giovedì, agosto 31, 2006

Scene mitiche...

Vi racconto cosa è successo stamattina in questo ufficio… mi scappa da ridere, anche se non c'è proprio tanto da ridere...
Enzo, il mio compagno di banco, si è spostato sulla scrivania di uno dei nuovi che sono stati assunti ultimamente per guardare insieme una cosa… dopo 10 secondi, interrompe Giuseppe e gli dice di aspettare un attimo… Fa pochi passi e raggiunge l'ufficio del Tasso (il nostro responsabile CED)… entrambi rientrano in ufficio e Tasso dice 'Se è per me ce l'ha anche domani mattina… non sono io che devo decidere…' poi, sempre Tasso si sposta verso Andrea (che è il nostro capo progetto) che si trova nella scrivania davanti alla mia e di fianco a Davide e gli dice 'Mi ha detto Enzo che Giuseppe ha necessariamente bisogno di un 17 pollici, perché così non si riesce a lavorare'. Andrea lo guarda un po' esterrefatto e gli dice che Giuseppe è nella stessa situazione di Davide… e Lollo (il fantastico!!!) dalle mie spalle interviene 'Ma a Davide non serve, è più importante Giuseppe'. Dovete sapere che i 17 pollici lcd stanno arrivando piano piano a tutti, si è deciso di seguire un ordine di anzianità… e quindi nel nostro 'quadrilatero' l'unico che ne è ancora privo è proprio Davide e potete immaginarvi quanto se ne lamenta e quanto rompe con questa storia…
Alla fine Andrea ha glissato, perché effetivamente non sarebbe giusto saltare Davide in questo modo (anche se se lo meriterebbe alla grande!!!) ma ciò che mi fa sorridere è la faccia tosta di Enzo e il comportamento succube del Tasso nei confronti di ogni cosa gli venga detta da Enzo. Capisco che Enzo ha il suo carisma e che ci tiene a far finta di essere il capo… ma qui ci sono anche persone che ci credono e che non riflettono nemmeno un momento su quello che lui gli dice… Tasso Tasso… sei tu che gestisci questa storia, lo sai benissimo se tocca a Giuseppe oppure no… evita di fare delle figurine così meste al cospetto di Andrea!!! Però la faccia di Baldo (=Davide) è stata impagabile, hi hi hi… me la rido ancora sotto i baffi!!! Povera stella, nessuno gli vuole bene!!! Per un attimo ho creduto che andassero a prendere direttamente uno dei monitor 17 pollici che vengono già utilizzati per fare le demo… per darlo a Giuseppe… vi immaginate cosa sarebbe successo???
Meno male che ogni tanto accadono anche queste cose da queste parti… sono cose un po' tristi ma molto molto divertenti… ma soprattutto mi rendo conto di quanto c'è da imparare da certe persone… ormai mi sa che, anche se mi ci metto con impegno, non riuscirò a raggiungere il suo livello… questa vita non mi basta!!! :-D
Basta così, adesso è proprio ora di fare le persone serie… ma quanto si sente vittima da 1 a 100 Davide in questo momento??? 2000??? Povero cucciolo… quanti crostini deve ancora mangiare… mi sa che ormai ne masticherà fino a quando non lo licenziano di nuovo!!!

Prime

Image Hosted by ImageShack.usDave, un aspirante pittore 23enne di Brooklyn, si innamora di Rafi, una trentasettenne in carriera reduce da un doloroso divorzio. Rafi parla dei suoi problemi amorosi con un'analista,...
... la scrupolosa dottoressa Lisa Metzger, che la invita a riaprirsi alla vita e a vivere la storia col giovane uomo che questa ha appena conosciuto e la riempie d'energia. Ma quando Lisa scopre di aver spinto la sua paziente tra le braccia di suo figlio, le cose cambiano. Diventa infatti difficile per lei mantenere il distacco professionale, soprattutto quando Rafi inizia a confidarle dettagli intimi del suo rapporto con Dave...


Lo scorso weekend abbiamo guardato questa commedia in dvd e per non so quale ragione, ho deciso di scrivere qualcosa solo oggi… Forse perché la protagonista ha praticamente la mia età o forse perché il protagonista è uno di quei ragazzi attenti e sensibili che ormai non esistono più… ho trovato questo film molto carino, ironico e delicato. Il finale, che non vi sto a raccontare può deludere un po', ma, secondo me, è l'unico che può avere un senso, l'unico veramente reale…
Per una serata rilassante e piacevole, se vi piacciono le commedie romantiche e ironiche… ve lo consiglio…

La lama sottile di Philip Pullman

Image Hosted by ImageShack.usLyra, la protagonista della "Bussola d'oro" è giunta nel nostro mondo, dove l'aspettano altri incredibili incontri e la soluzione di alcuni misteri. Insieme al suo nuovo compagno di avventura, Will Parry, Lyra rimarrà coinvolta nella più ardita delle guerre e, malgrado i pericoli e le fatiche cui è sottoposta, non esiterà nella sua marcia verso il vero. Ma questa volta non saranno né lei né l'aletiometro a rovesciare l'esito della battaglia.

Ieri sera ho terminato questo secondo libro della trilogia… la tentazione è stata quella di prendere in mano immediatamente il terzo (che già giace nella libreria), ma ho resistito… Diciamo che si vede che è un romanzo di transizione, che prepara il terreno al terzo e ultimo, ma è scritto in modo molto piacevole e scorrevole… I personaggi sono come al solito ben delineati e l'entrata in scena di Will è stata una gradita sorpresa. Il finale a sorpresa, concitato e quasi frettoloso è stato quello che probabilmente mi ha fatto dirigere immediatamente verso la libreria e sfogliare il terzo volume. Ma poi ho visto che anche nel terzo c'è il riassunto dei precedenti (una bellissima abitudine per quelli smemorati come me) e quindi mi sono tranquillizzata… lo leggerò più avanti!!!

mercoledì, agosto 30, 2006

Agosto... quasi finito!!!

Ebbene sì, ormai anche questo mese è agli sgoccioli… passato tranquillamente dalle mie parti come un mese di transizione, con poca sofferenza e molto rimpianto che sia già finito!!! Pensavo proprio di provare un po' di tristezza nel rimanere a casa mentre la maggiorparte delle persone se ne stavano beatamente in ferie, invece le cose sono andata benissimo, anzi ho già nostalgia di quelle mattine con le strade deserte e pochissime macchine che passavano sotto alle finestre dell'ufficio. Forse provo solo un pizzico di invidia per quelli che hanno fatto ben tre settimane di ferie attaccate, esperienza che mi manca dai tempi della licenza matrimoniale!!! In questi giorni che li ho visti rientrare, sembrano un po' tutti felicemente spaesati… voglia di lavorare zero (questo è scontato!!!), ma le rughe d'espressione che prima delle ferie solcavano i loro visi, adesso non ci sono… Hanno più che altro espressioni di stupore sul viso, come se non riuscissero ancora bene a capacitarsi del fatto che devono buttarsi giù dal letto presto alla mattina e non possono fare la solita pennichella al pomeriggio…
Eh… carissimi... la pacchia è finita, ora è tempo di impegni e di lavoro e la solita routine è dietro alla porta… devo dire che avere il traguardo della settimanina del dolce far niente è un bell'andare… e dato che il mio cervellino ha ricominciato a frullare come ai tempi d'oro, non mi posso lamentare. Sì, perché ieri sera, dopo aver stirato per un tre orette buone, ho scelto i lavoretti da intraprendere a punto croce… e ne ho pure incominciato uno… il tutto mentre guardavo 'La libreria del mistero'. Non so per quanto durerà questa iper-attività… spero il più a lungo possibile!!! Mi fa bene concentrarmi su altre cose, tenermi super occupata è sì sfinente, ma se riesco ad occuparmi anche di cose che mi piacciono come i miei hobby, alla fine credo che sia una cosa positiva.
Ma la mia testolina non smette di frullare e sto già pensando, che al ritorno dalle ferie, non sarebbe una brutta idea se ricominciassi ad andare in palestra. Non ne ho per niente voglia, ma mi scoccerebbe cominciare a soffrire di cervicale con l'arrivo delle prime nebbie e l'unico modo è fare un po' di movimento… Ormai, le nostre passeggiatine serali sono da archiviare… le giornate si stanno accorciando paurosamente e tra un po' farà anche troppo freschino per andare in giro… Mi piacerebbe tanto fare qualcosa insieme al tato… ma vorrei che fosse qualcosa che piacesse anche a lui… Qualche settimana fa, dopo aver rivisto 'Shall we dance' (:-D), come sempre accade dopo la visione di film di questo tipo, gli ho proposto di iscriverci ad una scuola di balli latino-americani… e come al solito non ha detto di no… ma io lo conosco e so che non è entusiasta di questa idea… Non che io abbia il ballo nel sangue, anzi sono una parente stretta di un pezzo di legno con l'imbranatezza ereditata da un elefante… ma era semplicemente un'idea per fare qualcosa insieme… Si potrebbe anche riprendere lo squash, ma a giocare con me lui si annoia ed io non riesco a stare ai suoi ritmi, nemmeno se mi sforzo… insomma quando una persona è una 'ciofeca', sportivamente parlando, potete benissimo prendermi come esempio...
Certo che un po' di moto farebbe bene anche alla mia dieta… se già così ho ottenuto dei risultati apprezzabili, figuriamoci cosa potrebbe succedere con un po' di attività sportiva fatta come si deve… Cosa state dicendo??? Vi sento… state parlando della ciclette che giace nel mio studio e che sta prendendo un mare di polvere… avete ragione… invece della palestra potrei sfruttare questo atrezzo… ma mi dite come si fa ad evitare almeno una quindicina di giorni di dolori lancinanti a 'quella' parte del corpo??? E' un deterrente mica da poco, ve lo posso assicurare… Forse Silvia ha qualche consiglio da darmi al riguardo, anche se secondo me lei sono anni che ormai non soffre più di questo disturbo, con tutti i km che si spara in bici… (e dire che il sellino della ciclette è anche molto più comodo di quello di una bici normale…)
Boh… non lo so… chissà, magari stasera vado a casa ed invece di buttarmi sul divano a leggere il librino, monto sulla ciclette… staremo a vedere dove mi porta il cuore e soprattutto la voglia!!!

martedì, agosto 29, 2006

In ritardo... ma ci sono!!!

Ci sono, ci sono, anche se un po' in ritardo e sofferente alla fine ci sono riuscita ad arrivare al lavoro, nonostante che alle 7:30 mi trovassi ancora avviluppata tra le lenzuola… Stanotte ho dormito poco e male e alle 6:40 quando la sveglia si è accesa, sono scesa dal letto, l'ho spenta e poi mi sono coricata di nuovo…
Non mi chiedete che cosa è successo… forse il ritorno di tutti gli altri al lavoro ieri mi ha fatto male, forse senza volere mi sono agitata, non lo so ma ho ancora lo stomaco che fa le capriole e mi sento uno straccetto. Passerà… ho tutta la giornata per farmelo passare… E dire che ieri sera ho passato una bella serata: siamo riusciti a fare la nostra mini passeggiata prima di 'Un posto al sole' e poi mentre guardavamo Invasion ho terminato il lavoretto a punto croce che avevo iniziato qualche giorno fa, ma che ancora non vi posso mostrare… Non è niente di speciale, ma a me non dispiace… Poi verso le 23:00 siamo andati a nanna, registrando l'ultima parte di Invasion (le mitiche tre puntate non finiscono mai…) e quindi non si può proprio dire che ho fatto qualche stravizio…
Boh… un po' di tensione immotivata, la pace persa in ufficio, gli sguardi sempre vigili delle persone che mi circondano… forse tutto questo viene rilevato dal mio inconscio anche se io non gli do molta importanza.
Comunque, se non fosse per la montagna di panni che mi aspetta a casa per essere stirata, stasera avrei altre cose per la testa da pensare, altri lavoretti da cominciare, ma dovrò rimandare perché, come dice sempre mia madre, prima il dovere e poi il piacere!!! Uno strofinaccio natalizio da ricamare, un paio di pensierini per le mie uniche colleghe di lavoro per Natale (dato che l'anno scorso ci siamo fatte un pensierino per la prima volta, ora è diventata una cosa consolidata…) e poi chissà, ho riordinato la mia lana e sarebbe ora di fare un bel maglioncino per il mio tatone o per me...
Sì, perché domenica mattina siamo andati al Mercatone (che si trova a due passi da casa nostra) e mi sono comprata un paio di scatoloni, uno in cartone e l'altro in materiale lavabile… In quello di cartone ho riposto tutti i numeri di Susanna (è diventato un peso clamoroso e sono curiosa di vedere quanto durerà senza rompersi…), mentre nell'altro ho riposto la lana che ancora giaceva nel suo orrendo scatolone di spedizione…
Vabbè dai… è giunto il momento… facciamo le persone serie e torniamo alle nostro roto-traslazioni… che due… non ne posso più e dire che il SAIE è bello lontano!!!

lunedì, agosto 28, 2006

- 10 !!!

Image Hosted by ImageShack.usBeh… ho un sacco di cose da raccontarvi ed ho deciso di incominciare dalla più recente, anche se normalmente bisognerebbe incominciare dalla più antica.
Stamattina la mia carissima bilancia, ha evidenziato per la prima volta dall'inizio della dieta il secondo risultato importante: sono a quota -10 Kg !!!! In poco meno di 5 mesi, ho ottenuto questo risultato, dorse non è il massimo e so benissimo che la strada è molto lunga, ma nella vita bisogna anche saper godere delle piccole vittorie…
Il prossimo controllo è previsto per il 14 Settembre e, sempre se riesco, non sarebbe male riuscire a tirare giù un altro chiletto, staremo a vedere. Intanto bisogna riuscire a mantenere il risultato ottenuto, ma non sono molto preoccupata per questo, non ho in previsione dei grandi sgarri e quindi dovrei essere a posto.
Ma ricominciamo da venerdì… E' stata una giornata epica… lunghissima e faticosissima… sia per me che per Max… La mia è crollata drasticamente alle 11:45, quando riavviando il pc ho scoperto che non partiva più!!! Non c'è stato verso, siamo rimasti in tre qui per tutta la pausa pranzo per cercare di rianimarlo ma alla fine ci siamo arresi e mi è stato donato un nuovo hard disk. Ho passato il resto della giornata a copiare i miei vecchi dati in rete. Ora sono quasi all'80%… sto ancora caricando le decine dei software che utilizzo normalmente per lavoro e ricopiando tutti i miei preziosissimi dati sul nuovo hard disk. Per fortuna non ho perso nulla, ma ho vissuto un brutto quarto d'ora perché sul mio pc avevo almeno un paio di mesi di lavoro (e tribolazione) non salvato!!! Ma come si dice… 'tutto è bene quel che finisce bene!!!'
Anche per Max la giornata è stata pesantissima, al lavoro si preannuncia un mesetto di fuoco… ha scadenze importanti e tantissime cose da fare… spero che si riescano ad organizzare decentemente…
Poi venerdì sera sono andata a fare la spesa ed ho iniziato da sola, in attesa che arrivasse Max… UNA TRAGEDIA!!! Al di là del fatto che a me non piace fare la spesa da sola… c'era un bordello impressionante, scaffali mezzi vuoti e non riuscivo a trovare nulla di quello che cercavo. Per fortuna che poi è arrivato Max ed ha preso in mano la situazione...
Passiamo invece al sabato… col muso rivolto verso il cielo abbiamo deciso che tutte quelle nuvole prospettate dalle previsioni meteo forse ci avrebbero evitato e quindi ci siamo messi al lavoro… pulizia del tavolo e delle sedie condominiali ed organizzazione della cena… Devo dire che sono rimasta molto soddisfatta del risultato. Il tavolo era venuto una delizia, carino da matti con le tovagliette provenzali ed i tovaglioli di carta in tinta… le due candele… insomma un'atmosfera di altri tempi… La soddisfazione poi di aver fatto tutto in modo perfetto (che non capita molto spesso dalle mie parti…) mi ha ripagato in pieno di una compagnia un po' così… Ero talmente soddisfatta del risultato ottenuto che manco le sentivo le cavolate sparate dai miei gentili ospiti…
Vabbè che non mi sono mica trattenuta… ho sempre detto ciò che pensavo… forse pure troppo, ma sono già abbastanza esperta di fratelli coglioni, e non mi lascio più intimidire dalle cavolate…
Unico punto negativo è che purtroppo adesso di sera viene freschino e quindi ad un certo punto occorre un maglionicino… e per quest'anno mi sa che non lo rifaremo più… però è stata un'esperienza positiva…

venerdì, agosto 25, 2006

Uno spettacolo

Ieri sera, dopo cena ce ne siamo andati a fare un mini giretto a piedi per la nostra grande metropoli… Minacciava pioggia, grossi nuvoloni erano in avvicinamento a ci siamo mantenuti abbastanza vicino a casa… Tra le nuvole sono iniziati a comparire numerosi fulmini, uno dopo l'altro, senza un tuono ed era uno spettacolo incredibile.

Ci siamo seduti su una panchina ad ammirare questo fenomeno, proprio come farebbero i vecchietti e ce ne siamo rimasti lì un bel po'… io stanca morta dopo le pulizie d casa e lui distrutto da una giornata lavorativa allucinante. Ieri ha praticamente saltato il pranzo perché coinvolto in una riunione fiume e potete immaginare che fame aveva ieri sera… così abbiamo sgarrato un pochino e stamattina non sono riuscita a raggiungere il traguardo tanto atteso che già da qualche tempo sfioro senza arrivarci… Parlo dei -10 k dall'inizio della dieta. Ci sono vicina vicina… ma ancora non ho visto il sospirato numerello sulla bilancia… Maledetta!!!

E stamattina??? Stamattina il cielo è grigissimo, minaccia pioggia e mi sa che oggi non ce la schiveremo, c'è una luce tipicamente autunnale ed i sbadigli sono inevitabili.
Mi aspetta una giornatina impegnativa… dopo il lavoro mi fiondo a fare la spesa iniziando la dolorosa pratica senza Max (che poi arriverà appena può…) e poi domani… Domani sera abbiamo a cena Andrea (il fratello di Max) con consorte. L'idea iniziale era quella di fare la grigliata, ma come al solito il tempo sembra incerto e quindi non so se riusciremo a farla. Ho già un'idea per il menu di riserva, ma mi scoccia un pochino. E' tutta settimana che ci penso, mi ero fatta tutto un viaggio sul fatto che potevamo mangiare in giardino, apparecchiando poco distante dal barbecue… con un paio di candele sulla tavola, le tovagliette che ho comprato in provenza alcuni anni fa… insomma tutta una cosa che secondo me doveva venire carina…

Staremo a vedere, non ho ancora perso la speranza e comunque se domani c'è una benchè minima possibilità di fare qualcosa, mi dovrò dedicare alla pulizia accurata del tavolo da giardino condominiale che si trova appunto nella sala condominiale e che viene pulito SOLO dalla sottoscritta… forse gli altri hanno paura di diventare brutti a pulirlo ogni tanto… Quindi gomma, detersivo per i piatti, spugna e, come dice la mia mamma, unto di gomito, per tirarlo ad una condizione decente.

Sono anche venuti a tagliarci l'erba nel giardino questa settimana e quindi la condizione sarebbe ideale… insomma tutto trama contro le mie 'favolose' idee...

Vabbè è meglio che sfrutti questa ultima giornata di calma assoluta, mi metto a fare qualcosa… da lunedì c'è il rientro globale, tutti saranno carichi come le molle o incavolati neri e quindi mi aspetta un mesetto scarso di duro lavoro...

giovedì, agosto 24, 2006

Pensieri mattutini...

Quando poi scrivere sul blog diventa un'abitudine di cui non puoi fare a meno… e quando ti svegli, decidi che vale la pensa di andare al lavoro solo per dedicarsi una mezz'oretta in questa attività… può succedere anche che non si sappia bene di cosa parlare, perché non è che succede qualcosa di nuovo tutti i giorni, almeno non accade nella mia vita… così stamattina, mentre facevamo colazione ho chiesto a Max di darmi uno spunto, un'argomento da sviscerare in queste mie quattro chiacchiere mattutine ma ho beccato anche lui in una di quelle giornate scarne di idee… Ad un certo punto però mi ha detto che dovrei tenermi dei pezzi di scorta da pubblicare in queste occasioni, un po' come fanno i giornalisti… e la cosa mi ha fatto sorridere… Non tengo mica una rubrica, si tratta semplicemente della mia vita, dei miei umori… un angolino tutto mio che condivido con le persone che decidono che vale la pena leggerlo… perché non mi conoscono o nonostante mi conoscano ;-)
Se tenere un diario per me è un ritorno ad una vecchia abitudine, tenerne uno pubblico è anche un modo per comunicare, poi leggo molti blog, e la loro bellezza è proprio la diversità degli argomenti trattati, il modo che le persone decidono di allestire il laro angolino… C'è chi scrive della propria vita come faccio io, c'è chi parla delle proprie passioni, chi riporta semplicemente pensieri e sentimenti, e chi si sbizzarrisce nell'addobo della propria stanza… Sono tutti bellissimi e meritano tutti di essere visitati e non perché soffro di voyerismo, ma perché sbirciare la vita di tante altre persone mi da la possibilità di confrontarmi ed a volte di ridimensionare anche le mie aspettative… Poi si sa, è un discorso che lascia il tempo che trova, perché nei momenti critici è veramente difficile riuscire a vedere le cose in modo distaccato, almeno a me succede di essere completamente assorbita dai miei problemi, ma non appena le cose si aggiustano un pochino mi riaffaccio alla finestra dei blogger e trovo sempre qualcosa di nuovo…


Stamattina avevo pensato di non scrivere nulla sul blog, ma Max mi ha guardato male e mi ha detto che non me lo posso permettere e quindi, mi dispiace davvero, ma vi dovete sorbire queste elucubrazioni mattutine… :-D


Una cosa però vorrei raccontarvi, sperando che a Max non dispiaccia… Si tratta della storia di un suo ex-collega di lavoro ed è un bel po' che penso di parlarne, perché ci penso spesso… Questo ragazzo, più giovane di noi, ha scoperto qualche mese fa di avere qualche problema di salute, e dopo mille accertamenti, mille esami si è saputo che era una cosa seria… Lo ha portato a rimanere in ospedale per più di un mese in isolamente per curarsi, senza nessuna certezza di poter risolvere il problema e questa cosa mi sconvolge al solo pensiero… Visite contate con genitori e ragazza, nessun contatto col mondo esterno se non tramite il pc… e starsene in ospedale così tanto tempo!!! Ieri, dopo questo tempo di clausura forzata è finalmente uscito ed è in attesa di poter rifare tutti gli esami per capire se le cure hanno avuto effetto, ma non riesco nemmeno ad immaginare cosa ha provato, penso solo che per tutto questo tempo si sia sentito come un leone in gabbia… Io gli auguro di tutto cuore che le cose si possano risolvere, ma di una cosa purtroppo sono sicura, la sua vita non sarà più la stessa, dovrà imparare a convivere con l'incertezza, con la paura che la malattia progredisca o che ritorni e purtroppo, anche se non per esperienza personale, so come ci si sente… Lo sto vivendo un po' con mio padre… questi mesi di pausa tra un controllo e l'altro sfiancano me, figuriamoci se lui non li sente… poi è chiaro, si fa sempre finta di niente e si ostenta un ottimismo che va al di là di ogni ragionevole conferma, proprio perché non si può fare altrimenti, ma diciamoci la verità… questa non è vita!!! E se penso che un ragazzo così giovane è destinato allo stesso supplizio, mi si stringe il cuore… Forza e coraggio Andrea… siamo tutti con te!!!

mercoledì, agosto 23, 2006

Ricamare e...

Image Hosted by ImageShack.usFacciamo una premessa… ogni tanto, ciclicamente, mi viene voglia di riprendere in mano ago e filo e fare qualcosina a punto corce, oppure anche i ferri per la maglia e generare un maglioncino… Quando questo accade la mia fonte di ispirazione sono i numerosi numeri di Susanna che colleziono ormai da alcuni anni… Ora, sta diventando sempre più urgente trovare una nuova sistemazione per questa mia raccolta perché il positicno da loro occupato ormai è saturo da un bel po' e quello che accade in questi casi è che poi le riviste vengono sparse in modo incontrollato per tutta la casa…
Sto pensando seriamente di comprare uno scatolone dove mettere il mio prezioso bottino, scatolone che poi non so proprio dove posizionerò… Potrei anche metterlo in garage ma questo significherebbe che ognivolta che mi viene uno schizzo dovrei chiedere a Max di andarmelo a prendere… tempo fa avevo visto anche delle scatole munite di ruote, anche una soluzione di questo genere potrebbe essere un'idea...
Eh, comunque a parte questo, ieri è stata la giornata dello 'schizzo'… a dire il vero è un po' che ci penso, ma mi sento molto in colpa per un lavoro che non riesco a terminare e che ormai mi trascino da molto, troppo tempo e quindi non vorrei iniziare qualcosa di nuovo prima di terminare questo… Ma poi mi sono detta… ma chi se ne frega… se ho voglia di fare un paciughino non impegnativo perché dovrei rinunciarvi…
Tanto ormai Max è abituato alla confusione che genero quando devo decidere cosa fare… mille riviste impilate sul tappeto ed io seduta di fianco a sfogliarle… adoro riguardarle anche per la centesima volta e passerei serate intere a guardare le mille idee che si potrebbero realizzare… solo averne il tempo e la voglia…
Adesso non vi sto a dire che cosa ho scelto per il mio piccolo ed estemporaneo lavoretto… ve lo farò vedere quando lo avrò finito, però vi racconto questa… Scelto il soggetto, guardo tra le mille matassine e scelgo il colore predominante (spesso i colori li scelgo di mio gusto senza guardare i colori suggeriti…) e comincio di gran lena e con entusiasmo… Arrivo a più di metà della prima parte e mi soffermo a guardare e non credo ai miei occhi… avevo eseguito il lavoro metà di un colore e metà di un altro… sulla stessa matassina si trovava per sbaglio un pezzetto di filo che non corrispondeva al colore ma era talmente simile che me ne sono accorta solo quando ormai il danno era stato eseguito!!! Poi tra l'altro il disegno risultava troppo grande per quello che volevo fare io e quindi… VIA… ho ricominciato di nuovo la ricerca ed ho optato per qualcosa di più piccolo… Mi sto ancora chiedendo come ho fatto ad unire diversi colori sulla medesima metassina… che sclerosi, ragazzi…
Devo anche pensare ad un riordino delle matassine… tempo fa da qualche parte avevo trovato un sito, oppure era un blog, non me lo ricordo, in cui c'erano le misure per ralizzare col cartoncino gli appositi talloncini per avvolgere il filo (sicuramente avranno un nome tecnico che io, da ignorante quale sono, non conosco…) ma purtroppo non riesco più a trovarlo… era un'ottima idea, perché le matassine, dopo averle iniziate possono perdere i talloncini con il numerello, insomma non sono comodissime… Forse 'Pecorella Smarrita' potrebbe darmi qualche indicazione al riguardo… e comunque ogni segnalazione è bene accetta… :-)


Ah… dimenticavo… ieri a mezzogiorno ho reso felici i miei e, vi assicuro, ci è voluto veramente poco… prima di tutto sono rimasti molto contenti del fatto che mi fossi ricordata che era il loro anniversario e il pensierino che ho fatto loro è stato accettato con piacere… Non mi ricordo se ve lo avevo detto… gli ho comprato una paio di creme da corpo in erboristeria… anzi, per la precisione, l'acquisto l'ha fatto Max su mia ordinazione ma è stato bravissimo perché gli ho dato l'incarico di effettuare la difficile scelta ed è risultata azzeccatissima. E' da qualche tempo che ho 'iniziato' i miei a questa pratica… quando mia madre si è fatta male alla spalla, dopo l'intervento, le avevo regalato una crema per tenere la parte lesa morbida ed idratata… I miei sono persone semplici e non si sarebbero sognati di usare creme per il corpo, ma tutto sommato io devo aver preso da qualcuno dato che le adoro, ed ho scoperto che la passione l'ho ereditata da mio padre… Adesso che ha scoperto questo nuovo regno (ci sono anche tante creme per il corpo da uomo…), tutte le volte che fa la doccia si avvolge in una nuvola di profumo, da vero 'pipetto' quale sotto sotto è sempre stato… Così, tra una chiacchiera e l'altra la pausa pranzo di ieri è trascorsa molto velocemente ed anche serenamente… con il pensiero di mio fratello ormai lontano… là in Croazia con la famigliola…

martedì, agosto 22, 2006

Nebbia...

Sì, avete capito bene… stamattina arrivando in questa ridente cittadina a ridosso di Carpi… l'ho trovata immersa nella nebbia… A dire il vero credevo che si trattasse di fumo, ma quando poi non ho sentito nessun odore particolare ho dovuto arrendermi all'evidenza che anche il 22 Agosto in questa 'buca' può esserci la nebbia!!!
Intendiamoci, non è uno di quei nebbioni tipicamente autunnali, tra una mezz'oretta probabilmente non ce ne sarà più traccia ed il sole riesce a filtrare… ma fa sempre un certo effetto e soprattutto è un campanello d'allarme che ci dice che ormai l'estate sta finendo e che dobbiamo incominciare a metterci nell'ottica che presto il caldo lascerà definitivamente il posto al freddo…
Per chi come me al mare ci deve ancora andare e, se tutto va bene, partirà a fine settembre fa un po' specie pensare all'autunno… Se saremo fortunati e troveremo bel tempo… al nostro ritorno potrei sfoderare un'abbronzatura che purtroppo in pochi noteranno, nascosta sotto maglioncini non propriamente invernale ma sicuramente autunnali… Pazienza… spero di non replicare comunque l'esperienza della Tunisia, perché se portiamo anche in Egitto la pioggia potremmo costruire un business come portatori d'acqua in zone nelle quali di solito non piove mai!!! :-D
Al di là d tutto questo… stamattina mi sento veramente in coma… quando la radiosveglia si è accesa ero lontanissima dalla realtà ed emergere è stata durissima… Anche ora dopo più di un'ora dal risveglio fatico a prendere il ritmo, ho un po' di nausea e vorrei veramente mettermi in un angolino e ritornare nel mondo dei sogni… ma non si può ciccina… un'altra giornata di lavoro ti aspetta...


Oggi è anche l'anniversario di matrimonio dei miei… 49 anni… non ci hanno mai tenuto a festeggiare questo avvenimento… mio padre spesso dice che è stato uno dei giorni più brutti della sua vita, perché non aveva un soldo un tasca e i presupposti non erano dei migliori… Da parte mia invece io li festeggio sempre e riesco sempre a sorprenderli perché immancabilmente loro si dimenticano… Un pensierino, un mondo di auguri e qualche baciotto… niente di speciale, ma molto molto di più di quello che fa il mio caro fratellone… A proposito di lui è di nuovo in 'sbrusia'… questa volta è riuscito ad offendere anche mio padre e, di solito, lui cerca di restarsene fuori quando la mamma fa la permalosa… Sta diventando motivo di godimento per me vedere come un uomo istruito e credo abbastanza intelligente si comporti nei confronti dei propri genitori. Logicamente mi dispiace per loro, ma non riesco a non sorridere della sua stupida arroganza e saccenza che ostenta con persone di cui invece dovrebbe baciare il terreno su cui camminano!!! Comunque è partito con la famiglia ieri con il camper preso in affitto alla volta della Croazia e tutto è iniziato sabato sera quando è andato da mia madre e le ha chiesto di fargli una crostata da portarsi via… Premetto che a mia madre non sa fatica fare un piacere ai suoi figli, anche se mi sarebbe piaciuto vedere la sua faccia quando ha ricevuto questa insolita richiesta… e poi da un uomo che ha sposato la persona più brava, più intelligente e più dotata di questa terra… persona che in questo periodo sta lavorando ben 3 ore al giorno e quindi capite anche voi che è TROPPO impegnata per fare una torta (dote culinaria in cui del resto eccelle!!!). Beh, ma lasciamo perdere… mia madre gli dice che non sta tanto bene con un ginocchio ma non c'è problema… E lui ha perso la sua prima occasione per chiederle "Ginocchio??? Perché cosa hai fatto??? Sei caduta???"
Ma andiamo avanti… questo è successo sabato sera… domenica ore 11:00 ripiomba a casa dei miei per la torta che si trovava ancora in forno "Ma come non è ancora pronta??" Al di là del fatto che l'impasto deve riposare in frigo almeno un paio di ore… vorrei sapere quando pensava che mia madre la facesse questa benedetta torta… Insomma hanno aspettato che uscisse dal forno per portarsela via ancora bollente… C'erano tutti e tre e qui viene il pezzo forte… Le indicazioni relative all'innaffiamento dei fiori… Il Bonsai ed altre pianticelle che richedono 'cure particolari' sono state portate dagli altri nonni che hanno 'il pollice verde' mentre a casa sono rimasti solo i fiori più 'semplici' da accudire… "ah, mi raccomando… senti con un dito se la terra dei fiori è umida prima di inaffiarli!!!". Ecco, immaginate di dire queste cose a due persone che sono nate in campagna e che l'hanno coltivata fino all'età di vent'anni… secondo voi, mio padre è così rimbambito che non sa neppure quando e come inaffiare un vaso di fiori??? E poi pensate proprio che uno come mio fratello, con tutta la sua sapienza infinita possa dare consigli al riguardo ai miei??? Ecco il motivo per cui si è offeso mio padre e mia madre ha un nervoso che non ve lo dico nemmeno...
Ciliegina sulla torta… Il sapiente si è rivolto poi a mia madre e le ha detto "ah, poi alla sera c'è da andare a mettere la tartaruga nell'acquario" (sì perché la loro è abituata ad uscire tutti i giorni in modo autonomo e andarsene in giro per casa)… al che mia madre gli dice "Ho un ginocchio che non riesco bene a muovere, penso che non ci andrò spesso a casa tua"… ed ecco che ha perso la SECONDA possibilità di chiederle cosa è successo!!! Un mito… è il mio mito!!! Che idiota!!!
Ieri quando mi hanno raccontato questi ultimi avvenimenti ho cercato di sdrammatizzare e di prenderla sul ridere, ma non c'è molto da ridere… c'è più che altro da piangere… mio fratello ha 49 anni, nella vita ha avuto la possibilità, grazie ai suoi genitori di fare quello che voleva… l'ingratitudine è veramente una brutta bestia… sarebbe veramente il momento che si facesse un esame di coscienza!!!


Quindi oggi ho intenzione di festeggiarli, di dar loro tanti baciotti perché 49 anni di matrimonio sono un bel po'… una vera e propria bellezza!!!

BUON ANNIVERSARIO VECCHIETTI !!!

lunedì, agosto 21, 2006

Pride & Prejudice

Image Hosted by ImageShack.usSabato sera ci siamo guardati questo film in dvd… ed ha riaperto una finestra nei miei ricordi che ultimamente è sempre socchiusa, ma non del tutto sbarrata. Sì perché io nasco come assidua lettrice dei romanzi romantici dell'ottocento e pochi com Jane Austen riescono a descrivere quell'ambiente, quei sentimenti così discreti ed antichi. Ho trovato questo film molto bello, nelle ambientazioni e nelle interpretazioni dei caratteri dei vari personaggi ma so per certo, che la maggiorparte delle persone, guardando questo film arrivano a una sola conclusione… "Che pizza!!!".
Beh, se non vi piaceva il romanticismo quando lo avete per forza dovuto studiare a scuola è meglio che lasciate perdere… ma, se come me, avete amato l'intraprendenza di Elizabeth mista alla sua 'dovuta' ritrosia e avete sempre fatto il tifo per lo scontroso ed irritante Darcy… allora guardate questo film… rituffatevi in quel mondo dove anche solo sfiorarsi crea turbamento, dove i sentimenti si esprimono sì in maniera molto semplice, ma non è altrettanto semplice conoscersi fino in fondo…
Che bellezza… che voglia di rileggere qualcuno di quei mattoncelli…magari "Emma", oppure un "Madame Bovary", oppure un "Cime tempestose"… o rileggere appunto ancora una volta "Orgoglio e pregiudizio"…
Faccio solo un'ultima osservazione: tutte le residenze in cui è stato girato il film si trovano nel sud dell'Inghilterra e sono una più bella dell'altra… Varrebbe veramente la pena fare un viaggetto alla scoperta di queste dimore e di questi angoli di paradiso in cui si respira tuttora quell'aria di antico… sembra quasi di sentire quell'odore tipico di stantio e polvere che adoro quando visito i castelli antichi… Per poi non parlare dei fantastici giardini… stile Versaille ma molto più austeri, meno leziosi, con il loro perfetto ordine e la loro immutabilità…

La bussola d'Oro

Image Hosted by ImageShack.usLyra vive al Jordan College di Oxford. Oxford non è lontana da Londra, e Londra è in Inghilterra. Ma il mondo di Lyra è diversodal nostro. Oltre l'oceano cìè l'America, ma lo stato più importante di quel continente si chiama Nuova Francia; giganteschi orsi corazzati regnano sull'artico; lo studio della natura viene chiamto "teologia sperimentale". E soprattutto ogni essere umano ha il suo daimon: un compagno, una parte di sé di sesso opposto al proprio grazie al quale nessuno deve temere la solitudine.
Questo mondo attraversa un periodo critivco: nella luce misteriosa dell'Aurora Boreale cade una Polvere di provenienza ignota, dalle proprietà oscure. Uomini si scienza, autorità civili e religiose se ne interessano e ne hanno allo stesso tempo paura. Lyra l'intepida, che ha solo undici anni, si trova al centro degli intrighi, e quando intuisce segreti pericolosi e inquietanti decide di andare alla ricerca della verità grazie anche al'aiuto di uno stranissimo strumento "scientifico", una sorta di bussola d'oro che serve appunto a misurarla, quella verità...


Questa è un piccola introduzione a questo primo romanzo di una trilogia di cui in questo momento sto leggendo il secondo "La lama sottile". E' un libro per ragazzi, delicato nella sua scrittura che si legge volentieri perché al di là della storia tipicamente da ragazzi, mette in evidenza i sentimenti dei protagonisti, rendendoci partecipi dei loro turbamenti e delle loro avventure...
Non è da molto che leggo ogni tanto libri che fanno parte della letteratura per ragazzi… Max vi si è avvicinato credo più che altro per curiosità e forse anche spinto dall'esperienza positiva avuta con Harry Potter di cui siamo entrambi affezionati fans. Dobbiamo molto anche ad Alberto che per primo ci ha fato conoscere Harry Potter, quando ancora non era un successo a livello mondiale, perché comunque lui legge spesso romanzi per ragazzi, volendoli sondare prima di regalarli alle fortunate nipotine… Quindi ogni tanto capita che venga a casa con un librino nuovo, di cui ha a volte letto la recensione da qualche parte… Ed io curiosa come sono, non posso esimermi… mi piace provare autori nuovi, senza per questo abbandonare quelli che preferisco… che peccato non avere più tempo per leggere… almeno un'oretta delle 8 ore di lavoro dovrebbe essere utilizzato per coltivare le proprie passioni… non vi sembra una bella idea???

venerdì, agosto 18, 2006

Vi piace andare in banca???

Sì, è proprio una domanda che vi pongo… io ODIO andare in banca, mi viene la nausea… e dire che non è sempre stata così… quando ero giovane e ci andavo con mio padre mi piaceva, mi sembrava un mondo un po' magico dove tante persone lavoravano con i tuoi soldi ed al tuo servizio...
Adesso invece vedo solo tante persone che, per la maggior parte del tempo non sanno che pesci pigliare, che si mettono in discussione facendoti mille discorsi per poi doversi completamente smentire a distanza di pochi mesi. Non che creda che sia colpa loro o che agiscano in mala fede… ci mancherebbe… ma i propri miseri risparmi sono in balia di avvenimenti che nessuno riesce a controllare e se una volta, ai tempi di mio padre, si investiva e si vedeva il capitale arrotondarsi piano piano da solo… ora va bene non vederlo diminuire…
Come potete intuire derivo da un inizio mattina passato proprio in banca… molto più faticoso che passare un paio di ore al lavoro… ad ascoltare Luisa che ci aggiorna sulla sorte dei nostri miseri risparmi e ci consiglia come muoversi in questo momento critico (perché ci sono mai stati momenti positivi??? Sì, quelli che qualche mese fa erano considerati negativi diventano magicamente positivi!!!)
L'ho sempre detto io che tenere i soldi in banca è un pessimo affare, se si potesse fare io comprerei un mucchietto di pietre alla volta così almeno piano piano mi posso fare una casa… tenerli lì è una finta sicurezza e quando poi si devono usare davvero si scopre che non valgono quasi nulla…


Vabbè, come avrete intuito oggi sono di un umore un po' strano, ma non vi preoccupate è una cosa passeggera, entro sera sicuramente mi sarà passata… ho in mente di fare tante cose oggi e dato che l'ostacolo più difficile è già stato superato… quello di alzarsi stamattina… penso che sarà tutta una discesa. Devo dire che stamattina ho proprio fatto i capricci… sì, come i bimbi… ho posticipato al massimo il mio scendere dal letto e poi che c'era Max che mi ha tirato giù dal letto un pezzo alla volta… tirando prima una gamba e poi l'altra e poi un braccio… insomma una vera comica… Di solito io mi devo alzare sempre prima di lui e quindi non mi posso permettere di fare la capricciosa ma stamattina avevamo questo impegno e quindi ci siamo alzati insieme… o meglio lui si è alzato per primo e poi mi ha 'costretto' ad alzarmi… Cosa dite??? E' colpa della prospettiva di andare in banca??? Forse ma è già da qualche giorno che alla mattina prenderei dei calci nel sedere piuttosto che alzarmi. Forse la sfacchinata della pittura, unita alla temperatura clemente che rende piacevole dormire… mi fa sentire come se fosse già autunno ed il letargo si avvicina… E' presto vero??? Non è mica colpa mia se questo agosto è una vera tragedia dal punto di vista meteorologico…


Beh, ieri sera ho finito il mio album fotografico sulla crociera ed a Max è piaciuto talmente tanto che ne vuole uno identico anche per la Scozia… dato che l'anno scorso non abbiamo alla fine stampato nessuna delle centinaia di fotografie scattate. Quindi una parte della serata è trascorsa a scegliere le foto della Scozia… ed alla fine ne sono state selezionate ben 93… un bel numerello, non trovate??? Così adesso devo pensare al nuovo layout e qualche idea ce l'ho già ;-)

Blue Smoke di Nora Roberts

Image Hosted by ImageShack.us


Catarina Hale's childhood ended on a stemy August night a few hours after the orioles demolished the Rangers at Memorial Stadium, kucking their Texas butts - as her dad said - nine to one. Her parents had taken a rare night off to haul the hole family to the game, which made the win all the sweeter- Most nights one of them, often both, put in long hours at Sirico's, the pizzeria they'd taken over from her mother's father. And the place where, eighteen years before, her parents had met.

Prendendo in prestito una brillante idea di Erica, apro questo intervento riportando alcune righe dell'inizio di questo romanzo. Non sono in inglese per puro sfizio, ma perché, finalmente dopo tanto tempo, mi sono messa d'impegno ed ho letto un limbro in lingua… Tutti sanno quanto sia importante leggere qualcosa in inglese ogni tanto, fosse altro per mantenersi un po' allenati, ma molto spesso la pigrizia ha il sopravvento e tra l'altro, per chi non è abituato leggere in inglese non è una passeggiata…
Questo romanzo arriva fresco fresco dall'aeroporto di Copenhagen… Avevo appena terminato il libro che mi ero portata appresso e, potevo senza alcun dubbio dedicarmi alla lettura di 'Natural' che avevo acquistato prima della mia partenza… ma quando mi trovo di fronte a montagne di libri in inglese, rimango come incantata ed è difficile schiodarmi… Poi, si sa, molte volte mi è capitato di comprare libri che poi non ho letto (ancora), ma resistere a questa tentazione è dura. Per la scelta del romanzo, molte volte mi lascio guidare dall'istinto… dato che la mia autrice preferita per le letture in inglese, Sophie Kinsella, non ha ancora scritto niente di nuovo, mi sono messa a guardare le varie copertine, cercando di evitare gli autori che so per certo essere troppo difficili per il mio pessimo inglese. Così alla fine, la copertina di questo tomanzo (che non è quella che ho riportato nel blog… ma una sua versione economica) ha attirato la mia attenzione e me ne sono imposessata… Non è stato l'unico acquisto… ma dell'altro ne parlerò quando lo avrò letto...
Comunque dopo pochi minuti dall'acquisto, mi trovavo già su una panchina dell'aeroporto a leggerne le prime righe ed a sperare di riuscire a capire una percentuale sufficiente di parole da rendermi chiaro il significato complessivo dei paragrafi… Ebbene, ieri l'ho terminato… 437 pagine di un romanzo scritto in maniera sufficientemente comprensibile. Non conosco questa autrice, è stato un vero salto nel buio, ma tutto sommato il romanzo è godibile, abbastanza veloce, un misto tra un romanzo rosa ed un thriller… solo una cosa mi ha un po' delusa… io avevo capito chi era il piromane già a metà del libro!!!
Ho provato a cercare questo romanzo in italiano, ed ho visto che la Roberts ha scritto una marea di romanzi e forse io ero una delle poche persone che non l'aveva mai sentita nominare… ma questo non l'ho trovato, forse è ancora troppo nuovo, o forse in Italia questa scrittrice non è così apprezzata.
La protagonista di questo romanzo è appunto Catarina Hale, che noi impariamo a conoscere fin dalla sua infanzia… Infatti il romanzo inizia quando ad 11 anni, la ragazzina vede andare in fiamme la pizzeria gestita dalla sua famiglia e riesce a dare l'allarme prima che la famiglia che risiede nell'appartamento sopra il ristorante rimanga intrappolata. Da questo avvenimento parte tutta la vita di questa ragazza che decide di voler diventare un investigatore che si occupa degli incendi… Ma per tutta la sua vita il fuoco rimane sempre una componente importante e sembra volerle portare via tutte le cose che ama… solo molto più tardi capisce che non si tratta di fatalità ma di qualcuno, che nonostante il passare del tempo non smette di pensarla e desidera vendicarsi con tutte le sue forze…


giovedì, agosto 17, 2006

Pensieri da sonnambula...

Il freschino di questi giorni invita proprio a restarsene a letto alla mattina e non dare peso alla radio sveglia che insistentemente richiama al dovere… ora che poi, lentamente i dolori mi stanno lasciando, vorrei dormire 24 ore di seguito… Se tutto va bene mi rifarò il prossimo weekend, nel frattempo, anche stamattina mi sono trascinata in ufficio, in questa landa desolata e sto cercando di fare entrare il pallido sole per tentare di svegliarmi un po'…
Piano piano i lavori a casa sono quasi terminati, mi mancano ancora le pulizie dei serramenti e la scala condominiale giace impietosamente sudicia nel sottoscala, ma ho fiducia di riuscire a fare queste cosette nel prossimo weekend per chiudere in modo definitivo la pratica pittura… Ieri sera ho semplicemente messo al loro posto alcune cose che risiedevano ancora nello studio e nel dopocena mi sono dedicata all'album fotografico della nostra crociera… Quest'anno mi è venuta un'idea nuova, forse non tanto originale ma abbastanza economica… Abbiamo fatto stampare un'ottantina di foto, scegliendo quelle che ci piacevano di più e poi abbiamo comprato uno di quei porta documenti con le plastiche trasparenti delle dimensioni di un normalissimo foglio A4. Poi ho realizzato in Word un documento con tutte le cornici delle dimensioni delle foto, con relativi titoli e date ed il giochetto è fatto… Devo ancora terminare di incollare le foto nei relativi riquadri, ma mi sembra che la cosina stia venendo bene… Averle sul pc è bello, ma a volte mi capita di sfogliare i vecchi album delle fotografie ed è sempre molto piacevole.
Dato che l'anno scorso ho fatto la pigrona, se il risultato sarà apprezzabile, forse farò una cosa simile anche per la Scozia… La spesa è abbordabile, non si parla più di quella marea di soldi che spendevamo per sviluppare una decina di rullini fotografici per poi scoprire che una buona metà delle foto non era venuta bene… La macchina digitale è proprio una gran bella invenzione…
Del resto che dire… ho sempre i miei soliti casini con i miei… ogni giorno ce n'è una nuova… tutte le volte che vado a pranzo da loro mi aspetto sempre qualcosa di nuovo, e mai niente di positivo, e la novità di ieri è che la mamma ha un ginocchio dolorante e non riesce a camminare… Non si sa bene cosa abbia combinato, non sembra rotto, sembra che un nervo sia andato giù di posto, ma non se ne parla di andare al pronto soccorso… guai mai e quindi bisogna aspettare che passi da solo improvvisandosi massaggiatori esperti (col rischio poi di fare più danno che utile…)
Quindi anche oggi, non so cosa aspettarmi… forse tra un po' telefono per vedere come ha passato la notte… ma non sono tanto ottimista… Certo di una cosa non mi posso lamentare… non posso certo dire di avere il tempo di annoiarmi… ho sempre qualcosa a cui pensare, purtroppo la maggior parte delle volte si tratta di pensieri non molto felici, ma pazienza… si sa che avere genitori anziani porta acciacchi maggiori…
Per fortuna che ci sono persone che, sebbene abbiano i medesimi genitori, non se ne accorgono nemmeno e trascorrono intere settimane senza nemmeno sentirli per telefono… ottimo direi, no??? Sì sì sto parlando di quella brava persona di mio fratello che, ho sentito qualche giorno fa, prima di prenotare per l'Egitto per sapere se era già a casa verso la fine di settembre… E' stata una telefonata molto comica… ed anche un po' triste, perché lui era molto arrabbiato con me e sapete per quale ragione??? Perché mia madre gli aveva appena fatto una sfuriata a causa del suo totale disinteresse nei loro confronti… Devo dire che lui se le va proprio a cercare… invece di starsene buono buono e fare il menefreghista fino in fondo, ha avuto il coraggio di dire a mia madre che lui non sa mai nulla delle loro faccende ed il 'dentino avvelenato' della mamma ha fatto capolino… lui avrebbe la 'pretesa' che fossero i miei a tenerlo informato delle loro cose… troppo disturbo per il 'lord' fare una telefonata, o percorrere quel mezzo km che li separa per sapere come stanno e cosa fanno… E' un'ingenuotto… si caccia nei guai con le proprie mani, e mia madre è diventato molto sensibile da questo punto di vista, nonostante io cerchi sempre di tenerla buona e di dirle che non importa e che se abbiamo bisogno di lui, so come fare per renderlo partecipe… Capisco però il suo punto di vista… pur non avendo figli… credo che mi piacerebbe che tenessero a me e fossero presenti nella mia vita… Certo diventa poi difficile, anzi impossibile, mantenere le cose nel giusto limite… vedo io con i miei che fatica faccio a volte ridimensionare i problemi in modo che anche le cavolare non risultino delle mezze tragedie… Tutto questo io riesco a farlo perché ho un uomo al mio fianco molto comprensivo, che non si lagna mai di questa cosa, anche se a volte penso proprio che pochi sopporterebbero certi loro attacchi di sclerosi…
Da parte mia io posso solo dire che faccio di tutto per tenere in bilico le due famiglie… la mia con Max e la mia con i miei… poi si sa… non è detto che il risultato sia sempre buono…
Vabbè… anche stamattina sono a posto… mi sono lagnata un pochino e adesso va molto meglio… mi rimane solo un sonno micidiale e gli occhietti ancora sono a mezz'asta… su su dai apritevi… che ormai è ora!!!



Image Hosted by ImageShack.us

mercoledì, agosto 16, 2006

Sopravvissuti...

Ecco come mi sento stamattina… una sopravvissuta… adesso che me ne sto qui, con le braccia indolenzite appoggiate sulla scrivania non so nemmeno come fare a raccontare questo ponte lunghissimo e faticosissimo… Mi piacerebbe poter dire che è stata una passeggiata, un'esperienza da rifare senza nessun problema, ma la verità è un'altra… la verità è che non lo rifaremo mai più!!!
Dopo due giorni passati a spostare cose stivandole nello studio ed incartare tutto il resto… pensavamo di avere fatto il lavoro peggiore, non avevamo idea che imbiancare fosse così faticoso… Eppure parlandone con altre persone non sembra una cosa così impegnativa, quindi i casi sono due… o noi non lo sappiamo fare nel modo corretto e quindi ci siamo sfiancati inutilmente, oppure gli altri non raccontano tutta la verità!!! Comunque il risultato è stato molto buono, lo sforzo è stato almeno premiato anche se a caro prezzo… Oltre alla carne greve che abbiamo ovunque sia io che Max, mi porto dietro il ricordo di un lunedì sera da paura… quando sfiniti ci siamo coricati nel letto e non riuscivamo a prendere sonno, perché la tensione accumulata nei muscoli dalle 8 ore di pittura non ci lasciava in pace…
Non sono ancora in grado di parlarne in modo distaccato, ma mi rendo conto che ci sono stati anche momenti esilaranti (non vissuti al momento in questo modo, ma comunque oggettivamente divertenti…). Lunedì sono venuti i miei a darci una mano… più che altro è stata la mamma a darci una mano oggettiva nella pittura, mentre mio padre sovraintendeva i lavori dandoci consigli e guardando quello che facevamo… quando alle 18:00 abbiamo terminato la seconda mano… i miei hanno iniziato a scartare tutto con una energia ed una foga impressionanti… per la prima mezz'ora ho tentanto di stargli dietro… fai questo, fai quello, pulisci lì, dà lo straccio là, e Max, ormai alla frutta marcia ci guardava dalla distanza come se fossimo una mandria di matti… poi, ad un certo punto ho detto basta… ed ho cominciato a fargli capire che non c'era storia, che non ce la facevo più e che tutte le cose sarebbero passate al giorno successivo. Ho visto che sono rimasti delusi e se ne sono andati a casa un po' arrabbiati, ma noi non abbiamo la loro fibra… io quando non ce la faccio più, non ce la faccio proprio più… non c'è proprio verso… Così ieri, con calma, abbiamo messo a posto quasi tutto… mancano solo dei ciappini, che farò con calma… ma il più è fatto…
Mah… che dire… le esperienze vanno fatte, bisogna sapere di cosa si tratta per poter giudicare… e la nostra unica affermazione è "MAI PIU'!!!"
E adesso me ne sto qui… praticamente da sola… ho visto un'anima che staziona nell'ufficio che si trova nella parte opposta della ditta… con il freschino che entra dalla finestra aperta ed un pallido sole che ogni tanto fa capolino ma senza tanta convinzione… Il rumore più molesto è il mio solito tichettare sulla tastiera, seguito a ruota dal pc di Enzo che ho dovuto accendere per motivi di lavoro… Non penso che mi troverò male qui tutta sola… mi metterò con calma a fare qualcosina… e riposerò le mie stanche membra standomene comodamente seduta sulla mia bella poltroncina…
Comunque una cosa mi ha fatto arrabbiare subito stamattina… forse arrabbiare è una parola grossa, non ho la forza per provare sentimenti così forti… comunque la mia cara amica bilancia anche stamattina ci si è messa di impegno per rendermi infelice… Dopo tutto quello che ho fatto in questi giorni ha avuto il coraggio di dire che sono aumentata di peso… brutta st… !!! Max come al solito ci si è messo di impegno a dirmi che non è un risultato reale, che lo stress accumulato causa una alterazione nel peso che non è veritiera… bla bla bla… Uffa… va bene, ok, ci credo, ma almeno un piccola soddisfazione me la poteva dare…

venerdì, agosto 11, 2006

Doppio ronf...

Stamattina ho battuto tutti i record… ho messo i piedi giù dal letto alle 7:30 e sono riuscita comunque a timbrare in orario… :-D
Ma che sonno… ronf ronf… scusate mi ero addormentata… mi sa che oggi, se il cappuccino della macchinetta non ha effetto al più presto dormo in piedi come i cavalli!!!
Ieri sera è stata una serata bellissima… lo sarebbe stato comunque, tanta era la mia voglia di riabbracciare Silvia, ma il posticino in cui ci hanno portato e la gradevole compagnia del 'fantomatico' Paolo, ha trasformato la serata in un incontro che avrei voluto prolungare il più a lungo possibile… Prima vi parlo del posticino, anche se come al solito ho lasciato il biglietto da visita a casa e quindi non riesco a darvi indicazioni precise… ma è molto semplice da trovare… Si chiama Pepita, si trova direttamente sull'Estense, poco dopo Maranello, non appena la strada comincia leggermente a salire lo trovate sulla sinistra… Il locale, ha un'ampia terrazza che guarda la collina (e non la strada), quindi sembra di essere a km di distanza dalla strada principale… La terrazza è attrezzata in modo molto suggestivo, con candele sui tavoli ed ombrelloni che riparano dalla rugiada… Ieri sera, ad un certo orario c'è venuto pure freschino, ma Silvia mi ha detto che anche nelle serate di calura estiva che abbiamo avuto, lì si sta sempre bene e non faccio fatica a crederci…
Oltre poi ad essere stati trattati benissimo, dato che Paolo è praticamente di casa… si mangia benissimo (gnocco e tigelle buonissimi) e abbiamo speso il giusto… Insomma se cercate un posticino al fresco senza dover fare tanta strada e con una bella atmosfera… ve lo consiglio!!!
E adesso parliamo di Paolo… Beh, che dire Silvia me lo avevo descritto in modo oggettivo e non con gli occhi del cuore… alla mano, affabile, simpatico e molto molto giovanile. Non faccio fatica a dire che è molto più giovanile di me e Max messi insieme, ma non poteva essere diversamente per stare insieme alla mia monella… Il fisico asciutto ed atletico sicuramente lo aiuta a mantenersi giovane, ma credo che ci sia ben altro… è molto facile ridere e scherzare con lui, ma basta poco per capire che le esperienze che ha fatto nella sua vita lo hanno segnato molto e probabilmente gli hanno anche insegnato molto… Vederli insieme mi ha fatto uno strano effetto… è la prima volta che vedo Silvia con un compagno… ma l'ho vista serena, stanca ma felice ed è proprio quello che desideravo per lei… li vedo bene insieme, una miscela 'esplosiva' che penso possa sfociare in una convivenza frizzante e mai noiosa…
Vorrei che Silvia facesse solo una cosa… e glielo ho detto ripetutamente (del resto non sono stata l'unica, anche sua madre le ha dato il medesimo consiglio)… piano… prendila dolce!!!! Non strafare!!! I primi tempi di convivenza sono sempre i più duri, perché anche se hai al fianco un uomo che ti aiuta, sei tu che ti devi abituare ad un nuovo stile di vita, che ti regala tanto ma che ti richiede anche tanto… Poi, si prende su il ritmo e le cose vengono fatte senza sforzo, ma i primi tempi sono sempre molto duri!!!
Ronf ronf… scusate… mi si chiudono gli occhi… si vede proprio che non ho più l'età… ma anche il grigiore che c'è fuori e la pioggerellina che è già iniziata a cadere non aiutano il mio risveglio… mi sa che è ora di chiudere il mio diario e di smettere di disturbare la quiete che regna in questo ufficio con il mio tichettare sulla tastiera… purtroppo, con questo silenzio, si vede proprio che non sto programmando… se scrivessi codice con questa velocità, a quest'ora avrei già rifatto il programma almeno un paio di volte :-D Oggi è l'ultimo giorno in cui l'ufficio è ancora popolato, poi, la prossima settimana, nei giorni di mercoledì, giovedì e venerdì sarò qui da sola insieme a tre ragazzi che si trovano in un ufficio all'estremità opposta della ditta… sono curiosa di vedere come la vivrò questa esperienza… ormai non sono più abituata a tutto questo silenzio ed anche in questi giorni mi sono sorpresa, in certi momenti, a provare nostalgia per le cavolte che ogni tanto spara Lollo…
Se qualcuno dei miei 'quattro' lettori è in partenza o almeno in procinto di restarsene a casa la prossima settimana… vi auguro di nuovo BUONE VACANZE o almeno BUON RIPOSO...

giovedì, agosto 10, 2006

Una torta... per chi non è in dieta...

Image Hosted by ImageShack.us

La settimana scorsa una mia collega ha portato in ufficio la torta la cui ricetta vi riporto qui di seguito… Anche se so che non dovrei MAI mangiare fuori pasto e soprattutto cose che ingrassano come le torte, un pezzetto l'ho assoggiato, anche mi sembra brutto non dare soddisfazione alle persone che hanno dei pensieri così carini…
La torta è BUONISSIMA… ed anche se a guardarla sembra un mattone va giù liscia come l'olio… Poi però quando mi ha passato la ricetta mi sono sentita male… c'è di tutto e di più… te lo dico che è buona, ma è veramente da fare e poi da donare…


Torta ai Mirtilli

250 grammi di ricotta
250 grammi di mascarpone
3 cucchiai di farina
3 uova
1 bustina di vanillina
80 grammi di zucchero
1 vasetto di marmellata di mirtilli
1 fila + un quadrato di biscotti saiwa
100 grammi di burro
carta da forno

Procedimento:
Tritare i biscotti finemente, nel frattempo sciogliere il burro in una padella. Mettere in una terrina il mascarpone con i 3 tuorli e amalgamare bene (consiglio la frustina), aggiungere poi la farina, lo zucchero, la vanillina e la ricotta. Amalgamare bene il tutto ed infine aggiungere gli albumi montati a neve.Unire i due composti, amalgamando bene tutto.Prendere una teglia da forno, stendere la carta da forno e versare il composto premendo bene, e livellando accuratamente.Mettere in forno per 50 minuti a 170 gradi.(deve essere ben cotta sopra........si gonfiera' durante la cottura, ma una volta estratta dal forno si sgongiera')Una volta cotta fare raffredare e cospargere la superfice di marmellata.Servire fredda.

Chi dice tati... dice danni...

Ebbene sì… sono di nuovo qui a raccontarvi cosa abbiamo combinato ieri sera… e credo proprio che conoscendoci, lo avrete forse già capito…
Ieri sera sono andata in agenzia ma prima di questo vi devo raccontare la giornatina di ieri… Ieri mattina, dopo aver scritto la mia ormai abituale paginetta di diario, mi sono messa a sfogliare il catalogo della Bravo Club e a leggere le informazioni riguardanti quello di Capo Verde… dopo pochi minuti lo sguardo cade sul trafiletto 'Documenti' e leggo la parola 'passaporto'… rileggo e rileggo alla caccia delle parole 'carta di identità' e non le trovo!!! NOOOOOOOOOOOOOO!!! Abbiamo entrambi il passaporto scaduto… è finita… Da lì ho iniziato ad interessarmi sulle pratiche da fare per rinnovare il passaporto… questura di Modena, prendere permessi al lavoro, affidarsi alle poste italiane :- per la spedizione al comune di residenza ed il tutto avendo comunque già prenotato il viaggio… Mah… ne ho parlato brevemente in chat con Max ed anche lui ha cominciato a pensare che forse non ne valeva la pena…
Quindi mi sono dedicata all'analisi degli altri Bravo Club presenti sul catalogo… cercando una bella spiaggia ed una struttura che mi soddisfacesse…
Poi, in agenzia, mi sono affidata ad una delle ragazze (sono tutte gentilissime e carine…) ed ha cominciato a farmi preventivi… ed alla fine, una volta arrivato anche Max, abbiamo optato per questo…


http://www.bravoclub.it/index2.htm

l'Almaza Beach a Marsa Matrough, che per quelli che non lo sanno (come non lo sapevo io) si trova nel nord dell'Egitto, affacciato sul Mar Mediterraneo… Al di là del fatto che è una struttura nuovissima, inaugurata questa primavera, guardando le foto presenti nel sito sembra un posto bellissimmo, con una spiaggia molto ampia che si presta a lunghe passeggiate… Ve lo saprò dire al nostro ritorno… sperando che non succeda nulla che ci impedisca di partire…
Ecco perché, 'chi dice tati… dice danni…' quest'anno siamo veramente tremendi, non la finiamo più di andare in giro, ed il brutto è che per la prima volta nella mia vita, non mi sento nemmeno in colpa…
Dei due sono sempre stata io quella che cercava di limitare le spese, anche riguardo alle vacanze (non che ci siamo mai fatti mancare bei viaggetti…), ma quest'anno è veramente molto particolare… forse la storia di mio padre, mi ha un po' cambiata, forse mi sono resa conto che fare sempre dei progetti così a lungo termine è corretto ma non bisogna farsi sfuggire il presente… insomma un po' la filosofia del 'carpe diem' cercando di mediare il tutto… Quindi, avanti pure, adesso abbiamo davanti a noi un altro traguardo, una settimana di totale relax, spapparazzati a prendere il sole... Speriamo di non fare la fine della Tunisia di qualche anno fa: dopo la famosa affermazione 'in Tunisia non piove mai…', in ottobre, noi abbiamo preso una settimana di pioggia e non temporali passeggeri, secchiate d'acqua che hanno costretto il personale a raccogliere acqua che entrava da tutte le parti… Devo dire che in generale con i luoghi di mare siamo meno fortunati rispetto ai tour o in generale agli altri tipi di viaggi… ma staremo a vedere… non può mica sempre andare male…

mercoledì, agosto 09, 2006

In quanti siamo???

Qua il numero cala giorno dopo giorno… e la settimana prossima sarò proprio da sola… Oggi il capo ed il capetto sono via per lavoro e quindi condivido l'ufficio con il mio mega amicone Davide… Ci sarà da stare allegri, ma non mi importa un granchè… per il momento scrivo due righe sul mio diario e poi mi metto al lavoro isolandomi il più possibile dal resto del mondo. A dire il vero in questo momento si sente solo il tichettio delle mie dita (=unghie) sulla tastiera, e qualche sporadica macchina che passa per la strada su cui si affacciano le finestre che per il momento sono ancora spalancate… Se non fosse che ho fatto una fatica incredibile ad alzarmi, stamattina non sarebbe una brutta mattina, non ho incontrato traffico venedo al alvoro e penso proprio di potermi gestire come voglio il tempo… però mi sento stanca e so di non potermi permettere di sentirmi così… Sono appena rientrata dalle ferie, dovrei essere pimpante e fresca come una rosa, ed invece dopo appena una settimana sono qui che già boccheggio…
Pazienza, cerchiamo di pensare a qualcosa di bello… tipo che stasera, esco di qui e mi catapulto al Borgo Gioioso per fare la fantomatica spesa insieme a Max e mentre lo aspetto faccio una capatina in agenzia… Sì, sì avete capito bene… proprio in agenzia… Cosa dite??? Che siamo appena tornati e che abbiamo speso una marea di soldi e adesso ce ne dobbiamo stare buoni buonini a casa??? Scusate, ma non ci sento bene… sapete la vecchiaia dà questi problemi… so solo che alla fine di settembre abbiamo un'altra settimana di ferie, che mio padre deve rifare tutte le visite di controllo agli inizi di ottobre… e che se troviamo qualche offerta allettante (e poco costosa), qualche altro giorno di puro polleggio me lo farei volentieri… Sento che state brontolando una cosa del tipo che ci si può riposare anche a casa… SBAGLIATO!!! Se sto a casa, mi guardo intorno e mi vengono un sacco di rimorsi di coscienza vedendo tutte le cose che ci sarebbero da fare… avete visto cosa è successo per il prossimo ponte… l'ho già impegnato con la pittura… no, no, se si può è meglio togliere le tende…
Ah, ma siete proprio curiosi… volete sapere dove ci piacerebbe andare… ma a mostrare i nostri fisici statuari in una località di mare… ed io sto insistendo per Capo Verde… Insomma quest'anno Max me le sta dando tutte vinte… prima la crociera che ho desisderato per tanto tempo e poi forse anche questa località a cui penso già da parecchio tempo, da quando una mia collega di lavoro mi fece vedere le foto che aveva scattato durante una sua vacanza in questa località… Mare bellissimo e spiagge stupende… Boh, certi panorami mi restano nel cuore e nella mente e mi faccio dei viaggi infiniti assaporando la tranquillità che essi infondono…
Ok, ho capito… è meglio tenere a freno un po' la fantasia, pensa piuttosto a lavorare… che è meglio e poi si vedrà…

martedì, agosto 08, 2006

Giornate luuungheee...

A parte la depressione che si sta imposessando di me qui al lavoro, a causa di una cosa che proprio non riesco a fare… queste giornate sono interminabili… piene zeppe di impegni e di cose da fare… Ieri sera ad esempio, mi sono dovuta catapultare a casa finito il lavoro, ad attendere il falegname. Ci doveva mettere a posto una porta che si era mezza sfasciata… Silvia tappati le orecchie, anzi non leggere la brutta cosa che sto per scrivere… Insomma, in casa nostra, se c'è un filo d'aria cominciano a sbattere tutte le porte, ma non in un modo normale, con la potenza di un uragano e, probabilmente, sbatti oggi, sbatti domani, il telaio di una porta si era disassato… ed una delle viti utilizzate per fissare il telaio all'armatura della finestra si era letteralmente 'tranciata'… Insomma una cosa impossibile da realizzarsi, ma noi ci siamo riusciti… per fortuna abbiamo trovato un falegname, che nonostante sia già in ferie, era in giro dalle nostre parti per fare qualche piccolo lavoretto ed ha acconsentito a venire a vedere (e risolvere) il nostro piccolo disastro…
Il tutto comunque si è risolto in 20 minuti (e 50 eurini) ed alle 18:10, ero già di nuovo in macchina verso la lavanderia dove ho ritirato alcune cose prima che anche questo servizio chiuda per ferie… poi di nuovo a casa e via a prepararsi per una seratina di stiro… (quasi quasi sto pensando di farlo di professione… da quando sono tornata dalle ferie passo più tempo alla stirella che a nanna…). Un po' prima di cena ed un po' dopo, ho smaltito anche l'ultimo mucchio di roba che già da qualche giorno giaceva impietoso sul letto dello studio… senza poi contare che ormai è quasi ora di ricominciare a fare lavatrici...
Poi non contenta sono andata a fare una passeggiata a piedi per la desolatissima Sorbara e al nostro ritorno ci siamo messi a leggere qualche pagina del libro in inglese che abbiamo deciso di affrontare insieme…
E stasera??? Stasera siamo a cena dai suoceri, con tanto di visione delle foto e poi, dato che ci rimpinzeranno come dei maialini, non sarebbe una brutta idea fare una passeggiata da qualche parte, magari potremmo approfittare del fatto che siamo a Creva per fare un giretto in centro… magari lo proporrò a Max…
Volete poi sapere i progetti per le restanti serate di questa settimana??? Beh, domani sera sarebbe proprio ora di andare a fare un po' di spesa, il frigo langue, è da quando siamo tornati che non ci andiamo… Giovedì poi siamo fuori con la mia Silvietta ( :-D ), e venerdì devo ancora decidere che tipo di pulizie fare… probabilmente do un colpo nelle stanze e in bagno… non vale la pena pulire in casa, dato che passeremo l'intero ponte lungo a spostare cose, incartare, pitturare, pulire e rimettere a posto le medesime cose…
Insomma, pensando a questo fantomatico ponte lungo mi sento già molto molto stanca… ma cercherò di affrontarlo con calma e con entusiasmo senza strafare, voglio vivere questa cosa come una esperienza nuova da fare, come qualcosa da imparare… Ma se sono stressata stamattina non è certo per colpa delle mille cose che devo fare… se il fisico mi sostiene non ci sono problemi… sono stressata perché qui al lavoro non riesco ad approfittare della pace che mi circonda per fare le cose che devo fare… perché semplicemente non riesco ad entrare nell'ottica delle cose fatte da persone che mi hanno preceduto… Mi dispiace davvero, ma più guardo il codice e più mi convinco che Alle si faceva delle belle piste di coca o almeno si fumava della roba veramente molto buona… Non dico che le sue cose non funzionino… ma come gli sia venuto in mente di fare delle cose così complicate, non me ne capacito proprio!!!
Pazienza… perpariamoci ada una lunga giornata di sofferenze e chissà… dovunque egli sia in questo momento, mi sa che gli staranno fischiando un bel po' le orecchie…

lunedì, agosto 07, 2006

Sono iniziate le vacanze???

Oggi inizia il periodo di chiusura canonica di una buona parte di ditte d'Italia, e per le prossime tre settimane dovrebbe essere difficile trovare negozi aperti e le strade alla mattina dovrebbero essere quasi deserte… Mah, staremo a vedere, stamattina ho troppo sonno per poter dare un parere oggettivo sul traffico che ho incontrato venendo al lavoro… Ho timbrato in orario e diciamo che per ora mi accontento di questo. Porto su di me i segni della sfacchinata di sabato per la conserva… ho le mani che mi fanno abbastanza male e dolorini un po' ovunque, stile vecchietta di novant'anni. Pazienza… in un paio di giorni dovrebbe passarmi tutto e comunque ne è valsa la pena… Siamo stati veloci ed efficaci, ed alle 17:00 avevamo già finito tutto… Così poi ieri ce ne siamo stati in panciolle per quasi tutto il tempo, scegliendo le foto da far stampare e guardando due filmini, uno più lento dell'altro.
Il primo era 'Parole d'amore' con Richard Gere, tanto per intenderci quello che parla delle gare di spelling. A parte che tradotto in italiano perde la maggiorparte del suo significato (perché in italiano le parole si pronunciano come si scrivono…), il film di per sé è risultato poco chiaro e molto molto lento. Alla fine, le varie problematiche che hanno interessato la famiglia in questione non sono state sviscerate, ma soltanto accennate e forse varrebbe la pena di leggere il libro da cui hanno tratto il film per capire meglio cosa è successo...
Il secondo invece era 'I segreti di Broke Back mountain'… mah, che dire, panorami splendidi e parlo proprio dei paesaggi montani… storia non banale e coraggiosa, ma anche questo film è risultato di una lentezza infinita… Alla fine non finiva più, anche quando ormi era chiaro l'andamento, lo hanno protratto per troppo troppo tempo… Comunque, trattare un argomento così delicato, calato poi in un ambiente così chiuso, è stata una scelta molto coraggiosa e sono sicura che non sia stato nemmeno molto semplice realizzarlo. Il risultato, da questo punto di vista è apprezzabile, i sentimenti dei due protagonisti, le loro insicurezze sono ben delineati e descritti con un occhio molto attento a non calcare troppo la mano…
Comunque, a parte tutto questo, stamattina sono qui, senza il solito 'Buongiorno' di Silvia che mi fa sentire un po' meno sola, anche se siamo finalmente riuscite a metterci d’accordo per andare a mangiare fuori qualcosa insieme e Giovedì sera finalmente la rivedrò… Quanto tempo è passato dall'ultima volta??? Boh… non lo so proprio, secondo me è più di un anno… Che scandalo!!!E ieri, un po' perché ormai è tanto che insisto, un po' anche per 'merito' di Silvia, sono riuscita a convincere Max a fare una prova di pittura muri della sala e della cucina. Ho cominciato questa primavera a dire che volevo dare un colpo ai muri, senza spostare i mobili della sala o della cucina, semplicemente girandoci intorno. Lo so che il semplicemente è un eufemismo, perché le cose si fanno prima a dire che a fare, ma dato che non lho mai fatto e Max nemmeno, ieri abbiamo deciso di comune accordo che nel prossimo weekend, approfittando del ponte lungo, ci proveremo. Ora devo solo convincere mio padre a darci qualche dritta, magari comprarci l'attrezzatura che occorre e poi, sarebbe veramente una bella cosa se venisse a darci un occhio… Oggi gliene parlerò e poi sentirò cosa mi dice… Altrimenti mi sa che lo faremo anche da soli… se ci riescono tutti, ci dobbiamo riuscire anche noi… in fondo si tratta di dare una mano di bianco, non dobbiamo mica fare sfumature particolari o che so io… Dato che Silvia, si sta calando nella parte da imbianchino proprio in questo momento (è per questo che ho detto che in parte è anche merito suo… ), potrei farmi dare anche qualche consiglio da lei… :-D
Vabbè… mettiamoci al lavoro oggi… in ufficio prevedo grande tranquillità, pochissima gente, manca sia Enzo che Lollo, che sono quelli che in generale fanno più casino e chissà se riuscirò ad essere produttiva oppure cadrò semplicemente in un abbiocco mostruoso...
Ah, dimenticavo… stamattina mi sono pesata… era da prima del viaggio che non lo facevo… e peso uguale all'ultima pesa eseguita prima delle ferie… forza e coraggio, adesso è venuto il momento di ricominciare a calare qualcosina…

venerdì, agosto 04, 2006

Ormai ci siamo...

Sì, ormai sta per iniziare il periodo delle ferie collettive… le città si svuoteranno e le saracinesce di molti negozi saranno chiuse… Quest'anno non mi pesa starmene a casa e la decisione di venire al lavoro, per il momento, mi sembra quella azzeccata. Poco traffico per le strade, telefoni quasi muti, tranquillità… già questa settimana si comincia, anche se parzialmente, a sentire questa nuova atmosfera e penso che da lunedì sarà ancora più accentuata. Poi magari cambierò idea e vedere tutti i colleghi andarsene in ferie mi metterà un po' di tristezza, ma per il momento sono molto serena. Devo dire che la mia settimana da sogno sui fiordi mi ha proprio caricato le batterie, mi sento molto più serena, in pace col mondo e anche più propensa a portare pazienza. Non so quanto durerà questa sensazione di benessere, nel frattempo me la godo, sperando semplicemente che duri il più a lungo possibile.
Non credo che dall'esterno le persone se ne siano accorte, soprattutto al lavoro possono aver visto il mio sfondo cambiato, la cicciola appollaiata nel fiordo di Geirager è sempre lì che mi fa compagnia, ma quando sono molto stanca, alla sera dopo aver fatto le ennesime tre orette di stiro, ripenso ai panorami e mi addormento con il sorriso sulle labbra. Le immagini dei luoghi che infondono tranquillità sono quelle che preferisco, che mi porto nel cuore più a lungo e a cui, di solito, mi affido quando voglio rilassarmi e ritirarmi in un mondo tutto mio. Lo so che sto dicendo, anzi scrivendo cose banali… che ogn'uno di noi ha i propri pensieri a cui si affida per tranquillizzarsi, ma che ci volete fare, stamattina sono un po' romantica… un po' propensa a galleggiare con la mente come se fossi seduta su un tappeto magico e me ne stessi a guardare il mondo dall'alto.
Anche i miei genitori questa settimana mi hanno trattato bene… quando mi allontano un po' da loro, sentono terribilmente la mia mancanza e vedo proprio la contentezza nei loro occhi quando ritorno… Li ho abituati troppo male, essere sempre presente nelle loro vite fa sì che loro abbiano proprio bisogno di me e, anche se da una parte è una cosa positiva, dall'altro vorrei che fossero un po' più indipendenti, proprio per loro… Da quando poi il papà ha avuto problemi, li vedo molto più fragili e indifesi e vedo che sentono proprio il bisogno che i loro figli stiano vicini. Ieri, mia madre si è sfogata un po' con me della rabbia che prova nei confronti di mio fratello… io ho cercato di calmarla, anche se intimamente penso che abbia ragione. Lui non si interessa per niente della loro vita, ritiene che se hanno bisogno debbano farsi vivi loro… ed io penso che non si tratta solo di avere bisogno, si tratta semplicemente di sapere come procede la loro vita, alzare il telefono o andarli a trovare un po' più spesso per sapere come stanno e cosa fanno. Sarà perché io non ho molti amici o persone che mi vogliono davvero bene e quindi tengo ai pochi che possiedo come se fossero perle rare… o forse ho una visione degli affetti un po' distorta, ma io non so come altro comportarmi. Comunque ieri ho cercato in tutti i modi di calmarla, dicendole che Gianluca si comporta così perché sa che ci sono sempre io a tenere la situazione sotto controllo e quindi si sente abbastanza tranquillo, ma lei non ha voluto sentire ragioni. Certo che a volte è difficile anche per me cercare giustificazioni per i suoi comportamenti… diciamo che lo trovo molto egoista, un po' come se tutto gli fosse dovuto. Ma io in realtà non conosco mio fratello, non so cosa gli passa per la testa, so solo che ha una vita strana, fatta di tante cose che si accumulano in modo disordinato, senza che ci sia una parvenza di ordine… Sua moglie comanda, ma gli ordini arrivano repentini ed improvvisi, senza che ci sia una programmazione alle spalle. Io non sarei mai capace di vivere in questo modo, ma so che è un problema solo mio. Con Max passiamo serate intere a progettare le nostre settimane, a cercare di mettere in fila tutti gli impegni, mentre loro vivono molto più alla giornata e spesso si trovano incasinati e non sanno come saltarci fuori.
Ma basta parlare di queste cose… ciò che importa è che domani a casa dei miei, si fa la conserva e si arriverà a sera sfiniti, perché, come al solito, per evitare che si affatichino loro, io e Max ci tireremo il collo. Ne vale poi la pena, perché il pomodoro fatto in casa non ha paragoni con quello che si compra ed anche quest'anno mi sa che non ci faranno pagare una lira… Non è molto giusto lo so, ma che volete farci sono dei testoni e quando si mettono in testa una cosa non c'è verso…
Ora vi lascio davvero in pace… auguro buone vacanze a coloro che la prossima settimana non sono al lavoro… e buon fine settimana agli altri...

Letture da spiaggia

Image Hosted by ImageShack.us
Ci sono dei libri che si prestano soprattutto a letture rilassanti tipiche da ombrellone… ed anche se io non sono stata sotto un'ombrellone ed ho avuto poco tempo per leggere in vacanza se non soprattutto durante le lunghe attese in aeroporto… il libro che ho letteralmente divorato la settimana scorsa è 'Il re dei torti' di Grisham. Forse vi aspettavate qualcosa di diverso, qualcosa che non parlasse di argomenti così seri, ma a me è piaciuto molto, perché l'ho trovato diverso dai soliti romanzi di Grisham. Parla sempre del mondo degli avvocati, ma ne mette in luce un aspetto particolare e paurosamente reale. Questa volontà di arricchirsi ad ogni costo, e di ostentare la propria ricchezza spendendo enormi quantità di denaro in cose che una persona 'normale' non si sognerebbe mai di comprare. Vedere il passaggio di un uomo da 'avvocato delle cause perse', ad 'avvocato plurimilionario' con il relativo cambio di stile di vita mi ha fatto riflettere… All'inizio non riusciva a capacitarsi della quantità di soldi che gli altri avvocati sperperavano, ma con facilità e naturalezza ci si è abituato molto in fretta a questo nuovo modo di vivere. E' un libro fatto tutto in salita e poi tutto in discesa, ed almeno per quanto mi riguarda, una volta iniziato, anche se presagivo come sarebbe andata a finire, non sono riuscita a smettere di leggerlo.


Image Hosted by ImageShack.us
Altra storia invece è il libro che ha letto Max. Ho insistito perché leggesse qualcosa della Kinsella, anche se so che forse non è una lettura da uomini. Ma io ero convinta, che al di là degli argomenti trattati, il modo di scrivere di questa autrice è così frizzante e divertente, che anche un uomo potrebbe apprezzare. Così, qualche tempo fa abbiamo comprato il primi tre libri in italiano (dato che io, tranne il primo prestatomi da Silvia, gli altri li ho letti in inglese) e Max si è portato in vacanza 'I love shopping'. Fin dalle prime pagine ha iniziato a sghignazzare… ogni tanto mi guardava e se la rideva ed alla fine ha dato un giudizio positivo… Lo ha definito brillante, simpatico e divertente… insomma un libro che si legge bene, proprio adatto ad una lettura da spiaggia.


giovedì, agosto 03, 2006

30/07/2006 Domenica

E' iniziata la giornata delle attese e per evitare che il sonno abbia la meglio ho ripreso il mio blocco degli appunti di viaggio perché ormai è venuto il momento di tirare le somme di questa vacanza.Ma prima due parole (e vi assicuro che saranno davvero solo due…) per terminare la serata di ieri sera. L'ultimo spettacolo non è riuscito a vincere la stanchezza della giornata pesante che avevamo avuto ed alle 23:30 ci siamo arresi e siamo andati a nanna… Lo spettacolo consisteva in alcuni semplici numeri eseguiti dal personale di servizio (cabinisti, camerieri e cuochi) e come idea era carina, ma abituati ai professionisti che abbiamo visto all'opera nelle scorse serate, era ovvio che questi sarebbero sembrati un po' 'sottotono'.Comunque, una volta in camera abbiamo chiuso le valige, etichettate e messe fuori dalla cabina. Stanotte i 'troll' della nave le hanno raccolte (in completo silenzio!), mentre altri hanno fatto i conti consegnando il foglietto con tutte le spese effettuate a bordo (sempre senza fare il minimo rumore). La pre-registrazione della carta di credito ci ha evitato la lunga fila di stamattina per il pagamento, ed almeno questo è un sollievo che non riesce però ad alleviare questo magone che già sento salire alla gola. Di positivo è che posso godermi fino in fondo questi ultimi minuti sulla cicciola...
La prima immagine che mi affiorerà alla mente sarà la nave nel fiordo di Geiranger quando ho avuto la sensazione che le montagne ci racchiudessero in un abbraccio silenzioso ed inebriante. Voglio rimanere lì, fuori dal mondo e nello stesso tempo in pace con esso e con me stessa...
Insomma, questa vacanza rasenta la perfezione, la nostra casa itinerante è stata la più bella, confortevole e splendida che abbiamo mai avuto e se dovessi consigliarla a qualcuno lo farei immediatamente. Vedere dal mare questi panorami è stato impagabile proprio come lo avevo immaginato in tutti questi anni… una esperienza indimenticabile!!!

Image Hosted by ImageShack.us


Image Hosted by ImageShack.us

Facce da crociera...
Beh, con 3200 passeggeri ed un migliaio di persone come personale è proprio come viaggiare con una piccola città itinerante e voglio in questa sede parlare brevemente delle poche persone che abbiamo conosciuto.
Gennaro e Michela: novelli sposini di Benevento ci hanno fatto compagnia durante le cene. Simpatici ed alla mano sono stati un bell'incontro e chissà… potrei anche riuscire a mantenere una blanda corrispondenza via email.
Alessandro e Valentina: altra coppia di sposini novelli, lei incinta di 5 mesi sprizza voglia di vivere da tutti i pori e la sua esuberanza viene mitigata dalle apprensioni del maritino. Vengono da Milano e li abbiamo incontrati alla Malpensa durante il viaggio di andata.
'Io ballo da sola': trattasi di una bella ragazza forse in vacanza con un'amica che ha fatto la felicità di tanti uomini attempati e non che l'hanno ammirata mentre ballava in modo sensaule in mezzo a piste semi deserte.
'La coppia di Roma': altri sposini novelli che abbiamo incontrato durante l'escursione al monte Dasnibba… molto discreti e solitari.
'I vecchietti francesi': durante un pranzo sulla nave ci siamo accomodati al tavolo di due signori anziani francesi… esattamente l'immagine di come vorrei essere io alla loro età!!! Nel mio stentato francese ho intavolato una specie di conversazione in cui ho capito che questa era la loro decima crociera, tutte della Costa.
Due parole sui ragazzi dell'animazione:sono quasi tutti italiani tranne due ragazzi di Santo Domingo, ma la preferita di Max, colei che rimarrà per sempre nel suo cuore è Benedicta. Alla sua prima esperienza come animatrice, si vede lontano un miglio che è un pesce fuor d'acqua e la sua flemma unita alla volontà di imboscarsi ad ogni occasione è visibile ad occhio nudo.

Image Hosted by ImageShack.us


Image Hosted by ImageShack.us

29/07/2006 Sabato

Arrivo ad Oslo molto presto… pure troppo!!! Anche perché ieri sera abbiamo tirato tardi nell'attesa del 'buffet magnifico' che si è svolto alla mezza. Non che ci interessasse il buffet in sé, ma sapevamo che avrebbero sfoggiato bellissime composizioni in ghiaccio, sapone e pane e poi… cosa molto attesa da Max… era prevista la visita alle cucine. Beh, ne è valsa la pena: menziono una per tutte la riproduzione della 'Costa Magica' in ghiaccio che mi ha veramente emozionato. Non parlimao poi delle cucine, sembrano appena montate e non si sente per nulla odore di cibo. Il buffet lo avevano organizzato proprio nelle cucine e molte persone hanno avuto il coraggio di riempirsi il piatto di dolci… noi invece eravamo solo curiosi… la fame su questa nave è un concetto che non PUO' esistere.
Ma torniamo ad Oslo… alla levataccia ed all'inizio dell'escursione con il gruppo più lofio di tutta la crociera.Ci mancava solo la guida 'Cristina', una posseduta attempata che ogni tanto si perdeva nelle sue storie come se stesse raccontando una bella fiaba ad una scolaresca. Ma non importa, la visita è stata molto interessante. Prima siamo stati ai giardini di Vigeland con le sue mille statue che rappresentano il ciclo della vita (una più bella dell'altra) e poi il museo delle navi vichinghe ed una capatina al museo di Fram per vedere la nave che per prima si è avventurata al polo nord. In seguito, una volta soli, abbiamo girovagato per il centro facendo una veloce capatina al museo nazionale per vedere da vicino le opere di Munch, ed in particolare il suo 'Urlo'. Come al solito il tempo è passato in fretta e tante cose sono rimaste da vedere, compreso il trampolino olimpico che abbiamo visto purtroppo solo da lontano. A proposito del trampolino vi devo raccontare una cosa, molto divertente… Una volta conclusi gli acquisti dei vari ricordini da portare a casa, ci siamo seduti un attimo su una panchina nei pressi del porto, non lontani dalla cicciola… quando all'improvviso si è accesa una lampadina (stile Vicky il vichingo… tanto per stare in tema) e ci siamo detti… abbiamo più di un'ora forse ce la facciamo a prendere la Metro ed arrivare al trampolino… Detto fatto ci spostiamo all'entrata più vicina della metro e nel frattempo ci rendiamo conto che non abbiamo più corone norvegesi… Non c'è l'omino a cui rivolgersi per informazioni, quindi risaliamo e andiamo in un bar vicino che tiene anche i biglietti. Max ne compra solo due ed io comincio a fare la solita lagna… vanno a tempo o ne devo usare uno per ogni corsa??? Così, già timbrati i biglietti mentre aspettiamo il treno mi avvicino ad una ragazza e le chiedo (sempre nel mio inglese) come funzionano i biglietti e lei mi tranquillizza dicendomi che durano un'ora… Poi, però non contenta, comincio a preoccuparmi del tempo che ci si metterà ad andare fino al trampolino, ormai ci è rimasta solo un'oretta all'ora prevista per il rientro… Mi riavvicino alla ragazza… le cerco di spiegare che ho solo un'ora e le chiedo se ce la facciamo, nel frattempo arriva il treno, lei ci invita a salire, noi saliamo e poi mi dice che ci vorrà una mezz'oretta ad andare al trampolino… Sentita la frase 'half an hour', ho spinto di forza giù dal treno Max, pochi istanti prima che si chiudessero le porte… Mezz'ora andare, mezz'ora tornare, fa già un'ora… troppo tardi!!! Insomma, siamo un po' così… uno un po' troppo ottimista ed una un po' troppo pessimista… ci compensiamo, no???

Image Hosted by ImageShack.us


Image Hosted by ImageShack.us


Image Hosted by ImageShack.us


Image Hosted by ImageShack.us


Image Hosted by ImageShack.us


Image Hosted by ImageShack.us


Image Hosted by ImageShack.us


Image Hosted by ImageShack.us


Image Hosted by ImageShack.us


Image Hosted by ImageShack.us


Image Hosted by ImageShack.us


Image Hosted by ImageShack.us

Ah, dimenticavo anche oggi abbiamo goduto di un bellissimo sole e quindi abbiamo concluso degnamente una settimana splendida.
E stasera, mentre facevo le valige, la tristezza ha iniziato a scendere su di me. La tristezza e la consapevolezza che ormai è finita… ci mancava solo quel foglietto striminzito con le indicazioni dello sbarco… Domani ci aspetta una giornata interminabile da passare quasi esclusivamente in aeroporti. Arriveremo a casa domani sera sul tardi… uffa… non ci voglio andare a casa!!! Non mi posso nascondere in un angolino della nave e rimanere sulla cicciola un'altra settimana??? Non si può vero??? Beh, ho l'intera giornata per rientrare nella triste ottica della vita di tutti i giorni… per il momento me ne sto qui in attesa che inizi l'ultimo spettacolo… lo spettacolo dell'arrivederci…

28/07/2006 Venerdì

Mattinata in navigazione ma passata molto in fretta perché stamattina non siamo riusciti ad alzarci presto dato che… stanotte fino alle 3:00 non sono riuscita a prendere sonno. Dopo un bel po' che me ne stavo in ascolto della confusione che proveniva dal ponte superiore… mi sono infilata la tuta e sono andata a vedere cosa stava succedendo… Beh, giusto sopra di noi si trova il primo ponte all'aperto con tanto di piscina e lì si stava svolgendo un 'PRIVATE CREW PARTY'. Pazienza… stamattina guardavo le facce dei cameriri e mi sembravano molto taciturni… le bisbocce notturne si pagano, anche a 20 anni!!!
Nel pomeriggio, una volta approdati a Kristiansand, siamo andati a visitare un parco minerario dove abbiamo ammirato tante pietre magnifiche esposte in maniera esemplare. In alcuni casi, più che pietre sembravano essere viventi. Questo parco, immerso in una cornice naturale invidiabile è stata una gradita sorpresa ed anche il paesino si è rivelato incantevole.


Image Hosted by ImageShack.us


Image Hosted by ImageShack.us


Image Hosted by ImageShack.us


Image Hosted by ImageShack.us

Si respira aria di vacanza, tipica di un paese di mare e dato che ci troviamo nel paese che i norvegesi definiscono 'del sole', questo nostro amico poteva oggi mancare??? Ormai ci rimane solo Oslo per trovare un po' di pioggia… chissà se riusciremo a fare una settimana intera di sole in un paese dove piove molto spesso (per non dire sempre)… Ed eccoci di nuovo in navigazione… eccoci al teatro a vedere un altro strabiliante spettacolo: anche stasera sono riusciti a farmi rimanere a bocca aperta con un musical dedicato ai film in cui i numeri si sono susseguiti ad un ritmo frenetico con cambi d'abito impegnativi ma velocissimi… veramente BRAVI!!!

Image Hosted by ImageShack.us


Image Hosted by ImageShack.us


Image Hosted by ImageShack.us