lunedì, marzo 06, 2017

E' solo lunedì...

Fantozzi a me non fa un baffo... che partenza in salita oggi ragazzi, diventa sempre più difficile tenere fede al mio fioretto, ma ce la posso fare, forse... :-D
Stamattina sono arrivata abbastanza in orario (ho timbrato alle 8:01...) ed alla porta di ingresso trovo un 'cucciolo d'uomo' che suona il campanello del nostro ufficio e che si presenta come tal dei tali, corrispondente al nome del 'mio' cucciolo d'uomo che doveva cominciare lo stage proprio oggi.
Condividiamo l'ascensore e nel frattempo mi presento, lo accompagno nel nostro ufficio e gli mostro la scrivania che sarà sua per le prossime tre settimane. Mi giro intorno e mi rendo conto che il mio responsabile non è ancora arrivato, cosa che accade al massimo due volte l'anno. Dopo un quarto d'ora arriva una telefonata in cui mi si dice che devo portare i due ragazzi in stage, il mio e quello di un altro reparto, presso la sala scuola. Io chiedo 'In show room?' e dall'altra parte mi rispondono 'Sì'. Recupero l'altro cucciolo e tutti e tre ci indirizziamo allo show room, arrivo davanti e scopro, come temevo, che il mio badge non apre quella porta, non ho i diritti sufficienti e comincio a fare tutte le porte del capannone, scoprendo che non se ne apre nemmeno una... poi vedo una tipa che non so assolutamente come si chiama che mi dice: 'Sono i ragazzi in stage?' ed io 'Sì, ma non riesco ad entrare e non so bene dove devo portarli...' e lei 'Li devi portare nella sala scuola, non in show room' ed io la guardo con elettroencefalogramma piatto, pensando che non ho mai saputo dell'esistenza di una tale sala, e nel frattempo la tipa si è dileguata. Faccio un giro su me stessa e vedo sopraggiungere il mio capo, che mi dice che questa sala si trova sopra i nostri vecchi uffici ed un tipo che passava per caso si offre di accompagnare i poveri malcapitati.
Bella figurina... di c... ma che ci volete fare???

mercoledì, marzo 01, 2017

Febbraio 2017

Anche febbraio se ne è andato, mese più corto, che quindi concentra maggiormente le attività che vi si svolgono, come se ci fosse il terrore di non fare a sufficienza...

1. Siamo andati al cinema 1 volta: 'Mamma o Papà'
2. Siamo andati a teatro 2 volte: 'Scandalo' e 'Gyula'  al Teatro Comunale di Carpi.
3. Sono andata in palestra 8 volte per un totale di 320 minuti di camminata veloce su tapis.
4. Ho ricominciato a fare ciclette a casa per un totale di 120 minuti in 4 volte.
5. Abbiamo panificato con lievito madre pagnotte dolci e salate, strie e pizze con un nuovo esperimento: pane alle patate!
6. Realizzazione di pasta fatta in casa (tortellini e tagliatelle) utilizzando la new entry del 'secca pasta' che ha funzionato splendidamente.
7. Abbiamo trascorso un bellissimo weekend in montagna, presso i nostri amici con una puntatina a Livigno ed una bellissima passeggiata di 10 km.
8. Ho letto circa 600 pagine terminando 'Gli eredi della terra'  di Falcones ed iniziando un breve racconto tratto dal omonimo film 'Your Name' di Makoto Shinkai.
9. Sono stata due volte dal parrucchiere (cosa che non so se mettere tra le cose positive...) ed una dall'estetista.
10. Ho fatto da tutor ad un ragazzo di quinta superiore che ha fatto lo stage nell'azienda in cui lavoro.
11. Ho preso un paio di ore di permesso ed un giorno di ferie per motivi personali che non hanno niente a che fare con problemi di salute di qualcuno.

martedì, febbraio 28, 2017

Fioretto... di quaresima...

Anche questo mese è quasi finito, anzi no, praticamente è finito!!! Per non farmi mancare nulla mi sono sguastata la giornata con la solita domanda del c... durante la riunione giornaliera! Beata ignoranza... ma perchè non mi faccio mai un pacchetto di c... miei??? Cosa mi è venuto in mente di chiedere al mio capo cosa ha intenzione di mostrare all'imminente fiera??? Per rimanere delusa del fatto che tutti gli sforzi fatti negli ultimi mesi non vengono presentati per niente... quello che viene presentato è un mare di fuffa farcito con qualcosa di quasi funzionante che probabilmente non interessa a nessuno!
Per i nuovi arrivati tutto ciò risulta normale, lo so... sono io che come al solito vivo di ricordi, di tempi andati in cui mi recavo in fiera con Max e guardavo terrorizzata una demo su megaschermo in cui girava un modulo appena concluso in versione alfa... Dovrei essere contenta di una presentazione quasi esclusivamente 'teorica' ma il mio orgoglio rimane comunque ferito... ho sempre e costantemente l'impressione di impegnarmi troppo per quello che ottengo in cambio... e non parlo di soldi, che sia chiaro, parlo di consapevolezza degli sforzi che vengono profusi quotidianamente.
A forza di mazzate imparerò, anche se chi nasce tondo non può diventare quadrato, magari può acquisire qualche 'protezione' da mettere nei punti giusti, che forse in questo caso si chiama 'menefreghismo'. Fai quello che devi fare Gianchy, senza cavarti il collo, con calma e vivi... cavolo... vivi porca miseria, rendi il poco tempo che ti rimane un po' più appagante, ce la fai o no???
Quindi dato che siamo alle porte della quaresima ed è usanza fare qualche fioretto... quest'anno cambiamo, facciamo qualcosa di diverso, facciamo un bel fioretto di '40 giorni di menefreghismo'. Mi impegnerò a non arrabbiarmi, a non discutere, ad annuire con gentilezza ad ogni richiesta a sfogare le mie insoddisfazioni solo qui, sul mio diario, e solo quando proprio non ne posso fare a meno... Ingrasserò 10 kili, perchè comunque da qualche parte la tensione va sfogata ma non voglio che eventi esterni quali il lavoro o la famiglia facciano di me la persona acida che tutti conoscono, almeno per i prossimi 40 giorni. Vi terrò informati anche sull'andamento di questo super fioretto... qui 'Gianchy acidella'... passo e chiudo!!!

mercoledì, febbraio 22, 2017

Be careful !!!

Ma secondo voi è normale che in questo periodo non faccia altro che avere idee di cose da fare, comprare, scancherare??? E' un effetto della menopausa e della vecchiezza che incombe??? Sta di fatto che ogni giorno me ne vengo fuori con una cosa nuova ed io non sono mai stata così, anzi sono una persona molto statica, al limite della noia. Poi, di tutte queste idee, sicuramente ne realizzerò una minima parte se non nessuna, perchè come al solito arriverà un evento esterno che mi manderà all'aria tutto con l'effetto di una pallina scagliata contro un castello di carte... ed io sotto a cercare di prendere al volo il maggior numero possibile di carte prima che atterrino...
Nel frattempo continuo a torturare quel pover'uomo che vive con me, mandandogli messaggi strani ed inaspettati. Ma non è colpa mia, è colpa dell'ambiente super stimolante in cui vivo, dove si parla di tutto tranne che di lavoro. Si imparano tante cose, le informazioni circolano e la mia testa frulla, stra-frulla e mi piacciono tante cose, da fare, da vedere, da vivere. Detta così sembra una bella cosa, sembra quasi che la mia vita da pseudo-badante con lavoro a contorno non prenda più tutte le mie energie mentali e fisiche o forse, come è più probabile, sempre più spesso mi estraneo e sogno un'altra vita. Certo è che ultimamente ho fatto progressi, da figlia sempre presente, ora sono quella che praticamente non vado mai a trovare la povera madre abbandonata! La realtà della cosa è questa: il martedì ed il venerdì cerco di andare in palestra a pranzo quindi da mamma a mezzogiorno ci vado di lunedì, mercoledì e giovedi (lun e gio con attività da badante di alto livello), in più almeno una volta alla settimana di sera vado a prenderla ed andiamo a fare un po' di spesa o semplicemente un giretto a piedi da qualche parte. Nel weekend la sento solo tre volte al giorno, mattina, pomeriggio e sera, perchè chissà come mai, avrei una casa da accudire con tutto quello che ne consegue, ma anche in questo caso si tratta di abbandono! Come si fa presto a cadere in disgrazia, direi che sono sull'orlo di essere diseredata... pazienza, me ne dovrò fare una ragione, certo è che già ieri sera, mentre scaricavo dalla macchina per la terza volta il deambulatore, sentendomi dire che comunque ormai non ci vado quasi più e non mi vede come prima, etc... mi stava partendo un vaffanculo, degno della persona che lei sta dicendo a tutti che sono diventata! Tutto è partito dalla mia iscrizione alla palestra, ve ne rendete conto? Ah poi dimenticavo... tutti i giorni, e sottolineo tutti, la chiamo alla mattina ed alla sera prima di andare a letto, per assicurarmi che sia tutto a posto, manco in una casa di cura sarebbe tenuta così sotto controllo! Prima o poi dovrò aprirle il libro, o forse semplicemente lasciarla in balia della gestione super performante dell'altro figlio, quello che nel menage quotidiano si occupa di portarla al cimitero al sabato mattina, se ha tempo, se gli gira e se non ha di meglio da fare... sai poverino lui lavoro lontano da casa, gli tocca uscire alla mattina e tornare alla sera! uhmmm... mi ricorda qualcosa, non sono circa 25 anni che qualcun'altro di mia conoscenza sta facendo la stessa cosa? Chissà come ha fatto a sopravvivere, deve sicuramente avere dei super poteri :-D.
Vabbè, la smetto di lamentarmi, anzi no, per la cronaca, non mi stavo lamentando, stavo solo raccontando quello che mi sta succedendo, un pezzetto della mia vita super eccitante che i miei quattro lettori mi invidiano quotidianamente, io ne sono sicura. Stamattina, mentre salivo in ascensore con un collega, ci siamo guardati in faccia e tra uno sbadiglio ed uno sbuffo, abbiamo pensato la stessa cosa: la gente che ci circonda non fa altro che dirci che siamo fortunati ad avere un lavoro, che non dobbiamo lamentarci... quindi NOI NON CI LAMENTIAMO!!! Siamo felici, contenti, soddisfatti e... sbadigliamo, incontrandoci dopo un'oretta alla macchinetta del caffè!
Vi terrò aggiornati sui miei voli pindarici, oggi non mi andava di raccontarvi l'ultima ideona, volevo solo dirvi che sto macinando, state anttenti... be careful!

martedì, febbraio 21, 2017

Fitness by me

Lo so che la gente normale va in palestra per socializzare, per fare esercizio fisico ed eventualmente scambiare quattro chiacchiere... io NO!!! Io vado in palestra per fuggire la mia quotidianità, per avere un'oretta tutta mia, per fare qualcosa che mi piace mentre faccio qualcosa che mi fa bene... e scusate se è poco! Quindi per me andare in palestra in pausa pranzo significa buttarmi sul tapis e camminare per 40 minuti ai 5 km/h con una pendenza del 2%, mentre leggo il kindle comodamente appoggiato sull'orlo del computer del tapis stesso. Se non vi immaginate la scena fa lo stesso... non vi perdete niente, non è uno bello spettacolo, ma è tanto tanto rilassante... fino a quando, quello spaccaxxx del proprietario della palestra (brav'uomo per l'amor di Dio ma veramente logorroico...) non si avvicina e si mette a chiacchierare, tirando fuori degli argomenti che non interessano a nessuno... Si appoggia tra due tapis, purtroppo a volte uno dei due è il mio e comincia a blaterare e, se va bene, per dieci minuti parla parla dopo di che si accorge che almeno una delle due persone non lo caga pari e se ne va! Ma io dico... lo vedrai bene che la sottoscritta se ne sta lì a camminare e legge con attenzione il Kindle... lo vedrai no??? Non è che uno legge un kindle, così per caso, come quando leggi una rivista dalla parrucchiera per passare il tempo (io mi porto il kindle anche in queste occasioni...), c'è una premeditazione ed uno studio dietro ad un tale comportamento, si dovrebbe intuire, no? Ed invece no... qualche settimana fa erano i pesciolini appena nati del suo acquario che venivano mangiati dai genitori e lui andava in giro per la palestra a chiedere a tutti come mai di questo comportamento, mentre oggi disquisiva sul fatto che è molto meglio andare in palestra in pausa pranzo che buttarsi in un bar a mangiare un panino o andare in mensa... Ma parlava con me? Io lo faccio per fuggire alla tirannia di una madre che mi utilizza costantemente come una serva e distrarmi dalla vita dell'ufficio che trovo profondamente insoddisfacente in questo periodo... mi sembra di non rientrare nel target delle persone che si affannava a descrivere. Ed io??? Io continuavo a fissare il mio kindle, incapace di continuare nella lettura a causa del suo ciarlare, nel tentativo di fargli capire che le sue chiacchiere non erano ben accette... sono stata cattiva? eh beh... ci vogliono delle regole...

giovedì, febbraio 16, 2017

Occidentali's Karma




Essere o dover essere
il dubbio amletico contemporaneo
come l’uomo del neolitico
nella tua gabbia 2×3 mettiti comodo
intellettuali nei caffè, internettologi
soci onorari del gruppo dei selfisti anonimi

L’intelligenza è démodé
risposte facili, dilemmi inutili
AAA cercasi (cerca si)
storie dal gran finale
sperasi (spera si)
comunque vada panta rei
and singing in the rain

Lezioni di Nirvana
c’è il Buddha in fila indiana
per tutti un’ora d’aria, di gloria
la folla grida un mantra
l’evoluzione inciampa
la scimmia nuda balla
occidentali’s karma
occidentali’s karma
la scimmia nuda balla
occidentali’s karma

Piovono gocce di Chanel
su corpi asettici
mettiti in salvo
dall’odore dei tuoi simili
tutti tuttologi col web
coca dei popoli
oppio dei poveri
AAA cercasi (cerca si)
umanità virtuale
sex appeal (sex appeal)
comunque vada panta rei
and singing in the rain

Lezioni di Nirvana
c’è il Buddha in fila indiana
per tutti un’ora d’aria, di gloria
la folla grida un mantra
l’evoluzione inciampa
la scimmia nuda balla
occidentali’s karma
occidentali’s karma
la scimmia nuda balla
occidentali’s karma

Quando la vita si distrae
cadono gli uomini
occidentali’s karma
occidentali’s karma
la scimmia si rialza
namastè alè

Lezioni di Nirvana
c’è il Buddha in fila indiana
per tutti un’ora d’aria, di gloria
la folla grida un mantra
l’evoluzione inciampa
la scimmia nuda balla
occidentali’s karma
occidentali’s karma
la scimmia nuda balla
occidentali’s karma

Ormai lo sapete, io faccio parte di quelli che da sempre seguono Sanremo, magari in modo distratto e non continuativo, ma comunque mi piace... fosse anche solo per criticarlo! E quest'anno ho onorato questa tradizione e già dal primo ascolto, ancor prima di capire il testo, ho amato questa canzone trovandola molto simile ad 'Amen', la canzone che ha vinto l'anno scorso la sezione giovani. Non ho comunque vissuto questa similitudine come un fatto negativo, ma come un aspetto distintivo della musica di Gabbani. Però devo essere sincera, mai e poi mai avrei detto che poteva vincere questa manifestazione che da sempre è associata ad un senso di 'vecchiume'. Comunque un campanello mi doveva suonare quando il buon Albano è stato eliminato, causando l'indignazione di tutto il pubblico, non votante, dell'età della mia mamma!!! Comunque a me piace un sacco, la ascolterei a ripetizione e proprio per questo ho deciso di regalarvi sia il testo che il video...

giovedì, febbraio 09, 2017

Cura della persona

Lo sapete che il mio rapporto con la cura di me stessa è da sempre molto problematica... e non parlo solo della salute, anche nelle cose più ovvie come andare dall'estetista o dalla parrucchiera non sono un granchè. Ma con l'età sono migliorata e non di poco... ed ora ho una routine abbastanza consolidata che fa di me una persona 'quasi'... nella norma! Sottolineo 'quasi' perchè molte donne che conosco fanno molto di più per loro stesse, ed io le ammiro, ma proprio è più forte di me! Tralasciando l'aspetto della salute, che è un punto molto dolente di cui mi vergogno proprio tanto, volevo parlarvi dell'aspetto più futile, quello che dovrebbe essere un 'piacere' più che un 'dovere'. Una volta al mese vado dall'estetista, in una frazioncina di due case in croce vicino a casa mia due ragazze hanno aperto qualche anno fa uno studio dentro ad un garage... con una duplicazione degli spazi, sono riuscite ad ottenere circa 4 spazi separati ed io ci stavo davvero bene, senza parlare poi della loro competenza che è indubbia!!! I prezzi sono progressivamente aumentati, il passaparola è stato un toccasana per loro, tanto che alla fine dell'anno scorso si sono trasferite in un posto molto più grande e molto più 'in'. Non mi sono ancora abituata a questa nuova 'spa', mi sento un po' a disagio quando entro, la trovo troppo dispersiva e di lusso, ma mi abituerò... spero. Fatto sta che, come vi dicevo, una volta al mese mi faccio vedere da quelle parti, e due volte all'anno mi regalo anche una pulizia del viso... ma faccio veramente il minimo classificandomi tra i clienti di serie C o D...
Altra cosa invece è la parrucchiera... con questa sono di nuovo in crisi, purtroppo il mio periodo felice è terminato ed ora sono di nuovo alla ricerca di una sistemazione. Qualche anno fa una mia amica mi aveva indirizzato da una ragazza che lavorara in uno studio di Carpi, quasi in centro ed è stato amore a prima vista, mi ha donato un nuovo taglio, mi ha tolto almeno 10 anni di dosso e per me era bravissima... Poi è rimasta incinta e mi ha assicurato che avrebbe continuato a seguirmi, cosa che poi in realtà non è riuscita a fare, ovviamente... Ora ho provato un altro studio e devo dire che non sono male, ma sono 'inculenti' in un modo inaffrontabile, proprio i tipici 'fighetti carpigiani', senza parlare poi dei prezzi esorbitanti... 104 euro per un colore+riflessi con taglio corto corto... boh... a me sembrano troppi.
Ma la cosa che proprio non riesco sopportare in quei posti è quel modo tutto loro che di solito hanno di farti sentire una cacca... della serie 'Ma come? non fai la ricrescita? guarda che ne avresti bisogno...' oppure 'Ma come? li vuoi corti? ma non vanno più di moda così corti quest'anno..' oppure 'Scusa ma che crema usi per il viso?' e quella che usi è sempre la peggiore in commercio, anche se costa 150 Euro, ce l'hanno loro quella migliore, se poi dovessero scoprire che ne usi una da 11 Euro acquistata alla Kiko, forse non ti farebbero nemmeno più entrare... che una a volte li accetta anche volentieri i consigli, ma uscire sempre con qualcosa di diverso da quello che desideri, alla fine risulta un po' snervante... o no?
La settimana scorsa sono stata dalla parrucchiera, ci sono andata di venerdì sera prendendomi un'oretta di permesso per non sprecare tutto il sabato. Avevo prenotato e mi sembrava di essere stata chiara, volevo colore + riflessi, ma quando sono arrivata mi hanno detto che facevano in tempo a farmi solo il colore... fine della fiera, ho speso 71 Euro, ci devo tornare e questa volta di sabato mattina per i colpi ed ora mi ritrovo con un colore che non mi piace e il taglio non ben definito perchè 'il parrucchiere super figo' non me li ha tagliati tanto in previsione dei colpi!!! Chiedetemi se sono felice... ora, io andrò a finire il lavoro iniziato, ma chiedetemi se mi rivedono ancora? Si tengono le loro donne super trendy che chiamano per nome come se fossero tutti amici di lunga data... io mi rimetto a caccia, auguratemi buona fortuna...