se apro le finestre comincio a starnutire ancora di più e così per il momento i miei colleghi stanno soffrendo in silenzio… Nel frattempo, col fazzoletto perennemente incollato alla mano sinistra, anche scrivere queste poche righe diventa una cosa faticosa e l'unica cosa che veramente mi solleva lo spirito è che domani mattina a quest'ora sicuramente non mi troverò seduta a questa scrivania, anche se non posso assicurare che non avrò il fazzoletto tra le mani :-D ...
Lo so che mi odierete, soprattutto all'alba di una festa, ma non so cosa darei per un bell'acquazzone che mitigasse questa improvvisa e devastante fioritura...
Sono passate ore, nel frattempo… Una riunione, un tentativo di iniziare a guardare i nuovi compiti che mi sono stati assegnati (addirittura ho ereditato quelli di cui all'inizio si doveva occupare Baldo…), tralasciando ancora una volta la mia listarella di cose da fare… Durante la riunione, io ho avuto il coraggio di tirare fuori i miei appunti ma giuro che è stata l'ultima volta… tanto adesso quello che fa fede è il nuovo bilino del capo progetto… un 'bagaglio' web, su cui lui si diverte tantissimo ad inserire i 'ticket' ed ad essegnarli ai SUOI programmatori (=schiavetti). E' un bellissimo giochino e lui si comporta proprio come i bimbi quando gli regali il nuovo giocattolo… Chissà se farà proprio come i bimbi e tra qualche settimana se ne stuferà… Nel frattempo noi lo assecondiamo, segnamo i nostri commenti quando chiudiamo gli argomenti ed inseriamo ticket nuovi che lui, inevitabilmente sposta da un 'milestone' ad un altro… Che belle parolone, mi sento tanto una tipa all'avanguardia, una che ci sta dentro!!! ;-)
Ho ceduto ragazzuoli, mi sono fatta dare un antistaminico da Do Nascimento, che oltre ad essere il mio pusher di coca cola light, in questo momento è diventato anche il procacciatore di medicinali… Prima di andare dai miei, mi precipiterò in farmacia per procurarmi la droga, ormai ho capito che quest'anno mi devo rassegnare, se non voglio stare malissimo… Non so se è per la bontà dei colleghi che tengono le finestre ermeticamente chiuse o se il pastiglione sta già facendo effetto, devo dire che sono almeno 10 minuti che non mi strofino il naso… quasi ho paura a scriverlo… Portente sta roba!!! Si vocifera che queste pastiglie dovrebbero portare sonnolenza… uhmmm… più di quella che mi porto dietro in queste giornate??? Allora sono proprio destinata ad addormentarmi in piedi…
Scusate se salto di 'palo in frasca' ma è troppo bello… ieri Minnie (il capo progetto) mancava ed ha mandato un service pack che non partiva ed ora a 5 minuti dalla sua dipartita per il mega ponte… ha mandato un altro Service pack ad uno dei clienti più 'esigenti'… con il nome mio e di un altro sfigato come riferimento… Anche questa volta ho perso l'occasione di stare zitta e glielo ho detto… scherzando ma non troppo… è un cioccapiatti… ormai è diventata un'abitudine, fa i service pack, non li prova nemmeno e poi se ne va da qualche parte… ma si può??? Sì sì, si può e come, perché lui è Minnie e si sa, ha certi vantaggi… Pazienza, speriamo che anche i clienti facciano il ponte e non vengano colti da strane smanie di installazione di service pack spediti in extremis… con sto caldo andranno bene tutti al mare???!!!
E nel frattempo è giunto il pomeriggio, parlo piano, anzi pianissimo… sembra che questa volta la 'droga' sia di quella veramente buona… ho quasi il naso libero… boh, forse ho esaurito gli starnuti, che ne dite??? Chissà forse oggi riesco a fare qualcosina, senza il fazzoletto perennemento in prossimità del naso… Stasera palestra e domani… valigia!!! Sì sì domani preparo il valigino livignasco :-D !!! Non ho ancora ben deciso cosa metterci dentro, ma penso che sarà un po' misto, se la stagione regge forse non ci sarà freddissimo nemmeno là… probabilmente meno freddo del giugno dell'anno scorso. Dire che non vedo l'ora è riduttivo, mi sembra ancora così lontano sabato, eppure cosa volete che ci voglia, domani è festa, giovedì e venerdì si lavora ed è subito sabato mattina. Non so ancora a che ora vorrà partire Max, per me va bene anche verso le 7:00… prima si parte, prima si arriva :-D e poi basta, per quattro giorni voglio solo le mie montagne, il mio tatone e niente più… stacco il cervello, stacco tutto e non se ne parla più!!! I miei ieri pomeriggio sono stati a Zocca ed hanno detto che già lì si stava benissimo, si respirava meglio e quindi volete mettere andare a 1816 m … mi si aprono i polmoni solo al pensiero!!!

lunedì, aprile 23, 2007

L'invidia è una brutta bestia...

Vi sto per raccontare un breve siparietto successo a casa dei miei oggi a pranzo… I miei abitano in una piccola villetta indipendente in una viuzza della periferia. Di fronte alla loro casa c'è un condominio a tre piani dove abitano le stesse persone da decenni proprio come i miei. Diventando anziani, sono diventati ancora più bragheri di quanto non siano già di natura e tengono TUTTO sottocontrollo, sbirciando i movimenti che si svolgono in strada dalla finestra della cucina. Essendo una villetta a piano terra, stando comodamente seduti al tavolo della cucina si vede la strada ed è diventata anche una mia abitudine, quella di addocchiare ogni tanto fuori dalla finestra.
Ad un certo punto, oggi uno di quelli che abitano nel palazzo di fronte, sbuca dalla porta di ingresso con un paio di valigini. Subito non ci faccio molto caso perché so che sua figlia abita in toscana e spesso i genitori vanno a trovarla, ma poi… dal manico dei valigini spunta qualcosa di strano, guardo meglio ed una di quelle targhettine che le agenzie di viaggio ti danno da attaccare alle valige…
Ops, qui non si va dalla figlia, qui si va in vacanza… arghhh… nel frattempo arrivano anche la moglie e la sorella di lui, ed hanno quindi un valigino a testa, nemmeno tanto grande e tutti e tre hanno un portadocumenti da tenere a tracolla tipico della Franco Rosso e dall'Alpitour… Non ho visto nessun logo, quindi si tratterà di una cosa meno conosciuta, ma è senza dubbio un porta documenti da viaggio. Addocchio come sono vestiti: lui è in manica di camicia con un giubetto senza maniche beige stile pescatore ed un paio di jeans, la moglie e l'altra pippa sono in completo di jeans super truccate e con i capelli freschi di parrucchiera… Mi sa proprio che siano da mare… mi sa proprio che l'odore sia quello di una settimanina in Egitto magari a Sharm… ARGHHHHHHH...
L'invidia sale e, senza accorgemene, è già da un bel po' che sto snocciolando le mie ipotesi ad alta voce, con i miei che mi stanno ad ascoltare senza battere ciglio un po' increduli. Poi arriva un taxi, caricano i valigini e partono, sicuramente direzione aeroporto. ARGHHHHHHHHHHHH… a questo punto sbotto 'Voglio anch'io salire su un aeroplanino… non mi importa nemmeno di dove va!!!!'
Tranquilli, i miei lo sanno che non sono normale, ma al mio quinto mugugnare 'Voglio andare in vacanza…' mio padre mi fa 'Pensa, io morirò senza essere andato in aereo', ed io di rimando 'Beh, guarda se ho un po' di fortuna in settembre ci vado anche per te!!!'
Lui rincara la dose 'Se vuoi fare un bel viaggetto in aereo devi andare in Australia' e lì è riuscito a spiazzarmi…. ESATTO!!! Come non considerare l'eventualità di andarci??? Ok, adesso pensiamo al Messico, però anche l'Australia potrebbe essere una bella idea per un prossimo viaggio super importante…
Insomma, il resoconto finale di questa pausa pranza è una striscia consistente di bava da invidiosa che ho lasciato sul vetro della finestra della cucina dei miei, guardando quei signori andarsene, beati loro, in VACANZA!!!

Lenta... lenta...

Sì, stamattina sono lenta, quasi sonnecchiante, con la retro inserita, e con una voglia incontenibile di non fare assolutamente nulla!!! Weekend senza troppe pretese alle spalle, che ho passato il più possibile chiusa tappata in casa per cercare di evitare i numerosi attacchi di allergia. Il risultato è stato un sostanzioso sfondamento del divano e soprattutto un slavoricchiare intenso intorno alle varie cosucce che ho in esecuzione. Ho terminato la terza ed ultima sciarpa di lana destinata, come le altre due, ad essere il prossimo regalo di Natale per le mie colleghe… Le tendine a Filet per la cucina proseguono, ho quasi terminato la prima striscia ma sono un po' preoccupata per il quantitativo di cotone che sto utilizzando, mi sa che alla fine non ne avrò abbastanza… Ci sto già pensando da un po', ma non so come dirlo a Max che dovremmo fare un altro ordine per rimpinguare questo cotone… E nel frattempo ho iniziato la prima delle magliette di cotone… ho fatto già il davanti e sono a buon punto anche del dietro… ad uncinetto vado come una scheggia… Ho iniziato quella rosa, che tanto rosa non è essendoci pezzi di cotone, rosa, fucsia e rosso che miscelati insieme mi sembrano molto carini… Con i miei pantaloncini neri dovrebbe stare molto bene, staremo a vedere, mi sembra che sia un po' strettina, adesso che sono dimagrita, mi è venuta la mania di non voler più portare le cose troppo larghe, che fino a l'anno scorso amavo intensamente… Il risultato sarà che ho fatto male i conti e che non ci starò dentro… :-(

Del resto non abbiamo fatto un granchè, sabato mattina Max si è dedicato ai giretti vari ed io ho avuto l'insana idea di pulire a fondo il garage. Operazione necessaria ogni tanto, perché, come forse ricordate io in garage ho la lavatrice e ci stendo anche e quindi è necessario mantenere un po' sotto controllo la pulizia di questo luogo se non ci si vuole trovare dei ragni nelle mutande o cose del genere… Tra l'altro, il nostro garage, non solo non è umido, ma sembra essere un ricettacolo di ragnatele e relativi generatori di essa… così, munita di aspirapolvere ho fatto strage e poi ho lavato per terra lasciando un bellissimo profumino di fiori ovunque. Tutto bello e semplice se non fosse che ho sofferto come un cane, fatto mille starnuti e pianto le lacrime degli ultimi 5 anni. Poi basta, nel pomeriggio ho cercato di riprendermi con scarso successo, pizzino veloce in compagnia dei miei e poi ci siamo guardati 'The Black Dalia'. Non ho intenzione di commentarlo, voglio riservarmi di leggere il libro, ci ho capito veramente poco… Forse ero un po' distratta dal mio 'gucciare' incessante, ma anche Max non mi è sembrato molto convinto… Boh, che ne so, mi è sembrato confuso, mi sono solo piaciute le ambientazioni e le scenografie…
Domenica invece all'insegna del dolce non far niente… ma proprio niente… o forse qualcosa di meno del niente… insomma una cosa scaldalosa… Max si è guardato le regate (ne ho guardato un bel pezzetto anch'io…) e poi ci siamo guardati la finale del GF 7 che avevamo registrato giovedì sera…


Per quanto riguarda le regate, il momento più bello è stato quando Max mi fa 'Il momento più emozionante è la partenza se vuoi rimanere a vederla prima di andare a farti la pennichella…' ed io 'Ok, vediamo questa partenza…' Per 10 minuti le barche gironzolano in un senso non ben stabilito e poi d'un tratto appare sul video una linea tratteggiata che dovrebbe essere la linea di partenza, una sirena si ode in lontananza e le barche partono attraversando questa linea ed a seconda della loro posizione al momento del suono della sirena possono essere avvantaggiate oppure no… Uh… che emozione!!!! Sono rimasta lì a guardare sti due affari che veleggiavano e mi dicevo… 'Acciderbolina, se questa è la parte più emozionante è meglio che vada, potrei avere un attacco di sonno fulminante!!!'. Al di là di fare il tifo per le barche italiane… ricordiamo che ce ne sono ben tre (Luna Rossa, Mascalzone latino e +39) simpatizzo fortemenete per la barca africana Sho Sho Louza (se non è scritto così, mi perdonerete)… unica imbarcazione su cui si parla ITALIANO!!! Simpatizzo anche per +39, poverina, con la sfiga dell'albero scocciato è a tre su tre perse… e si stanno già aprendo le scommesse 'Riuscirà a vincerne almeno una???' A questa domanda Max ha risposto… 'Beh, dai forse contro i cinesi abbiamo qualche speranza…'. Boh, la barca dei cinesi a me piace molto con il dragone dipinto sullo scafo, staremo a vedere…

Invece aprendo una piccola parentesi sul GF 7, dato che per tutta la durata del programma ho resistito alla tentazione di parlarne, ora è arrivato il momento… Quindi, voi tutti che odiate i reality, saltate questa parte…

Premetto che il GF è l'unico reality che seguo insieme a 'Ballando con le stelle…'. Negli anni scorsi seguivo anche le strisce quotidiane del GF, mentre quest'anno mi sono limitata alla visione della puntata del giovedì (sempre rigorosamente registrata per evitare le mille pubblicità) e le puntate imperdibili della Gialappa's… Fin dall'inizio ho sperato che vincesse Milo, penso che abbia saputo giocare nel modo giusto questa partita, con i suoi modi di fare da romanaccio su cui a volte ha calcato la mano, la sua fintissima attrazione verso Guendalina (solo perché aveva capito di che pasta era fatta…) e il suo essere sempre avanti di un passo rispetto agli altri. Li ha manovrati tutti, ha fatto in modo di non essere mai in nomination (forse solo una volta lo è stato...) ed alla fine, ha rischiato di non vincere perché i nervi gli hanno ceduto… Non credo che la scenata che ha fatto con Alessandro fosse in programma, la doveva gestire in modo diverso, bastava che dicesse una delle solite frasi che dicono tutti 'Non potevo nominare le persone con cui ho iniziato questa esperienza…' ed il giochino era fatto… invece i piagnistei hanno giocato a suo sfavore e solo per un soffio non ha rovinato tutto… Di tutti gli altri presenti nella casa, pochi rimarranno nella mia memoria… Giovanna, Michele, Alfredo, Dominique, Sonia, Diana, Francesca, Simona penso che non mi diranno più nulla tra qualche mese… Forse ricorderò la coppia Mirela e Raniero, lei perché è stata l'unica 'fregata' realmente dai suoi amici ed in particolare dalla sua migliore amica Melita e lui, perché un 'poco di buono' nella casa ci mancava!!! :-D Non parliamo di Melita che è degna compagna del suo presunto ex-fidanzato Luca che adesso fa il sapientone in mezzo alle contadine di quel reality inguardabile che si chiama 123-stalla. Alessandro, se l'ho capito almeno un po', non gliene può fregar di meno di una come Melita, come non gliene fregava nulla di Diana, lui non ha scelto, si è lasciato scegliere come strategia per cercare di arrivare il più lontano possibile… bravo, ma adesso vedremo di che pasta sei fatto!!! Garibaldi è stato stupido, non ha capito quanto era importante rimanere nell'ombra di Milo, cosa invece che ha capito totalmente Andrea, finto insulso che per tre mesi non ha fatto altro che tentare di stare nel mezzo… Guenda è più intelligente di quello che sembra, se si fosse staccata dalle due cretinette Francesca e Simona un po' prima, forse poteva arrivare più in alto, ma va bene così… lasciamola tornare nel suo mondo fatto di scarpe e soprattutto di soldi, lei e Milo si incontreranno solo a Buona Domenica.
Ed infine non scordiamo Orsakkio, il personaggio più irritante, più antipatico a pelle che io abbia mai visto in tv… la Gialappa's ne ha fatto un DIO, e, per chi non conosce il tipo, può anche essere divertente… Sì, divertente ma a dosi infinitesimali… dopo un paio di minuti di Massimo uno è già a posto… Lasciatemelo dire, io che purtroppo ne conosco più di uno di 'ingegneri' di quello stampo. Ma nella mia memoria rimarrà sempre la sua immagine della prima mattina passata in casa, quando cercava invano di far funzionare la macchinetta del caffè. Un bottone, c'era solo un bottone su quella dannata macchinetta e lui non ce l'ha fatta, ha cercato le istruzioni, ha rimirato da ogni angolazione l'oggetto misterioso ed alla fine ha gettato la spugna andando a chiamare Mirela… BRAVO!!!! Continua e contare i passi in giardino, va, che forse fino a 10 ci arrivi!!!!


Ecco fatto, con le luci che si spengono su una casa sempre più grande, con la grande innovazione della discarica, dove forse i ragazzi si sono divertiti di più che in casa, abbiamo sfornato un altro gruppo di fenomeni che per qualche mese rivedremo ospitati mixati a tutti gli altri fenomeni da reality e poi… puff… la maggior parte di loro entrerà nel dimenticatoio, qualche giornaletto ne seguirà le vicende private se si relazioneranno a qualcuno d'importante, magari entrando nell'harem di qualcuno ;-D …


Chissà forse rivedremo Alessandro nel cast di Carabinieri… i bellocci da reality finiscono a volte in telefilm di questo tipo…

At first sight

There are a few things Jeremy Marsh was sure he'd never do: he'd never leave New York City; never give his heart away again after barely surviving one failed marriage; and most of all, never become a parent. Now, Jeremy is living in the tiny town of Boone Creek, North Carolina, married to Lexie Darnell, the love of his life, and anticipating the birth of their daughter. But just as his life seems to be settling into a blissful pattern, an unsettling and mysterious message re-opens old wounds and sets off a chain of events that will forever change the course of this young couple's marriage.

Ok, ho scoperto un altro autore che riesco a leggere in inglese senza grandi difficoltà, un autore che seguo da molto tempo, l'unico che leggo di questo genere. Sto parlando del genere rosa, non sono una grande appassionata di questo genere ma Nicholas Sparks è diverso, molto meno 'mieloso', anche se alla fine i buoni sentimenti trionfano sempre. Beh, stanotte, complice la strana incapacità di addormentarmi che mi ha aggredito, sono stata completamente assorbita da questo libro e stamattina, quando sono uscita di casa me lo sono portata dietro perché ormai mi mancavano troppe poche pagine e pensando alle vicende lette stanotte avevo ancora il cuore gonfio… Inaspettatamente, il romanzo ha preso una piega che mi ha lasciato letteralmente di sasso, e quando ci sono in mezzo bimbi, mi si tocca un 'nervino' scoperto. Così, stanotte, era più dell'una quando Max si è svegliato e mi ha chiesto se stavo poco bene e poi mi ha costretto a spegnere la luce… Ma questo non è stato sufficiente a spegenere le emozioni che stavo provando leggendo quelle pagine ed ora, i miei occhi non ne vogliono sapere di stare aperti.
Questo romanzo è il seguito di un primo libro (True Believer) che aveva sempre come protagonisti Jeremy e Lexie, al termine del quale i due si erano innamorati, nonostante la diversità della loro vita. In questo invece, i due sono in attesa di diventare genitori, organizzano il matrimonio e ristrutturano la loro futura casa e se, la prima parte del romanzo, è molto leggera ed anche un po' 'stupidina' con Jeremy che soffre di gelosia nei confronti del passato inconfessato di Lexie, la seconda parte, è tutta incentrata sull'attesa del lieto evento, senza un attimo di tregua e di relax, per poi sfociare nella tragedia finale… Non vi dico nient'altro, anche se credo che nessuno dei miei 4 lettori abbia mai pensato di leggere un libro di Sparks…

venerdì, aprile 20, 2007

La radio...

Come sapete, anche se saltuariamente e non per tanto tempo, giornalmente ascolto un po' di radio, e, dato che sono una abitudinaria, si tratta sempre di Radio Bruno. E' lei che mi sveglia alla mattina, o almeno che ci prova… è lei che spesso mi accompagna al lavoro fornendomi informazioni sul meteo con il collegamento delle 7:30 con Emilia Meteo e dandomi qualche informazione di cronaca locale col tg delle 7:45… Poi alle 12:15, quando esco dal lavoro,Greta mi accompagna per quei 5 minuti che mi dividono da casa dei miei… Alla sera invece di solito la tradisco, ascoltando la musicassetta di turno, che in questo momento è quella di Mika… Mentre faccio le pulizie è la migliore compagnia, sento qualche cavolata dal dj di turno e qualche canzonicina… Beh, oggi mi è venuto voglia di parlare di questa compagnia per raccontarvi una delle tante cavolate che succedono di continuo…

Faccio una piccola premessa… Lavorare in open space significa che se le giornate non sono tese, ci si può permettere di canticchiare una canzoncina, che inevitabilmente entra nella testa di tutti quelli presenti… stamattina i ragazzotti che stanno alle mie spalle hanno inziato con 'Pensa' quella di Fabrizio Moro che ha vinto la sezione giovani del Festival di Sanremo. Dato che le parole sono solo un optional, la strofa è stata storpiata nei modi più impensabili, con mille rime improbabili e frasi non ripetibili… Alla fine non ne potevo più, perché se alle 9:00 è una cosa carina, alle 10:00 una cosa simpatica, alle 11:00 viene da tirar fuori un bazuka… comunque mi ha accompagnato fino alla pausa pranzo, e, con un sospiro di sollievo mi avvio verso la mia macchinina… l'accendo e premo il tastino della'autoradio… Sono rimasta per un istante impietrita… le prime note di quella 'maledetta' canzone uscivano dagli altoparlanti come una vera e propria beffa… ho persino pensato 'guarda te mi hanno talmente tanto frantumato i timpani con questa canzone, che adesso la sento ovunque!!!' pensando di riconoscerla in una canzone che non era in realtà quella… ed invece no, era proprio quella e quando me ne sono resa conto, ho sorriso e me la sono riascoltata TUTTA!!! Questa volta non era nemmeno storpiata, le parole erano quelle giuste…
Alla fine della canzone Greta ha ricordato il titolo della canzone appena ascoltata ed io, dal mio abitacolo ho esclamato 'Ma va???' sì perché ormai, parlare in macchina anche quando si è in fila non fa più specie, nessuno ci bada più, lo fanno tutti parlando in un auricolare collegato al telefonino, ed io invece approfitto di questa nuova moda per canticchiare o parlare da sola… Lunghissimi discorsi, qualche constatazione sui personaggi che mi circondano, sui vari comportamenti più o meno ortodossi si alcuni piloti… oppure parlo semplicemente come fanno i matti, parlo delle mie cose come se le raccontassi ad un'amica… insomma una psicologa da queste parti probabilmente non guasterebbe!!! ;-) Poi però Greta ci si è messa di impegno… all'Uno alla volta (piccola rubrica che consente ad un ascoltatore di andare in diretta e di richiedere la propria canzone) un tipo il cui nome mi sfugge, richiede una canzone che recentemente ho sentito nominare in un film… 'Self control' di Raf. Ed io, sempre parlando da sola, 'Ma dai, bravo, era una vita che non la sentivo…'. Così ho visualizzato la musicassetta con la copertina azzurra che poi era una doppia cassetta che conteneva, tra le tante canzoni di Raf, anche questo mito. Così, ho raggiunto casa dei miei, canticchiando una delle mie canzoni preferite, dei mitici anni 80, quando io ero una adolescente, quando cercavo di capire il testo delle canzoni, scrivendole sul diario e con il vocabolario di inglese alla mano, mi esibivo in traduzioni non sempre di senso compiuto… Questa insieme a 'Cosa resterà degli anni 80' rimarranno per sempre nel mio cuore, tra le tante canzoni che hanno segnato quegli anni…


E nel frattempo Max mi ha informato che Luna Rossa e Mascalzone latino hanno vinto la loro prima regata… queste sì che sono le cose importanti della vita… era da lunedì che mi disperavo perché a Valencia non c'era vento!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Mentre +39 è andato malino con l'albero 'inscocciato'… fate finta che queste ultime righe le abbia scritte Max, io mi ero già dimenticata che il weekend che mi aspetta sarà penso tutto all'insegna di questo avvenimento… :-D

Nebbia agli irti colli...

… con l'eccezione che qui di 'irti colli' ce ne sono veramente pochi!!! In compenso però, anche stamattina, la nebbiolina/foschia ingrigisce il piatto panorama che mi circonda e quel senso di oppressione che provo normalmente in questi giorni a causa dell'allergia ne risulta aumentato…
Poi, come nota positiva c'è che è venerdì, anche se io vorrei fosse già sabato… Ormai questa è diventata la giornata più impegnativa tra le pulizie e poi, se fossi davvero brava anche la stirella… E dire che ieri sera mi era anche venuta una mezza voglina di mettermi un po' a stirare mentre guardavo la tv, ma poi ho un handicap abbastanza importante dovuto all'impossibilità di utilizzare la lavatrice con quasiasi altro elettrodomestico. Quindi ho dovuto rinunciare e stasera, volente o nolente, mi tocca!!! Pensate che ai bei tempi, prima dell'avvento di questo nuovo e mirabolante contatore elettronico, mentre facevo le pulizie utilizzavo simultaneamente le seguenti cose: lavatrice, aspirapolvere, vaporì e stereo… E non è che alla fine consumassi più energia, ottimizzavo solo i tempi, concentrando più attività in una volta sola, mentre ora mi tocca di fare le lavatrici nelle sere più impensate e comunque quando non ho in programma altre attività ludiche… Comunque ogni tanto ci provo… del tipo 'Sto facendo la lavatrice a 30°, vuoi che non riesco ad usare il micronde per 2 minuti???' PUM!!! Tutti al buio dopo 30 secondi…
Del resto non ho molto da raccontare, ieri sera, seppure la voglia non ci fosse mi sono costretta alla palestra ed è stato un bene… piano piano sono riuscita a scaricare un po' di tensione, aver accumulato altri addominali su quelli che già mi facevano male, ha avuto un effetto positivo, poi mi sono rilassata con un mega doccione (non avevo più voglia di uscirne…) ed insomma, mi sono un po' aggiustata!!! Ultimamente, in quella mezz'oretta che passo nello spogliatoio, trovo sempre qualcuno con cui scambiare due chiacchiere, magari una di quelle ragazze che fanno il corso con me: non si parla di niente in particolare, cose di tutti i giorni, qualche accenno al lavoro, insomma di solito sono pensieri, anche forse slegati l'uno dall'altro che derivano dal rilassamento post allenamento. Non essendo mai stata una frequentatrice accanita di ambienti sportivi, non ho mai vissuto in un ambiente così, nel senso che sono sempre andata in palestra, frequentato corsi per poi scappare immediatamente a casa senza salutare nessuno… ed ora invece mi sorprendo a chiacchierare con complete sconosciute, chissà forse è la sclerosi che avanza, tipo le vecchiette che cercano di attaccar bottone con tutti quelli che incontrano :-D

giovedì, aprile 19, 2007

Questa volta...

… non sono riuscita a dirle nulla, questa volta sono rimasta senza parole, con i lustrini agli occhi, con quell'atteggiamento che tanto odio nelle persone, perché quando parli con qualcuno dei tuoi problemi, l'ultima cosa di cui di solito si ha bisogno è che uno si immedesimi talmente tanto con te da mettersi a piangere insieme a te…
beh, oggi pomeriggio mi è successa anche questa, ho toppato su tutta la linea, tanto per completare in modo degno questa giornatina…
Si tratta di una mia collega, di una ragazza di 25 anni che da qualche mese è sottoposta ad ogni tipo di torture a causa di alcuni problemi di salute e ieri ha subito una serie di visite super fastidiose il cui esito non è stato per nulla incoraggiante… Anche se i risultati non sono definitivi, diciamo che non ci sono molte alternative e le si prospettano mesi molto pesi ed insomma… io la ascoltavo, come faccio di solito, e lei parlava ed io la guardavo e mentre a lei gli si inumidivano gli occhi, sentivo che anche i miei non erano belli in forma… e intanto mi dicevo 'Stupida!!! Che c… fai??? Ti metti a piangere anche tu???' ma non ci ho potuto fare nulla, le sue parole mi hanno ferito dentro, il suo racconto mi ha fatto immaginare cose che per fortuna posso solo immaginare ma che non avrei voluto vedere nemmeno con gli occhi della mente. E lei aveva bisogno, bisogno di sfogarsi con qualcuno, di dire a qualcuno cosa effettivamente sta passando e sa che con me può andare tranquilla perché, se c'è una cosa che riesco a fare bene, è ascoltare… Sì, l'ho ascoltata, ma quando è stato il momento di infonderle un briciolo di coraggio, non ci sono riuscita, sono rimasta lì, occhi umidi e sguardo fisso nei suoi occhi, quello sguardo odioso che dice 'non sai quanto mi dispiace!!!' Ma cosa se ne fa lei del mio dispiacere??? Sono una stupida… una 'inutile' stupida!!!

Non c'è tregua...

Due sere di relativo relax culinario = quasi un kilo in più!!! Non c'è proprio tregua per noi ciccioni 'dentro e fuori'!!! Un minimo di elasticità, un breve periodo di 'mangio quello che mi pare e non ingrasso'… no, no, no, no!!! Come dice spesso e volentieri un mio collega seguace accanito di Budda 'La vita è dolore!!!'. Sì, me ne sto accorgendo, un bel mix di dolore fisico e mentale… Fisico perché, come ormai d'abitudine' ho male ovunque, l'allergia mi tortura e dopo tutti questi mesi di palestra continuo ad avere la carne cattiva come se fosse la prima volta. Morale perché le giornate passano una dopo l'altra con le solite cavolate, con le solite facce che, quando sei fortunata, ti guardano male, altrimenti manco ti vedono (l'effetto di questa dieta è stata devastante, per alcuni sono trasparente!!!).
Che dite, sono così giù a causa di questa cappa devastante di grigiume che incombe sulla bassa pianura padana??? Mah, non credo che si tratti di questo, più che altro si tratta di stanchezza che si sta accumulando oltre la soglia del sopportabile, una voglia incontenibile di staccare la spina per almeno una settimana, e non faccio altro che sognare ad occhi aperti cose che nella loro semplicità sono imbarazzanti, ma che ora come ora sono irraggiungibili. Se qualche mese fa mi bastava perdermi in questi pensieri per sentirmi già molto meglio, ora che gli occhietti sono sempre a mezz'asta, il naso mi prude da morire, la testa sembra avvolta in un asciugamano, non mi basta più sognare, troppe cose mi riportano di continuo qui, infrangendo il sogno come se fosse uno specchio fragilissimo. Vorrei regalarvi un immagine di pace e serenità per mitigare le sensazioni che sto scrivendo. Ma proprio non ci riesco… mi occorre un po' di pace, silenzio e pace… Mi urtano le macchine che passano sulla strada super trafficata di fronte a casa nostra, la voce di alcuni colleghi che parlano ad alta voce veramente troppo presto, lo sbattere delle porte perché forse a casa loro hanno le tende, il suono del telefono che squilla inutilmente perché tanto il capo non è in ufficio, i miei riccioli troppo gellati in alcuni punti (perchè stamattina mi sono 'spalmata' il gel senza distribuirlo), il fazzoletto sempre pronto nella mano sinistra e pure questo maglioncino lilla che mi sono voluta mettere perché è troppo presto per venire a maniche corte (ma chi se ne frega se è presto… se c'è caldo non è colpa mia!)
Ok ok, dove si comprano le pasticche per l'ottimismo??? Com'è che faceva la pubblicità??? 'Gigi, l'ottimismo è il profumo della vita!!!' o una cosa del genere… forse per te vecchietto arzillo, che la salute ti sostiene e che puoi godere di quella istituzione che si chiama pensione!!! A 40 anni, non ancora a metà del tragitto lavorativo, ma con quasi 16 anni di lavoro alle spalle ci si comincia a fare tante domande, sul proprio presente, sul futuro, su cosa avresti voluto fare da grande e su quello che fai da grande!!! Tutte brutte domande, pensieri che bisognerebbe allontanare non appena si prospettano, bisognerebbe 'voltarsi indietro' per guardare quelli che stanno peggio (ce ne stanno tanti... lo so!!!) eppure stamattina non ce la faccio, stamattina me ne sto qui a lagnarmi, con una voglia incontenibile di prendermela col mondo, di avere qualcuno da incolpare per questo mio stato d'animo… Invece non c'è nessuno, l'unica persona con cui potrei prendermela (fa parte dei privilegi di essere sposata ;-) ) si trova a kilometri di distanza, stamattina è stato trattato male quando sono scesa dalla bilancia, ma del resto ora è fuori portata… Sì sì avete capito bene… scesa dalla bilancia, mi sono girata e con uno dei miei ghigni cattivi gli ho detto 'sono xx.x sei contento???' alchè lui mi ha guardato (per nulla assonnato alle 7:8 di mattina… arghhh…) e mi ha detto giustamente 'ed è colpa mia?' No, no vai tra non è colpa tua, l'unica colpevole è sempre la stessa…
UFFA CHE PALLE STAMATTINA!!!!

mercoledì, aprile 18, 2007

Esperienze di vita...

Beh… arrivare a quasi 40 anni senza aver fatto alcune esperienze è veramente imperdonabile, così ieri sera sono riuscita a colmare una lacuna enrome!!! In palestra abbiamo utilizzato per la prima volta i 'sacchi boxe', cosa che non credo che si ripeterà molto spesso, ma che nel suo insieme non mi è dispiaciuto. Diciamo che bisognerebbe essere attrezzate a dovere, soprattutto con i guantini appositi, ma me ne sono guardata bene dal colpire il sacco con molta potenza e le mani sono rimaste illese. Comunque il gruppo delle 'foche spiaggiate' ieri sera ha dato il meglio di sé… già la scena del portare i sacchi nel centro dell'area riservata è stata abbastanza esilarante… non ce la potevamo fare, in due a tirare, rotolare e spingere ciascuno di questi cosi… e poi quando abbiamo iniziato a colpirli a ritmo di musica eravamo veramente l'emblema della sportività, tante piccole Rocky Balboa, con un pizzico di Jennifer Beals!!! Insomma, la prossima volta dobbiamo far pagare il biglietto per guardarci, altro che Mr. Bean!!!
I dolori derivanti da questo nuovo esperimento sono stati istantanei… soprattutto mi stupisco dei polpacci, mentre per le braccine me lo aspettavo… saranno stati i calci…
A parte questa tristezza, ve ne racconto un'altra… che più che essere una tristezza è una piccola delusione ;-)
Ieri sera sono andata dalla dietologa… per calare ulteriormente bisognerebbe fare un'altra settimana di minestrone, ma non ci è sembrato il caso, con questo caldo ormai è troppo tardi e poi a dire il vero il traguardo che ci eravamo poste un annetto fa è stato ampiamente raggiunto. Quindi, dopo la misurazione della balenottera, mi fa 'Dai, allora per il mese prossimo quando ci torniamo a vedere ti preparo la dieta di mantenimento'… avete capito bene… ha detto 'DIETA DI MANTENIMENTO!!!!' Insomma io ero stra-felice, ciò significa che d'ora in poi si lavorerà al mantenimento dei risultati ottenuti. Fin qui voi direte, dove sta la delusione??? Arriva adesso… Una volta arrivata in palestra dopo 5 minuti è arrivato anche Max, già l'ho visto un po' fuori, non mi stava nemmeno per chiedere come era andata la visita e poi quando gli ho dato la grande notizia… NON HA FATTO UNA PIEGA!!! Io ci sono rimasta malissimo e quando gliel'ho fatto notare mi ha semplicemente detto 'Ma non cerchi di dimagrire qualche altro kilo???' UEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE… UEEEEEEEEEEEEEEEEEE… (è il sigh sigh di ieri all'ennesima potenza!!!) Questo significa quindi che non vado ancora bene, che nonostante tutti i miei sforzi non posso ancora ritenermi soddisfatta… mi è venuta una voglia incontrollabile di mangiare il mondo intero in una volta sola e recuperare i 17 kili nel giro di una notte!!! Adesso che lui abbia ragione, che sono ancora lontana dal mio peso forma, che accontentarsi di poter entrare nella taglia 48 è comunque una magra consolazione, bla bla bla… è tutto verissimo, però, boh che ne so… mi sembrava comunque di potermi accontentare, comunque non ho più vent'anni, e riuscire a mantenere questo peso, significa comunque impostare uno stile di vita che forse a lungo termine potrebbe significare anche un ulteriore calo…
Vabbè ragazzi, pazienza, che ci volete fare… come dice la mia mamma… a stare al mondo ci vuole proprio una bella pazienza!!!

martedì, aprile 17, 2007

Le stampe NOOOOOOOO!!!

Preparatevi… questo sarà uno di quei post incomprensibili di denuncia verso il mio lavoro, che sicuramente risulterà incomprensibile ai più e molto, molto palloso!!!
Insomma, è mai possibile che facciamo riunioni interminabili in cui si parla di mille cose da fare, che io diligentemente metto tutte in ordine l'una dopo l'altra e che questo ordine del cavolo non possa mai essere rispettato perché ogni giorno, e dico ogni santissimo giorno salta sempre fuori qualcosa di nuovo da fare???!!! E attenzione non parlo di risoluzione di bug, no no quelli fanno parte della normalità… parlo proprio di vere e proprie modifiche!!! Stamattina ho fatto una mini riunione con il mio caro capo progetto per parlare della prossima modifica che avevo in calendario, una modifica pesante e non banale che già da qualche giorno stavo covando come fa una gallina con il proprio uovo!!! Mi ha liquidato in 3 minuti secchi per poi dirmi 'Prima di iniziare comunque con questa cosa che sarà un bagno di sangue, proviamo a guardare cosa c'è d'altro da fare'. Va bene, tiro fuori tutti i miei appunti delle altre riunioni dove, di volta in volta ho segnato le cose che dovrebbero essere presenti nella versione 7.0 di fine maggio… Lui le guarda e poi dice 'Ci sarebbe un'altra cosina da fare sempre per Z.' (=cliente rompicoglioni che se si alza alla mattina e dice che vuole che gli facciamo una facciate stile Louvre all'arovescio, dobbiamo già averla fatta!!!). Già a sentirlo nominare mi stavo immaginando le cose più assurde ed impestate del mondo e poi è arrivata la mazzata 'Si tratta di fare una stampa nuova!!!' COSA?????? NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO… LE STAMPE NOOOOOOOOOOOOOO!!!!
Mo' mi spiego… in tutto il mondo, in tutti i software anche minimamente seri, per effettuare le stampe si utilizzano strumenti più o meno all'avanguardia stile Cristal Report che ti consentono di impostare le pagine graficamente, senza preoccuparti di salti pagina, header, footer e via discorrendo… ma noi, NOI che siamo tosti e soprattutto 'programmatori con le palle quadrate' noi abbiamo le stampe 'FATTE A MANO'. Con questo termine intendo l'utilizzo del device context alla bruta con gestione completamente manuale di tutto quello che deve essere stampato, compreso le pagine che occorrono ecc… Non è un bagno di sangue, no, è molto MOLTO di più!!! Senza parlare del fatto che quando c'è da andare attorno a queste cose, il vomito sale istantaneamente e potrebbe riaffiorare il pranzo di tre giorni fa… sì perché è pieno di 'paciughi' di variabili messe lì per gestire le modifiche che durante gli anni siamo stati costretti a fare se poter rifare il tutto fin dal principio…
Sono 5 anni che sono qui e quando sono stata assunta, una delle cose che mi sono state dette è stato che le stampe dovevano essere rifatte!!! A volte mi sembra di lavorare per un ente statale!!! Ma la cosa brutta è che non c'è mai tempo per mettere a posto le cose già esistenti, bisogna sempre fare cose nuove ed io aspetto solo il momento in cui FINALMENTE Fp_pro si rifiuterà di compilarsi e ci manderà cortesemente tutti in quel posto!!! Succederà presto, siamo vicino all'esplosione, questo elefante mastodontico di programma non può sopportare ancora a lungo i nostri inserimenti senza usta!!!
Quindi devo iniziare questa bella cosa, stamattina prima di pranzo mi sono fatta venire un po' i rigurgiti ed ora con il lauto pranzo nello stomaco, sto per immergermi in quel mondo di cacca che tanto amo… ma prima lasciatemi fare un piangiutino… sigh sigh… non voglio occuparmi delle stampe… sigh sigh… per favore vi pulisco tutti e tre i cessi del piano… per favore… fatelo fare a qualcun altro… chiamiamo uno dei tanti extra che non hanno lavoro!!! Sigh sigh…
Ok, va bene, fine del piangiutino, adesso tiro fuori dal mio terzo cassetto al mia coca cola light, la apro con l'aiuto del mio fido righellino (maledette aperture, ogni volta rischio di spezzarmi un unghia, e non ridete, questi sono BEI problemi!!!), bevo un sorsetto ed apro il progetto… sigh sigh… (=le ultime lacrimucce si erano impigliate nelle ciglia…).

Mattinate difficili...

Non è che stamattina mi senta molto inspirata, né nell'argomento da affrontare nella mia solita paginetta quotidiana, né in ambito lavorativo, dove affrontare argomenti nuovi ed impegnativi sarà di certo una impresa titanica… Forse è proprio questa prospettiva che mi demotiva così tanto e che stamattina, nonostante mi sia buttata giù dal letto ad un orario decente, mi fa sentire come se mi avessero preso a calci nel sedere… Invece di essere contenta e felice per la prospettiva di qualche giorno di vacanza, riesco solo a pensare a quanto sia ancora lontano questo traguardo, quasi come se non fossi per niente sicura di riuscire a raggiungerlo. Tutto ciò è normale, rientra nella routine prevista dall'arrivo della primavera, con la stanchezza che prevale sugli impegni quotidiani e le vacanze ancora troppo troppo lontane. Ma poi, pensandoci bene, che senso ha lamentarsi di queste cose… prima o poi le vacanze arriveranno, non è certamente colpa loro se non sono in grado di ricaricare le batterie durante la vita di tutti i giorni, dove tutto e dico TUTTO diventa improvvisamente molto faticoso!!! Non funziona nemmeno il tentativo di lasciarsi scivolare addosso il tempo, se tento di farlo questo si ferma e sembra non scorrere mai e tra lì'altro non posso nemmeno permettermelo… soprattutto al lavoro…
Ma insomma Gianchy, si può sapere di cosa stai parlando??? E soprattutto ci vuoi dire che caspita vai cercando stamattina??? Semplicemente vorrei ancora indossare il mio pigiamino, essere sotto un piumone bello caldo e svegliarmi dolcemente da un sonno ristoratore. Alzarmi, recarmi verso la cucina e guardare fuori dalla finestra il sole che sta spuntando da dietro le mie amate montagne… preparare una bella colazione, accendere la tv e continuare a sbirciare fuori, timorosa che tutto possa scomparire da un momento all'altro… Inzuppare un biscottino in un caffelatte bello caldo ed organizzare la giornata con il mio tatone… Finita la colazione aprire la porta a finestra che da sul terrazzino, e sempre in pigiama fare una breve escursione nell'aria frizzantina Livignasca. Già… niente di speciale, un sogno ad occhi aperti che vorrei presto rivivere ma che non so se riuscirò a farlo…
Ed invece me ne sto qui, a scrivere cose insulse sul mio pc, testimone del lento ed inesorabile arrivo al lavoro dei miei colleghi, tutti molto più in forma di me, tutti molto più volenterosi di me, o almeno così sembra… Mi sa che ho proprio bisongo di un caffettino… per il momento vi auguro semplicmente una buona giornata, chissà forse mi risentirete in giornata, sempre che giri un po' meglio!!!

lunedì, aprile 16, 2007

Eccomi qua...

Sì sì, sono qui, ma il weekend dov'è??? C'è stato??? Ma siete proprio sicuri??? A me sembra di essere caduta in un buco nero che mi ha catapultato direttamente da sabato pomeriggio a lunedì mattina in un nano secondo… Lo so che state 'scalpitando' dalla voglia di sapere come è andata la missione 'lavaggio casa'… e vi accontento subito, anche perché è una pratica che possiamo chiudere velocemente, per fortuna...
Insomma, sabato mattina ore 8:30 in punto arrivo dai miei, e nello stesso istante entra anche mio padre in bicicletta dalla sua spesuccia quotidiana (i miei fanno parte di quei rari esemplari che ancora comprano il pane fresco tutti i giorni, beati loro…). La mamma ci prepara il caffettino e poi all'opera. Dopo la loro sfacchinata di venerdì rimane meno di metà casa da lavare per un totale di 4 finestre da pulire… ma i miei vecchi sono già allo stremo delle forze. Facendola breve abbiamo lasciato il papà alla lancia dell'idropulitrice, la mamma allo spostamento della suddetta ed io e max ci siamo occupati delle tapparelle e dei vetri. Alle 11:00 avevamo già finito tutto ed anche messo via l'idropulitrice e quando i miei se ne sono resi conto, sembravano meravigliati e quasi increduli. Come al solito non mi ascoltano mai, ma quattro paia di mani al posto di due fanno la loro bella differenza in queste cose ed se invece di tirarsi il collo mi avessero dato retta, sarebbe passata molto di più!!! Comunque noi abbiamo tolto immediatamente il disturbo, ce ne siamo tornati a casa per pranzo lasciandoli liberi di fare quello che volevano, il che poteva anche significare catapultarsi a nanna… Poi nel corso del weekend li ho solo sentiti per telefono, penso che siano ancora un po' sullo stanco andante, ma ormai il più è fatto…
E noi? Beh, dopo un paio di orette di meritato riposo, mi sono messa alla stirella, devo capire come mai ci siamo solo in due gatti ed ho sempre delle montagne di panni da stirare… anche in questo caso ci deve essere una forza oscura che mi rema contro!!! E mentre mi dedicavo a questa attività ludica ci siamo guardati un filmino in DVD: 'I figli degli uomini'.


Il Caos e l'anarchia dilagano nel mondo della prossima generazione, dove dilaga un difetto nella capacità di riprodursi da parte degli uomini. Il più giovane cittadino del mondo è appena morto all'età di 18 anni, e l'umanità si trova ad affrontare la probabilità della sua stessa estinzione. Ambientato in una Londra lacerata dalla violenza e dalle guerre fra sette nazionalistiche. Il disilluso burocrate Theo diventa l'improbabile difensore della sopravvivenza della Terra. Quando l'ultima speranza del pianeta viene minacciata, questo riluttante eroe si trova costretto ad affrontare i suoi demoni personali e a difendere la Terra dalla catastrofe incombente...

Il film è pervaso da immagini molto forti, violenza, ingiustizia, ma la cosa che mi ha maggiormente toccato è stato proprio l'argomento trattato. Cosa ne sarebbe del nostro mondo se non fossimo più in grado di avere figli??? Cosa potremmo sperare per il nostro futuro??? Avere la consapevolezza di non essere immortali e che in un futuro prossimo tutto finirà… che stile di vita sceglieremmo, per cosa combatteremmo??? Anche se io non ho figli, so che il mio lavoro servirà forse ai futuri professionisti, ai bimbi di oggi che cresceranno ed un giorno entreranno anche loro nel mondo del lavoro, ma se questa prospettiva venisse meno, che senso avrebbe darsi così tanto da fare? Purtroppo sempre più spesso, parlando con conoscenti ed amici, mi capita di constatare che non è così semplice fare figli, forse sarà solo un caso, forse è un orgomento che in un certo senso mi tocca e forse è proprio per questo che ci faccio più caso… ma conosco diverse coppie che vorrebbero tanto avere bimbi e non ce la fanno… Poi non voglio entrare nel merito della questione, non credo di esserne all'altezza e probabilmente un po' questa situazione ce la 'stiamo' anche cercando, nel senso che la vita di adesso ci porta ad essere molto più egoisti, molti di noi decidono di formare una famiglia ad un'età molto superiore rispetto a quella dei nostri genitori, e questo fa sì che l'età delle mamme sia più alta… e si sa l'orologio biologico fa tic tac e non aspetta certo noi, non si piega alla nostra volontà o a quella dei datori di lavoro che, quando ti stanno per assumere' ti chiedono quando hai intenzione di fare figli… Penso proprio che sia capitato a tutte o almeno a molte… purtroppo è vero che una gravidanza influisce sull'andamento del lavoro, ma è anche vero che, secondo me, per molti lavori, il telelavoro potrebbe essere una soluzione molto abbordabile per i primi mesi di vita del pupo e questo sì che influirebbe meno sul lavoro che lasci… Comunque tutto quello che dico ha un valore relativo, bisognerebbe capitarci in mezzo, forse il lavoro di mamma è già di per sé talmente stressante che non sarebbe nemmeno concepibile lavorare a casa proprio anche solo 6 ore… Mah, non lo so, ma a me piacerebbe provare…
A parte questi discorsi seri, il resto del weekend è passato molto in fretta, ci siamo riappropriati di una nostra vecchia abitudine estiva, quella da vecchietti pensionati che ci piace tanto… la nostra passeggiatina del dopo cena, anche se di questi tempi più che essere una bella cosa è uno stress a causa dell'allergia (a proposito, stamattina sto da cani… mi sa che per la pausa pranzo mi catapulto in farmacia a caccia di uno spray che mi possa bloccare questo prurito continuo al naso che mi fa venire voglia di tagliarmelo!!!).
Ieri mattina invece ci siamo alzati tardino, colazione con calma… calendario alla mano per decidere sommariamente i periodi di ferie ed una sbirciatina ai primi cataloghi per la nostra mega vacanza in Messico… Che bei giri che ci sono ma quanti soldi!!!!!!!!!! Avete da indicarmi un modo per raccimolare 6000 eurini senza far soffrire il conto corrente???? Vebbè per il momento accontantiamoci di leggere le varie proposte, se ne riparlerà più avanti…
Nel pomeriggio poi ci siamo visti un altro filmino, questa volta uno dei miei, di quelli che già quando vedi la sigla iniziale sai tutta la trama ed anche come va a finire, ma che appunto per questo lo guardi volentieri perché sai che ti riempirà il cuore ed il lieto fine ti farà spuntare quel sorriso da ebete che sempre sfoderi in queste occasioni. Il film in questione è 'Dreamer'.

L'amore per la natura e gli animali, porta un allevatore del Kentucky e sua figlia ad occuparsi di un cavallo rimasto ferito. I due non solo riescono a rimetterlo in sesto, ma compiono un lavoro così perfetto da riuscire a iscriverlo alla famosa corsa Breeders' Cup.

A me la bimbetta Dakota Fanning mi fa morire: adoro vederla recitare, con quei suoi grandi occhioni azzurri e quell'aria così intelligente… per non parlare poi dei bellissimi cavalli, dei paesaggi meravigliosi, insomma per una come me che è cresciuta a 'pane e caplon' (la mia mamma ama da sempre il genere western e quindi non so quante volte ho visto i film di John Wayne…), vedere ogni tanto filmini di questo tipo riempie il cuore…
Adesso basta, fazzoletto alla mano, nasino già bello rosso ed occhietti a fessura, mi metto seriamente al lavoro… che voglia!!!

venerdì, aprile 13, 2007

Ops...

… mi ero dimenticata che Andrea lavora in banca… della serie le solite figurine della Gianchy!!! ;-) A mia discolpa posso dire che quelli che lavorano nel centro di calcolo o come si chiama, non sono iscrivibili alla razza dei veri e propri bancari, tanto per intenderci quelli con la giacca e cravatta tatuati addosso e che, purtroppo per loro, hanno a che fare col 'pubblico' per tutto il tempo. Tra l'altro la mia non è un'antipatia verso le persone che lavorano in questi posti, ma verso l'ambiente e l'aria che vi si respira, non so bene come spiegare e comunque… scusa scusa Andrea… ormai un po' mi conosci, non è colpa mia, mi disegnano così, da sfasciata!!!
E come tale, oggi sono arrivata dai miei e mi è venuto un nervoso, un nervoso che non vi potete nemmeno immaginare… I miei hanno iniziato a lavare la casa da soli!!!!!!!!!!!!!!!!!! Io me lo aspettavo nel mio cuore, ma spero sempre che facciano un po' a modo di quello che dico ma non c'è niente da fare… hanno deciso di tirarsi il collo tutt'oggi, senza poi finire del resto e quindi domani, quando alle 8:30 arriveremo là, troveremo due larve umane che ci guarderanno con gli occhi cerchiati e a malapena riusciranno a stare in piedi!!!!!! Sapete cosa vuol dire che sono peggio dei bambini????
Li ho cagnati per i primi 10 minuti, dicendogli tutto quello che mi passava per la testa perché insomma, se mi autoinvinto a dar loro una mano, non lo faccio per masochismo, lo faccio perché ritengo che necessitino di un aiuto… Una con una spalla fuori uso il cui braccio collegato è quasi inutilizzabile, l'altro con un paio di operazioni subite al torace di cui una con tanto di sbrago… dico io, sono messi nelle condizioni di fare un lavoraccio così da soli???? Boh, non lo so, forse sono io che sono troppo apprensiva e forse li tratto come dei bimbi, ma non posso farne a meno, sono miei e gli voglio bene!!!

Venerdì...

Un po' in ritardo sulla tabella di marcia… anzi molto in ritardo… Appuntamento in banca per fare un po' il punto della situazione ed, essendo sempre una gran gioia per me, trattare questo argomento, ora mi sento stanca come se avessi lavoroato 8 ore… A parte tutto non ci possiamo certo lamentare, c'è una signora che arriva persino a telefonarci a casa quando è ora di fare questi incontri, perché se fosse per noi, andremmo in banca una volta ogni 5 anni… Lo so, lo so, siamo veramente dei cioccapiatti, ma che ci possiamo fare, da brava sorella di un banchiere, ho l'allergia per tutto quello che riguarda questo ambiente.
Lasciamo perdere queste tristezze e parliamo di 'altre' tristezze: insomma, ieri sera, dopo un'altra lezione sfiancante, in cui ho rischiato per la seconda volta in una settimana l'infarto, le prime parole che ho proferito sono state: 'Se anche la prossima settimana farà delle lezioni così io smetto di seguire il suo corso!!!' Sono quelle frasi che, persone 'super-atletiche' come me, ogni tanto dicono, soprattutto quando hanno il viso paonazzo, stanno sudando otto camice e pensano di essere sotto infarto… Poi come al solito il mio angelo custode (che pazienza che ha quell'uomo!!!) mi ha semplicemente fatto notare che se non riesco a fare tutte le sucessioni che lei ci propina, posso anche saltarne qualcuna… Non è un concetto così difficile da capire, con la mia spiccata intelligenza forse potevo arrivarci anche da sola… Effettivamente, se anche le ragazzine che hanno minimo 10 anni in meno rispetto a me ce la fanno, io posso permettermi di non farcela, senza bisogno di buttarsi giù solo perché il fisico atletico che mi contraddistingue non è in grado di sopportare tutti quegli sforzi…
Quindi vabbè, mentre facevo la doccia ed il cuore ricominciava a battere normalmente, ho rivisto un po' la mia posizione. I risultati di questi sei mesi di allenamento si vedono, mi sento molto più in forma, i muscoli sono molto meno flaccidi, non posso far finta che questo non sia vero, devo solo cercare di prendere la cosa nel verso giusto, cosa che per me non è sempre facile!!! Sono una brontolana di professione, ho vinto diversi premi per questa mia caratteristica e quando inizio a brontolare… brontolo, brontolo… come una pentola di fagioli e mi ci vuole un bel po' prima di riuscire a calmarmi… Non è bello e non mi fa onore, è uno dei tanti aspetti poco carini del mio carattere, ma questa volta mi sa che l'ho capita abbastanza alla svelta ;-D
Comunque oggi si dà il caso che sia anche venerdì, settimana corta anche se a me non è sembrata così corta e domani ci aspetta una giornatina per niente rilassante. Oggi prenderò accordi con i miei, vedrete che se non saranno proprio le 8:00 potrebbero essere al massimo le 8:30, non mi sbaglio di molto e poi via, verso questa ulteriore avventura!!! Sono passati molti anni dall'ultima volta in cui ho partecipato a questa sfacchinata ed i miei ricordi sono un po' annebbiati, ma sono sicura che non sarà proprio una passeggiata. Se mi ricordo bene, il lavaggio in sé è il meno, poi ci sono tutti gli inconvenienti che scaturiscono dall'innaffiamento di una casa con un getto d'acqua… Acqua che entra un po' dappertutto, causando per forza pulizia di tutte le tapparelle e di tutti i vetri. Per non parlare dei pavimenti, speriamo che non sia necessario pulire anche quelli, perché purtroppo i miei hanno il marmo in casa che da pulire non è il massimo della comodità: dai la cera togli la cera… insomma una barba che non finisce più, con l'utilizzo poi di quell'oggetto che per fortuna io non ho la necessità di utilizzare: la lucidatrice!!!
Prevedo di arrivare a sera con un bel male ai ditini per essere passati troppe volte tra le fessure delle tapparelle, male alle articolazioni per aver pulito troppi vetri e forse qualche altro dolorino più o meno diffuso… alla faccia degli allenamenti massacranti da palestra!!!
Adesso mi tocca lasciarvi… c'è un clima qui in ufficio che mi piace sempre meno… da quando ho scoperto che Do Nascimento legge questo blog (non so con quale frequenza e non so nemmeno come ha fatto a scoprirlo, anche se una mezza idea ce l'ho!!!) devo stare attenta a quello che scrivo ;-D… che paura…

giovedì, aprile 12, 2007

Ma si può?

Ma ditemi voi se si può arrivare per la pausa pranzo dai miei, ingurgitare il lauto pasto in 15 minuti per poi correre a giochicchiare con il nuovo bilino del papà… secondo me non è da persone normali, tantomeno da donnine, che non dovrebbero appassionarsi al montaggio di una 'idropulitrice'. Ma tant'è, colpa di mio padre, mi son sempre piaciute quelle cose da maschiaccio, con il cacciavite in mano mi sento quasi una elettricista e quando ci sono viti superflue a cui trovare un piazzamento non mi batte nessuno… Infatti l'idropulitrice era praticamente a posto, ma erano avanzate un paio di viti e la Gianchy 'lettrice delle istruzioni' vi ha trovato posto in meno di 30 secondi!!!! Da guinness dei primati!!! E' proprio un bel bilino, non l'ho visto in funzione, lo vedrò sabato, ma nel frattempo ho provato tutti i vari aggeggi che ci possono andare attaccati, con la super pistola e le prolunghe in alluminio con le quali quasi quasi si può arrivare al tetto… bello bello… che ci posso fare, sono proprio un maschiaccio mancato!!!

Altro siparietto...

Io: Papà a che ora dobbiamo essere qui sabato mattina?
Papà: Non abbiamo bisogno di voi…
Io: ti ho chiesto a che ora dobbiamo essere qui, non rompere...
Papà: ma noi non abbiamo bisogno di voi...
Io: lo decido poi io se hai bisogno oppure no… allora? Per le otto va bene?
Papà: Così presto?
Io: per le nove?
Papà: le nove, le dieci o le undici...
Mamma: incominciamo presto così finiamo anche presto…
Io: beh, allora per le 6:30 siamo qui!!!


P.S. tranquillo Max, stavo scherzando, ci metteremo d'accordo domani, ma vedrai che sarà intorno alle otto…

Missione compiuta!!!

Ebbene sì, ieri sera è stata acquistata la 'idropulitrice'!!! Dunque, mo' vi spiego… Il 10 era partita una promozione alla Coop per una idropulitrice che sembrava molto interessante, super accessoriata con una bella potenza, bla bla bla… Nel frattempo i miei avevano fatto qualche giretto per farsi un'idea ed avevano visto un modello della Black&Decker all'Obi che gli piaceva molto… Ieri sera, dopo averli prelevati, abbiamo fatto prima un salto all'Obi dove mi hanno fatto vedere il modello in questione e poi siamo andati a caccia dell'offerta… Entriamo in Coop e in un angolino vedo un paciughino alto 30 cm, mezzo sfasciato appoggiato contro un cartellone che pubblicizza i tv lcd… Boh, mi guardo in giro, faccio le due o tre corsie principali e poi 'placco' un ragazzo e gli chiedo informazioni. 'La promozione è iniziata ieri, ce ne avevano mandate 4 che sono andate via subito, quindi se la volete bisogna prenotarla' e 'Sì, il modello è quello che avete visto là davanti, è rotto quello, ma per farsi un'idea…' Oh, sì, un'idea ce la siamo fatta, un'idea di tristezza… sto' mostriciattolo tutto sfasciato, alto due soldi di formaggio, dopo aver visto l'altra molto più imponente non ci ha fatto proprio una bella impressione.
Mestamente torniamo all'Obi e mi metto a caccia di uno degli inservienti per avere qualche informazione supplementare… Faccio la posta ad uno che sta parlando con una signora che cerca delle viti per il legno ed in mano ha un paio listarelle di legno tenute insieme da un pezzo di scotch, forse per simulare lo spessore di ciò che deve avvitare… Il ragazzo sembra un po' scocciato, non so per qualce motivo, ma non mi interessa molto, me ne sto un po' in disparte aspettando che finisca. Sono sicura che mi ha visto e che ha capito che ho bisogno di lui, ma quando finisce con la signora, si muove in maniera strana, come se stesse cercando qualcosa e mi scivola via… Mi giro faccio due passi verso di lui e gli chiedo cortesemente se è libero e se posso chiedergli qualche informazione… Da lì le cose si sono messe molto meglio è venuto con me dalle idropulitrici dove i miei erano rimasti come piantoni e comincia a spiegarci le varie caratteristiche, gli accessori, la potenze etc… alla fine ci consiglia l'altra marca e non la Black&Decker perché è specializzata nelle idropulitrici ed il papà si convince per l'acquisto del modello più grandicello… Alla fine, quando il tipo ci ha salutato e l'ho ringraziato, ho persino intravisto un mezzo sorriso… su con la vita ragazzo mio, mica tutti hanno più di 50 anni, portano minigonne imbarazzanti e camicette attillate su un fisico di taglia 56 come la signora che hai appena servito… ci sono anche signore leggermente più giovanili di nero vestite che sfoderano orgogliosamente una cravatta di Mordillo anni settanta!!! :-D
Dopo l'acquisto inizia la pontomima di mio padre… mi sento male, guarda quanti soldi ho speso, stanotte non dormirò, etc… ma con me non attacca, lo prendo in giro senza pietà, gli dico che se non dorme ne può approfittare per montare il nuovo giocattolo, almeno ha qualcosa da fare e vedo che già gli spunta un mezzo sorriso… Lo conosco fin troppo bene: a lui dispiace spendere i soldi, ma poi fa come me, una volta effettuato l'acquisto difficilmente recriminiamo…
La mamma si guarda intorno e vede il banco dei gelati nel bar Dorando… 'Beh, adesso che sei in 'bolletta' mi offri il gelato???' rivolta al papà… e lui 'Anche…' alchè gli ho detto, 'te lo offro io il gelato mamma, lascia stare quello spilorcio…' e mentre lei leccava soddisfatta il suo cono ho detto alla 'spilorcio': 'Dai papà ti offro un caffettino buono' e lui 'Ma dopo stanotte non dormo…' 'Tanto devi rimanere sveglio a pensare ai soldi che hai speso…'
Dopo questo siparietto improbabile e dopo il caffettino buono, non c'era quello sbarbino sfigatello di sabato al bar… li ho riaccompagnati a casa… e poi mi sono finalmente diretta verso casa nostra… Il tatone era a Crevalcore, anche lui in missione, anzi doppia missione: assicurazione alfa + cagnata genitori per una storia che forse più avanti vi racconterò…
Arrivata a casa, sono andata direttamente in balcone per riporre i porta vasi appena acquistati (10,99 Eurini l'uno… ma sono d'oro???) e seduto per terra vedo il nuovo inquilino che si sta bevendo una birra… Si dà il caso che dovevamo fargli vedere un preventivo fatto da un elettricista che riguarda l'illuminazione del giardino ed anche se vedo benissimo che non ne ha per niente voglia, gliene parlo… ci incontriamo sul pianerottolo e gli mostro il preventivo… per mettere giù un faretto ci hanno chiesto 628 eurini (ma siamo tutti impazziti???) e lui mi dice che ne parla col suo socio e poi ci farà sapere… Nel frattempo rientra Max e quando vede che sono lì a parlare con l'inquilino e tra le mani ho il preventivo, noto un certo sollievo dipinto sul suo viso… una bega in meno di cui occuparsi!!! E poi non venirmi a dire che non ti voglio bene… mi dovevo ancora svestire…
Vi risparmio i dettagli del resto della serata… oltre ad aver guardato il film mi sono vista il primo tempo della partita Milan-nonsochiforseBayer, mentre stiravo… e poi finalmente nanna… per modo di dire perché anche questa notte non è andata benissimo…

Lady in the water

Cleveland Heep è il tranquillo e modesto custode del complesso residenziale "The Cove". Una sera Cleveland, insospettito da strani rumori provenienti dalla piscina, scopre una misteriosa creatura: si tratta della ninfa Story, un personaggio delle favole che sta cercando di rientrare nel suo mondo. Il custode, con l'aiuto degli inquilini, tenterà in ogni modo di proteggere la delicata creatura minacciata da esseri malvagi che le impediscono in ogni modo di tornare a casa...

Un film delicato, a metà strada tra una fiaba moderna e la ricerca di se stessi nell'affrontare strani eventi. Non riesco a porlo in un genere ben definito e mentre lo guardavo non mi riuscivo a porre nemmeno questa domanda. A mio avviso è un film da guardare così, senza aspettarsi nulla, senza ricercare nulla, senza porsi troppe domande, perché i protagonisti stessi non se ne fanno, affrontano il loro 'strano' quotidiano come se non ci fosse altra scelta. E forse la vita è proprio questo, svegliarsi alla mattina e vivere le giornate affrontando le cose mano a mano che si presentano perché non si può fare altrimenti, perché non esiste un'altra strada…
In complesso mi è piaciuto, dopo 'The Illusionist' ho rivisto volentieri Paul Giamatti che apprezzo sempre di più. Con quel suo aspetto da uomo comune, quel suo modo di fare da brav'uomo, in questo film è stato la colonna portante, una persona su cui poter contare… BRAVO!!!

mercoledì, aprile 11, 2007

Che bellezza...

… svegliarsi alle 2:30, andare in bagno e poi non riuscire a riprendere sonno per un tempo che sembra interminabile… Nonostante il silenzio e tutte le condizioni favorevoli che si possono immaginare mi sono girata e rigirata nel letto per diverse mezz'ore, scandite dal cucù che riuscivo a sentire in lontananza. Poi finalmente mi sono arresa, ho acceso la lucina e mi sono messa a leggere qualche paginetta del libro di turno… ed intanto pensavo 'Devo dormire, devo dormire, devo dormire…'. Il sonno non so quando è arrivato, ma penso che fossero già le cinque e poi alle sei ho guardato la radio sveglia, quindi ho continuato a dormire male...
Ed ora ho già un caffettino TROPPO amaro sulla scrivania, l'era del caffè d'orzo sembra terminata per sempre, o comunque è stata accantonata per il momento, sostituito da una dose di caffeina giornaliera che ha il compito di 'tentare' di svegliare i miei tristi due neuroni!!!
E mentre me ne stavo lì, occhioni aperti nel buio pesto della nostra stanza stavo ripensando agli ultimi eventi dei due telefilm che ho seguito in questi utlimi giorni 'Crossing Jordan' e 'Lost'… Per quanto riguarda il primo devo assolutamente trovare qualcuno che mi spieghi una cosa: insomma dopo tutto il casino che è successo si è poi capito chi è stato ad uccidere la mamma di Jordan??? I casi sono due: o io e Max ci siamo persi qualcosa, oppure c'è un buchetto clamoroso… boh…
Invece ieri sera Lost, mi ha fatto venire il sistema nervoso: prima quel cretino di John che cerca di passare sotto la porta di ferro malamente bloccata da una cassetta degli atrezzi che già si vedeva che non poteva reggere… per poi scoprire che l'altro poteva passare per il condotto di aerazione senza problemi (usare questa via da subito, no???) e poi tutta la storia del ciccione con la sua permanenza nella casa di cura dove aveva un amichetto immaginario che stranamente ritrova sull'isola… e guarda caso l'unica persona che riesce a convincerlo che tutta la situazione dell'isola non è solo una sua fantasia è proprio una persona anche lei ricoverata nella stessa clinica… Ma come è piccolo il mondo!!! Così magari le persone possono farsi venire dei dubbi, pensare che si tratti di una semplice e composita allucinazione di qualcuno… ma poi ti dici che è impossibile, ci vorrebbe qualcuno che avesse conosciuto tutte quelle persone direttamente per poterle inserire nella propria 'visione'… Boh, che dire, un po' di tristezza mi scende, soprattutto perché ultimamente sempre più spesso le storie prendono una piega e poi vengono abbandonate per diverso tempo come se nulla fosse… Volete un esempio??? Il padre del bimbo di colore, che è andato a cercare suo figlio nella jungla che fine ha fatto??? Perché nessuno ne parla o lo va a cercare??? Eppure la mongolfiera la sono andata a cercare, quindi non è vero che non si aventurano all'interno dell'isola…
Dopo queste riflessioni infruttuose ed alquanto inutili, mi sono girata per la milionesima volta nel letto ed i miei muscoli doloranti mi hanno riportato alla lezione di ieri sera… Dunque, un'altra lezione così e chiamo la NEURO per farla portare via… Ditemi voi se dopo il weekend Pasquale è necessario fare una di quelle lezioni che lei chiama Cardio-pump (forse sbaglio il termine, ma è una cosa simile), in cui il cuore batte all'impazzata per tutto il tempo, si suda come i maiali e ti sembra che possa venirti un colpo da un momento all'altro. Non solo la parte di step è stata così, anche i 20 minuti dedicati agli esercizi per le braccia sono stati fatti con una frenesia da fuori di testa: pesetti, barra e flessioni senza un attimo di sosta… Se mentre i nostri volti sono sfigurati dallo sforzo, tutti rossi come i peperoni la sento dire ancora una volta 'SORRIDETE!!!' giuro che le tiro il pesetto da due kili che ho in mano… Poi alla fine della lezione ha il coraggio di chiederci 'Come state???' e nessuno le risponde, alchè insiste 'Avete fatto molto fatica???' e noi 'NOOOOOOOOOO, scherzi, siamo morte!!!' e lei 'Ragazze se siete messe così con i primi caldi, come fate tra un po'???' ed io dalla mia seconda fila 'Non veniamo più!!!!' e lei fa finta di non sentirmi e dice 'Prendete alla mattina qualche Supradim' ed io ho pensato 'Ma l'usta in compresse esiste??? Magari da sciogliere nella sua boccia d'acqua!!!'
Così ieri tra il fatto che mi sono mangiata praticamente solo la crema zucca+carote e l'allenamento, sembra che sia già riuscita ad ammortizzare l'abbuffamento del weekend pasquale, almeno così diceva la mia bilancia stamattina, ma si sa che è una bugiarda patentata e che sono più le volte in cui mi illude che quelle in cui realmente mi da una situazione veritiera… Il 17, che è martedì prossimo e TUTTI si ricordano che è martedì e NON mercoledì!!! Ho il controllo quindi bisogna fare a modo, mi raccomando è d'obbligo…
Nel frattempo, oggi si prospetta una giornatina interessante, stasera passo a prendere i miei e si va in 'Missione Idropulitrice'… chissà se torneremo vittoriosi e poi vorrei convincerli a fare questa cosa innominabile (=lavaggio casa) sabato così possiamo andare a dare una mano… Povero Max, stamattina gli ho chiesto se vuole partecipare a questa ennesima sfacchinata e come al solito non ha potuto tirarsi indietro, ma io mi rendo conto che è una cosa ridicola ed ero anche disposta ad andarci da sola… Ma dato che qualcuno, un dì ci disse '… nella buona e nella cattiva sorte…' mi sa che anche questa volta gli tocchi… Intanto pensiamo a comprare sta cosa poi cercheremo di organizzarci.
Va bene, ho capito, come chiacchiere siete a posto anche per stamattina, i due neuroni stanno ancora sonnecchiando, il caffè non è ancora andato in circolo ed evito di sbadigliare masticando furiosamente un chewingum… Ho una facciata a forma di casetta che mi fa l'occhiolino… che mi dice 'Dai Gianchy, cagami un pochino, mi avevi quasi finito e poi ti sei stufata di me…' ed io la copro con la finestra di Outlook 'Pussa via brutta bertuccia, sei una facciata vigliacca, sembri corretta ma in realtà sei sfasciata… non ti voglio tanto bene!!!' ma lei non ci sta 'Dai dai fai la brava…' uffi, che barba io sono SEMPRE TROPPO BRAVA!!! Ho 10 giorni di ferie in busta paga… usarne qualcuno, no?????????

martedì, aprile 10, 2007

La 'Carogna' di turno...

Mi riferisco sempre al film visto ieri in DVD 'Notte prima degli esami' dove il povero Giorgio Faletti ha avuto l'ingrato compito di interpretare la parte di un amatissimo professore di italiano che gli studenti soprannominavano amorevolmente 'la carogna'. Credo che tutti abbiamo avuto la nostra 'carogna' di turno, un professore temuto ed odiato che ci ha fatto pensare almeno una volta al giorno che potesse essere un buon motivo per cambiare indirizzo di studi…

Il mio era il professore di francese, tale M. Antonio, un ometto bassino, con tendenze omosessuali di una cattiveria inaudita, con una spiccata tendenza alla tortura. Già allora aveva radi capelli bianchi che teneva 'stile riportino' nel tentativo di ricoprire un po' la pelata, portava quelle giacchette a scacchi con dolcevita scure e gli spessi occhiali da vista coprivano solo in parte i suoi occhi super strabici. Così non si capiva mai chi guardasse e le rare volte che non ti chiamava per nome (cognome, non ho mai sentito uscire il mio nome dalle sue labbre strette e tirate…) era panico generale perché non si capiva mai con chi ce l'avesse.

E' stato il mio insegnante di francese per il biennio, un paio di anni in cui era concentrato lo studio di tutta la grammatica ed i suoi compiti in classe sono ancora tra i miei incubi ricorrenti. Studiavo, studiavo… come una forsennata, il compito era sempre lunghissimo e difficile e se arrivavo ai 3/4 mi ritenevo fortunata… Poi iniziava la dolorosa attesa, per correggere i compiti ci metteva sempre più di un mese… In quei due anni, NON HO MAI VISTO UNA SUFFICIENZA PIENA!!! Ero abbonata al 5 1/2 o dal 5 al 6 (uno dei voti più insulsi nella storia scolastica...) Quando arrivava finalmente tra le mie mani il compito, dovevo fare un bel respirone per girare il foglio e guardare il voto, perché tutto il compito era completamente ROSSO, le mie scritte erano ricoperte dalle sue annotazioni, correzioni e citazioni… Ecco svelato il perché ci mettesse così tanto tempo a correggerli… Pensate che ad un certo punto i miei, stanchi di vedermi tribolare così tanto per ottenere risultati così mediocri, mi hanno trovato persino una prof di ripetizione che lo EMULAVA!!!! L'ho sopportata per un mesetto e poi ci ho dato a mucchio… scriveva come lui, mi correggeva gli esercizi ricoprendomi il quaderno di scritte rosse, insomma uno non lo sopportavo, figuriamoci due!!!

Per non parlare poi delle interrogazioni… Di solito interrogava due persone che dovevano prendersi le seggioline e porle ai lati della cattedra e la tortura non durava mai meno di due ore… due ore interminabili in cui ti faceva le domande più assurde possibili, uscendo inevitabilmente dal contesto su cui avrebbe dovuto vertere l'interrogazione… Mi ricordo ancora di una interrogazione che verteva sulla procedura utilizzata per la preparazione dello champagne. A parte che l'argomento, a mio avviso, poteva essere sviscerato in 10 minuti, ed a parte che non me ne poteva fregar di meno… io ed un altro malcapitato siamo rimasti in tortura un paio di orette belle e buone…

Il furbacchione inoltre amava avere le prime due ore del lunedì che invariabilmente utilizzava per il compito in classe, in modo da essere sicuro di poterci rovinare un sacco di weekend… Mi ricorderò sempre, che durante un colloquio con i genitori al termine della seconda liceo, davanti alla sottoscritta, quando ormai si avvicinava il momento di decidere se fare l'indirizzo scientifico o quello linguistico, LUI disse rivolto a mia madre 'Se decide di fare il linguistico, io la rimanderò a settembre ogni anno!!!'. Ma fantastico, un motivo in più per scegliere l'indirizzo scientifico, oltre al fatto che non averlo più come professore era già un regalo inaspettato…

Quindi dopo il biennio ho tirato un sospiro di sollievo ed ho smesso all'istante di salutarlo, per i corridoi lo evitavo di proposito ed anche quando mi capitava di incontrarlo per il centro, se potevo, cambiavo strada!!! Fino all'anno scorso ha recensito gli spettacoli della stagione teatrale… pappardelle interminabili in cui si parlava dello spettacolo per un massimo di 5 righe, mentre tutto il resto riguardava la storia completa dell'autore da cui era tratto lo spettacolo. Fortunatamente non abbiamo mai visto uno spettacolo sulla 'Recherche du temp perdu'… per UN MESE siamo stati sopra quel benedetto biscottino immerso nel te che faceva riaffiorare i ricordi nella mente del protagonista… UN MESE… vi rendete conto!!!! Non mangerò mai una lingua di gatto nemmeno sotto tortura!!!

Weekend Pasquale

Archiviata anche questa festività, passata troppo in fretta, mangiato troppo e fatto poco di tutto quello che mi ero ripromessa… e stamattina mi sento molto più stanca di venerdì sera… una bellezza!!!
Comunque, cominciamo con ordine. Venerdì sera ho fatto la doppia tra pulizie e stirella, così sabato mattina dopo colazione ci siamo fiondati a fare la spesa. Avevo in mente di prendermi alcune cosine che mi mancavano tra le quali un top da mettere sotto il mio completino nuovo che, caso strano, sono persino riuscita a trovare… Poi volevo auto-regolarmi un paio di orecchini non impegnativi in argento o in acciaio da abbinare alla mia collanina Breil, ed alla fine Max mi ha fattoun regalino che supera un po' quello che ero intenzionata a spendere… insomma ho fatto i miei bei danni… Finita la spesa abbiamo mangiatoqualcosa al volo e poi siamo tornati a casa… Per la serata avevamo pensato di regalarci un'uscita da fidanzatini con tanto di pizza+cinema e così abbiamo fatto. Siamo stati a mangiare la pizza in una pizzeria a Novellara, la 'Conchiglia' dove a detta di Max fanno una pizza con tanto pesciolino buono… io l'ho presa alle verdure ed era buonissima… poi siamo ritornati a Carpi, dove abbiamo fatto una passeggiata in centro mentre attendevamo il cinema…
Anche se so che Max avrebbe preferito andare a vedere 'Trecento', alla fine abbiamo optato per 'The Illusionist'. Edward Norton è bravissimo come sempre ed il film non è stato male anche se avevo indovinato tutto a mezz'ora dalla fine del film…


Siamo all’inizio del XIX secolo, in Austria. Eisenheim è un adolescente innamorato (e ricambiato) della bella Sophie: la ragazza però, è promessa sposa del Principe Leopoldo, erede al trono. I due sono costretti a separarsi ed Eisenheim scompare dalla circolazione. Quindici anni dopo, il ragazzo è cresciuto e strega Vienna con spettacoli nei quali mette in mostra le sue incredibili doti di illusionista: una sera incontra Sophie, e l’amore si riaccende, ma il Principe Leopoldo, aiutato dall’Ispettore Generale Uhl, capo della Polizia, fa di tutto per stroncare una volta per tutte la relazione…The Illusionist è la storia di un triangolo sentimentale: alla magia dell’amore, si aggiungono gli stupefacenti incantesimi di Eisenheim, padrone del palcoscenico e dell’arte dell’illusione. Neil Burger, il regista, è bravo a raccontare la storia con stile asciutto e a rappresentare una Vienna credibile e vivace, grazie all'eccellente fotografia di Dick Pope. Le uniche perplessità riguardano un plot forse troppo convenzionale, vista la materia trattata, e a cui manca, pur essendo di fatto presente ma troppo prevedibile, un valido colpo di scena finale. La sceneggiatura si concentra sulla storia d’amore e sull’evoluzione dei personaggi, mentre restano appena accennati temi che forse avrebbero meritato un maggiore approfondimento come il contrasto fra scienza e magia e tra raziocinio e immaginazione. Nel cast brillano l’ambiguo Paul Giamatti e la bella Jessica Biel, mentre a sembrare un po’ spaesato e fuori parte è proprio Edward Norton, la cui performance è valida, ma lontana dai suoi (altissimi) standard, quasi che l’attore fosse soverchiato dalla magia del personaggio che interpreta. Menzione speciale invece, per l’eccezionale score di Philip Glass, musicista ricercato e minimalista, che colpisce orecchie e cuore dello spettatore, con melodie capaci di avvolgere il film in un’aura magica. Grazie anche a questo fondamentale contributo, The Illusionist, offre numerosi momenti emozionanti, appassionanti, e una sequenza, quella dello spettacolo con “l’albero di arance “, da iscriversi direttamente nella storia del cinema.


Poi domenica mattina ci siamo alzati ed ho iniziato a prepararmi per il pranzo dalla suocera… Devo dire che l'intento di 'tirarmi a spigolo vivo' è riuscito… con il mio completino munito di top nuovo, orecchini nuovi e soprattutto qualche kilo in meno rispetto all'ultima volta che ci siamo visti, ho ottenuto il risultato ottenuto… l'aver zittito la super donna che nel corso del pranzo si è sempre di più abbacchiata… Non è colpa mia se per Pasqua non ha voluto vestirsi un po' elegantina, sono scelte personali. La mazzata peggiore l'ha ricevuta quando la mamma di Max ha aperto il pensierino che gli ha fatto suo marito, un paio di orecchini e, pensando di essere molto in gamba ha detto 'Voi fratelli G. dovreste imparare da vostro padre…' ed io non ho resistito e le ho detto 'Beh, per Max questo discorso non vale, ho ricevuto anch'io un bel regalo ieri!!!' E' passata da tutte le tonalità del rosso per giungere ad un grigino cenere… :-D
Lasciando perdere queste tristezze, nel pomeriggio abbiamo resistitio alla tentazione di tornarcene a casa e sprofondarci nel divano, ed abbiamo fatto un giretto per Vignola, dove c'era anche una piccola fiera… Poi alla fine la stanchezza si è fatta sentire, ed abbiamo concluso la serata sul divano guardandoci la tv...
Ieri invece è stata la volta dei miei, ma io non ero in splendida forma (un po' come oggi…), dopo pranzo siamo tornati subito a casa dove io mi sono fiondata a nanna per un'oretta prima di guardarci un filmino in dvd. Era tanto che lo rincorrevamo e finalmente siamo riusciti a vedere 'Notte prima degli esami'.

In una colorata estate degli anni ’80 Luca e i suoi amici si preparano ad affrontare i temuti esami di maturità. Ma invece di studiare riescono a collezionare un’incredibile serie di buffe disavventure. A cominciare è proprio Luca che, travolto da insolito coraggio, rovescia su Martinelli, il professore di lettere più bastardo della storia dell’umanità, una micidiale collezione di insulti e accuse. 10 secondi dopo scopre che Martinelli sarà il nuovo membro interno agli esami! E come se non bastasse, poche ore dopo, Luca si innamora di una esuberante coetanea conosciuta ad una festa, Claudia. 10 secondi dopo scopre che è fidanzata con un ragazzo con 20 Kg di muscoli più di lui! Luca però non si perde d’animo e comincia una spasmodica ricerca dell’amata. Di lei conosce solo il nome ma ignora la cosa più importante... che è la figlia dell’odiato professor Martinelli! Nei giorni seguenti... Tutto culmina con la notte prima degli esami... e il mattino dopo nessuno dei nostri protagonisti sarà più lo stesso.
Cosa dire… la colonna sonora è fantastica… dovete perdonare questo mio entusiasmo, ma io ho fatto la maturità nell'88 ed il film è abientato nell'estate dell'87. Troppi ricordi sono affiorati, la musica dei Duran Duran e degli Europe che scuotevano le pareti della mia camera da letto… per non parlare dei pomeriggi estivi passati in discoteca dove, quando programmavano 'The final countdown' ci precipitavamo tutti i pista come degli invasati… Ho divorato con lo sguardo questo film, notando tutti i particolari che mi hanno riportato indietro ad un periodo della mia vita che, seppur non rimpianga, ha fatto parte della mia vita e non va rinnegato.

Ed anche il lunedì se n'è andato velocemente, ci siamo persino spinti ad un giretto a piedi per la metropoli sorbarese, per niente esaltante, ma nonostante questo stancante… Forse stiamo già cominciando ad accusare i primi sintomi dell'allergia, forse la stanchezza che mi ha pervaso deriva da questo, sperimao che passi alla svelta…

venerdì, aprile 06, 2007

Semplicemente...
BUONA PASQUA A TUTTI !!!!!