giovedì, novembre 03, 2005

Grigiore... e pensieri...


E va bene… bisogna rassegnarsi all'avvicinarsi dell'inverno, alla presenza costante delle nebbie, al grigiore, ed anche al pallido sole che solo ogni tanto riesce a perforare lo strato della nebbia… Ma io non vedo l'ora che inizi il periodo natalizio per poter contare lungo la strada buia che percorro alla sera per tornare a casa gli alberelli illuminati, che, nonostante tutto, riescono ad avere quasi sempre la meglio sulla nebbia.

Con il cambio d'ora adesso alla mattina ci si vede venendo al lavoro, ma alla sera alle 17:30 è già notte… un po' di tristezza??? Ma sì perché ce ne stiamo sempre chiusi in queste scatolette, il tempo passa ed un giorno sì e l'altro pure, ho l'impressione che la vita trascorra davvero troppo velocemente. Ebbene sì, stamattina sono un po' filosofica ed introspettiva, ma non preoccupatevi, non volgio annoiarvi con le mie solite 'lagne'. Al di là del fatto che il mal di testa non mi abbandona da ormai un paio di giorni, avrei voglia di fare tante cose, ma le ore che trascorro davanti a questo computer sono davvero troppe e se non fosse per questo mio sfogo più o meno giornaliero, non avrei nemmeno un minuto per fermarmi a riflettere.

Su Repubblica di qualche giorno fa si parlava dei blog (non è la prima volta che ne parlano) ma questa volta l'articolo era incentrato sulla ricerca del motivo che porta le persone a tenere un blog. Quali sono i miei motivi??? Mah, ce ne sono diversi… Quello più importante è che mi sento molto meno sola, perché so che ci sono alcune persone che leggono tutto questo mio farneticare e che attraverso le mie 'bable' riescono a stare aggiornate sulla mia esistenza anche se come amica faccio un po' pena… e poi, tenere un diario mi ha sempre aiutato a 'capirmi', una specie di terapia, perché scrivere i propri dubbi e le proprie preoccupazioni aiuta a chiarirli ed a volte anche a ridimensionarli. Il risultato purtroppo è che tendo ad essere ripetitiva, a scrivere sempre le stesse cose, perché se ho un problema, è quello che occupa la mia mente ed anche se mi sforzo, girando e rigirando vado sempre a finire lì...

Comunque la percentuale di persone della mia età che tengono un blog è veramente minima, mi sembra il 4% ed anche questo mi dovrebbe far riflettere. Forse alla mia età le persone normali non hanno più bisogno di tenere un diario… forse sono più equilibrate, più serene e sicure della loro esistenza e sotto tutto questo scrivere si nasconde semplicemente una insicurezza nell'affrontare la vita, una voglia di affermare con forza che comunque la sto vivendo, magari non al meglio ma nel miglior modo che posso… Ma c'è anche un'altra possibilità: forse le persone della mia età non hanno tempo per fermarsi a scrivere due righe, sono tutte molto impegnate con famiglie ricche di bimbi da accudire e quindi ancora una volta, nonostante l'età, sono una persona molto immatura, che ancora non si rende conto di tutte le responsabilità che la vita si porta dietro...

Beh, io comunque preferisco pensare che più che essere immatura, mantengo un lato infantile che è quello che mi fa amare le gif animate, i pupazzetti, le biro colorate e tutte quelle cose tipiche di una sedicenne. C'è qualcosa di male nel non volere abbandonare del tutto i sogni adolescenziali??? Ma siamo proprio sicuri che non siano latenti in tutti noi ma che io semplicemente ho la sfrontatezza di esibirle senza provare vergogna??? Mah… ai posteri l'ardua sentenza…

Nessun commento: