lunedì, novembre 14, 2005

Incontri...

Se siete all'iper e improvvisamente un'ondata di calore ed emozione vi investe, probabilmente avete incontrato una grande amica, che non vedete da mesi e che sentite solo via email ed è aggiornata sulla vostra vita perché è una lettrice assidua di questo piccolo diario. Sto parlando di Lisa che ho incontrato a Modena sabato mattina e me la sono stretta al cuore per qualche secondo, provando la solita felicità che provo sempre quando la vedo. In quegli istanti i ricordi mi hanno assalito… tutte le piccole cose che abbiamo vissuto assieme, le nostre chiacchierate e nello stesso tempo la tristezza della consapevolezza del tempo che è passato… di tutto il tempo che è passato… Poi una volta sciolto l'abbraccio è comparso alla mia vista il suo ometto… un metro di ometto biondissimo e bellissimo che si è nascosto nell'abbraccio della mamma facendo il timidone di fronte a dei tati che non si ricordava di aver mai visto (a ragione…). Quant'acqua è passata sotto i ponti, quante cose sono successe dalle nostre gite estive in bici nelle campagne carpigiane… oppure dalle nostre serate davanti al pc a preparare le lezioni per i corsi… Di tutto questo è rimasto solo il ricordo e nel frattempo io sono rimasta un po' indietro, come se il tempo si fosse fermato, mentre lei ha iniziato a cavalcare furiosamente l'onda della sua vita arricchita dall'arrivo di questo angioletto biondo. Rimpianti??? Non proprio, diciamo piuttosto che un po' di nostalgia c'è, magari la voglia di potersi mettere sul divano e riguardare un vecchio film che ritrae quei periodi, scegliendo i momenti più belli e andando 'avanti veloce' in quelli bruttini. Probabilmente tra una decina d'anni dirò la stessa cosa di 'questi' periodi, perché mi conoscoo e so che i ricordi sono una parte importante della mia vita e li uso come un'amaca in cui adagiarmi per farmi cullare in quei rari momenti di tranquillità che mi concedo… Sbagliato o corretto che sia, io sono fatta così, non voglio dimenticare nulla della mia vita ed anche se probabilmente a nessuno importerà mai nulla di questi anni scivolati via, fa parte del mio carattere rivangare nel passato, quasi avessi il timore di svegliarmi una mattina e non ricordarmi più nulla.

Nessun commento: